e-mail: valtuboblog@gmail.com

Previsioni Meteo Chianciano Terme

Previsioni Meteo Chianciano Terme
Previsioni Meteo Chianciano Terme aggiornate ogni Sabato

Euroservice Solution Italian Real Estate

Euroservice Solution Italian Real Estate
CLICCA BANNER PER SAPERE DI PIU'! ​Euroservice Solutions Italian Real Estate di Oreste Castrini Da oltre 30 anni Agenzia Immobiliare e di Servizi P.zza A. Gramsci 1/F 53042 Chianciano Terme (SI) Tel e Fax +39 0578 20187 Mobile: +39 3355336475 www.euroservicesolutions.it ​mail: info@euroservicesolutions.it Orari di apertura: dal lunedì al venerdì 9.00-13.00; 15-18

mercoledì 13 giugno 2012

A Chianciano Tutti Zitti!


Dopo l'articolo apparso sul Il Sole 24h dove viene descritta una fotografia impietosa di come appare Chianciano Terme agli occhi di un osservatore esterno, nessun commento da parte delle istituzioni, partiti e associazioni di categoria, colpite nel fallimento della gestione di un paese ormai sull'orlo del baratro.
Cosa farà e dirà il Sindaco Ferranti? In attesa di una risposta "ufficiale" godiamoci questa vignetta sulle speranze di molti cittadini....e dite la vostra!

Saluti,

Valtubo


73 commenti:

Anonimo ha detto...

SE, E SOTTOLINEO SE, LA FERRANTI E COMPAGNUCCI SE NE ANDRANNO PRIMA DELLA SCADENZA DEL MANDATO SARA' UNA COSA BELLISSIMA PER ME CHE PER SESSANTANNI HA ASSISTITO AL CLIENTARISMO SETTARIO DEL PARTITO OMNIPRESENTE ED OMNIVORO CHE BENE O MALE AVRA' UNA SCONFITTA, MA PER CHIANCIANO LE COSE NON CAMBIERANNO VISTO CHE I COMPAGNUCCI A LIVELLO NAZIONALE SI SONO COALIZZATI CON LE BANCHE E I POTERI FORTI ( ED OSCURI) DEL PROF MONTI...
QUINDI UNA VITTORIA DI PIRRO OPPURE DICIAMO MUOIA SANSONE CON TUTTI I FILISTEI ...
SE PREFERITE.

Anonimo ha detto...

Nessuno trae benefici da questo genere di propaganda. Si dovrebbero querelare i giornalisti come Oddo e i presidenti di associazioni come la mencarelli per i danni economici che comporta un'articolo di questo genere. Anzi La mencarelli in qualità di presidente dell'associazione albergatori non si dovrebbe lasciare andare a considerazioni cosi catastrofiste, sicuramente dettate dal proprio avvilimento per la condizione economica della sua azienda.Voglio ricordare che prima di Lei alla presidenza dell'associazione c'era un'altra grande imprenditrice.
Se vogliamo possiamo prendere in esame anche la presidenza ed il consiglio della Catt ma vedrete che i presidenti o gli attori di questo teatrino sono sempre i soliti, e hanno sempre spinto l'acqua al proprio mulino. Ora che l'acqua è finita si dimenticano del ruolo associativo e si abbandonano agli sfoghi personali.. non fate pena a nessuno.

Pier Paolo Giglioni – Coordinatore Comunale P.D.L. ha detto...

COMUNICATO STAMPA PIER PAOLO GIGLIONI - 14 GIUGNO 2012

Dopo il doveroso momento di silenzio derivante dal dolore per la tragica perdita di un nostro concittadino, un chiancianese ed un imprenditore che si è scontrato fino all’ultimo giorno con un sistema perverso e scandaloso intriso di burocrazia, difficoltà di accesso al credito e criticità economiche generali acuite dalla scelleratezza, dall’ irresponsabilitità e dalla totale incompetenza delle ultime classi dirigenti che si sono succedute alla guida del sistema Chianciano Terme, le cui responsabilità, prometto solennemente, andremo formalmente ad accertare ( è semplicemente vergognoso che in un paese dove alcuni alberghi sono in procinto di crollare talvolta in mezzo alla strada e dove il degrado urbano dilaga, un imprenditore che investe come Lisauro Burani debba attendere due anni per ottenere il permesso per l’ insegna della propria attività ),
chiedo al Sindaco di Chianciano Terme, alla Giunta ed ai Colleghi Consiglieri Comunali, di ascoltare quel grido di dolore e di disperazione che si leva dal nostro Comune, dai nostri Concittadini la cui dignità è allo stremo e le cui forze vengono ormai meno nel tentativo di assicurare una vita decorosa a se stessi ed ai propri cari.

Chiedo a tutti i miei Colleghi in Consiglio Comunale di mettere da parte quei meschini interessi politici che ormai a Chianciano costituiscono solo un insignificante e ridicolo fardello il quale dilania le ultime possibilità che questo Comune ed i suoi abitanti hanno di rialzarsi.
Vi chiedo di dire basta agli spericolati artifici di Bilancio che sì consentiranno in qualche modo all’Amministrazione Comunale di andare forse avanti ancora un po’ ma che nella sostanza determinano quell’inesorabile stasi operativa che stronca ogni tentativo ed ogni resistenza dei nostri cittadini ormai allo stremo, la cui non capacità ma addirittura possibilità contributiva e fiscale è già ben oltre il limite.
Sono preoccupato per la tenuta sociale di questo paese.

L’ ultima e somma responsabilità della politica che rappresentiamo è quella di certificare il fallimento del sistema Amministrativo di Chianciano Terme e di consegnare il paese al Commisario prefettizio, allo Stato che finalmente in maniera formale accerti le impossibilità oggettive che questo Comune ha nell’andare avanti.

Se non lo faremo, colleghi Consiglieri, se ancora una volta l’ interesse di una politica di bassa lega spicciola e meschina, prevarrà sul bene della comunità chiancianese, quel grido di dolore e di disperazione che oggi si leva da Chianciano Terme, correrà il rischio di divenire il grido della rabbia e di questa responsabilità nessuno di noi può e deve macchiarsi.

Pier Paolo Giglioni – Coordinatore Comunale P.D.L. , Vice Coordinatore Provinciale – Consigliere Comunale Lista P.D.L. – Chianciano per la Libertà

Confesercenti - la Nazione ha detto...

Articolo di oggi nella Nazione di Siena:

Chianciano Terme

“Il sindaco deve dimettersi Non ha più sostegno economico”

Confesercenti esasperata dal peso immane dell’Imu

“E’ un gesto tragico che ci riporta alla realtà e che ci fa capire in che situazione è la nostra città, se ancora alcuni non lo avesseto capito”.
Cosi Fulvia Mazzuoli, presidente della Confesercenti di Chianciano Terme, ha commentato il suicidio dell’ex presidente dell’associazione di categoria, un ristoratore chiancianese che per motivi economici si è ucciso.
“il suo gesto – ha detto in una intervista – di cui siamo tutti dispiaciuti anche per non aver compreso quello che aveva nel suo cuore, ci deve servire. E sono convinta che è questo avrebbe voluto anche lui, perché è un uomo che si è speso molto nell’associazionismo. Se non riesci a finanziarti col lavoro, se non hai dei fondi tuoi, come vai avanti se le porte delle banche sono chiuse?”
Alla voce della presidente fa eco quella del direttore Confesercenti Armando Bennati, che denuncia la non sostenibilità economica dell’IMU.
“Sindaco, porti le chiavi al prefetto. non c’è la sostenibilità economica del bilancio comunale, con le aziende che non possono pagare, non per scelta ma perché impossibilitate. Questa è la sconfitta degli imprenditori ma l’istituzione che vive grazie alle tasse sulle nostre aziende dovrà prendere atto che anche il bilancio comunale non avrà più la sostenibilità. Diciamo basta ai sindaci di fare i ragionieri per conto dello Stato”.
Nel futuro, Confesercenti – che con i suoi vertici dirigenziali ha lasciato le pesanti dichiarazioni e critiche all’emittente locale Teleidea – si impegna a tenere sempre alta l’attenzione verso il problema usura ed al tempo stesso trovare attraverso anche lo strumento dei confidi accesso al credito.
Infine, la presidente della Confesercenti della cittadina termale Fulvia Mazzuoli torna a lanciare un messaggio di speranza: “Chianciano ce la vuole fare, ce la deve fare, spero che le istituzioni colgano questa voglia che c’è di ripartire e diano il loro contributo”.

Andrea Angeli ha detto...

Le parole di confesercenti riguardo la non sostenibilità dell'Imu ci vedono pienamente concordi. Mi auguro che la Giunta accetti la nostra proposta di riduzione delle aliquote, dopo di che preso atto del fallimento della sua azione politica rassegni le dimissioni.
Andrea Angeli
Consigliere comunale Pdl-Chianciano per la libertà

FILCAMS CGIL Val di Chiana ha detto...

Chianciano: preoccupazione per i lavoratori delle Terme
Riduzione delle ore lavorative per garantire il lavoro a tutti

"In considerazione della crisi economico-finanziaria che sta attraversando l'Italia e che colpisce anche il territorio senese e da cui non si sottraggono nemmeno le Terme di Chianciano, la FILCAMS CGIL, la R.S.U. e i lavoratori delle Terme esprimono le forti preoccupazioni con cui si apre la stagione termale." Per i 30 lavoratori interessati alla rioccupazione si è dovuto ricorrere ad un taglio delle ore per poter garantire la stagione a tutti: si lavora di meno ma si lavora tutti (che però si traduce purtroppo in un salario mensile più basso).

"In questo caso - sottolinea la FILCAMS CGIL della Valdichiana senese - la crisi che colpisce pesantemente anche questo territorio scarica sulle già precarie condizioni di molti lavoratori le sue conseguenze. E' un'evidente constatazione, a partire dagli effetti che produce sulle persone a volte purtroppo drammatici, quella che pone in risalto come le condizioni del nostro Paese non possano essere riequilibrate senza una politica di rilancio del sistema produttivo ed economico".

"Una politica di rigore - spiega il Sindacato dei lavoratori del commercio, del turismo e dei servizi - non può da sola risolvere, ma deve essere coniugata con un'immediata messa a disposizione di risorse per la crescita, l'occupazione, il welfare. In particolare, non possiamo accettare che i sacrifici imposti a chi deve vivere nell'incubo costante della perdita del posto di lavoro, magari stagionale, con retribuzioni sempre più insufficienti, non trovino sbocchi attraverso una riorganizzazione del sistema fiscale che scarichi sui grandi patrimoni, sulle rendite finanziarie e sull'evasione gran parte del peso del risanamento".

"Certo - conclude la FILCAMS - di fronte allo spettro della disoccupazione, i lavoratori, responsabilmente, seppur colpiti nelle loro condizioni, faranno la loro parte per aiutare a superare questo delicatissimo momento, ma fanno appello a tutti i soggetti interessati affinchè ogni sforzo per il rilancio delle terme sia fatto al fine di disegnare un futuro meno incerto per la comunità chiancianese".

FILCAMS CGIL Val di Chiana

Anonimo ha detto...

Non se ne andrà nessuno, ve lo dico io.
Di questi tempi uno stipendio fisso,e per di più il potere (ahahaha, su Chianciano) non si abbandonano fecilmente.
Figuriamoci che uno come Lusi che si è "pipato" 51 milioni di euro (a oggi 14 giugno) non se ne vuole andare....
Vi immaginate se quei 4 incompetenti dovessero lavorare veramente come tutti noi: svegliarsi alle 7, avere un "padrone" o dimostrare (non solo con il cartellino timbrato) che devono lavorare tutto il giorno (per 50/60 euro se va bene)che fine farebbero??
Tutti con le bolle sulla schiena per allergia ALLA VITA DI TUTTI I GIORNI.
Per cui cari amici chiancianesi, o si cavano noi con la forza della legge (in ogni sua forma) oppure vestiamoci tutti con la tutina di pelle nera, i tacchi le borchie e il frustino perchè vorrebbe dire che siamo diventati davvero MASOCHISTI

Anonimo ha detto...

Mi inchino di fronte al discorso di Pierpalo Giglioni. Una lucida assunzione di responsabilita', un analisi cruda ma estremamente appropriata e realistica. Mi auguro che anche gli altri consiglieri abbiano compreso il suo messaggio e si apra a partire dal commissariamento una fase nuova e mai come ora necessaria.

Anonimo ha detto...

per anonimo delle 14.06
da querelare sei te che non fai minimamente cenno alla verità espressa in un articolo persino parziale , poiché ci sarebbero tante altre cose da dire che magaritanti cittadini non sanno (o peggio fanno finta di non sapere).
Ma questo presto verrà fuori. Ed è una promessa!
Tornando a te mi chiedo quali danni può provocare questo articolo di fronte alla incredibile e tragica situazione attuale. e che in breve tempo è destinata ad arrivare alla situazione finale per tante famiglie.
Ma sicuramente non per quelli che chiacchierano come te (evidentemente sei uno di quelli che trae beneficio dallo sfascio).
per quanto riguarda le "grandi imprenditrici",al pari di tutti gli altri hanno seguito la corrente pensando prima al proprio interesse . ed ora che che è troppo tardi chiedono aiuto. mah!

Uomo Ombra ha detto...

Per una volta che Confesercenti si pone in contrapposizione con l'ammistrazione, roba da segnare nel calendario, Confcommercio e Associazione Albergatori non dicono niente facendo cosi da stampella (come al solito a ben guardare) alla sindaca e co, chianciano affonda i giornali denunciano la cosa e loro non dicono niente nella speranza di qualche piccolo tornaconto, come al solito.

Meditate gente, meditate...

Anonimo ha detto...

E' sotto gli occhi di tutti che Chianciano versa in condizioni pietose oramai da un pò.
Non dovrebbero servire gli articoli di giornale per far dare le dimissioni all'attuale Giunta, basterebbe ci fosse un pò di dignità.
Ma a quanto pare c'è crisi anche di dignità.

Anonimo ha detto...

Solo alcuni esempi, che il senso unico in piazza Italia sia una emerita str..ata, le ipotesi di pedonalizzazione idem visto che a Chianciano manca tutto ma non i parchi o le passeggiate, che non abbiamo uno straccio di cinema o un teatro, che il bruco oltre ad essere orrendo non funziona, che il servizio di trasporto pubblico sia inesistente o quasi, che non venga organizzato nulla se non qualche torneino che porta un po' di ciabatte e bermuda in giro, nessuno dice nulla? A tutti va bene un tale sistema di gestione? Crediamo davvero che la gente venga a Chianciano per non avere nulla in cambio, solo perchè siamo bellini? Pensiamo che in queste condizioni basti ammodernare gli alberghi (e con quali soldi)? E poi, una volta ammodernati cosa offriamo ai clienti?
E ci si lamenta per un articolo di giornale che dice solo verità perchè abituati ad una stampa locale adagiata e compiacente? Come al solito a Chianciano si cerca la fantomatica possibile gola profonda ma non si riconosce il nostro fallimento. Chi di boria ferisce, di boria perisce.

Anonimo ha detto...

RISPOSTA AD ANONIMO DELLE 23:58
Tanto per chiarire posizioni e contesti, ho molto da perdere, magari meno di Lei, ma quello che più mi preme non sono i mattoni, o i soldi è l’opportunità di un futuro che qui non c’è più. Per me futuro è domani non solo fra 10 anni, quindi se voi invitate un’illustre giornalista a dipingere la nostra cittadina come avete fatto scoraggiate anche quei pochi (turisti) che continuano a darci fiducia; nessuno vuole andare in ferie dove c’è degrado, quindi se proprio non se ne sono accorti non diciamoglielo. Lei crede veramente che il degrado delle grandi città italiane sia da meno del nostro? Crede che in centro e in periferia non ci siano serrande abbassate o edifici in abbandono? O che equitalia rappresenti un problema solo per noi? Il mondo non è l’isola felice che era Chianciano negli anni 70, per i più non lo è mai stato, quindi cosa volete che gliene freghi? Se c’è qualcuno ancora disposto ad acquistare immobili a chianciano xché dirgli di non farlo?
Inoltre le sue promesse suonano come minacce! Ma se il popolo non è a conoscenza dei segreti custoditi dalle Lobby senesi non gliene vorremo mica fare una colpa ?noo:.!?
Per tornare ai contesti, questo blog è proprio il posto dove fare chiacchiere….. FORSE SONO QUELLE POLTRONCINE A TUTTI VOI MOLTO CARE, AD ESSERE MENO ADATTE ALLE CHIACCHERE!!
Tornando invece all’acqua e ai mulini, non mi vorrà contraddire se penso che un titolare d’albergo possa trarre vantaggio nell’essere allo stesso tempo anche presidente di un’ass. albergatori, o magari consigliere di società o cooperative che dovranno ridistribuire i turisti equamente fra gli associati.
Non abbia la presunzione di pensare che chi non partecipa non ha diritto ad avere un’opinione.

Anonimo delle 14:06

Stefania e Simona Corsicato ha detto...

Chianciano tra pianto ed orgoglio

Siamo rimaste attonite quando abbiamo appreso della tragica scomparsa del signor L.B., proprietario del ristorante ‘L’Assassino’ in Chianciano Terme, e altrettanto nel leggere l’articolo del ‘Sole 24 Ore’ di Giuseppe Oddo, del 12/06/2012 dal titolo “Chianciano Terme chiusa per crisi” per le affermazioni in esso contenute di alcuni ‘imprenditori’ e ‘tecnici-politici’ locali.
Senza alcuna pretesa ma semplicemente con uno spirito solidale e propositivo, ci è sembrato doveroso e opportuno da parte nostra, imprenditrici da diverse generazioni, non chiancianesi di nascita bensì posillipine (da via Posillipo, Napoli),condividere l’esperienza che stiamo vivendo, sperando che la scomparsa di L.B. ( e tanti come lui)non resti vana in un momento assai delicato non solo per Chianciano Terme ma per l’Italia tutta.
Una decina di anni fa, acquistammo (non all’asta giudiziaria cfr nel suddetto articolo ) un albergo, l’Hotel Mediterraneo da albergatori chiancianesi.
La gestione è rimasta ai vecchi proprietari finchè non essendo più stata remunerativa per diversi anni (almeno per noi, per loro non sappiamo…!) quest’anno abbiamo ‘scelto’ (per forza di cose) di subentrare anche nella gestione.
Nel riconsegnarci la struttura alberghiera, non essendo mai entrare prima nel merito della gestione, la prima cosa che abbiamo detto al vecchio proprietario è stata: “ Ma questa è una pensione non un albergo!”
Al di là dell’arredamento ‘retrò’ (mettiamola così!), norme antincendio mai messe in uso, cucina non a norma e varie altre che qui non è il caso e il momento di menzionare, da buone italiane, mamme di figli, con genitori anziani ed attente all’alimentazione di regola, siamo rimaste sbalordite nel vedere , dulcis in fundo, addirittura l’olio di sansa nelle cucine!
Da imprenditrici sane e forti nello spirito ed animate da molta buona volontà, ed abituate alle bellezze naturali delle nostre terre, abbiamo convogliato il nostro entusiasmo e la nostra energia in questa magica terra italiana che è la Toscana.
Senza alcuna vena polemica vorremmo chiarire che l’imprenditore ‘sano’ del sud parla di regione italiana senza farne una distinzione geografica. Abbiamo dei natali storici che vanno ben oltre i luoghi comuni, e la cultura, l’intelligenza e l’amorevolezza per la propria terra superano la demagogia e l’ignoranza per ovvie ragione storiche.
Ritornando a noi, mia sorella ed io che abbiamo ed ancora crediamo in Chianciano e nella Toscana, così come nell’Italia (e magari anche nell’Europa), ci rincresce dirlo, non abbiamo trovato uno spirito solidale e propositivo sia da imprenditori né tantomeno dalle istituzioni locali.
Ma non da tutti! Fortunatamente non da tutti.
Il signor L., ad esempio, che oggi non è più con noi, lui no. Era diverso, lui e la sua consorte. Quando parlava della sua terra gli si illuminavano gli occhi. Abbiamo avuto il piacere di conoscerlo per poco tempo eppure dobbiamo a lui i racconti fantastici, storie ed aneddoti sulle colline senesi, la curiosità della spada nella roccia, l’eremo fiorito dove vengono a celebrare matrimoni da tutto il mondo, la storia della chiesa senza tetto ed altro ancora.
Ai ‘ci vorrebbe’ che abbiamo letto nel citato articolo ma anche tanto e solo ascoltato nel parlare con i cosiddetti ‘tecnici’ del loco, proponiamo un semplicissimo rimbocco di maniche, dati i tempi.

Stefania e Simona Corsicato ha detto...

Purtroppo, mentre è palese ed è giusta la critica mossa dai politici che “non c’è stato un reinvestimento degli utili nel periodo delle ‘vacche grasse’ quando furono raggiunti tetti di massima presenza in Chianciano”, è pur vero che né gli imprenditori né i politici hanno guidato e trainato l’economia concertandosi per una soluzione.
Adesso chi vuole essere albergatore ed uscire da questo impasse dovrebbe chiedersi “Perchè si dovrebbe venire in Chiancian?o Cosa proponiamo ai nostri clienti?” ovviamente anche i prezzi dovrebbero essere tarati in base al target dei clienti ed a quanto la cittadina può offrire
Per noi, mia sorella ed io, si può venire qui piuttosto che a Capri, Ischia, Portofino, Punta Ala, Sorrento, Trentino ecc. per tanti motivi.
Noi stiamo cercando di svilupparla, da sole col nostro staff e credendoci, una ragione, una identità.
E’ così difficile immaginare un percorso?
Pensate di continuare sulla linea dei ‘ci vorrebbe’, ‘è colpa dell’albergatore, no è colpa dell’amministrazione locale’ o finanche ‘è colpa della depressione’, oppure mettersi in movimento?

Stefania e Simona Corsicato
Hotel Mediterraneo, Viale Baccelli Chianciano Terme

Anonimo ha detto...

Da Centritalia online:

Chianciano: Francesco D'’Amico (Udc), "”mi sento offeso dall’'articolo del Sole-24 ore”"

Chianciano (15.06.2012) –- Nei giorni scorsi il quotidiano economico Il Sole-24 ore ha pubblicato un lungo articolo su Chianciano parlando, tra l'’altro, di “un'intera città sull'orlo dell'insolvenza” e riportando dichiarazioni di alcuni esponenti chiancianesi più o meno in linea con il contenuto dell’'articolo stesso.

Molte sono state le proteste e i distinguo tanto che l’'amministrazione ha convocato prossimamente una riunione delle categrie delle attività produttive per fare il punto, senza esponenti dell'opposizione. E questo a molti della minoranza non è piaciuto. Già il Pdl per bocca del suo coordinatore cittadino Pierpaolo Giglioni ha chiesto il commissariamento del Comune. Oggi un altro esponente politico, Francesco D’'Amico, segretario dell'’Udc cittadino, ha sparato a palle incatenate.



D'’Amico perché è così duro nel suo giudizio sull’'articolo?

"Dal Sole-24 ore mi aspettavo una analisi più tecnica e professionale e magari una indicazione di quanto sia vantaggioso oggi investire in una città che pur registrando notevoli ritardi sia sul piano amministrativo che su quello imprenditoriale e della proposta commerciale continua a mantenere tutti i fondamentali e le caratteristiche per poter ben interpretare il rilancio sulla base di una progettualità che da più parti ormai da anni è stata sollecitata. Mi sento ancor più offeso come cittadino che non si riconosce in un articolo dal taglio diffamatorio e scandalistico. Se a Chianciano terme esistono fenomeni di criminalità organizzata o addirittura di tipo mafioso un consigliere comunale non può riferirlo ad un giornale ma alle autorità competenti, questo è il suo dovere!!"”.
(segue)

Anonimo ha detto...

L'’articolo riporta anche dichiarazioni degli albergatori e del presidente delle Terme

"Trovo del tutto sconvenienti, a meno che non vengano smentiti, gli interventi dell'’associazione albergatori che ancora una volta non coglie l'’opportunità di poter parlare da una tribuna di così ampio respiro come il Sole-24 ore per lanciare un grido di aiuto ed elencare i progetti e le soluzioni che servono alla città ed alla categoria mentre si limita come ormai è suo uso ad un pianto senza senso. Un de profundis che ci lascia senza parole perché proviene da una categoria che dovrebbe essere per sua natura ottimista propositiva. Vorrei dire coraggiosa, anche rivoluzionaria ed aggressiva se necessario, ma mai sconfitta! Simonetta Mencarelli da presidente dell’'associazione guidi piuttosto una rivoluzione culturale ed economica portando gli imprenditori anche in piazza se necessario, costringa la politica le associazioni e le istituzioni a tutti i livelli ad un confronto serrato ed autentico per il rilancio della città, ma senza doppi fini o soluzioni per pochi intimi, apra a tutti, non ai soliti amici. Quanto alle dichiarazioni di Sirio Bussolotti, presidente delle Terme, non mi aspettavo la disponibilità a prestare il fianco a una polemica sterile. Non si capisce quale vantaggio intenda trarne e se direttamente collegata alle sorti dell’'azienda che presiede"”.

Ma l’'amministrazione secondo lei cosa dovrebbe fare?

"Intanto sentire tutti, anche gli esponenti delle opposizioni, perché anche il loro contributo è importante. E poi capire che esiste un’'altra Chianciano, diversa da quella riportata nell'’articolo, fatta di cittadini che lavorano, di piccoli imprenditori che ancora credono nelle loro aziende e che tutti i giorni in mezzo a mille difficoltà, a una burocrazia non più tollerabile e a una fiscalità asfissiante, scommettono su una politica è più giusta e operosa. E’ su questa gente che va ricostruito il futuro di Chianciano. Chi ha parlato con Il Sole-24 ore ha dimostrato di non credere più nella sua città e farebbe bene a lasciare spazio a nuove e più motivate forze. Lo stesso vale anche per l'’amministrazione comunale che ancora oggi assiste attonita, senza reagire, a una conflittualità che prevale su tutto e rinuncia a tracciare una strada comune su cosa si vuole fare per un nuovo sviluppo”".

Anonimo ha detto...

dite a d'amico di cambiare 'pascolo' perche' la mucca MPS ha finito il latte ........e ora dove si 'mangia' ????????

Anonimo ha detto...

Il vostro spirito mi sembra poco propositivo molto polemico e allusivo.
Adesso che siete arrivate voi con le vostre nobili e sane origini e avete messo 4 divanetti la Pensione è diventata un Hotel?
Di imprenditori sani del sud a Chianciano per quello che riguarda la storia recente ancora se ne deve vedere uno.
Volete ancora tarare i prezzi? Non vi sembrano sufficentemente bassi quelli che vengono proposti dalle agenzie 27€ in Fb? O 15€ in Hb?
Anche quelli proposti direttamente tipo € 50 Fb a Luglio mi paiono già all'osso.
Siete voi che vi discriminate in partenza che senza aver dimostrato niente e dico niente già dite di essere più brave e oneste di gente
alla quale avete dato fiducia, per comodo o convenienza.
per Stefania e Simona

PD Chianciano Terme ha detto...

Rondoni (Pd): “Per aiutare Chianciano serve maggiore senso di responsabilità, da parte di tutti”

“La gravissima crisi di Chianciano Terme non può essere affrontata a ‘suon’ di polemiche e scaricando sull’amministrazione comunale tutte le problematiche che pesano sulla città e che, peraltro, investono tutte le ‘città termali’ in Italia. Una crisi aggravata ancora di più oggi dalla pesante situazione economica nazionale”. Con queste parole Massimo Rondoni, segretario dell’Unione comunale del Pd di Chianciano Terme interviene in risposta alle ultime polemiche uscite su Chianciano.

“In questi anni Chianciano Terme – continua Rondoni – è stata al centro di specifiche azioni di sostegno e di rilancio, insieme alla Provincia e alla Regione Toscana e in collaborazione con altri soggetti. E’ stato grazie a questa unità di intenti che è stato definito il protocollo per la riqualificazione delle strutture ricettive; è stato garantito l’aumento di capitale per la Società di gestione delle Terme al fine di dare attuazione all’avvio del piano industriale che prevedeva anche la riqualificazione e la diversificazione dell’offerta termale. La Regione ha poi investito risorse preziose per garantire l’apertura delle piscine termali e il completamento dell’area Sillene. Sono state, poi, attivate misure di marketing, promozione e commercializzazione mirate della destinazione turistica di Chianciano Terme sui segmenti legati al termale – benessere, al congressuale, alla cultura e allo sport. Per quanto riguarda il polo congressuale il Comune è riuscito a ottenere un contributo di 2 milioni di euro per migliorare l’offerta congressuale all’interno del parco Fucoli”.

“L’impegno delle istituzioni locali e della Regione Toscana si è inoltre concentrato – dice ancora Rondoni – sulla richiesta al governo del riconoscimento della stato di crisi e dell’attivazione di misure straordinarie, come l’alleggerimento della pressione fiscale per le aziende. Nonostante la negativa risposta del governo alle richieste delle istituzioni, la Provincia di Siena si è mossa, anche grazie all’attivazione del Tavolo per di Chianciano, per portare all’attenzione della Regione la necessità di dare risposte immediate alle aziende sul fronte dell’indebitamento e di attuare il progetto di rilancio della nostra città che passi dalla diversificazione e dalla riqualificazione dell’offerta turistico – termale”

“Adesso – aggiunge il segretario del Pd chiancianese – è importante che vengano completati gli investimenti, utilizzando le risorse messe a disposizione ed è prioritario che tutte le istituzioni, a partire dalla Regione, si impegnino per supportare maggiormente l’imprenditoria locale, sia sul piano fiscale che nelle problematicità legate all’accesso al credito. Chianciano Terme – conclude Rondoni – non si aiuta con polemiche sulla stampa, ma con atti concreti, che richiedono un senso di responsabilità da parte di tutti i soggetti coinvolti, nessuno escluso, rafforzando la coesione sociale e il senso di appartenenza alla nostra comunità”.

Anonimo ha detto...

Per anonimo che risponde all'anonimo dell23.58

molto controvoglia tengo a dirti che dalle tue frasi si capisce tutta la boria,incapacità e inadeguatezza nonché una strana "rabbia" che caratterizza gran parte degli "imprenditori" locali di fronte a cambiamenti che non voluto e saputo affrontare, colpevolizzando pubblicamente l'amministrazione e privatamente sempre all'ordine
Per miseri interessi personali.
Peraltro sempre assecondati da questa organizzazione di stampo sovietico che

sistematicamente ha sabotato ogni investimento serio che non fosse sottoposto al controllo politico loro, ma permettendo certi strani investimenti di piccolo cabotaggio sann utili al loro gioco
D'altronde di che gente si tratta basta leggere il comunicato del p.d.
Sanno perfettamente che popolazione codarda stanno amministrando altrimenti non continuerebbero a menare il can per l'aia cosi impunemente e viglaccamente.
Per finire chi ti scrive ha investito tutto quello che aveva ,come soldi e tempo,sperando che
le "sane energie" venissero fuori!
tutte le grandi balle
Mai errore fu più grande. Qui non ci sono energie( d'altronde le migliori teste giovani sono scappate a gambe levate) . Chi è rimasto è sotto gli occhi del mondo . E tutte le più grandi balle e scuse che vengono dette da sempre non coprono più la cruda verità che abbiamo

Anonimo ha detto...

Da Chiancianese vorrei ringraziare tutti quelli che scrivono difendendo il nostro paese che come dice D'Amico è fatto anche di cittadini che lavorano, di piccoli imprenditori che ancora credono nelle loro aziende e che tutti i giorni in mezzo a mille difficoltà, a una burocrazia non più tollerabile e a una fiscalità asfissiante, scommettono su una politica che sia più giusta e operosa.Chi critica le due sorelle del Sud possiede per caso un albergo e lo gestisce? Se sì, ci dica la sua ricetta vincente.
Quello invece che non è tollerabile sono le difese rondoniane: è vero che la crisi coinvolge tutti, ma tutti hanno avuto i soldi per decine di milioni di euro dall'MPS? Salso o Fiuggi hanno montato palloni bianchi in mezzo ai parchi distruggendoli per farci suonare la banda o farci le feste del volontariato? Hanno progetti in corso da oltre 20 anni con altri milioni affogati per fare TRE piscine termali? Devono pagare altro milione per i rifiuti accontentandosi di fare isola ecologica diffusa sul territorio così anche i nostri turisti avranno quel folclore puzzolente per cui va famosa l'Italia? Tollerano cantieri aperti e pieni di erbacce e degrado perfino ad un passo da Piazza Italia? E ancora... ma basta tanto lo sapete tutti dove siamo e adesso ci penserà il Tavolo per ancora specifiche azioni di sostegno e di rilancio.
Ma i soldi da qui in avanti chi ce li farà ancora sciartare così allegramente?

Anonimo ha detto...

Che solidarietà, che unità d'intenti, che spirito di corpo, che campanilismo !!!
Ma, esiste un tasto reset?

Polmone Destro ha detto...

Invece di rispondere il sindaco, risponde il segretario di quel PD responsabile negli anni della pessima gestione di chianciano, che schifo, la professoressa e il suo codazzo della giunta, non ha il coraggio di parlare, bel senso di responsabilità bel modo di affrontare la situazione e poi lo vengono a chiedere a noi, ma vi rendete conto? Fate la cosa come suggerisce la vignetta: valige e fate spazio ad altro, ancora due anni di questa gestione sono insopportabili ed inaccettabili!

Anonimo ha detto...

Mi rivolgo a tutti i politicanti (non politici…), ai proprietari di alberghi e negozianti (non imprenditori e commercianti…), ma soprattutto agli occupatori di poltrone (associazioni di categoria, terme, partecipate, ecc..): abbiate un po’ di dignità ed ammettete che in 20 anni non ne avete azzeccata una! Avete fallito, può accadere. Errare è umano, perseverare è diabolico. Non siete più credibili, il vostro tempo è scaduto. Ed è scaduto per tutti! E quando dico tutti penso anche a coloro che da sempre stanno nell’ombra o nelle stanze dei bottoni. Date retta, fate un passo indietro e abdicate. Tanto siete già stati giudicati e non sarete perdonati. Siete solo morti viventi. Volete ancora vivere? Dedicatevi ad altro, potreste comunque essere importanti per qualcuno. Anche se fosse solo per le vostre famiglie. Almeno di questo un giorno potreste esserne fieri!

Anonimo ha detto...

la lettera del segr. PD (sicuramente partorita ed elaborate in stanze lontane da chianciano e fatta arrivare qua solo x la firma) e' la dimostrazione che siamo governati da sempre da delle 'marionette' pronte sempre a dire signorsi...praticamente come avrebbe detto Sciascia dei 'quaquaraqua?..solo che qui invece della coppola c'e' la 'erre' moscia....
saluti & baci alle 'marionette'

Anonimo ha detto...

CHIANCIANO TERME=DEFAULT

Anonimo ha detto...

Egr anonimo del 16 giugno ore 8.49 (avrei preferito un nome!) anzitutto STIAMO CERCANDO di fare albergo e portare turisti a Chianciano piuttosto che altrove. Le assicuro che non è facile...mi sa forse dire Lei perchè?..è un albergatore, ristoratore o cos'altro? Per quanto riguarda i prezzi, ripeto che essi "dovrebbero essere tarati sul target dei clienti e su quanto la cittadina può offire" è difficile comprendere il concetto? Infine per rispondere al resto: non mi sento discriminata ne ho parlato di ciò, non ho detto di essere più brava, l'onestà personale è una virtù che non devo dimostrare ne a lei ne ad alcuno. Infine non so a chi o cosa allude nella parte finale del suo "intervento". ma la COSA SERIA NON è QUESTA BANALE POLEMICA TRA NOI BENSI' COSTRUIRE UNA NUOVA IDENTITA' PER CHIANCIANO. pur non essendo nata a Chianciano da italiana ci sto provando, per quel che mi riguarda. cordialità...ribadisco il mi nome Simona Corsicato

Palabruco ha detto...

Allora casa Signora Simona, prima di sputtanare i vecchi proprietari e recentemente gestori del suo hotel, abbia un briciolo di educazione e riservatezza nei confronti di chi, a mio sapere, sono stati degli ottimi professionisti del settore e che magari a causa della crisi anche loro si sono dovuti "adattare" al sistema e alla crisi economica.

Comune di Chianciano Terme ha detto...

COMUNE DI CHIANCIANO TERME
PROVINCIA DI SIENA


COMUNICATO STAMPA n. 40 del 18 giugno 2012

Una buona raccolta differenziata è a beneficio di tutti sia dal punto di vista economico che ambientale. Occorre migliorare la raccolta di cartone pulito: vale 80 Euro a tonnellata e se raccolto correttamente contribuisce al bilancio economico (ricavi) della gestione dei rifiuti pertanto al contenimento dei costi quindi della TIA

Ambiente: a Chianciano Terme viene riorganizzata la raccolta dei rifiuti in zona Piazza Italia.
Cambia la raccolta dei rifiuti porta a porta


Chianciano Terme (18 giugno 2012) – Partita (oggi) 18 giugno la nuova riorganizzazione della raccolta dei rifiuti in area Piazza Italia (zona Macerina, Viale Roma, Via delle Rose, Via Baccelli, primo tratto di Via Buozzi e Via delle Terme) da parte del Gestore Siena Ambiente S.p.A. La nuova organizzazione è stata concertata tra le Associazioni di categoria delle attività alberghiere e commerciali e l’Assessorato all’Ambiente. Cambia la raccolta dei rifiuti porta a porta. I cittadini non depositeranno in sacchetto a terra ma verranno consegnati ai condomini tre bidoncini per la raccolta di carta e cartone, multimateriale ed organico. Per tutti, operatori economici e cittadini il rifiuto indifferenziato dovrà essere conferito nelle postazioni stradali dedicate fuori dal perimetro di Piazza Italia.

L’Assessorato all’Ambiente ricorda che la raccolta dei rifiuti deve essere affrontata con piena collaborazione di tutti in quanto, se non gestita correttamente, aumentano i costi e diminuisce la qualità del servizio. Comportamenti errati di pochi danneggiano tutti. «Una buona raccolta differenziata è a beneficio di tutti sia dal punto di vista economico che ambientale – spiega l’Assessore all’Ambiente Sergio Giani -. Non tutti sanno che non fare raccolta differenziata o farla male significa dover smaltire rifiuti indifferenziati in discarica con la conseguenza di maggiori costi ambientali ed economici, poiché è necessario individuare nuove discariche oltre all’applicazione di una tassa molto alta per lo smaltimento di rifiuti indifferenziati».

Gettare, infatti, rifiuti di diversa tipologia nei cassonetti dedicati, significa “inquinare” un prodotto che potrebbe essere recuperato al 100%. Ad esempio il rifiuto organico è riciclabile in compost (fertilizzante naturale), ma se viene gettato materiale diverso sul cassonetto dedicato all’organico, questo diventa rifiuto indifferenziato quindi da smaltire in discarica.

Fondamentale è recuperare il cartone da imballaggio (quello marroncino o bianco e comunque ondulato) in quanto porta beneficio poiché viene venduto ed il ricavato fa parte delle entrate che insieme alla TIA concorrono a ricoprire tutti i costi della gestione dei rifiuti. Il valore del cartone “buono” è di circa Euro 80,00 a tonnellata, però se questo cartone è misto ad altra carta viene pagato circa Euro 10,00. Quindi è importantissimo selezionare bene il cartone da imballaggio dalla carta. Purtroppo molto del cartone di Chianciano Terme viene smaltito come carta generica con la perdita di circa 70,00 Euro a tonnellata. Nel 2011 a Chianciano Terme sono state smaltite 440 tonnellate di carta generica e 200 tonnellate di cartone da imballaggi e sicuramente più del 50% della carta generica poteva e doveva essere recuperata come cartone, pertanto si sono persi, meglio sono “andati al macero” circa Euro 15.400,00 (dati: Sienambiente).

Comune di Chianciano Terme ha detto...

Come è riorganizzato il servizio

Per quanto riguarda il servizio “porta a porta”, per alberghi, bar e ristoranti, il cartone da imballaggio pulito verrà raccolto due volte a settimana, la carta e il cartone misti ed il multimateriale tre volte a settimana e l’organico tre/quattro volte a settimana. Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti ai negozi ed attività produttive, per le ditte registrate ed inserite nell’elenco di Siena Ambiente, il cartone da imballaggio pulito verrà raccolto due volte a settimana, il multimateriale e l’organico dovranno essere inseriti nelle campane posizionate in strada. Ai condomini verranno forniti tre tipi di bidoncini per la raccolta di carta e cartone, multimateriale e organico. Per quanto riguarda il conferimento dell’indifferenziato verrà rafforzata la raccolta con il potenziamento delle seguenti postazioni stradali: presso il parcheggio di Via Luchino Visconti (traversa di Via delle Piane); presso il parcheggio (lato viadotto) della Banca CRAS in Via della Libertà.

La rioganizzazzione nel dettaglio

ALBERGHI, BAR, RISTORANTI:
Servizio “porta a porta” di:
-cartone da imballaggio pulito 2 volte alla settimana (solo Ditte registrate ed inserite nell’elenco) MER-SAB (mattina ore 10.30-11.00);
-carta e cartone misti 3 volte la settimana MAR-GIO-SAB (mediante bidoncino);
-multimateriale 3 volte la settimana LUN-MER-VEN (mediante bidoncino);
-organico 3-4 volte alla settimana LUN-MER-VEN-(SAB) - (mediante bidoncino).

NEGOZI, ATTIVITA’ PRODUTTIVE (PARRUCCHIERI, ESTETISTE, UFFICI ECC.):
-cartone da imballaggio pulito 2 volte alla settimana ( solo Ditte registrate ed inserite nell’elenco) MER-SAB (mattina ore 10.30-11.00);
-multimateriale campane postazione stradale;
-organico cassonetti color marrone nelle postazioni stradali;

CONDOMINI
Fornitura di n. 3 tipologie di bidoncini per la seguente raccolta:
-carta e cartone misti 3 volte la settimana MAR-GIO-SAB (mediante bidoncino);
-multimateriale 3 volte la settimana LUN-MER-VEN (mediante bidoncino);
-organico 3-4 volte alla settimana LUN-MER- VEN (SAB) (mediante bidoncino).

Anonimo ha detto...

Guarda caso l'opposizione presenta un ordine del giorno per far riaprire la discarica e il consigliere Andrea Angeli punta giustamente il dito contro l'immobilismo del comune nei confronti dello sconcio dei rifiuti abbandonati e il comune che fa? Il solito comunicato a presa per i fondelli... A casa incompetenti!!

Anonimo ha detto...

Quelli del comune sono proprio dei fenomeni! Visto che da quando hanno chiuso la discarica, tutti abbandonano i rifiuti ingombranti in via Visconti, i nostri amministratori hanno pensato bene di potenziare la raccolta indifferenziata proprio in detta zona, sarà come riaprire una sorta di piccola discarica. Dei veri geni, bravi!

Ceccherini ha detto...

Visto che nessuno sembra essersene accorto ve lo dico io. C'è un buco nel ponte. Tappa, Levante, tappa.

Mazzetti Stefano Pietriccia ha detto...

Maremma miseria quanti “postoni”!!, mi dispiace che nell’occasione per riflettere sui motivi della scelta del compianto L. tanti approfittino per aprire la “rota a mo di pavoni”per attrarre qualche pavoncello nella cabina……….., il fallimento delle nostre amministrazioni,le persone che le hanno rappresentate e la politica clientelare adottata, insieme agli ostruzionismi attuati a chi non si prostrava a sua maestà pc(e poi via via a tutte le sigle scelte per cambiare veste ma non contenuto), sono palesi a tutti ,ma insiste lo zoccolo duro a difendere l’indifendibile……….da non politico non sto dicendo viva l’opposizione……lo dirò quando verificherò che se li non faranno lo stesso, me lo auguro, ma non ne ho certezza poiché politica significa compromesso e per accattivarsi consensi le persone dicono quello che è opportuno non quello che è necessario FARE…..
E per completare l’opera l’auto disfattismo di tanti di noi che peggiorando la già impossibile burocrazia,tasse,costi di gestione, fanno guerra a suon di ribassi distruggendo l’immagine comune della cittadina, e a chi lo evidenzia da sempre come me……. stranamente arrivano controlli di tutti i generi, all’ultima ispezione della finanza che era la terza in 9 mesi (con nel mezzo visita ispettori inps) alle mie colorite rimostranze il pubb.uff. mi rispondeva “Mazzetti non ci possiamo fare niente ci è stato ordinato in cons. di una denuncia……..” –ma allora ditemi chi!!!, “non possiamo ma se vuole può tramite avvocato richiedere gli atti e se si sente infastidito e sa di qualcuno ‘non in regola’ faccia lo stesso, ce lo dica e lo metta per scritto e noi controlleremo”……………. E SECONDO VOI CON UNA SITUAZIONE DEL GENERE COME LE ATTRAETE LE GRANDI CATENE?????GLI INVESTITORI STRANIERI?.
Io ancora credo e investo,in modo modesto perché la mia azienda è modestissima e poco influente, ma baso il mio lavoro sull’onesta nella sua proposizione, non dico di avere jacuzzi e poi d’ho na’troscia, e lo dico questo non per discriminare o dire che io faccio meglio…….io non ho servizi ne lusso particolari, ma almeno non li offro e non li pubblicizzo!!,E NON MANDO CONTROLLI NE MINACCIO NESSUNO COME INVECE FANNO CON ME!!!! .Investire nel nostro settore oggi è azzardato, ma un pò di onestà in più di tanti colleghi ,non risolverebbe certo la situazione ma la aiuterebbe, contraddicendomi un po devo ammettere di condividere cosa sostiene e disse a suo tempo l’amico Paolo Piccinelli (come politico in “questa” giunta però non lo apprezzo)IN MERITO ALLE DIFFICOLTA DÌ ATTRARRE EVENTI CAUSA LE LAMENTELE POI DEI CLIENTI NEL TRATTAMENTO RICEVUTO IN PARTICOLARE QUELLO “ALIMENTARE”,

Mazzetti Stefano Pietriccia ha detto...

gia è difficile perché non siamo competitivi con le nostre strutture se poi ci aggiungiamo scadenti servizi di somministrazione alim. Completiamo l’opera di distruzione!!!!!!!!!!, e da professionista del settore (approvato o meno poi non mi interessa) conoscendo bene come stanno le cose non colpevolizzo uno o l’altro, è il sistema che costringe certe scelte, poi c’è chi davvero nemmeno sa cosa significa lavorare al pubblico, ma anche chi professionista lo è in queste situazioni deve per forza adattarsi o chiudere, e il cane che si morde la coda lo so, ma proprio perché la situazione è questa è importantissimo per noi del settore di fare il possibile per migliorare almeno la parte alimentare,bisogna ricordarsi che abbiamo nella zona 5 tra i 17 vini docg d’Italia,(mi perdoneranno i coll. Se dati non esatti,non mi ric.con precisione il tot.) i numerosi p-odotti del cons.ag.Siena venduti e apprezzati in tutto il mondo,eccellenze singole di tanti produttori che ancora in modo artigianale danno vita a merci di qualità, e prima che qualcuno mi riapostrofi superbo e altezzoso e mi auguri la sepoltura come il mese scorso, nemmeno io riesco a lavorare tutto e solo quello che vorrei(merci alimentari), anche io devo livellare i costi, anche io sto lavorando meno, anche io sento la crisi,……… MI LIMITO A FARE IL MASSIMO POSSIBILE, NON I MIRACOLI…… , e nel campo ristorativo importantissimo è l’esperienza pratica e tecnica , non solo il prodotto d’eccellenza che se lavorato male fa schifo come il prodotto +economico, ma quanti colleghi con esperienza e conoscenza sono rimasti a Chianciano??? Perchè vanno via? Alla fine si puo anche dire “ma chi se ne frega di chi va via” se almeno chi resta tenta di fare meglio!!!!
-care colleghe Stefania e Simona Corsicato, apprezzo le firme e comprendo il risentimento per alcune frasi dell’articolo sole24o, ed io peggio di voi addito un certo modo di lavorare e prodotti usati, ma come da vostre ammissioni non siete professioniste, non usate “l’olio di sansa” come scusa per denigrare qualcuno, sapete cosa è?? Sapete come è fatto?? Sapete le caratteristiche chimico-organolettiche?? Sapete le differenze e i corretti metodi di utilizzo degli oli in cucina, sapete cosa è il punto di fumo, sapete a quanti gradi è opportuno utilizzare i diversi tipo di oli??, conoscete tecniche di cottura con oli diversi??, FATE DEL VOSTRO MEGLIO MA NIENTE IPOCRITE CONSIDERAZIONI OLTRETUTTO BASATE SU NON CONOSCENZA , potrebbe succedere che fate peggio dei vostri predecessori nei risultati anche se usate l’extra vergine!! (che non si può usare per tutto, va saputo usare, vanno differenziate le cotture,etctec)
-per chi si scandalizza dell’articolo???? È molto meno della verità vera,casomai bisogna vergognarsi di essere Chiancianesi per non tentare di cambiare i“regimi”di potere e controllo, ma offendersi? di cosa???
-a sto giro un mi rompete.. qui sul form in modo anonimo, cosi non mi fate danni, mandatemi qualche altro controllino senno perdo l’abitudine!!!!!!!

Comune di Chianciano Terme ha detto...

COMUNE DI CHIANCIANO TERME
PROVINCIA DI SIENA

COMUNICATO STAMPA n. 42 del 19 giugno 2012

Convocato il Consiglio Comunale giovedì 21 giugno

Bilancio di previsione 2012, programma triennale dei lavori pubblici e piano triennale delle valorizzazioni e delle alienazioni del patrimonio immobiliare 2012/2014: questi alcuni punti all’ordine del giorno
(Chianciano Terme 19 giugno 2012) - È convocato per il giorno giovedì 21 giugno 2012 alle ore 18.30 il Consiglio comunale di Chianciano Terme. Diversi gli argomenti all’ordine del giorno e tra i punti più rilevanti sarà portato in discussione il bilancio di previsione del 2012, il programma triennale dei lavori pubblici 2012/2014 e il piano triennale delle valorizzazioni e delle alienazioni del patrimonio immobiliare 2012/2014. Oltre questi in Consiglio Comunale verranno esaminati altri punti: le misure di agevolazione per l’IMU (Imposta Municipale Propria) per l’anno 2012; le modifiche al regolamento dell’addizionale comunale all'IRPEF e al regolamento dell’imposta di soggiorno; le modifiche al regolamento tassa occupazione spazi ed aree pubbliche. Si parlerà anche del Piano Finnziario 2012 della tariffa del servizio per la gestione rifiuti urbani. A conclusione della seduta in discussione una mozione presentata dal Gruppo Consiliare di minoranza, “PdL-Chianciano per la Libertà”, dove si invita il Consiglio Comunale a pronunciarsi sulle disposizioni in materia di maggiori entrate (articolo 13 del Decreto Legge detto “Monti” o “Salva Italia” del 6 dicembre 2011 e successive modifiche: “Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici” e un ordine del giorno sulla stazione ecologica di Chianciano Terme sempre presentato dal Gruppo Consiliare “PdL-Chianciano per la Libertà”.

Comune di Chianciano Terme ha detto...

COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA
Prot. n._8721 _ 2.3 Chianciano Terme 15.06.2012
- Ai Consiglieri Comunali
- All’Assessore Esterno
- Al Segretario Comunale
- All’Organo di Revisione dei Conti
OGGETTO: Convocazione Consiglio Comunale per GIOVEDI 21 GIUGNO 2012 – ore 18.30 - prima convocazione – sala consiliare.
Nel giorno e nell’orario indicato in oggetto è convocato il Consiglio Comunale per discutere il seguente
Ordine del Giorno
1. Approvazione verbali sedute precedenti;
2. Comunicazioni del Sindaco;
3. Imposta municipale propria - Determinazione misura delle aliquote ed agevolazioni anno 2012;
4. Regolamento addizionale comunale all'IRPEF - modifiche;
5. Regolamento imposta di soggiorno - modifiche;
6. Regolamento tassa occupazione spazi ed aree pubbliche - modifica;
7. Tariffa servizio gestione rifiuti urbani - Piano Finanziario TIA 2012 - approvazione;
8. Programma triennale lavori pubblici 2012/2014 ed elenco annuale 2012 –
approvazione (ex Art. 128 D.Lgs. n. 163/2006);
9. Piano triennale delle valorizzazioni ed delle alienazioni del patrimonio immobiliare 2012/2014 - approvazione;
10. Programma per l’affidamento incarichi di collaborazione autonoma anno 2012 (art. 3, comma 55, Legge 244/2007);
11. Bilancio di previsione 2012 – Relazione previsionale e programmatica 2012/2014 – Bilancio pluriennale 2012/2014 – approvazione;
12. D.Lgs. 267/2000 art. 194, comma 1, lett. e) - Riconoscimento debito fuori bilancio (Acquisto beni e prestazione di servizi connessi alle precipitazioni nevose del febbraio 2012);
13. D.Lgs. 267/2000 art. 194, comma 1, lett. e) - Riconoscimento debito fuori bilancio (coperture assicurative R.C.T./O. e R.C.Auto anno 2012);
14. Consorzio “Terrecablate” – Richiesta moratoria su mutui assistiti da fideiussioni degli Enti soci - Accettazione;
15. Regolamento per la disciplina degli impianti di pubblicità e per gli altri mezzi pubblicitari sulle strade e sulle aree pubbliche – Deroghe interne al centro abitato – Approvazione;
16. P.R.G. – Variante relativa all’area adiacente a Via Sabatini di proprietà Soc. Albergo Angiolino per realizzazione parcheggio pertinenziale – Adozione (Art. 17 – L.R.
1/2005);
17. P.R.G. – Variante per modifica destinazione d’uso immobile area “G2a”0. in Loc. Pereta (ex ristorante Morellone) – Avvio del procedimento (Art. 15 – L.R. 1/2005);
18. Piano Attuativo (P.d.R.) per demolizione edificio agricolo accessorio e ricostruzione con sostituzione edilizia presso il podere “Poderuccio” – proprietà Unione dei Comuni Valdichiana Sense – Approvazione;
19. Mozione “Pronuncia del Consiglio Comunale di Chianciano Terme sul Capo II – Disposizioni in materia di maggiori entrate – Articolo 13 del Decreto Legge detto “Monti” o “Salva Italia” del 6 dicembre 2011 e successive modifiche: “Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici”, pubblicato sulla G.U. n. 284 del 6.12.2011 – suppl. Ordinario n. 251”, presentata dal Gruppo Consiliare “PdL-Chianciano per la Libertà”;
20. Ordine del Giorno sulla stazione ecologica di Chianciano Terme presentato dal Gruppo Consiliare “PdL-Chianciano per la Libertà”.

Il Sindaco
Gabriella Ferranti

Anonimo ha detto...

Concordo perfettamente con Mazzetti stefano nel suo ultimo post... stavo per scrivere pressochè le stesse identiche cose. Incommentabili le due albergatrici sottutto io..

Anonimo ha detto...

mazzetti stefano. concordo in pieno! chiedo scusa ma non era mia intensione denigrare alcuno. forse sono stata avventata ma il mio intento non era quello. mi rammarica che di un intero pensiero ci si è soffermati su questo! mi riferisco anche ad un anonimo che, secondo lui, mi ha dato una lezione di educazione! oltretutto il rapporto coi vecchi proprietari e gestori dell'albergo credo di conoscerlo meglio di chiunque altro dal momento che i soldi investiti sono stati i miei. Si, signor Stefano è vero che non sono un'albergatrice di nascita bensì un'imprenditrice e mi limito a fare questo. ho assunto un direttore e due cuochi per sapere come si cucina e come si 'gestisce' nella quotidianità un albergo...al di là delle conoscenze ovvie, il mio lavoro è quello, lo ribadisco, di imprenditrice e da tale parlo. Quello che penso, da neofita, è di cercare una identità nuova per Chianciano non solo legata al discorso delle terme. Sono nata nella penisola sorrentina (credo che la conosciate) e lì di turisti se ne vedono tutto l'anno a ottimi prezzi...intendo per gli albergatori, ristoratori ecc, eppure i turisti spendono e son contenti. il mio è ovviamente solo un esempio, ma mi chiedo "come possiamo portare turisti qui a Chianciano piuttosto che altrove? Cosa offriamo?" Chianciano è al centro, voi lo sapete meglio di me, dicevo al centro di due magnifiche valli, è al centro di percorsi benessere con acque naturali, al centro di zone meravigliose ricche oltre che di verde di borghi fantastici, ricchi di ottima cucina, ottimo vino, olio ecc ecc...e non sono certo io a doverlo ricordare, dunque vogliamo provare a cambiar tipo di turismo? vogliamo provare a creare una nuova identità? credo fermamente nella solidarietà tra gli addetti ai lavori. io non mi sento affatto discriminata, come ha scritto sempre l'anonimo, nè ospite: stiamo in Italia o meglio in Europa o cos'altro? Non mi sento affatto brava nè più capace. gioisco per le vittorie altrui. Perchè la collettività è più forte di tutti. Sant'Agata sui due golfi, altro esempio, è famosa per il ristorante 'Don Alfonso' e grazie a lui si è creato un turismo incredibile facendo da traino per gli altri ristoratori e addetti ai lavori. la concorrenza non deve essere tra gli albergatori o ristoratori. la cosa importante è che vengano turisti a Chianciano, il resto ne viene da se. Questo è quello che penso. chiedo ancora scusa se ho offeso qualcuno. simona corsicato

Anonimo ha detto...

Qualcuno puo' spiegarci in maniera semplice come mai, la discarica, o meglio l'isola ecologica del Cavernano non riapre???

Polmone Destro ha detto...

Non riapre per l'incapacità della Sindaca e Giunta.

Anonimo ha detto...

Ma quel buco nel ponte lo riparano o no?

Mazzetti Stefano "Pietriccia" ha detto...

collega Simona, certo non hai offeso me poiché molto più radicale e estremo a sostenere alcune delle cose da te espresse e che condivido su alimentazione,metodo gestionale,strutture arredate anni 60,poca competitività di paragone rispetto a comprensori e strutture “moderni” ,visibile fallimento delle vecchie e attuali amministrazioni che specialmente negli anni passati hanno ostacolato qualunque investimento che non fosse “intrinsecamente imparentato” con il partito di turno……..anzi!!detto così sembrerebbe che ci fosse stata una costruttiva alternanza………quindi rettifico, con la sinistra che ci governa fin dal dopoguerra, e se qualcuno non si ricorda …..circa da 60 anni.
Dettagliando un pò le esternazioni di qualcuno (poco importa se le ha fatte o no,tanto è in parte verità)anche se io non attribuisco una connotazione geografica al problema, perché qui da noi si dice che “la mamma dei coglioni è sempre incinta” ……aggiungo io: E PARTORISCE IN TUTTE LE REGIONI DÌ ITALIA!!! A BUON INTENDITOR????,e prima solo a Chianciano, nel ventennio ultimo in tutto il comprensorio, “presunti”investitori “improvvisandosi “imprenditori del settore turismo” che è cosa ben diversa!!, nel dormiveglia del sogno Toscano hanno comperato ,asta o no, un infinità di strutture e attività ,semplici da gestire e ricavarne un profitto quando èra sufficiente aprire le porte e scegliere i clienti da far entrare (le famose vacche grasse)……..ora invece che sono quei pochi clienti che ancora vengono a “scegliere” ed esiste internet pro per una proposizione e visibilità in rete, ma contro perché bastano 10 recensioni negative per essere tagliati fuori dall’interesse ………. Non è sufficiente essere solo “investitori” ma ci vuole professionismo ed estrema competenza per non chiudere (diverso purtroppo dal guadagnare),creando poi danni a tutto il tessuto economico, le banche sono proprietarie di un infinità di strutture e non ci recuperano nemmeno i soldi prestati a rivenderle all’asta, cosi per tutelarsi chiudono le porte anche a chi sarebbe disposto a “scommettere”……… e cosa mai accaduta prima!!!!! probabilmente qualcuno cerca altre “fonti”….per la liquidità necessaria……….. E per completare lo sfacelo 15,00 euro f.p. ???????, poi non pagano tasse,contributi a dipendenti, fornitori,etc.etc e al contrario di una catena di s.antonio che dovrebbe creare profitto a chi sta sopra, crea danni a chi sta sotto. Quindi il problema è che chi con questi comportamenti si salva magari per se facendo il gruzzolo prima di fallire,ma lascia i debiti nella cittadina invece dei profitti, ripeto……DANNEGGIANDO TUTTI, e per queste cose per quanto certo importantissimo che ognuno nel suo faccia il massimo ciò non è più sufficiente e senza una politica intelligente adeguata a situazione e anno 2012 difficilmente il singolo fa la differenza, la può fare per se rispetto ad altri……..ma non se si parla della cittadina che è poi quella che re distribuisce a tutti e che per farlo però deve essere dotata di servizi e attrattive che vanno al di là di cosa possiamo fare singolarmente noi. In attesa magari di avere il piacere di conoscerti di persona augurandomi che tu riesca a mettere in pratica ciò che a parole è semplice dire, evidenzio in modo ironico che “signor” Mazzetti a me mi si rinfaccia come la panzanella coi cipollotti e peperoni, e cuoco lo ero e forse ,anni fa, oggi sono il preziosissimo “facchino” di me stesso anche se “imprenditore” sulla carta ……………………………..

Palabruco ha detto...

Perché dovrebbero ripararlo il buco nel ponte? In linea con la loro capacità di distruggere un paese come questo, basta transennare e mettere un cartello. X qualche mese...o anni siamo apposto

ceccherini ha detto...

P.s. Il ponte è dell'anasse.
"Tappa, anasse, tappa"

stefano ha detto...

Complimenti alle signore Corsicato ci vogliono novita',nuove idee altro che l'acqua santa .....mi dite voi un motivo per venire in questo paese in vacanza??????????La sera c'e' il coprifuoco negozi chiusi,locali zero,organizzazione inesistente....siamo un paese oramai ridicolo.Spirito di collaborazione fra chiancianesi mai esistito.Solo parole.
Stefano

Anonimo ha detto...

all'anonimo del 19 giugno 2120 ore 14.34. addirittura 'incommentabili i commenti delle due albegatrici' uaoh! allora devo farmi i complimenti davvero!! chiedo venia ma è raccapricciante che ciò che con molta semplicità è stato da me detto, come del resto da molti altri e con toni ancor più accesi e diretti, alla fine mi ha 'fruttato' l'appellativo della 'sottutto io'. ma non solo: sono stata additata di essere polemica e poco propositiva..bah, scostumata..bah, di credermi brava, di non aver rispetto di non si capisce cosa e, dulcis infundo, per l'amor del cielo bandiamo la famigerata parola di 'imprenditrice' perchè pare sia una cattiva parola...ma fortunatamente ho letto anche di molti che, seppure in altre parole, ma con estrema onestà di spirito affermano le stesse cose, ammettendo tante disfunsioni e mancanza di strutture adeguate. A questo punto, se si è privi di esprimere qualcosa su cui discutere in modo propositivo continuiamo a farci gli affari nostri e coltivare il proprio orticello senza troppe ambizioni, così da stare ipocritamente in pace con tutti. a questo punto, come molti di voi speramo me ne sto zitta per i fatti miei a fare il mio lavoro, SPERANDO DI FARE QUALCOSA. PUNTO! Alleluja! scusate se ho osato dire la mia. voi tutti siete talmente più capaci che , come vi siete trovati in tale situazione di crisi, saprete sicuramente uscirvene.
comunqe caro Stefano e 'pietraccia' (non so se siete la stessa persona) avrei piacere conoscervi. se potete mandarmi un indirizzo email ve ne sarei grata. il mio è corsimona@inwind.it
cordialità sempre io ...simona corsicato

Mazzetti Stefano "Pietriccia" ha detto...

Simona....nel caso mio, l'ironica considerazione del sig.mazz. mi sta stretto , e facchino di me stesso, non era per polemizzare con quello che avevi scritto te, sono un Chianino doc e addirittura qui da me c'è il divieto per i clienti di formalismo e "lei", è un modo di scherzare sulle cose serie per sdrammatizzare, ripeto e per riprova se vai indietro nei post ne troverai conferma,io ne ho dette di molto peggio e molto più colorite........e per questo me ne hanno fatte di pelle di cane, mandato controlli, minacce via mail, delazioni e diffamazioni ricorrenti, azioni lesive di vario genere........ma me ne frego, io la penso come voi riguardo alla costruttiva e collaborazione seria e senza invidie tra colleghi, e da parte mia con una ristretta cerchia di colleghi la facciamo, ma siamo mosche bianche e per questo ogni tanto ci spruzzano addosso il "moschicida", come ben vedi la maggior parte dei post sono anonimi (poi volendo con capacità informatiche si risale a chi le scrive, ma tanti ancora non l'hanno capito e pensano di poter sputare stronzate senza essere mai riconosciuti....),abituati quindi te che come me e pochi altri abbiamo le palle di mettere firma ad essere "attaccata" in vario modo, poi permettimi però di dire che firmarsi non vuol dire essere padroni della verità, ma solo delle proprie idee, non per questo, me in prima fila, la presunzione di avere ricette per soluzioni migliori di altre, qualunque cosa detta anche in modo anonimo può essere condivisa o meno come quelle firmate, posso però dire che non stimo chi "fa come li struzzi"........
il mio sito web: wwww.lapietriccia.com
t.cell. 3478919001
-fax 0578320314
-Mazzetti Stefano agr-rist- La Pietriccia, via madonna della rosa 121, Chianciano T Si 53042.p.i.01201430525......
abit priv. via ugo foscolo 30.
a te sarebbe bastato sito web.....ma cosi ho colto l'occasione di aiutare i cari colleghi che mi vogliono bene e fanno si che abbia sempre pubblici ufficiali a farmi perdere tempo....almeno non faticano a trovare info per darle a chi mandano!!!!

Anonimo ha detto...

Il solito manovratore Giani pensa di coprire le gravi colpe della Giunta sulla mancata riapertura della discarica con le belle parole sulla raccolta differenziata.
Ma del resto questo è lo stile degli "pseudo" verdi e ambientalisti nostrani. A loro interesa fare solo propaganda poi dei problemi veri come dei rifiuti accatastati che cosa gli importa! A già ma sono anche gli stessi ambientalisti che hanno avallato la vergognosa lottizzazione di "Case e Monti" che potrebbe deturpare irrimediabilmente il paesaggio di Chianciano. Ma come si sa gli affari sono affari vero sig. Giani?

Anonimo ha detto...

Per l'amor di dio Sindaco, se ne vada.

Anonimo ha detto...

Il resoconto del Consiglio Comunale di giovedì 21 giugno:

Consiglio comunale infuocato quello di giovedì sera a Chianciano Terme.
Molti i punti all’ordine del giorno anche se il dibattito si è concentrato soprattutto sulla manovra di bilancio e sul’IMU con un susseguirsi di interventi per circa 2 ore.
In apertura l’assessore Fabrizio Sanchini ha presentato i tratti essenziali del bilancio di previsione lamentando un sensibile taglio dei trasferimenti statali nel triennio 2010 – 2012 per un ammontare di circa 750000 euro che vanno a gravare sulla parte corrente della spesa attinente ai servizi.
Malgrado i tagli e le maggiori spese registrate nel 2012 per quanto attiene le spese assicurative e gli interventi straordinari per la nevicata l’assessore al bilancio ha comunque ribadito la volontà dell’amministrazione comunale di mantenere invariato il livello dei servizi agendo prevalentemente sulle entrate e in particolare sull’IMU.
Le aliquote previste sono pari al 4,6 per mille per la prima casa , 10,6 per mille per le seconde case e di 7,6 per mille per gli altri tipi di immobili comprese strutture alberghiere e commerciali. Secondo Sanchini le aliquote applicate sulla prima casa sono rimaste invariate rispetto alla vecchia ICI mentre per quanto riguarda alberghi e immobili commerciali risultano inferiori rispetto a quelle previste in altri comuni termali italiani quali Abano, Montecatini e Salsomaggiore. Previsto anche un ritocco dell’addizionale IRPEF che passerà dallo 0,6 allo 0.8 per mille con una no-tax area per i redditi fino a 10.000 euro.
Alle parole dell’assessore ha replicato il consigliere Andrea Marchetti (Pdl) il quale richiamato l’ordine del giorno presentato dall’opposizione contenente una proposta di riduzione delle aliquote stesse ha affermato che il peso dell’IMU graverà in maniera pesante sulle aziende chiancianesi e ha sottolineato che se da un lato il comune richiede un sacrificio notevole alle attività dall’altro dovrebbe anche corrispondere un maggiore sostegno alla ripresa economica.
Alle parole di Marchetti ha fatto seguito il duro intervento del consigliere Andrea Angeli (Pdl) il quale ha sottolineato il paradosso di un’amministrazione comunale che introduce un’imposta con aliquote che potrebbero rivelarsi una vera e propria “mannaia” per il reddito delle famiglie e delle imprese e dall’altro sottace sullo spreco di denaro pubblico riferito al progetto del parcheggio di Borgonuovo che a seguito delle varie modifiche – secondo il consigliere pidiellino - si ridurrà ad un intervento tutto sommato contenuto pur mantenendo inalterato il quadro economico originario che ammontava ad oltre 800.000 euro. Angeli ha inoltre avanzato una proposta di rinuncia da parte degli amministratori (Giunta e Consiglio Comunale) ai compensi percepiti.
Per la maggioranza ha preso quindi la parola il consigliere Giacomo Ciacci nelle vesti di capogruppo in assenza del consigliere Francesco Frizzi.
Ciacci ha ammesso la complessità del quadro economico-finanziario attuale affermando che sarà compito del comune monitorare attentamente l’andamento delle entrate dell’IMU e individuare interventi strutturali di riduzione della spesa che potrebbero scaturire ad esempio da un miglioramento del sistema delle energie rinnovabili e dal passaggio delle sezioni della scuola dell’infanzia alla gestione statale.
Sulla stessa linea l’assessore Sergio Giani il quale però ha sottolineato che una ridefinizione strutturale dei costi e dei servizi erogati produce effetti tangibili solamente nel medio - lungo periodo e che in un momento particolarmente difficile sotto il profilo economico risulta quasi impossibile per i comuni rilanciare l’economia attraverso le politiche di bilancio.

SEGUE

Anonimo ha detto...

SEGUE Resoconto Consiglio comunale giovedì 21 giugno:

Particolarmente accalorato anche l’intervento del consigliere Pierpaolo Giglioni (Pdl) il quale ha esordito ribadendo la posizione più volte espressa di una situazione ormai «ingestibile» e delle necessità di pervenire al commissariamento del comune.
Giglioni ha poi proseguito affermando che non si può approvare un bilancio di previsione nella consapevolezza che si registreranno significative «minusvalenze» riguardo entrate dell’IMU e pertanto, con il proprio voto favorevole, la maggioranza si assume una pesante responsabilità nei confronti della cittadina.
Al termine della discussione i vari punti della manovra finanziaria sono stati approvati con il voto compatto della maggioranza e quello contrario dell’opposizione.
Nel corso della seduta consiliare si è parlato anche di TIA con l’assessore all’ambiente Giani che ha preannunciato una riduzione delle tariffe al 9,3 % – 9,5 % complessivamente per le utenze domestiche e non ed ha illustrato gli interventi tesi all’incremento della raccolta differenziata.
Sempre con riguardo il tema dello smaltimento dei rifiuti si è dibattuto succesivamente dell’ordine del giorno presentato dall’opposizione teso alla riapertura della stazione ecologica e alla rimozione dei rifiuti accatastati ai bordi di molte strade cittadine.
Il consigliere Andrea Angeli ha lamentato in particolare la prolungata chiusura della discarica che si protrae da oltre due anni e lo scempio dei rifiuti sciaguratamente abbandonati. Una situazione particolarmente critica che secondo il consigliere del Pdl oltre a generare rischi per l’inquinamento ambientale, a causa della pericolosità di molti rifiuti, arreca un danno gravissimo all’immagine turistica della cittadina termale.
I merito ai lavori presso la stazione ecologica ha preso la parola l’assessore Marco Rossi il quale ammettendo il «ritardo» dell’amministrazione ha affermato che il procedimento in atto necessita della predisposizione di una variante urbanistica rispetto alla quale l’amministrazione comunale si impegna ad intervenire con celerità.
Riguardo il problema dei rifiuti abbandonati è intervenuto invece l’assessore Giani il quale ha asserito che l’eventuale riapertura della stazione ecologica non risolverebbe il problema.
Tuttavia Giani ha annunciato la recente sottoscrizione di una convenzione con Siena Ambiente riguardo l’attivazione di un servizio di raccolta a domicilio dei RAE fino a 6 metri cubi a chiamata e l’impegno assunto dalla stessa azienda che si occupa dello smaltimento dei rifiuti di provvedere alla rimozione entro 72 ore del materiale ingombrante scaricato ai bordi dei cassonetti e lungo le strade.
Per la maggioranza è intervenuto anche il consigliere Gianluigi Giglioni il quale ha parlato della necessità di individuare «soluzioni tampone» nell’attesa della riapertura della stazione ecologica.
A tal proposito il Sindaco Gabriella Ferranti ha annunciato i contatti avviati da tempo con i comuni di Montepulciano e Chiusi per l’eventuale utilizzo delle rispettive isole ecologiche.

Fabrizio Giugnoli ha detto...

La situazione è difficile. Ovviamente ciò non riguarda solo Chianciano, ma a Chianciano è più difficile che altrove perché qui il problema ha evidenti aspetti strutturali.
Leggendo l'articolo del Sole 24 emerge a mio parere (oltre ad un titolo direi pesantuccio) un dato "invisibile", ovvero che tutte le interviste mancano di prospettiva e progettualità.
Comprensibile, ma non giustificabile.
Direi che questa mancanza sotto certi aspetti è più grave della realtà e di un presente, che pure è gravissimo.
La vita è piena di imprevisti e difficoltà, ma rinunciare a riprogettare, a ricostruire, a riprogrammare non è una fatalità, è semplicemente una colpa.
Senza prospettive tutto si deprime, tutto si deprezza e nessuno è disposto a concedere più fiducia a nessuno.
Vanno assolutamente fatte delle scelte programmatiche di indirizzo e va al più presto riprogrammmata la nostra offerta turistica, e questo deve essere fatto in maniera chiara, responsabile e condivisa.
Abbiamo degli ingredienti eccezionali, per non dire unici, e lo sappiamo (altrimenti non saremmo qui!), purtroppo stiamo sfornando da anni una torta che piace sempre meno. Ripeto, è un problema di paese, non di singoli imprenditori, o categorie o istituzioni. La quasi totalità delle nostre aziende può funzionare solo se funziona l'intero "sistema chianciano" perché praticamente niente qui è autosufficiente e anche il migliore imprenditore è destinato a soccombere se non facciamo ripartire il motore.
Un tavolo programmatico aperto, magari informale, dove ognuno possa portare il proprio contributo per poter trovare velocemente una sistesi potrebbe essere utile. Andava fatto prima, ma non è mai troppo tardi.
A questo punto sarà dura lo stesso, ma almeno un domani potremmo dire a noi stessi che ci abbiamo provato.

Anonimo ha detto...

Prima si rilasciano interviste senza sapere che si dice...Poi bisogna correre ai ripari perche' si e' fatto danno. Ma non era meglio stare zitti prima.

Anonimo ha detto...

UNA MOTIVO PER NON FIRMARE

Ha ragione il Sindaco a lamentare i danni d’immagine prodotti dall’articolo de “Il Sole 24 Ore”alla nostra cittadina.
Di questo dovrebbero rispondere in prima persona il Presidente dell’Associazione Albergatori ed a maggior ragione, il presidente delle Terme. Nel merito il suddetto articolo è la fotografia reale di ciò che succede a Chianciano, usura e riciclaggio compresi.
Gli argomenti addotti dal Sindaco per fornire di Chianciano un’immagine edulcorata sono al quanto deboli.
La richiesta di rettifica inoltrata al direttore de “Il Sole 24 Ore” non può rimediare al danno e rischia invece di allungare una polemica che non ci fa bene.
E’ meglio non firmare la lettera del Sindaco anche solo per non prolungare sulla stampa l’esposizione della nostra non lusinghiera situazione.

Cesare Tubino

Anonimo ha detto...

Che ingenui che siete stati amici miei...Paolo B, Paolo M, Simonetta, e soprattutto da Daniele non me l' aspettavo, cadere in un tranello del genere, volevate far bene e invece...invece avete fatto una bella Figura Vai...anzi, s'E' fatto una bella figura...di Ca..a!!!! Con la massima stima che Ancora ripongo in voi vi posso dire che vi siete fatti Chiaramente IMBURATTINARE!!!! Burattini politici per una bandierina blu siete stati,con l'intento di fare uno sgambetto all' amministrazione (Disgraziata si ma fino a un certo punto)c' avete fatto casca a tutti!!!!!! un bel dannetto vai...e poi ora a chiude gli stallini quando i maiali so gia scappati!!!! e non ve la prendete col gionalista, che ha fatto solo il suo lavoro per il gionale ECONOMICO per cui lavora, e come ben sa' la Gabri, inquadra la situazione secondo un ottica ben precisa,Economica appunto, per fare un quadro della situazione ai lettori che nella fattispecie son possibili Investitori!!!! ma "Gonzi dell' orcia" che siete stati mica parlavate con uno di panorama o dell Espresso!!!! e CMQ cari amichetti del PDL in comune a voi sti burattini vi facecevano comodo per mandare a casa tutti e ora invece....Lo dovete ammette CoLpEvOlI Anche VOI!!!! avete fatto piu' danno voi in un giorno che 10 anni di Bolici!!!!! epoi basta col vole' mette per forza una bandierina Blu, a lavorare tutti per Dio!!!!!rimboccarsi le maniche e pedalare che c' e' da fare c' e' anche da LAVARE I PANNI SPORCHI IN CASA PER UNA VOLTA!!!!!!!!! PS ora per Dio tutti a sottoscrivere la replica della gabri mi raccomando E'!!!!!!!! By Un amico non politico

Anonimo ha detto...

E' no caro Cesare la risposta del Sindaco e' Doverosa condivisibile e pure Tardiva perche' senno' tantovale Chiude Tutto davvero e Migra' da N'altra parte!!!!!

stefano ha detto...

Ma che zitti e zitti la verita' va' detta sempre il paese e' in DEFAULT totale altro che...continuiamo a fare finta di niente tanto l'economia chiancianese va a gonfie vele vero.....a se invece di noi chiancianesi qui c'erano i romagnoli.....
Stefano

Anonimo ha detto...

Udite udite! questa è la lettera dell'Associazione Alb. agli albergatori.


A seguito del discredito ed, in alcuni casi, anche danno economico (oltre che di immagine)

suscitati da quanto riportato nell'articolo apparso il 12 Giugno u.s. sul
"Il Sole 24 ore",

il Sindaco di Chianciano Terme ha pensato di porre rimedio a tali
conseguenza negative

scrivendo una lettera al direttore del quotidiano chiedendogli apporto per
il rilancio della città.



Per dare maggiore forza alle parole del Sindaco,

l'amministrazione comunale ci ha chiesto di inviarvi per conoscenza la
lettera che martedì verrà mandata al quotidiano nazionale,

affinché la leggiate e, se lo riterrete, date il vostro appoggio
sottoscrivendola in allegato.



Date le ristrettezze dei tempi quindi, si chiede di esprimere il vostro
consenso (tramite email o per telefono)

a riportare nell'allegato il nome del vostro Hotel a significare il sostegno
di ognuno di voi alle parole del Sindaco.



Abbiamo bisogno di riscontro entro lunedì pomeriggio.



Grazie per la collaborazione,



cordiali saluti



La segreteria

Federalberghi Chianciano Terme

La lettera già la conoscono tutti.
UNA domanda: Ma la stessa l'associazione guidata dal presidente che ci ha messo del suo nella lettera del sole 24h adesso ci chiede di sottoscrivere quella del sindaco ? Sono io che non ho capito o c'è qualcuno che è più confuso di me?

Anonimo ha detto...

Ma quale è la lettera di cui si sta parlando?

Anonimo ha detto...

Il Fondo del Giugnoli e' assolutamente fantastico.........

Anonimo ha detto...

scusate se mi intrometto sul caso del sole 24 ore...ma di che cosa stiamo a lamentarci..e' stata inquadrata solamente la situazione catastrofica che tutti da mattina a sera stiamo denunciando sia all'aperto che su questo blog.....vero cesare ???
x favore non facciamo gli ipocriti..
certo brucia che la situazione sia stata cosi brutalmente esposta..ma ripeto ..e' la sacrosanta verita'..che cosa dovevano dire gli intervistati..che qui va tutto bene e. che tutti regione,provincia e comune..lavorano in perfetta sinergia x il bene di chianciano e che quindi va tutto bene come non ha 'scritto' ma solo 'firmato' il segr, del pd chiancianese ???????????
vi ricordate...........
sono sate fatte le petizioni x chiamare il 'gabibbo' sui lavori alle piscine...il gabibbo non e' venuto..ma se veniva e fotografava la situazione come ha fatto l'inviato del sole 24 ore.. che si faceva poi..si chiedeva la rettifica anche al gabibbo ???
siamo seri ..se qualcuno di fuori va su internet e legge il ns. blog.. che cosa ne deduce...che chianciano e' al collasso!!! mi sembra evidente..ma e' un collasso che dura ormai da 30 anni...pero' quando si va al voto..tutto viene riconfermato e cosi' ci siamo ritrovati due mandati del bolici e la 'evve moscia'..poi magari la sindaca quando e' stata invitata lal salone x l'evento cinemtografico..ha rimarcato l'assenza di un cinema a chianciano..poteva domandare al bolici ... x quale motivo sono stati affossati e non aiutatti tutti i progetti x la 'multisala' in loco..invece di farla emigrare a chiusi...poi suggerirei al sindaco come del resto e ' stato fatto anche ultimamente di far srivere la lettera dal segr. del pd locale..tanto lui sa dove rifornirsi....

Mazzetti Stefano "Agriturismo la Pietriccia" ha detto...

ma io tutto sta ipocrisia non la capisco………sole 24 ore ci danneggia con un articolo………perchè? Ha scritto falsità?, usura dice che ci sia e siamo i primi noi……,degrado c’è bisogno che lo scriva qualcuno per vederlo….,che qualcuno abbia “infuocato”qualcosa ….bastava vedere il fumo e sentirne la puzza…, 300 euro al metro per alberghi?be senza l’articolo comunque basta andare www.astegiudiziarie.it c’è scritto molto peggio e non sono giornalisti, ma tribunali……sbagliano quindi anche i tribunali e con moltissima visibilità in piu del sole24 a TENTARE DÌ FAR RECUPERARE QUALCOSA A CHI HA CREDITI INSOLUTI?, figura di merda per ciò che era scritto nell’articolo? Mio modesto parere e che la merdaccia la facciamo facendo finta che tante cose non succedono solo per “opportunità” ,senno si spaventa gli “investitori” , ma quali investitori? pensate agli imprenditori come a una massa di inetti che non si documentano prima di spendere i loro soldi? E credete che lo facciano leggendo sole , luna, cucito e bucato pulito?, o le “dovute rettifiche” della maestrina delle morali ? che al contempo sta “suonando il piffero magico” (ricordate la favola?) ……..SI!!! MA per portarci nella “discarica a morire ipnotizzati…..aahhhhh ecco come mai l’ha chiusa, almeno un vede nessuno la carneficina!!!! Furba l’amica l’aveva già programmato…..TAPPATE L’ORECCHIE SENNO SO CAZZI VOSTRI^^E CHE I SORDI NON SI REPUTINO PIU FORTUNATI, PER LORO HA FATTO L’ACCORDO CHE PASSA DIRETTAMENTE SIENA AMBIENTE ENTRO 72 ORE……PRIMA CHE I “CADAVERI A DOMICILIO” PUZZINO !!!!!!
-FABRIZIO-GIUGNOLI…… poco c’entra dopo il sarcasmo sopra, un mio apprezzamento serio a ciò che hai scritto,E OK TENTIAMO…… ma chi dovrebbe essere poi a relazionare le conclusioni del suddetto tavolo??, comunque i “poteri” politici che poi amministrano e che sono messi nelle loro posizioni dalle stesse persone che a parole e quattrocchi con altri dicono bene…….,ma razzolano male poi in cabina elettorale…….e allora??? La progettualità tecnica indirizzata ad un miglioramento si scontra contro il meglio da sostenere e fare dei politici a pro della loro parte, e qui si azzerano tutte le belle idee propositive e iniziano i compromessi distruttivi……….., ha ragione anonimo 16,47…PEDALARE!!, e alle prossime cabine facciamo “tana libera tutti” per liberare il palazzo da tutti gli imboscati nascosti, poi si che i “tavoli” di persone “apartitiche”(almeno dell’attuale macedonia acida dei frutti di tutti i colori)!!!!! Potrebbero fare qualcosa,

stefano ha detto...

Bravo Mazzetti concordo pienamente su tutto e' arrivata l'ora per tutti e' finita e cmq non pagheranno solo gli imprenditori e' venuta l'ora anche per gli amministratori ...e che ore bollenti saranno.....Stefano

Fabrizio Giugnoli ha detto...

A mio parere ci sono due problemi di fondo, anche questi non esclusiva di Chianciano, che vanno risolti prima di qualsiasi altra cosa.
Il primo è che ci siamo affidati troppo alla "delega", ovvero al voto, rinunciando a quel supporto propositivo e di controllo che sta alla base della vita democratica.
Il secondo è la teoria che "è sempre colpa di quell'altro", ovvero che "bisognerebbe che qualcuno facesse".
Si potrebbe discutere molto sulle origini di questi atteggiamenti socio-politici così remissivi, ma non è questo il luogo.
Certamente se non cambiamo innanzitutto NOI non si va da nessuna parte perché il non partecipare e il non esporsi in prima persona favorisce lo status quo e oltretutto fornisce un alibi perfetto a chi ha in mano le nostre deleghe.
Quindi cosa fare?
Beh! Assodato che la critica vuota non serve a niente dobbiamo trovare strumenti nuovi, o rinnovare i vecchi, per poter dare ognuno di noi un apporto ad progetto di rilancio condiviso, e quando dico ognuno di noi intendo quella società civile che, a differenza di quella politica, ha sempre pagato e paga in prima persona.
Alcune strutture già ci sono, semplicemente bisognerebbe usarle, Ad esempio a me “fa strano” che nessuna associazione di categoria abbia nel tempo costruito un suo progetto, abbia delineato le proprie linee di sviluppo del paese, non abbia raccolto le indicazioni dei mille “tavoli” istituzionali, non le abbia discusse, condivise con i propri soci e poi non le abbia “sbattute” sopra i tavoli istituzionali.
Altre nel tempo sono nate e poi sono inciampate, vedi alé chianciano, per difetti o problemi vari.
Tutte queste associazioni avrebbero dovuto avere come scopo primario e fondamentale quello di proporre una soluzione organica, mentre si sono limitate ad altro e, prive di un obiettivo delineato, si sono perse per strada.
Non credo di dire bestialità sottolineando che dopo più di venti anni di crisi noi avremmo dovuto avere GIA’ da tempo in mano il progetto di rilancio di Chianciano di ogni forza politica, di ogni associazione di categoria e di altre della società civile, e che ci saremmo dovuti ritrovare GIA’ da tempo seduti intorno ad un tavolo a cercare una sintesi condivisa. Se la politica non fosse stata d’accordo a partecipare a questo tavolo se ne sarebbe dovuta assumere la responsabilità, e comunque inizialmente avremmo potuto fare anche senza. Voglio vedere poi con che coraggio non avrebbe preso in considerazione un progetto condiviso da tutta la società civile del paese. Il problema è che ad oggi di progetti di rilancio non ne abbiamo neanche UNO, dico UNO a disposizione per poter cominciare una discussione seria.
Mi immagino già le osservazioni “con quanto ho da fare…” “uff! Ci sono stato una volta è si è solo perso tempo” “tanto fanno come gli pare”. Nessuno può fare come gli pare se NOI gli diciamo come e cosa fare. Il problema è che non glielo diciamo.
Tra l’altro oggi esiste internet e non dovrebbe essere difficile trovare il modo di costruire progetti condivisi e complessi anche senza muoversi da casa, ad esempio creando un modello con punti prestabiliti dove ognuno possa indicare la sua analisi dei problemi e le sue proposte di soluzione. Questo per far sì che il sapere e le opinioni di ognuno si diffondano e vengano discusse PRIMA di indire riunioni fisiche.
Comunque è vero, queste sono solo parole e belle intenzioni mentre i problemi reali crescono ogni giorno. Però una cosa a mio parere è chiara, e cioè che nessuno da solo si salverà e nessuno da fuori ci salverà.

Anonimo ha detto...

Mi meraviglia che date fiato su cose ormai fritte e rifritte e che chi DOVREBBE, fa finta di non capire e minimizza. Dal resoconto del Consiglio Comunale si capisce che delle Aziende che sono sempre state la forza trainante di questo paese non FREGA NIENTE A NESSUNO, infatti l’aliquota approvata è del 7,6 %° per gli immobili alberghieri e commerciali. Su tutta la stampa nazionale si legge che i PRESIDENTI DELLE ASS.NI DI CATEGORIA PIU IMPORTANTI :” AUSPICANO CHE I COMUNI INTERVENGANO IN FAVORE DELL’APPLICAZIONE DELL’ALIQUOTA MINIMA CONSENTITA 4,6 PER MILLE PER EVITARE CHE IL SETTORE ALBERGHIERO Già PENALIZZATO DAL DIFFERENZIALE IVA E DALL’IMPOSTA DI SOGGIORNO, SIA GRAVATO DA UNA PRESSIONE FISCALE TROPPO ELEVATA RISPETTO ALLA MEDIA EUROPEA” ALTRO CHE GUARDARE ABANO. Ma che leggete le favole? Questa era la battaglia da sostenere, i soldi per pagare l’IMU non ce l’ha nessuno.
Quanti hanno pagato?

Anonimo ha detto...

Mazzetti qui non si tratta di ipocrisia il mio personalissimo punto di vista è che sparare ai quattro venti la situazione in cui versa chianciano non ci aiuta come non ci aiuta andare a chiedere uno stato di crisi o dire che siamo nelle mani dell'usura. (a meno che non si parli di banche perchè in quel caso ci siamo tutti, imprenditori e non ed è documentato.)Conosciamo perfettamente lo stato delle cose e il sole 24h non credo che andrà in tricea per noi.
Non possiamo e non abbiamo il diritto di ficcare il naso nella gestione delle aziende private ma già cominciare a ficcarlo nella gestione del pubblico e pretendere che chi sbaglia paghi e soprattutto non abbia il modo di perseverare sarebbe più utile.
Se Comune e banche si sono consorziati per sotterrarci è con loro che dobbiamo discutere, sono tutti ammanicati piani alti e bassi è improbabile che qualcuno che conta si affezioni al nostro caso leggendo il giornale.
Un fatto recentissimo, un esempio di che stampo sia l'atteggiamento delle istituzioni a chianciano: mi sembra sia stato venerdi sera, alla rinascente hanno investito un'anziana non so che fine abbia fatto, il giorno seguente, sabato, viale baccelli è stato presidiato da due vigili(uno in cima ed uno in fondo quindi non facevano rilevamenti) tutto il giorno.... ora nei giorni precedenti e negli anni precedenti chianciano è stata ed è percorsa a folle velocità da motociclisti e automobilisti fuori di testa, ma anche qui tutti zitti a guardare. si fa cassa solo con i divieti di sosta. Chiediamo ai nostri vigili quante multe per eccesso di velocità fanno all'anno... credo punte e sai xche? credo abbiano paura, non si sa mai chi scenda da quell'auto impazzita... allora meglio chiudere gli occhi... poi però la gente ci muore nelle strisce e nessuno ha fatto niente per evitarlo...Ci sono delle responsabilità??? CREDO SIANO EVIDENTI.. a volte il materiale per le denunce c'è, è accessibile e lo si ignora!!

canguasto ha detto...

Due o tre anni fa su questo blog,
nel mio piccino, feci la proposta di organizzare a Chianciano un festival dell'acqua, tema che poi col referendum divenne anche di un certo impatto.
Non interessò a nessuno.
Forse era un'idea davvero balenga.
Però poi quel festival a Genova l'hanno organizzato e vedo che adesso lo riorganizzano. E mi pare anche con un certo successo.
Forse tre anni fa la Fondazione avrebbe anche sostenuto questa iniziativa e forse ci sarebbero stati anche sponsor interessati.
Che dire. Speriamo che duri almeno la testa dell'arcicaccia e quella della Musica.

Mazzetti Stefano "Pietriccia" ha detto...

beh, certo non piace nemmeno a me che venga sputtanato pubblicamente Chianciano,o meglio i Chiancianesi,ma che la vera verità è molto peggio lo sappiamo tutti, e se taciamo per opportunità facendo finta di niente le politicoassociazionbanclobbi con i loro patriarchi del potere se la ridono e godono della nostra incapacita ad alzare testa e voce........certo non mi piace l'articolo,la mia fam.è chiancianese di moltissime generazioni, una delle piu vecchie.....,e da campanilista mi ha rammaricato leggerlo, MA.....NON MI PREOCCUPA L'ARTICOLO,MA I MOTIVI PER CUI TANTI PENSANO OPPORTUNO TACERE E FAR TACERE,lobbi alle quali i compaesani servono solo per essere messi nella poltrona,poi...tacere tutti su tutto e sempre e comunque, MA STI CAZZI!!!!!!,è stato nominato ale,in linea all'inizio con i post di Giugnoli, ma poi????quando c'era da battere i pugni sul tavolo con l'amministrazione di sinistra.....non in linea con idee espresse da ale.....stop!!!non era opportuno, e chi, anche con idee costruttive parlava bene-----un razzola piu.io da non politico sono pronto da domani mattina a bloccare con trattori e carrettoni di merda l'accesso in comune a tutti fino a che non si dimettono,o spulciare tutte le possibili soluzioni legali per denunciare alla magistratura qualunque atto perseguibile degli amministratori,.......ale che a parole si contrapponeva all'a. lo farebbe??,ma che è una vergogna scendere in piazza a farli vergognare??. e dovrebbero essere i primi quelli di sinistra "becchi e bastonati"loro oltre che subire devono farlo sapendo che li hanno scelti da se...., ma porca miseria ma quanto dobbiamo subire prima di reagire, aspettiamo qualche altro collega che scelga via estreme.

Anonimo ha detto...

Quelli di ale mi sembrano molto politici anche moto di sinistra, questo potrebbe anche non essere un problema, ma alcuni di loro mi pare siano mossi più da boria che da vera collera per la situazione in cui siamo, sono disposti a dialogo e confronto...
tanto di cappello per perseveranza impegno e voglia di fare ma credo un progetto condiviso sia utile solo se si è disposti anche a scendere in piazza... io il trattore un' ce l'ho ma un pò di merda forse la rimedio...
Se ognuno porta la sua credo che un po di puzza si fa

Anonimo ha detto...

Mazzetti sindaco

Anonimo ha detto...

il merda day mi pare una buona idea per cominciare