venerdì 12 agosto 2022

Piccinelli punta il dito contro Rocchi e Amministrazione!



Vi giro mail arrivata al blog da Paolo Piccinelli di Insieme per Chianciano:

Spero di non annoiare con questa riflessione che prende le mosse dal comunicato subdolo (valutazione del tutto personale) dell’Assessore al tutto. Qualcuno ci spiegherà perché continuare a pagare uno stipendio (appena raddoppiato) all’Assessore con delega allo sport, se non ha diritto di parola.
Nel suddetto comunicato si fa riferimento alla realizzazione di due nuovi campi da Padel al circolo Tennis all’interno del Parco Fucoli, dove la scorsa settimana, vedendo i campi in costruzione, avevo chiesto se avessero rinunciato a finirli vista la realizzazione di quelli al Castagnolo, scusate, alla “Cittadella dello sport, del benessere e delle famiglie”… già, è bastato un campo di calcio a 7 in più per trasformarla, considerato che il resto del progetto riguarda cose tecniche come bar, parcheggio e spogliatoio…
Nessuna rinuncia da parte del gestore del Circolo Tennis che anzi, manifesta un certo disappunto. Come non capirlo? In primis perché il Padel è uno sport di racchetta e la sua ubicazione naturale è, come nel resto d’Italia, all’interno dei circoli Tennis e secondo perché in un piccolo paese come il nostro, considerato che in ogni comune limitrofo sono stati già realizzati, quattro campi da Padel potrebbero essere troppi. Inoltre visto che i gestori del circolo Tennis l’investimento non lo fanno con i soldi del Comune, sarebbe stato - credo - più giusto farli finire a loro, successivamente e in caso di necessità, dare la possibilità di modificare il progetto del Castagnolo (dopo la chiusura dei lavori).
A tal proposito è giusto ricordare (serve per la riflessione a cui voglio arrivare) che il project del Castagnolo è stato presentato al Comune, che lo ha reso di interesse pubblico, senza però una sostenibilità economica e infatti, a fronte di un progetto di meno di 800 mila euro, l’Amministrazione riconosce all’imprenditore quasi 1,3 milioni di euro in vent’anni, mettendo dunque una quota considerevole per la gestione.
Ora, noto a tutti che l’Amministrazione ritiene che il turismo sportivo sia una risorsa per gli alberghi, non dovrebbe essere un albergatore a gestire tale struttura (senza scadere nei soliti discorsi di provenienza che fanno ridere) per evitare situazioni, come nel caso dello juventus camp, in cui la manifestazione è ospitata nei suddetti campi, i bambini ospitati nell’albergo del gestore e che l’Amministrazione riconosce anche un contributo per l’evento, di 7500 euro (in termini di legalità è tutto corretto, quindi evitiamo discorsi sciocchi).
Ma veniamo alla riflessione: perché l’Amministrazione dovrebbe ritenere di interesse pubblico un progetto che non ha sostenibilità economica e nel quale è costretta ad intervenire con un contributo? In questo caso è giusto ricordare che l’Amministrazione aveva ereditato 8 anni fa, un progetto già fatto e finanziato per la realizzazione del solo campo di calcio a 7. Ovviamente, se ti viene proposto un progetto migliore e dove è dimostrato che l’imprenditore trova un suo guadagno con la gestione, allora niente da ridire, ma se capisci in partenza che sei costretto a contribuire alla gestione con risorse dell’Ente, allora meglio agevolare le associazioni sportive che utilizzano le strutture per larga parte dell’anno, evitando poi comunicati discutibili come quello scritto (anche questo non dall’Assessore allo sport), sulla mancata iscrizione al campionato della Virtus Chianciano…
La stessa riflessione deve essere allargata anche al progetto delle piscine comunali e ancora al Parco Fucoli e Palamontepaschi per il quale l’Amministrazione ha pubblicato una manifestazione di interesse e in seguito a ciò, previsto in bilancio un contributo per la futura gestione. Segno evidente che le proposte ricevute dai rispettivi imprenditori non sono, economicamente parlando, promettenti.
Dobbiamo però tenere conto che l’Amministrazione ha preso un mutuo di circa 2 milioni di euro per comprare parco e bruco, che vanno ad unirsi agli oltre 2 milioni di euro per realizzare la nuova struttura con risorse della Regione (dove sono state aggiunte anche risorse comunali) e dunque va da sé (o almeno dovrebbe andare), che se vogliamo considerare questo un investimento per l’Ente, lo stesso dovrebbe recuperare qualcosa e non aggiungere ulteriori denari per aiutare qualcuno a gestirlo.
Questo, tenuto conto del fatto che l’Amministrazione in questi ultimi tempi si è caricata di diversi mutui che negli anni a venire andranno ovviamente restituiti e considerato che il sistema economico chiancianese - anno dopo anno - ha sempre più difficoltà a corrispondere all’ente imposte e tasse dovute, rischia di mettere in grave difficoltà il bilancio comunale.

Paolo Piccinelli Insieme per Chianciano


Saluti,


Valtubo

PS: AVVISO: PER VOTARE NEL SONDAGGIO CON SMARTPHONE O TABLET ACCEDERE AL SITO IN MODALITA' WEB!!!

martedì 26 luglio 2022

Chianciano dopo la bussola perde anche il Faro...


In questi giorni di solleone nel pieno di una stagione che a Chianciano Terme, invece di essere di ripartenza come accade un pò in tutta Italia, stenta a dare segni di esistenza a causa dell'inerzia persa nel periodo di pandemia che non abbiamo sfruttato per mettere in moto azioni o interventi per promuovere il turismo ed il paese, si chiude Piazza Italia per togliere il faro centrale e non se ne accorge praticamente nessuno.
Niente di male nell'intervento, ma con i ponte chiuso e Piazza Italia chiusa a 5 giorni da agosto anni fa sarebbero scoppiate proteste di ogni tipo dagli albergatori, ai commercianti agli stessi turisti oggi avviene nel totale disinteresse di tutti perchè ormai siamo in una crisi storica per risolvere la quale non sono state fatte azioni concrete, ma solo di facciata e fini a se stesse per dire che si sta facendo qualcosa.
L'Opposizione se ne esce con il giornalino n°7 della Voce dell'Opposizione (clicca qui per leggere o scaricare) unica azione vera che fa, per il resto è molto debole tanto che il nuovo segretario del PD Giacomo Serini, per chi se lo fosse scordato, ancora non si è espresso su nessuna questione chiancianese.
Nel frattempo in Italia cade il governo Draghi e si andrà a nuove elezioni a fine settembre, forse sarà l'occasione in cui i vari segretari di partito locali diranno qualcosa mentre su Chianciano Terme, quelli di Lega, FdI e FI stanno zitti da ormai 8 anni...


Saluti,


Valtubo

sabato 2 luglio 2022

Chianciano Terme ha perso la Bussola....



In questi giorni sono stato alla presentazione del progetto “Val d'Orcia in …Love” poi diventato “Toscana in...love” (no Chianciano in ...Love) dove si ha l'obiettivo di portare il settore dei matrimoni di alto livello a Chianciano Terme con la collaborazione dell'atelier Marigi, che apre il 2 luglio a Chianciano la nuova sede, Terme di Chianciano e patrocinio del Comune, il dubbio è su quali strutture alberghiere si possa contare per soddisfare le esigenze di quel tipo di clientela, ma comunque è l'apertura ad un settore di nicchia da coltivare.
Settimana scorsa sono stato alla presentazione del “percorso guidato” all'interno del Parco Acquasanta e sunday brunch, progetto discutibile mirato su un basso livello e sicuramente con scarse possibilità di successo e già tentato in passato, ma che serviva a mettere fumo negli occhi sul “rilancio dell'idropinica e del parco” sempre Terme di Chianciano e Comune.
Nel frattempo in quella che un tempo si sarebbe chiamata piena stagione, inizio degli inutili e costosi lavori in Piazza Italia mentre, parole di Rocchi, a metà luglio sapremo se sistemeremo definitivamente l'area della Macerina ancora oggi in condizioni oscene e non fruibile al meglio da quasi 2 anni.
Buche che si riaprono e pericolose da viale lombardia, via dei colli etc, frana dei giardini ormai reperto storico e un paese agli occhi di tutti deserto come non mai in quello che tutti in Italia definiscono l'anno del rilancio, le prospettive per luglio sono pessime qualche spiraglio per agosto, ma molte strutture non hanno aperto e non si sa se lo faranno.
Anche nei social si dibatte tra chi sostiene che sia meglio mostrare solo immagini positive di Chianciano e nascondere la realtà, stile Puntoeacapo, e chi pensa che invece sia giusto mostrare le cose come stanno e le varie problematiche per averne coscienza e affrontarle, un po come chi sostiene le armi per l'Ucraina e chi no.
Tutti questi contrasti fanno capire che siamo un paese che ha perso la bussola, va avanti a tentativi con un Amministrazione priva di idee che non riesce nemmeno a portare a termine o nei tempi o programmare i lavori per evitare che vengano fatti in piena stagione, con dibattiti non su cose concrete ma sul nulla, mentre intanto siamo già a luglio senza una promozione, che abbiamo pagato, e con pochi eventi attrattivi, e gli unici che funzionano, organizzati da associazioni dove Amministrazione e Proloco, per fortuna, c'entrano poco o niente.


Saluti,


Valtubo

lunedì 13 giugno 2022

Abbattuto il "Fungo" dei Vigili e chiarimenti su Scuola





Oggi è cominciato l'abbattimento dell'edificio sede della Polizia Municipale, chiamato "Fungo" dai chiancianesi, a favore di un parcheggio funzionale al Museo Archeologico ed a Villa Simoneschi queste le parole dell'Assessore Rocchi:

"Avviati i lavori di abbattimento del non più funzionale ed inagibile fabbricato (originariamente "dazio" e poi sede di polizia municipale) e contestuale ampliamento degli spazi parcheggio a servizio principalmente del Museo Civico delle Acque e dal compendio di Villa Simoneschi.
Un intervento che impegna risorse per complessivi 65.000 € (di cui 25.000 da fondi ministeriali) con il quale si andrà a riqualificare un'area a servizio del citato "polo culturale" e che al termine dei lavori - come da impegno preso all'unanimità del Consiglio Comunale - sarà intitolata alla memoria di Aristeo Biancolini; umile, generoso, intelligente e perspicace cittadino che, soprattutto da giovane Sindaco nell'immediato dopoguerra, ha contribuito a scrivere significative pagine di storia della nostra cittadina."

Sulla scuola, dopo aver messo il sondaggio, mi ha chiamato l'Assessore Rocchi e mi ha spiegato alcuni dettagli della partecipazione al bando che premiava chi avanzava progetti di abbattimento e ricostruzione, con il rispetto nella progettazione di parametri antisismici e sostenibili, non essendo l'attuale scuola considerata di interesse storico hanno cercato di ottenere più punteggio procedendo con un progetto di abbattimento.
Ha anche specificato che adesso si andrà a bando per il progetto di realizzazione che potrà essere, e sinceramente lo spero, differente da quello dei rendering pubblicati online.


Saluti,


Valtubo

PS:Visto le norme di adesione al bando ho deciso di togliere il sondaggio su scuola!!

venerdì 10 giugno 2022

Problema Risolto!





Voglio ringraziare le Terme di Chianciano, che a seguito della segnalazione fatta da un lettore e pubblicata dal Blog, sono intervenute prontamente in Piazza Martiri Perugini ed in tre giorni hanno risolto il problema dell'acqua che invadeva la piazza.
Inoltre lancio anche il sondaggio sul progetto della nuova scuola in via Dante, girando per Chianciano Terme le critiche al progetto sono molte ed anche sulle ipotesi di sistemazione degli studenti per la durata dei lavori.


Saluti,


Valtubo

PS: AVVISO: PER VOTARE NEL SONDAGGIO CON SMARTPHONE O TABLET ACCEDERE AL SITO IN MODALITA' WEB!!!

lunedì 6 giugno 2022

Chianciano Terme Perdite Irreparabili?




Vi giro in questo post una segnalazione , considerazione e proposta di un lettore del blog:

IN ATTESA DEL CONCORDATO

Da oltre un mese nel piazzale antistante l'ingresso del Parco Acquasanta fa bella mostra di sé una copiosa ed ininterrotta fuoriuscita d'acqua che va a formare vaste pozzanghere deturpando vistosamente proprio il luogo più emblematico di quella che fu la stazione termale.
Sembra che competente a riparare la tubazione siano le Terme (?), e che occorrono per i lavori circa Euro 30.000 (trentamila!) che allo stato non si trovano o comunque non si possono spendere.
Già, perché è pendente dinanzi al Tribunale di Siena una procedura di concordato che sarebbe di ostacolo a questa modesta spesa per rimuovere tale bruttura.
In conclusione, visti i tempi, diciamo, della giustizia o dei meccanismi che regolano la gestione delle Terme, dovremo, per tutta la stagione (e chissà fino a quando), assistere a questo concreto esempio del decadimento di Chianciano... a meno che non si apra una sottoscrizione tra i cittadini per raggranellare la ingente somma di Euro 30.000 da mettere a disposizione di chi dovrà occuparsi della riparazione.


Saluti,


Valtubo

venerdì 27 maggio 2022

Il Comune compra Parco Fucoli 1,2 milioni, il pensiero dell'Opposizione


Di seguito all'articolo su acquisto Parco Fucoli uscito oggi sulla Nazione di Siena (articolo che potete leggere nel primo commento del post) ho chiesto a Paolo Piccinelli cosa ne pensa dell'operazione l'Opposizione di Insieme per Chianciano, questa la risposta:

L’acquisto del Parco Fucoli era inevitabile e nemmeno così strano anzi, noi già in campagna elettorale lo abbiamo considerato l’ultimo spazio a disposizione della città in cui realizzare un progetto in grado creare la suggestione di una vacanza a Chianciano.

Il rischio è noto a tutti, venendo meno il contratto tra Gestione e Immobiliare, verrebbe meno anche il contratto con l’Amministrazione che si troverebbe nella spiacevole situazione di aver investito milioni di euro, in un terreno non suo. Dunque scelta corretta.
Ma facciamo un passo indietro. Nel 2020 l’Amministrazione prende un mutuo da 746 mila euro per acquistare il Pala Monte Paschi, acquisto che tuttavia non si concretizza e l’Amministrazione anziché restituire il mutuo, decide di spenderlo per fare altri interventi nel paese… (riqualificazione di P.za Italia, acquisto mezzi, riqualificazione della Torre dell’Orologio, asfalto Cavernano ect).

Poco dopo tuttavia, il Palamontepaschi va all’asta e l’Amministrazione non può certamente permettere che lo compri un privato, ma il mutuo già preso prima ormai è speso… dunque? prende un altro mutuo (al credito sportivo… infatti in ogni documento ormai si parla non più di congressi e basta…) di oltre 600 mila euro.
Recentemente poi, l’Amministrazione insieme ad altri 2 comuni, ha partecipato ad un bando previsto nella legge di stabilità, per farsi assegnare un contributo di 1,7 milioni di euro, presentando un progetto di riqualificazione che prevede la realizzazione di una ulteriore struttura coperta per piccoli concerti, la copertura (ci sarebbe da aprire poi una discussione sul perché in questo paese si progettano solo coperture…) di due campi da bocce e una riqualificazione del verde nella zona accanto all’ingresso. Un progetto che non cambia l’attrattiva del Parco in nessun modo, che non stimola la voglia nell’utente di sceglierci per una vacanza, obiettivo invece per noi imprescindibile. Ma andiamo avanti.

Ha speso inoltre i 2 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione, per la realizzazione di una struttura a supporto del “Bruco” stesso e adesso, come dicevo prima, prenderà un ulteriore mutuo da 1,2 milioni di euro per procedere all’acquisto del Parco Fucoli.
Dunque fin qui l’Amministrazione ha solo speso, ora direte voi, inizierà a rientrare… non proprio.
L’Amministrazione ha reso noto di non avere una strategia di gestione ed ha pubblicato una manifestazione di interesse per capire che tipologia di contributo imprenditoriale sarebbe arrivato prima di andare a produrre un bando per la gestione dell’intero complesso.

Per farlo ha messo in bilancio una contropartita da pagare a chi voglia venire a gestirlo, di circa 190 mila euro all’anno.

Ma non è finita. Nelle motivazioni dell’acquisto del Parco si legge che l’interesse dell’Amministrazione è quella di attrarre flussi del turismo sportivo e scolastico e allora qualcuno potrebbe rispondere… “avranno idea di incassare con la tassa di soggiorno”...

Dunque è giusto mettere sul tavolo una ulteriore informazione: nel Consiglio Comunale di lunedì 30 maggio uno dei punti all’Ordine del giorno sarà proprio una modifica al regolamento dell’imposta di soggiorno, con cui l’Amministrazione alzerà l’età degli esenti a pagare, portandola da 13 a 15 anni... ma come? l’unico flusso che sono in grado di intercettare è proprio di quella fascia di età… e loro lo esentano dal pagamento?

Ma allora come pensano di pagare tutti i mutui accesi in questi ultimi anni? Considerato anche che il sistema economico chiancianese rimane indietro ogni anno nel pagamento di imposte e tasse di circa 3 milioni di euro, elemento questo che ha portato l’avanzo di amministrazione a circa 17 milioni di residui attivi che semplificando, rappresentano il credito che il Comune ha nei confronti della città.

Ma la cosa che più dispiace è stata la mancanza di ascolto da parte dell’Amministrazione che nel momento in cui il Covid ci ha costretto a fermarsi, non ha voluto affrontare una discussione sui temi fondamentali legati al rilancio del nostro paese come ad esempio quello legato alle Terme in generale e al Parco Fucoli in particolare. Ripeto è un parco che può offrire l’ultima potenziale opportunità e se anche c’è la possibilità di prendere un contributo importante, ma con quel contributo non si va nella direzione di una visione strategica è meglio rinunciarci ed attenderne uno che sia più utile alla nostra causa.

Ma per fare una scelta del genere, devi sapere cosa vuoi fare da grande…


Saluti,


Valtubo

mercoledì 11 maggio 2022

Presentazione della Valdichiana a "Capitale Italiana della Cultura" 2025


Ieri sera al Teatro Caos c'è stata la presentazione della candidatura della Valdichiana a "Capitale Italiana della Cultura 2025", non sono potuto andare ed ho chiesto a Giacomo Testini, che era presente e che ringrazio,  se poteva scrivermi un resoconto ed ecco il suo articolo:

Il Ministero della Cultura, ogni anno, dal 2015, tramite una commissione di sette esperti, nominata dallo stesso Ministero, dà la possibilità ad una città italiana di fregiarsi del prestigioso riconoscimento di “Capitale Italiana della cultura”, mettendo in condizione un determinato territorio di mostrare la sua storia artistica, e il proprio sviluppo culturale. 
L’obiettivo, come ha confermato l’ideatore Dario Franceschini, è quello di valorizzare i beni culturali e paesaggistici, migliorando i servizi rivolti ai turisti. 
La Toscana è già stata premiata due volte nell’ultima mezza dozzina di anni: Siena nel 2015 e Pistoia nel 2017. Il 2022 è il turno di Procida, mentre per il prossimo biennio, il titolo è già stato assegnato alle città di Brescia e Bergamo 2023 e Pesaro 2024.
Per il 2025, tra i candidati, c’è anche la nostra Valdichiana senese, intesa come unione dei dieci comuni che ne fanno parte, ossia Cetona, Chianciano Terme, Montepulciano, Pienza, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena e Trequanda. 
Solo quarantotto ore fa, a Sarteano, è stato presentato il logo ufficiale firmato da Andrea Innocenti, in questi giorni, poi, il progetto diretto da Filippo Del Corno, compositore e docente al Conservatorio di Trieste, sta prendendo forma e identità grazie alla collaborazione con la Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte e ad un team formato dalle progettiste Carolin Angerbauer, Laura Fatini e Grazia Torelli. Ieri sera, il “Valdichiana capitale della cultura 2025 tour” ha fatto tappa al Teatro Caos di Chianciano. 
Erano presenti membri dell’Amministrazione comunale, Associazioni locali e operatori di vari settori. Non c’è stato il ‘sold out’ di curiosi alla ex Sala Polivalente termale, per usare un sottile eufemismo, ma una discreta partecipazione di cittadini si è presentata per capire di cosa si trattasse.
È un progetto ambizioso, di fatto, non è mai stato assegnato questo riconoscimento ad un territorio, ma sempre a città uniche. Ancora non si conoscono gli altri candidati con il quale competere, ma si è intuito che lo staff dell’Unione dei Comuni della Valdichiana cercherà di fare il possibile, almeno per entrare nella fondamentale ‘short list’ che potrebbe essere più semplicemente ridefinita come fase finale a dieci competitor prima dell’assegnazione.
Entro ottobre dovrà essere stilato il dossier per cercare di convincere gli esperti istituzionali che questo territorio è meritevole di vittoria. Per quanto possibile i relatori stanno cercando di promuovere e comunicare questo interessante progetto che potrebbe risultare una vetrina di spessore assoluto, sia a livello nazionale e intercontinentale. Per cercare di rendere partecipe la popolazione dei Comuni e tentare di cogliere ulteriori spunti utili, ieri, durante le due ore di confronto, sono stati messi in condizione i partecipanti di esprimere le proprie idee e pensieri, pregi e difetti, fattori identitari e unicità artistiche e naturali della nostra Valdichiana senese.
Tutti fattori che fanno parte del famoso ecosistema culturale e che potrebbero essere, lo speriamo tutti, aspetti importanti in questa non semplice competizione.

Giacomo Testini


Saluti,


Valtubo




"Grazie al pronto intervento dei Vigili del Fuoco è stato domato l'incendio - verosimilmente scatenato da fiori di pioppo - che non ha avuto fortunatamente alcuna conseguenza né per la vegetazione di alto fusto presente nel "parco a valle", né soprattutto per la limitrofa stazione di servizio carburanti.
Anche alla luce del pericolo stasera scampato si raccomanda a tutti la massima attenzione, perché ‘’i piumini dei pioppi" sono caratterizzati da alta infiammabilità e basta anche un semplice mozzicone di sigaretta affinché possano prendere fuoco e provocare inneschi involontari."

Assessore Rocchi

lunedì 9 maggio 2022

Turismo, Economia a Chianciano Terme facciamo il Punto!

In questa intervista fatta da Simone Giani di NTI nella trasmissione Newsroom faccio il punto sulla situazione economica e turistica di Chianciano Terme, scelte politiche e lancio proposte per la cittadina.

Dal canale valtuboblog su youtube


aspetto vostre considerazioni.


Saluti,


Valtubo

giovedì 28 aprile 2022

No agli Spot su Sky?


Vi giro mail arrivata al blog da Roberto Gagliardi, proprietario del Museo D'Arte, su possibilità di avere 500 passaggi pubblicitari della Biennale del Museo di Chianciano Terme sui canali Sky: 

500 SPOT SU SKY in occasione della biennale ENTRATA GRATUITA ho proposto 500 spot su SKY copertura NAZIONALE.
Ho chiesto un contributo di 3000 EURO AL SINDACO. SOLITE SCUSE.
Sarebbero utili x Chianciano 500 SPOT SU SKY per un costo di 3000 Euro? CON COPERTURA DI 5 MILIONI di SPETTATORI?
CREDO CHE DOBBIATE PORVI DELLE DOMANDE.

Roberto Gagliardi
Museo d’Arte di Chianciano Terme

A voi le considerazioni.


Saluti,


Valtubo