e-mail: valtuboblog@gmail.com

Barsport Valtubo Blog

Barsport Valtubo Blog
Barsport Valtubo Blog Vikings Rugby - Virtus Chianciano Maschile e Femmile - Saxum Chianciano ed altri sport CLICCA IL BANNER!!!

lunedì 20 febbraio 2017

L'altro progetto per il Parco Fucoli di Chianciano Terme


Ecco online l'altro progetto (Clicca qui per vedere!!!) per i Fucoli presentato “alla mutina” da Puntoeacapo per la realizzazione di un ipotetico parco acquatico, con collegamento della parte alta del Parco Acquasanta e Macerina e recupero dell'imbottigliamento.
Il progetto realizzato dalla Proslide Tecnology, società affermata che ha già molte realizzazioni all'attivo e capace d'istruire nella gestione, portato a Chianciano Terme tramite la collaborazione della General Plan di Palazzi, candidato di Puntoeacapo, di cui l'Amministrazione era a conoscenza, è stato presentato sotto tono, senza l'enfasi del concept della green spirit, senza annunci da parte del Sindaco nel proprio profilo FB, alle 2 del pomeriggio il giorno di San Valentino.
Quasi ci fosse un progetto di serie a e questo di serie b, la cosa appare strana, quasi ci fosse l'interesse a favorire il primo, anche se concepito da una società senza progetti realizzati e molto giovane.
Il nuovo concept del parco Fucoli ha il costo di circa 15 milioni per la realizzazione, per la presentazione e messa al bando circa € 14.000,00 contro i 36.000,00 richiesti dal precedente.
Dunque ci sono 2 progetti per ipotetici parchi giochi per i Fucoli, ma ancora, per quanto si sappia, nessun investitore, vedremo, nel frattempo è evidente il segnale di volontà di spacchettare le Terme a partire dal Parco Fucoli.
Saluti,


Valtubo

sabato 11 febbraio 2017

Terme Immobiliare di Chianciano verso lo spezzatino...

Fonte la rete
Mercoledi sono stato invitato a partecipare alla trasmissione L'Agenda Rossa, il talk-show condotto da Francesca Campanelli, su NTI, in una puntata dedicata alle Terme di Chianciano, erano presenti in studio il Sindaco di Chianciano, il segretario PD Fallarino, il portavoce M5S De Angelis, il consigliere regionale Scaramelli ed il presidente Federalberghi Chianciano Barbetti.


Agenda Rossa integrale canale youtube valtuboblog

Dalla serata è emersa in maniera chiara la forte possibilità che si arrivi alla liquidazione degli immobili ed alla vendita “spacchettata” delle proprietà delle Terme.
Un vero spezzatino che sicuramente favorirebbe la vendita dei singoli immobili, ma che smantellerebbe di fatto le Terme come le conosciamo e renderebbe “inutile” il prosieguo della gestione, che si troverebbe senza la possibilità di portare avanti un qualsiasi piano industriale.

Scaramelli proposta finanziamento per Chianciano canale youtube valtuboblog

Il più preccupato è apparso il Barbetti, mentre Fallarino confermava una “trattativa in corso” con la Regione per modifiche, sono rimasto sorpreso della tranquillità del Sindaco che sostenendo, come sempre, il turismo delle famiglie, sembrava sminuire il turismo termale come ormai un residuo, solo 1 settimo delle presenze, quasi a dire che se ne poteva fare a meno.
De Angelis ha denunciato il non controllo del bacino idrico termale, mentre Scaramelli inizialmente faceva confusione tra gestione ed immobiliare e poi si è lanciato in una proposta di finanziamento della Regione per l'abbattimento degli immobili di Chianciano abbandonati o chiusi, vedremo.

video satira canale youtube valtuboblog 

Ho pubblicato il video integrale della trasmissione, lo spezzone della proposta Scaramelli, inoltre anche un corto di video satira.

Saluti,


Valtubo

venerdì 3 febbraio 2017

Lettera aperta a Chianciano Terme del Consigliere Altaluce

Consigliere Massimo Altaluce "Il Coraggio delle proprie idee"

Massimo Altaluce
Consigliere Comunale - Gruppo “ Il coraggio delle proprie idee”

Lettera aperta a … Chianciano Terme

Semplicemente perché Chianciano Terme-c’è. Ritengo che il nostro Comune debba fare da volano, da raccordo per il futuro della nostra Città Termale. Non abbiamo più tempo per pensare – Si può fare … si deve fare. La Regione propone le dismissioni delle Partecipate, bilanci di esercizio in pareggio e non più in perdita per due anni consecutivi? Molto bene. Lo credo anch’io. Però, la stessa non asserisca che le nostre Aziende Termali non abbiamo un “ruolo strategico” si contraddirebbe. Chianciano ha ancora molte potenzialità.
La nostra Amministrazione Comunale può e deve avere un ruolo fondamentale. Dobbiamo ricercare una intesa fra tutti i vari attori e soggetti della città, compiere uno sforzo enorme di aggregazione, di unione. Solo questa sarà la nostra forza di partenza. Ebbi a dire in varie sedi che ogni soggetto pensava a “vendere” il proprio singolo prodotto del loro orticello. Abbiamo sbagliato anche in questo. Cosa vogliamo quindi far conoscere della nostra città? Cosa vogliamo promuovere? Semplice, ecco i nostri prodotti: Termalismo, Sanitario e Benessere. Qualcuno potrà dire ma lo stiamo facendo, allora qualcosa non torna, credo! Dobbiamo ripartire dal Termale, ripartire per costruire la nostra Città della Salute e del Benessere. Non dobbiamo inventarci tanto altro. Si parla sempre di Ricerca Scientifica, il passato c’insegna. Allora crediamoci, è suonata la sveglia da tempo ed ancora qualcuno dorme. Quali sono gli attori più pertinenti per questa causa? Il Comitato di Consulenza Tecnico Scientifico delle Terme di Chianciano è il punto di partenza. Lo stesso è formato da Professori di Idrologia Medica, Gastroenterologia, Microbiologia, Virologia, Medicina dello Sport, Dietologia, Medicina Interna. Non perdiamo quindi i nostri valori e tutto ciò che abbiamo ereditato dal passato. Ci ricordiamo la R.I.E. Riunione Annuale di Informazione Epatologica? I vari Corsi Sige-Aisf inerenti allo studio del fegato? Avevamo una Rivista di informazione critica, chiamata “Il fegato”, indirizzata a medici internisti con interesse in campo epatologico. Questa storica Rivista medica aveva quasi mille iscritti, giovani medici di tutta Italia. Con il contributo della Fondazione del MPS, vennero instituiti delle Borse di Studio per il perfezionamento epatologico all’estero. Tutto questo coordinato sapientemente dalla centralità della Direzione Sanitaria delle Terme di Chianciano. Come non ricordare la Ricerca Scientifica sulla Gonartrosi, efficacia delle cure termali e osteoartrosi. Con la ricerca è stato dimostrato che con la fangobalneoterapia, utilizzando l’acqua della Fonte Sillene, si otteneva un notevole miglioramento delle condizioni cliniche del paziente rispetto a quelli che assumevano solo farmaci. Natura e salute quindi.

Oggi, abbiamo la fortuna di avere all’interno della nostra Direzione Sanitaria una struttura internazionale U.P.M.C Institute for Health, la quale ha ereditato il nostro progetto inizialmente gestito da Terme, Regione Toscana ed Asl 7, il primo Centro Diagnostico di Eccellenza per le malattie del fegato. Ricordo, si parla sempre di Medicina Preventiva. Inoltre facciamo parte di organismi quali la FEDERTERME, la FORST-Fondazione per la ricerca scientifica termale. Non per ultimo abbiamo presso il nostro Comune la Sede dell’ANCOT Associazione Nazionale Comuni Termali. Io credo che si debba ripartire da tutto questo. La nostra cultura, la nostra credibilità sul ruolo delle Acque Termali è indiscutibile.

CHIANCIANO TERME-C’E’. Quali sono gli altri attori per questo progetto? Indubbiamente le Banche: MPS e BancaCras, Privati attendibili, che credano in questo nostro Progetto. Pertanto ripartire-aggregandoci. Se non riusciamo a coordinare le circa 60 associazioni del nostro Comune, disperderemo solo energie, soldi e finanziamenti. Dobbiamo unire le varie associazioni di categorie, mi riferisco a quelle alberghiere, FederAlberghi, Assohotel, Clante Hotels, Chiancia-si, per promuovere assieme alle Terme di Chianciano un unico progetto. Il Comune dovrà essere più efficace e propositivo all’interno del consiglio dell’Unione dei Comuni. Rivedere il ruolo della Pro-loco, anzi, non sarebbe male coordinarsi con le altre Pro-loco della zona. Colgo l’occasione per dare il merito e ringraziare i vari cittadini che si impegnano nel sociale, così come in tante altre Associazioni di Volontariato. Vi ricordo che un importante veicolo di promozione, è l’opuscolo informativo di Chianciano “365ChiancianoTermeinfo”, Patrocinato dalla Provincia di Siena, dal nostro Comune in collaborazione, con il Circolo Culturale “Evandro Nannetti”. Le potenzialità non mancano, basta crederci. CHIANCIANO TERME-C’E’. Attenzione però, ho espresso in varie sedi che Chianciano Terme, sta improntando le varie promozioni solo per il fine settimana. Non può bastare, perché se è vero che 12 giorni di cura sono tanti ed è cambiato il modo di fare vacanze-ferie, limitandosi a due o tre notti al massimo, almeno crediamo e promoviamo “6 giorni di pernottamento”. Come? Forse non tutti sanno che: presso le Terme di Chianciano si possono effettuare cure e terapie con il Servizio Sanitario Nazionale quali: 1) n. 12 cure idropiniche con Acqua Santa, 6 fanghi della regione epatica e 6 bagni carbogassosi con Acqua Sillene. 2) n. 12 fanghi e n. 12 bagni terapeutici con Acqua Sillene per osteoartrosi reumatismi ed altro. 3) n. 24 cure inalatorie con Acqua Santissima, per sinusiti, riniti, tracheiti ed altro. 4) n. 12 bagni terapeutici con idromassaggio in Acqua Sillene per postumi di flebopatie di tipo cronico, insufficienza venosa, vasculopatie ed altro. Inoltre siamo convenzionati con il S.S.N per la fisioterapia e laserterapia, presso il Centro Sillene, infine siamo accreditati per Visite Medico Sportive inerenti al rilascio della certificazione agonistica e non (certificato di stato di buona salute). CHIANCIANO TERME-C’E’. Purtroppo dobbiamo recuperare la nostra credibilità, errori fatti e scelte portate avanti con tempi incredibili, ci hanno allontanato dalla realtà. Progettualità e lungimiranza zero, abbandono dell’esistente, anni e anni a credere che il nostro futuro fosse consolidato e legato ai finanziamenti di varie banche. Decisioni prese quasi all’ultimo momento pur di non perdere i facili finanziamenti da Regioni, Banche o da Fondi e finanziamenti europei, hanno portato a collocare, alcune strutture in luoghi sbagliati. Parlo del Palamontepaschi, parlo delle Terme Sensoriali, del Centro Inalatorio, delle scelte fatte in merito alla Direzione Sanitaria, ritengo che la stessa debba ritornare ad essere il fulcro per la nostra città termale. Lo Stabilimento Sillene meriterebbe il riposizionamento alcuni settori in modo più appropriato e razionale, tutto ciò andrebbe a vantaggio dei servizi e della loro qualità. Contenendo i costi a scapito dei servizi e concentrandoli tutto in un unico Stabilimento non sempre si hanno risultati efficaci, pensando principalmente al futuro. Adesso ci vuole coraggio per ripartire, sono convinto che dobbiamo riposizionare alcune strutture poste nei nostri parchi termali, mentre serve rivalutarne altri. Rivedere il sistema di informazione e di accettazione dei vari settori. Dobbiamo tener conto della necessità dei clienti, curisti e pazienti che hanno difficoltà per arrivare nei vari centri per le cure. I tempi sono essenziali e chi non è provvisto di mezzi di trasporto si trova in difficoltà, specialmente nel periodo invernale. Ribadisco il concetto di avere il coraggio di fare nuove scelte, solo così potremmo garantire un futuro per l’economia della nostra città e dei comuni limitrofi, pensando fortemente al futuro dei nostri giovani.

CHIANCIANO TERME-C’E’, spetta solo a noi, riportare la nostra Città Termale della Salute e del Benessere, a livelli di credibilità che gli compete e che si merita.

Saluti,

Valtubo

venerdì 20 gennaio 2017

Parco Giochi a Chianciano: AAA. Condivisione (economica) Cercasi...

Fonte la rete
Ieri sera alla Cripta è stato presentato dall'Amministrazione il Concept per la realizzazione di un Parco Giochi all'interno del Parco Fucoli.
Erano presenti un quarantina di persone, dopo i saluti di rito la parola è stata data alla Green Spirit, società romana che si è occupata dello studio del Concept.
Il progetto è indubbiamente interessante, caratterizzato dai quattro elementi che daranno nome al Parco, infatti il nome ideato è “Element 4 Fun Park”, come potete vedere nell'immagine, la presentazione è stata un po' noiosa, sentirsi leggere le slide che hai davanti non ha senso e poi parlare al pubblico di fronte invece di stare seduti e di spalle, per cercare di creare empatia è gradito, l'unica che l'ha fatto è stata l'avv. Enrica Cammarano, che ha parlato della sua esperienza nel seguire la realizzazione di un parco romano.
Il costo stimato per l'ipotetico investitore sarebbe di 20 milioni di euro, per la realizzazione del progetto e messa a bando ci vogliono € 36.000,00 iva compresa e la Giunta vorrebbe, al fine di creare una vera condivisione, che € 18.000,00 arrivassero da privati, ironico che l'unica volta che ci presentano un progetto ancora da decidere e modificabile ci chiedano anche i soldi.
L'investimento non sarebbe poi cosi oneroso e l'idea è sicuramente interessante, ma sinceramente non si capisce quanto realmente ci credano, infatti sembra quasi un voler cercare di dire, noi l'abbiamo fatto, però se poi non ci riusciamo non è colpa nostra.
L'altra impressione che mi ha dato è quella della costruzione di una stangata, noi facciamo un bando vediamo se troviamo il pollo...., però se lo trovassimo devo dire che sicuramente potrebbe portare un beneficio economico al paese, anche se ne snaturerebbe definitivamente la vocazione termale a favore di un turismo familiare, mordi e fuggi, di basso livello, che coprirebbe i week-end, ma a totale scapito della ricerca di recuperare o attrarre una clientela medio-alta, tipica dei borghi toscani e delle terme.


Saluti,


Valtubo


PS: Nel finale è stato presentato un opuscolo che spiega l'utilizzo del logo “il Clan di Giano” appena l'Assessore Piccinelli mi invia il file come ha promesso lo pubblicherò!

lunedì 9 gennaio 2017

Giunta di Chianciano "in gita" elettorale!

Giunta di Chianciano Terme "in gita" a Siena per le elezioni provinciali
Su facebook, nel profilo dell'Assessore Andrea Morganti, è apparsa questa foto con la frase "In gita a Siena ......." 
La "gita" era alla sede della Provincia per votare i Consiglieri Provinciali, sarebbe gradito oltre al simpatico commento se ci facessero sapere almeno quale lista hanno sostenuto, se la lista "Centro sinistra per la Provincia di Siena" del PD o se "La Provincia dei Cittadini - Siena - Liste Civiche", visto che hanno VOTATO AL POSTO NOSTRO, grazie!

Saluti,

Valtubo

mercoledì 28 dicembre 2016

Parla il Segretario del PD di Chianciano Terme intervista Esclusiva del Blog Valtubo!

Marcello Fallarino segretario del PD di Chianciano Terme
Ho posto alcune domande al segretario del PD di Chianciano Terme Marcello Fallarino, che ringrazio perchè si è gentilmente reso disponibile inviandomi le risposte che potete leggere, a differenza devo sottolineare di Puntoeacapo che ha rimandato le risposte ad alcune domande che avevo inviato ad una futura assemblea pubblica. 
Ecco l'intervista "ESCLUSIVA" che il segretario del PD di Chianciano ha rilasciato al Blog Valtubo dove abbiamo parlato di vari argomenti:

Dopo quasi sei mesi che ha assunto questo impegno che bilancio del suo mandato può fare?

Vorrei partire facendo gli auguri per tutte le Festività e per un sereno 2017 a tutti i Cittadini. Dopo un periodo tribolato che ha visto anche la sconfitta alle elezioni comunali siamo andati avanti un po’ a rilento risentendo di un clima politico non certo favorevole. Mi è stato proposto di assumere questo incarico come persona di esperienza e per creare le condizioni di una forte ripartenza in vista del congresso che si terrà il prossimo anno.

Quindi un segretario a termine?

Siamo tutti a termine… al di là delle battute, mi sono subito impegnato per riallacciare i rapporti con la Regione e devo dire che abbiamo avuto una serie di incontri con alcuni Assessori regionali; ad es. Ciuoffo Ass. al turismo che è stato presente anche ad un ns. recente incontro. Riteniamo che i rapporti con la Regione Toscana siano strategici e speriamo che questi rapporti diano i loro frutti in un prossimo futuro per il bene di Chianciano T., il tutto con la piena disponibilità e collaborazione dei ns. consiglieri regionali Scaramelli e Bezzini.

Rispetto all’attività della maggioranza che governa Chianciano Terme non sembra che il PD ed il gruppo consigliare brillino nel fare un’ opposizione forte. Che ci dice?

Passare dal governare a fare opposizione non è facile. Fare poi opposizione fine a se stessa non è nel ns. dna e non lo riteniamo utile per la Città. Preferiamo costruire un programma per il 2019 (e ci già stiamo lavorando), quindi un atteggiamento costruttivo invece di un opposizione rigida a prescindere. Come già detto le difficoltà del partito hanno indebolito anche l’azione del gruppo in consiglio ma l’impegno di tutti, a partire da gennaio prossimo, è di essere più incisivi.

Intanto la Giunta Marchetti lavora. Non rischiate, di fronte all’opinione pubblica, di fare la figura degli assenteisti e di avallare le scelte fatte?

Per ns. sfortuna (di chiancianesi) grosse scelte non mi pare che siano state fatte. Le passate amministrazioni a metà mandato hanno sempre organizzato una verifica pubblica. Da un Suo post sulla Amm. Comunale sembra che tra febbraio e marzo verrà fatta anche da Puntoeacapo. La tempistica la dice lunga: l’unico fatto strategico è il bando per l’assegnazione degli impianti sportivi, il cui iter per allora dovrebbe essere concluso. Il piano operativo del piano strutturale invece è in forte ritardo. A meno che non si intenda per scelte fatte la discoteca ai Fucoli: lì si tratta di capire se fa più bene o male: chi viene in vacanza, soprattutto d’estate, sarà contento di stare sveglio fino alle 5 di mattina? Non crediamo proprio. La discoteca va bene ma deve trovare un’altra collocazione al di fuori del centro abitato. E’ la buona offerta che fa la riuscita delle iniziative. 

Le altre iniziative promozionali, tra cui spicca Babbo Natale, le feste diffuse, le asfaltature intanto vanno avanti…

Lei parlava di circa 100.000,00 euro spesi in tre anni per Babbo Natale. Non entro nelle cifre perché la Proloco non ne ha mai date, ma ho la netta sensazione che le spese siano ben maggiori. Per un’iniziativa che anche noi apprezziamo un po’ di chiarezza e trasparenza non guasterebbe e dobbiamo pretenderla tutti. Detto questo personalmente ho la massima stima per chi dà il proprio contributo in maniera volontaria in qualsiasi associazione e vorrei ricordare qui l’impegno di decine di volontari che permettono lo svolgimento della Festa de L’Unità, in maniera assolutamente gratuita, che ancora una volta ringraziamo. Devo dire, però, che con la Proloco si è sprecata un’occasione per fare squadra per il bene di Chianciano T.. 

Quindi qual è per voi la strada da percorrere? 

Innanzi tutto farei una netta distinzione tra la promozione e l’accoglienza. La promozione presuppone di sapere qual è il prodotto da far conoscere; su questo anche il ns. Comune ha aderito, con Montepulciano Comune capofila, all’accordo tra la “Strada del Vino Nobile e dei Sapori della Valdichiana”, di cui facciamo parte, e Toscana Promozione per un programma di promozione, per ora triennale, di tutto il territorio. L’accoglienza è invece rivolta a chi già viene e su questo si inseriscono le iniziative, come Babbo Natale, sostenute dall’AC. Dovremmo aprire un dibattito pubblico per capire quali sono funzionali alla ns. possibile clientela e soprattutto, in questi tempi di vacche magre, qual è il punto di convenienza economica per ciò che viene fatto. Personalmente investirei gran parte della tassa di soggiorno per fare un bando pubblico per la ricerca di una società di incoming che garantisca un ritorno certificato in termini di presenze. 

Parlando di asfaltature e manutenzione?

Siamo i primi a riconoscere le difficoltà dei bilanci comunali ma seguendo i social si enfatizza troppo il fatto che si asfaltano alcune strade. Sembrerebbe che fino ad ora nessuno asfaltava o faceva marciapiedi. E notorio che finora siamo vissuti con tutte le strade bianche e senza verde pubblico… Forse chi ha vinto le elezioni ed ha sempre detto che quelli di prima hanno portato allo sfascio, si dovrebbe rendere conto che la realtà è sempre diversa dalla narrazione e che le difficoltà nell’amministrare sono reali. Prima non c’erano quelli con l’anello al naso come ora non ci sono i risolutori dei problemi. Poi nelle difficoltà economiche devono emergere le scelte da fare (fare le scelte è politica) e si tratta di capire se è conveniente (e per chi) asfaltare prima ad es. la strada dei Castagneti o una via nel centro abitato.

Per concludere?

Il ns. impegno, con iniziative pubbliche, sarà quello di un confronto con i Cittadini, le Forze imprenditoriali, le Associazioni, le Forze politiche e sociali per capire tutti insieme come (ri)costruire il futuro di Chianciano T. . Una Città solo per il cittadino residente, in massima parte pensionato o una Città che si rilanci nel termalismo e nel turismo e valorizzi tutte le ns. specificità? Sicuramente noi siamo per la seconda strada.

Vorrei concludere rinnovando gli Auguri di Buon Natale e Buon 2017 a tutti. Grazie.


Saluti,


Valtubo

martedì 20 dicembre 2016

Quanto ci rende questa destagionalizzazione?


Fonte la rete
Anche quest'anno siamo arrivati a Natale, con l'evento più importante in termini di utilizzo di denaro frutto della tassa di soggiorno, la domanda è: quanto ci rende?
Negli ultimi tre anni sono stati spesi circa € 100,000,00 a fronte di un rientro che si può calcolare, se quest'anno saranno ripetuti i numeri di presenze alberghiere del Novembre-Dicembre 2015, (l'impressione è che siano calate), in circa € 40,000,00.
Praticamente “abbiamo pagato” ogni cliente € 2,00 per venire da noi, certo è normale che la promozione sia un costo per muovere l'indotto di un paese, ma dobbiamo ben valutare se funziona.
Chianciano ha visto in questo ultimo ponte, il più importante del periodo, clienti accolti con la “romba” notturna del Parco Fucoli, che io giudico indecorosa ed incivile per rumorosità ed orari consentiti, incredibile che commercianti ed albergatori l'accettino supinamente.
La manifestazione a tema sul cioccolato, azzeccata, ma fatta in una location (viale Roma) che ne ha ridotto sicuramente l'appeal, non capisco perchè non sia stata fatta lungo la Macerina, unendo le due aree commerciali di Piazza Italia e Rinascente, sarebbe stato più logico e probabilmente gradevole.
Poi abbiamo il nostro caro Paese di Babbo Natale itinerante, che non riesce a trovare una sede definitiva e ad avere un atmosfera veramente natalizia, battuto nettamente nei giudizi da Montepulciano dove il mercatino è strutturato meglio, più attrattivo e non dispersivo.
Insomma se vogliamo continuare su questa strada cerchiamo almeno di “costruire” un prodotto magari più legato al nostro territorio ed alla nostra tradizione, che abbia più logica e che non dia quel senso di desolazione che ispira quest'anno il Paese di Babbo Natale.


Saluti,


Valtubo

PS: Le Piscine Comunali ritarderanno di un mese l'assegnazione del Project Financing, i tempi erano già stretti per l'apertura invernale 2017, temo qualche brutta sorpresa.


Avevo posto alcune domande in merito ad asfalto e tassa di soggiorno all'Amministrazione e mi hanno risposto che Puntoeacapo convocherà, tra la fine di febbraio ed i primi di marzo, un'assemblea pubblica per fare il punto della situazione dove risponderà alle domande!

venerdì 2 dicembre 2016

Speciale Referendum Costituzionale a Chianciano Terme!



A pochi giorni dalla votazione apro questo spazio in attesa del risultato del voto sul Referendum Costituzionale e per pubblicare i risultati di Chianciano Terme e commentarli.
A Chianciano Terme si sono tenute manifestazioni dei vari comitati, sia del Si che del No, dunque noi chiancianesi abbiamo potuto farci un opinione su come votare, vedremo se saremo in linea con il voto nazionale.

Affluenza:

Ore 12: 21,41%
Ore 19: 60,83%
Ore 23: 70,78%

Risultati:

Comune di CHIANCIANO TERME

Elettori 5.323
Votanti 3.768 70,78 %

Sezioni pervenute: 8 su 8

SI 53,93% 2015 (voti)
NO 46,07% 1721 (voti) 

Schede bianche 7 0,18 %
Schede nulle 24 0,63 %
Schede contestate e non assegnate 1 0,02 %


Saluti,

Valtubo

martedì 15 novembre 2016

Scandalo ATO Toscana Sud la risposta del Comune di Chianciano Terme

Fonte la rete
Ecco la risposta del Comune di Chianciano Terme tramite l'Assessore Rocchi sull'inchiesta ATO Toscana Sud, che ha coinvolto il direttore Andrea Corti:

Con riferimento al "sistema di gestione dei rifiuti" all’interno del nostro Ambito Territoriale Ottimale come amministrazione abbiamo cercato sempre con fare critico ma costruttivo, di mettere in evidenza sia in ATO che con il gestore del Servizio SEI Toscana, ciò che a nostro avviso su ogni tematica affrontata, fossero le criticità e alcune possibili soluzioni a queste. 
Ed anche quando sarebbe stato semplice agire “di pancia”, abbiamo agito con responsabilità nel rispetto delle istituzioni e delle procedure ma continuando a portare avanti, in modo puntuale e determinato - vedi lo spinoso tema dei crediti TIA – le nostre posizioni a tutela dell’interesse di tutti i cittadini, mettendo all’occorrenza in evidenza, su ogni tematica affrontata, quali per noi fossero le lacune e le criticità e proponendo alcune possibili soluzioni a queste. 
La questione giudiziaria emersa in questi giorni che ha coinvolto il direttore di ATO Toscana Sud e che è stata doverosamente e prontamente affrontata in sede di Assemblea Straordinaria è una questione 'importante' che però sarà - come naturalmente deve essere - affrontata in modo del tutto indipendente dalla magistratura. Non sono i politici che devono fare i processi, non sta alle amministrazioni emettere delle sentenze prima ancora che le faccia un Tribunale deputato.
Inevitabilmente in sede assembleare sono state adottate le indispensabili decisioni che possano consentire all’Ambito di portare avanti l’attività necessaria assegnando in via del tutto temporanea - al dipendente dell’Ente ATO Ing. Tacconi - l'incarico di sostituire la figura del Direttore Generale nello svolgimento delle funzioni e nell'adozione di tutti gli atti che competono al Direttore, limitatamente alla gestione meramente ordinaria, rimandando a deliberazioni assembleari qualunque decisione di carattere amministrativo straordinario.
Fondamentale però, in qualità di Assessore all’Ambiente mi auguro e come Amministrazione Comunale ci auguriamo, che la vicenda giudiziaria funga da stimolo per una profonda e più ampia riflessione sia sull'intero sistema di gestione dei rifiuti che sulla individuazione delle responsabilità politiche ed amministrative dalle quali hanno avuto origine e si sono sviluppati i processi gestionali messi in atto in questi anni; governance politica, in merito alla quale sia per tempistiche di insediamento che per collocazione ‘politica’ della nostra amministrazione, ci teniamo a ricordare e ribadire che come gruppo politico e come Amministrazione nulla abbiamo a che fare.
Quello dei rifiuti è un sistema che così come strutturato non funziona, che può e deve essere rivisto, sia in termini politico-amministrativi che in quelli di servizio; servizio che non può essere sospeso ma deve necessariamente migliorare, nella qualità e soprattutto nella minimizzazione dei costi all'utenza. 
Ribadisco quindi che come Giunta del Comune di Chianciano Terme, abbiamo sempre avuto molteplici perplessità sul sistema della gestione dei rifiuti, e riteniamo che se oggi tali perplessità da un lato debbano essere considerate indipendenti dalle vicende giudiziarie che stanno riguardando il Direttore Generale di ATO e l’Amministratore Delegato del gestore, dall'altro debba essere palesato come tali perplessità si pongono con estrema criticità rispetto ad un sistema di governance della gestione del rifiuto che nel tempo ha tolto ogni possibilità di decisione ai singoli Comuni, la stragrande maggioranza dei quali - in virtù di quelle che sono le assurde attribuzioni di quota di partecipazione in sede assembleare - (Chianciano Terme ha lo 0,59%) si trovano sempre in condizioni di minoranza nei confronti di quei pochi Comuni che grazie al fatto di essere sedi di impianti hanno maggioranza assoluta in assemblea e la fanno quindi “da padrone” in termini decisionali.
Condividendo quindi quello che è il pensiero di molti colleghi amministratori di Comuni 'piccoli' come il nostro, chiudo/chiudiamo dicendo che come Amministrazione del Comune di Chianciano Terme ci auspichiamo che da questa brutta vicenda possa nascere un ripensamento profondo finalizzato alla rivisitazione dell'attuale sistema, che possa portare a ridisegnare la gestione del rifiuto su aree più piccole ed omogenee, così da ridare forza al potere decisionale dei sindaci, implementando e incentivando le raccolte domiciliari, anche ovviamente attraverso una profonda revisione del sistema impiantistico.

Ing. Damiano Rocchi

Assessore all’Ambiente
Comune di Chianciano Terme

Saluti,

Valtubo

martedì 8 novembre 2016

Chianciano Terme primi fuochi d'artificio di Capodanno...

Fonte la rete
Questo il comunicato, apparso nella pagina Facebook della Combo Produzioni, per denunciare il "furto" del Capodanno da parte della Pro-Loco e dell'Amministrazione di Chianciano Terme:

A tutto il nostro pubblico.

Con queste righe informiamo tutte le persone che abbiamo avuto il piacere di ospitare in questi anni, gli alberghi, i fornitori e i tutti i nuovi (potenziali) clienti che ci stanno contattando, che Combo Produzioni non organizzerà il Capodanno a Chianciano Terme e che qualsiasi evento simile sarà appunto solo simile.
Un evento che negli ultimi tre anni era cresciuto e si era consolidato, partito con l’omaggio alle Terme e agli anni ’50, per poi passare al tema Fellini e successivamente alla Black night, un modo di portare in un’occasione di festa, anche se solo con piccolo rimando al teatro parigino, il rispetto verso gli accadimenti francesi.
Tutto questo senza la pretesa di poter incontrare il gusto di tutti, né senza errori o imprecisioni, ma con un indotto evidente.
Sono circa 2.200 le persone che hanno partecipato alla scorsa edizione. Per la cena, ad esclusione di 36 persone del territorio che hanno cenato al nostro evento, abbiamo avuto partecipazioni da Lazio, Umbria, Emilia Romagna, Lombardia, Marche e ovviamente dal resto della Toscana.

La collaborazione con gli Hotel è stata alla base del nostro lavoro: 13 sono gli alberghi che sono stati letteralmente riempiti (in alcuni casi abbiamo convinto proprietari e gestori ad aprire assicurando il pienone e così è stato). Sono 599 le persone che Combo Produzioni ha fatto alloggiare per una notte, senza richiedere peraltro nessuna commissione, sia perché diffidiamo da chi fa queste operazioni senza avere le debite licenze, sia perché crediamo che tutti debbano poter lavorare e avere il proprio dignitoso risultato, senza dover lucrare oltre i propri margini (credeteci ci sono organizzatori che lo fanno senza titolo). Per noi è meglio un po’ meno, ma per tutti.
Di queste, più di 100 hanno acquistato ticket per Piscine Termali Theia e Terme Sensoriali; a cui si sommano 200 persone che hanno soggiornato in atri alberghi per 2/3 giorni acquistando i servizi termali, grazie alla nostra partnership con un Tour Operator locale.Tutto senza 1€ dal Pubblico (non che noi lo volessimo).

Quest’anno, in Agosto, dopo aver appreso che il Parco Acqua Santa sarebbe stato concesso alla Pro Loco per l’organizzazione dell’evento di Babbo Natale, ci siamo preoccupati, o meglio occupati, di fornire tutte le informazioni necessarie per poter far sì che entrambe le iniziative fossero garantite, anche in virtù del valore aggiunto che avrebbe significato per la Città. 
Ma non è arrivata nessuna risposta o comunicazione ufficiale da un’ associazione che dovrebbe essere nata anche per coordinare e promuovere e non solo per organizzare. Non una riunione, né incontri condivisi, ma solo qualche scarico di responsabilità.
La vaghezza di “a noi non interessa organizzare il Capodanno” per poi scoprire che tanti nostri fornitori in queste settimane sono stati contattati da uno dei Responsabili di Pro Loco, proprio per i servizi legati alla notte di Capodanno, in più spargendo la voce che noi non avremo accettato alcune condizioni di collaborazione (che a noi non sono mai state proposte!).
Tuttavia in paese si sente dire che il Capodanno verrà organizzato da un privato (soggetto che lo scorso anno, dopo che avevamo rifiutato di farlo entrare nella nostra organizzazione ha messo di mezzo proprio i suoi rapporti con Pro Loco e Amministrazione pubblica,con scorrettezze continue pur sapendo che noi avevamo fissato la location già da mesi)

Sia chiaro, noi accettiamo la concorrenza, che è legittima e fa bene al mercato, ma solo se leale e tra pari. 
Combo Produzioni è una Società Cooperativa (di under 35 chiancianesi), nata nel settembre del 2013, che organizza eventi e attività similari per lavoro; paga tasse e siae senza esenzione alcuna, dipendenti e affitti, assicurazioni e corsi, tutto senza alcun aiuto pubblico e con pochissimi sponsor, limitati ai singoli eventi, (che ringrazieremo sempre) e lo fa per scelta e con piacere, ma non può, e soprattutto non deve, competere con un’ associazione di volontariato come Pro Loco che anche solo indirettamente, per questo evento, ha utilizzato la propria valenza sociale, e soprattutto politica, oltre che logistica in merito alla gestione del Parco Acqua Santa, per favorire imprenditori amici.
Un’associazione del genere, per sua natura, ed essendo come lo è in questo caso, una diretta emanazione dell’Amministrazione Comunale, dovrebbe in ogni sua singola azione pensare all’interesse collettivo e non solo negli eventi che organizza in via diretta, ma anche consolidando le iniziative che hanno dimostrato con uno storico la propria valenza, ragionando sempre sulla base di semplici valutazioni oggettive.
Se Pro Loco avesse voluto far rientrare l’evento di Capodanno "all’interno" dell’evento di Babbo Natale, avrebbe almeno potuto mettere a sedere intorno a un tavolo i vari soggetti in campo, chi lo organizza da tre anni e chi ha il desiderio di farlo, e capire se ci fossero state le condizioni. 
Questo per noi si chiama coordinamento.
Non ci lamentiamo del fatto di non poter organizzare un evento di cui tutti erano contenti, ma piuttosto e soprattutto del modo in cui questo è avvenuto.

Da parte nostra non pretendiamo di essere simpatici a tutti, anzi forse ci teniamo ad essere davvero così lontani, se queste sono le condizioni, ma su certi temi si dovrebbe andare oltre le simpatie caratteriali e politiche (o presunte tali).
In tanti settori questo sistema è ormai il modo ordinario di vivere il lavoro, prendiamo atto che niente è cambiato, almeno qui a Chianciano, e non ce ne stupiamo, ma ne siamo davvero rammaricati, anche perché tutto ci spinge a lavorare altrove.
Al momento non c’è niente di pubblico sull’evento, ma è giusto che tutti sappiano perché Combo Produzioni non ne sarà più il soggetto promotore e quali sono le ragioni ed i passaggi reali di tutta questa avvilente vicenda.

C’è chi dirà che sono solo fantasie: siamo pronti a parlarne in pubblico;
C’è chi dirà che diciamo queste parole per fini “politici”: non ne abbiamo alcun interesse, vogliamo solo lavorare dignitosamente e nelle regole;
C’è chi dirà che facciamo le vittime: tutt’altro, siamo pronti a smentirlo con forza e onestà.
C’è chi dirà tante cose: e noi a queste persone vogliamo soltanto fare un grande in bocca al lupo, augurare la serenità della mattina e la felice stanchezza dopo una giornata di lavoro, magari unite alla consapevolezza di aver agito con sincerità e rispetto.
A tutto il nostro pubblico diciamo che speriamo di rivederci presto, sottopalco e ovunque, sempre con grandi sorrisi e in balli sfrenati.
Stiamo lavorando per nuovi progetti che per il momento ci terranno un po’ lontani da Chianciano.
Se lo vorrete, continuate pure a seguirci: noi speriamo di tornare a farci sentire presto, visto che Chianciano sa anche suonare bene.

Con sincero affetto
COMBO PRODUZIONI


Saluti,


Valtubo