e-mail: valtuboblog@gmail.com

Previsioni Meteo Chianciano Terme

Previsioni Meteo Chianciano Terme
Previsioni Meteo Chianciano Terme aggiornate ogni Sabato

Euroservice Solution Italian Real Estate

Euroservice Solution Italian Real Estate
CLICCA BANNER PER SAPERE DI PIU'! ​Euroservice Solutions Italian Real Estate di Oreste Castrini Da oltre 30 anni Agenzia Immobiliare e di Servizi P.zza A. Gramsci 1/F 53042 Chianciano Terme (SI) Tel e Fax +39 0578 20187 Mobile: +39 3355336475 www.euroservicesolutions.it ​mail: info@euroservicesolutions.it Orari di apertura: dal lunedì al venerdì 9.00-13.00; 15-18

martedì 14 luglio 2009

Cosa Fare?

(foto by Web)

Siamo a metà Luglio, il mese più difficile, negli ultimi anni, per l'economia chiancianese, ma mai come adesso.

Pensate che la nuova Giunta abbia i mezzi e le possibilità per cominciare a contrastare la crisi e quali sono, secondo voi, i primi interventi a breve?

Cosa vogliamo per Chianciano e per riuscire a smuovere questa situazione di stagnazione che ci stà finendo?

Aspetto commenti, idee e voglia di fare qualcosa!!!


Saluti,


Valtubo

152 commenti:

Franco Albanesi ha detto...

Rispondo al Anonimo sul post delle Terme, hai ragione, qui pensano ancora a , morte tua vita mia... , purtroppo, a Chianciano, morte tua e' morte mia, e questo lo dobbiamo capire una volta per tutte. Vi porto l'esempio dell'Admiral,che non ha clienti termali , ma legati al benessere , tutte coppie, che chiedono e si fa e dove si va dopo cena , e qui comincia il dramma, il divertimento e lo svago di queste coppie e' il primo problema. Secondo, le strutture qualificate e servizi benessere. L'Admiral grazie al sua centro benessere non ha mesi di crisi, week-end sempre pieno ed e' continua crescita nel mid-week e in questo anno , grazie all'operazione Udinese il mese di luglio sara' il mese migliore , dopo agosto. Quindi una cittá da ridisegniare, che attiri anche una nuova clientella, più iniziative e migliore servizi.

Anonimo ha detto...

così mi piaci Franco.

Anonimo ha detto...

Io penso che Chianciano non può e non deve diventare una città di divertimento come Rimini o Montecarlo. Ogni posto ha la sua identità. Io penso che Chiancaino debba sviluppare in primis la conoscenza delle proprie risorse. Questo fino ad oggi non è stato possibile perchè, a mio avviso, l'assistenzialismo termale non ha dato la possibilità di pensare che la "rendita" un giorno poteva finire e sia la politica che gli imprenditori sono stati colti impreparati dai tagli Amato-De Lorenzo.
Allora cosa fare?
Suggerisco delle idee:
1) un anno per conoscere le potenzialità di Chianciano (Terme, ambiente, natura, gastronomia, posti letto);
2) un giorno per conoscere il contesto geografico (centro Italia, accanto alla direttissima feroviaria, accanto all'A1);
3) un anno, per capire come confezionare il prodotto (formazione degli operatori, arredo urbano adeguato, qualità degli stabilimenti e dei servizi, fiducia in se stessi;
4) sei mesi per capire come promuoverlo (dove, come, quando);
5)dieci anni di assestamento politico-culturale (fantasia).
Chiaramente queste sono solo idee, la ricetta si potrà trovare solo quando la politica comincerà a prendere in mano questa città e quando i rappresentanti sindacali e delle categorie economiche invece di nascondersi dietro le gonnelle di mamma Siena, riusciranno a capire che al potere non si può sempre e solo dire SI, occorre anche saper dire NO e magari, qualche volta, proporre qualcosa di proprio. Solo così "il potere" potrà portarci rispetto: così ci riconosce un ruolo, un'identità e quindi non è costretto a proteggerci solo con il "tutorato istituzionale".
Antonio Falcone

Anonimo ha detto...

non è per volè fà il polemico per forza ma dico io, caro Falcone, di tutte queste cose, quando eri vice-sindaco anche per sbaglio te ne fosse passata per la testa una?

Anonimo ha detto...

VEDI CARO ANONIMO, SE PENSI CHE DA VICESINDACO PUOI FARE QUESTE COSE SCORDATELO SUBITO, PERCHE' SEI FUORI STRADA OPPURE NON HAI COMPRESO BENE QUELLO CHE HO SCRITTO. INOLTRE, CREDIMI, NON CONTA COSA FA FALCONE, CONTA QUELLO CHE RIUSCIAMO A FARE TUTTI INSIEME. SE POI SEI INTERESSATO ALLE COSE AMMONISTRATIVE DEL 2009-2003 E NON A POLEMIZZARE CON IL MIO RUOLO TI POSSO DIRE TRANQUILLAMENTE COSA HO FATTO QUANDO ERO VICE-SINDACO E NELLE CONDIZIONI CHE LE HO FATTE...MA CREDO CHE AL BLOG NON INTERESSI QUESTO, MA COSA E COME SI PENSA DI USCIRE DA QUESTA SITUAZIONE.
ANTONIO

Anonimo ha detto...

Non sia mai che Chianciano possa divenire come Rimini, o peggio, Montecarlo.
Ma che scherziamo? Troppo benessere, troppi soldi che circolano.

E poi, con mamma Siena è inutile ripigliassela prima e dopo le elezioni ma mai durante.

Anonimo ha detto...

Gentile Albanesi sono l'anonimo del post sulle terme al quale lei ha risposto.Vede mi farebbe piacere conoscerla per sviluppare delle idee per Chianciano.Saluti

Franco Albanesi ha detto...

Ciao, Anonimo, farebbe piacere conoscerti anche a me. Ti do mio numero di cell. 335623 4406 , Ciao a prestò

Anonimo ha detto...

Chianciano non è più quella di una volta.
Può sembrare un'ovvietà, ma sarebbe bene riflettere sul decadimento della qualità, della manutenzione e della cura della cosa pubblica, per tantissimi anni fiore all'occhiello della città e dei suoi abitanti.
Cominciamo col dire che la maleducazione ed il vandalismo di certe persone sono la causa principale di tutto ciò, ma si nota comunque la totale mancanza di vigilanza e di intervento nel ripristinare situazioni degradate da tempo e quasi dimenticate.
La cosa ancora più grave è che spesso queste situazioni si trovano a pochi metri dal centro termale, in luoghi frequentati dai turisti, i quali sicuramente non si fanno una buona idea dell'immagine di Chianciano e che di conseguenza non ne faranno buona pubblicità una volta tornati a casa.
Tra gli interventi prioritari per una riqualificazione attenta, l'Amministrazione dovrebbe partire proprio da qui, cioè varare un piano straordinario di manutenzione del patrimonio urbano, con il rifacimento di tratti di asfalto (non le solite toppe), sistemazione di marciapiedi, illuminazione e panchine, ripristino di muri e manufatti graffitati, intonaci, sterpaglie, aiuole, arredo urbano in genere.
Per il controllo, oltre ad una più capillare azione di Polizia municipale, sarebbe auspicabile l’installazione, in alcune aree, di apparecchiature di videosorveglianza.
Si pensa giustamente sempre ai grandi progetti, che in ogni caso per quanto utili, richiedono investimenti pesanti anche nella tempistica di realizzazione, mentre da anni non viene più riservata la giusta attenzione alla manutenzione ed a lavori realizzabili in poco tempo.
I nostri turisti hanno il primo impatto con le infrastrutture presenti, delle quali conoscono la storia meglio di molti chiancianesi (alcuni Clienti vengono da 30 anni e più ed osservano bene...) e rimangono colpiti da situazioni che anno dopo anno peggiorano sempre più.
Ho inviato a Valtubo alcune immagini di esempio, che chiedo siano visibili in uno slideshow in fondo alla homepage del blog, immagini conosciute, niente di nuovo, ma che in un paese termale, da riqualificare come il nostro, non si dovrebbero vedere.
La “città accogliente” parte proprio da qui.

DiErre74 ha detto...

1/2 Nonostante abbia letto con piacere il commento di Antonio (Falcone), il quale credo abbia scritto come semplice cittadino e non come esponente di un partito di minoranza, peraltro non rappresentato in consiglio comunale, devo dire che mi trovo piuttosto in disaccordo con quanto da lui affermato. E tali divergenze, che tendo qui ad evidenziare, sono di due tipologie: la prima, che poi è la più essenziale, è quella inerente il “city model” che vorremmo per Chianciano, mentre la seconda è quella inerente alla pianificazione ed alla impostazione di cui parla, soprattutto se vista sotto l’aspetto politico-amministrativo. Quindi, rivolgendomi ad Antonio in particolare, ma anche a tutti i blogger, vedo se riesco ad esporre in modo chiaro, tornandoci magari in modo più approfondito più avanti, ciò che intendo.
Nel primo caso, in opposizione a quanto lui stesso in modo latente afferma, penso proprio che ci sia grande ed impellente necessità di rendere la nostra cittadina attrattiva anche per altre fasce di età o tipologie di clientela; non si tratta infatti di renderla una “città del divertimento”, bensì una città in cui ci si può anche divertire, senza che la stessa perda quella che è la sua identità o vocazione (termale), e questa è ben altra cosa. Ben vengano quindi per fare degli esempi inerenti ad idee già in parte discusse, il parco giochi tematico stile Gardaland, il casinò, il campo da golf, la cittadella dello sport, nuove discoteche, sale da ballo e nuovi/rinnovati locali di elevata qualità con destinazione alberghiera o di ristorazione. Si tratta pertanto di lavorare, di concerto e mettendo da parte già superate politiche ideologie, ma in modo parallelo e su più direzioni, così da richiamare a noi, e quindi affascinare, sicuramente una nuova clientela, ma principalmente degli investitori, imprenditori questi senza i quali, dobbiamo capire, sarà molto difficile uscire dal tunnel in cui, anche per colpe non solo nostre ci siamo cacciati. (segue)

DiErre74 ha detto...

2/2 Passando poi alla lista delle idee sui cui contenuti potrei anche concordare, ciò che onestamente un po’ mi stona è proprio sul “chi” sia stato a proporle, nonché le tempistiche ad esse riferite. Partendo dal fatto che il settore termale, almeno per quanto ci riguarda, ha manifestato i primi evidenti segnali di crisi a seguito dell’abolizione del congedo straordinario, che ha cessato di “drogare” tale mercato curativo-turistico, e che se non erro risale al 1994 (Finanziaria Amato del Dicembre ‘93), la riflessione che io faccio è questa: se da una parte le colpe si possono più o meno giustamente anche addossare alla non lungimiranza di molti imprenditori, e altrettanto giustamente dall’altra le addossiamo alla politica, mi chiedo come puoi Antonio, tu che dal 1999 al 2003 (e quindi già una legislatura dopo l’abolizione del suddetto congedo straordinario…..) hai ricoperto la carica di vice-sindaco, esprimerti in tal senso, dando l’impressione che tu stesso non ti senta in qualche modo tra i responsabili di tali “mancanze”. Credo quindi che sia benevolmente e democraticamente lecito da parte di molti condividere, checché tu ne dica (post del 15/07 ore 7.44) quanto afferma l’anonimo del 14/07 ore 23.26, quando si chiede, e ti chiede, come mai tali idee in cui adesso credi non siano uscite, perseguite e magari concretizzate quando hai avuto l’opportunità politico-amministrativa per almeno provare a farlo.
Sulla conclusione relativa in special modo al “saper dire NO” per guadagnarci in forza ed autorevolezza mi trovi sicuramente in sintonia, permettimi però di poter anche pensare che adesso tu possa trovarti ad affermare questo (e lo hai fatto anche negli ultimi 5 anni passati sui banchi dell’opposizione) solamente poiché espressione di una parte politica di minoranza. E quindi, credimi senza polemica alcuna, ti chiedo retoricamente o quantomeno di riflettere su questo: ma quando ti sei trovato ad amministrare questa cittadina tu lo hai fatto? O almeno, hai mai provato a lavorare per creare le condizioni politiche per poi poterlo fare?
Termino in ogni modo affermando che senz’altro concordo con te sul fatto che adesso sia piuttosto inutile fare dietrologia e che non sia tanto importante ciò che ogni singolo individuo pensa o fa, ma sarebbe molto più importante ciò che tutti noi assieme intesi come comunità, riuscissimo a discutere, proporre ed a concretizzare. Un sincero e cordiale saluto.

Anonimo ha detto...

bisogna avere coraggio di cambiare sensaltro sò per esperienza che è molto difficile in questo paese più di altri proprio perchè non c'è unità ognuno pensa a se stesso siamo allo sbando,io credo che con questo clima non si possa fare niente di concreto.Intanto è l'ora di finirla tutte le volte che parli con qualcuno non fanno altro che dire ;il parco l'hanno sciupato ecc......ma ci siete mai stati? meno male che c'è il sensoriale almeno si vedono un pò di giovani ,sennò è un mortorio ,per Franco Albanesi complimenti per ora è l'unico hotel che possa ospitare i clienti più giovani,manca però il divertimento purtroppo non c'è niente hai ragione,non credo che ci vogliono delle cose strabilianti quelle; ci sono già nelle città da dove vengono,magari localini per il dopo cena,discoteca,pub,e sopratutto negozi aperti,noi abbiamo tutto il verde che vogliamo và solo valorizzato,questi parchi li vogliamo aprire o no?che ci si fà, si fanno invecchià? se si vede un giovane seduto sul prato del parco diventa una tragedia,però si tollera certi anziani abbandonati a se stessi che vengono lasciati quì dalle famiglie negli albergi,spesso li trovi nel parco anche in situazioni inbarazzanti,questo và bene nessuno dice niente tutti zitti perchè?perchè vengono solo loro ti senti rispondere.Chianciano deve poter riprendersi in qualche modo spero che la politica possa intervenire al più presto con progetti seri concreti e immediati con l'aiuto di tutti i cittadini per il bene della comunità,soprattutto non bisogna far scappare i nostri figli,i giovani di oggi sono il nostro futuro.

folgoredl190 ha detto...

Personalmente sono piu' che convinto che prima di seminare, il campo deve essere preparato. Dunque, al fine di arrivare ad un vero cambiamento, propedeutico ad una nuova era, soprattutto economica, debbono essere gettate delle solide fondamenta coi' da impedire che il "palazzo" crolli al primo scossone. La proposta su cui si dovrebbe lavorare è questa.
Nelle democrazie piu' avanzate esiste un patto non scritto, definibile "alternanza bi-partisan". La cosa e' molto semplice ma efficacissima: il potere politico delega alle forze dell'opposizione, alcune cariche tecniche "non istituzionali", oltre qualche presidenza di commissione diciamo parlamentare. Veniamo al dunque. Non e' un mistero per nessuno che la sinistra, ormai da diversi anni, "amministra" sia la politica locale che le principali e piu' rappresentative societa' di capitali cittadine, partecipate da privati, banche , dal comune di chianciano e da altri enti locali. Tutti sanno che le diverse amministrazioni di queste societa' che controllano e gestiscono i principali asset e proprieta' pubbliche, hanno dato nel tempo sempre pessimi risultati. I motivi di questo disastro economico sono molteplici e variegati, ma, uno dei principali e' sicuramente quello della scarsissima possibilita' di manovra, quindi di potere economico, attribuito ai singoli amministratori. La nostra proposta si basa principalmente su due elementi.
Il primo, alternanza programmata alla presidenza e all'amminsitrazione delle principali societa' di capitali, partecipate dalComune e/o da altri Enti locali. Il secondo, nomina di una Commissione di Garanzia a maggioranza DS,con idonei poteri atti a vigiliare la corretta esecuzione di programmi prestabiliti dalle parti. I nuovi amministratori nominati, dovranno predisporre concreti piani industriali di rilancio economico,preceduti da idonee operazioni societarie, scissioni, fusioni, ecc. ecc, cosi' da permettere alle societa' di attrarre capitali e ricercare idonei finanziamenti dal mercato. Se quanto proposto sara' accettato da tutti, assisteremo al primo grande passo che ridisegnera' il nuovo cammino della citta' ed il suo forte rilancio economico. cordialmente stefano lo cicero

Andrea Angeli ha detto...

A seguito degli inquietanti fatti di domenica 12 luglio con il distacco dalla parete rocciosa costeggiante la passeggiate della Macerina di un masso di circa un quintale di peso e del diametro di 80 cm riversatosi poi in prossimità di una panchina posta lungo il viale ho presentato un’interrogazione al Sindaco.
Per il momento un sopralluogo dal Corpo di Polizia Municipale di Chianciano Terme ha scongiurato eventuali altri crolli. Tuttavia permangono dubbi circa la dinamica dei fatti e l’adeguatezza del sistema di recinzione posto a protezione della passeggiata che è stato completamente oltrepassato dal pesante masso.
Solamente la fortunata assenza di pedoni sul luogo al momento dei fatti ha impedito il verificarsi di una tragedia. Pertanto un adeguato intervento per porre in sicurezza l’area appare indispensabile.

Anonimo ha detto...

oggi un professore universitario di circa 80 anni in pensione mi ha chiesto quanti abitanti fa chianciano dopo avergli esposto alcune problematiche la risposta lapidaria e secca (lui vive in una grande citta)e stata un comune con 6000n anime, non viene neanche preso in considerazione dalla politica che conta, tranne per qualche voto sulle regionali dove ce un certo interesse dopo di che spariscono, quindi i problemi non solo rimarranno ma peggioreranno, quindi unica via d'uscita coalizzare il paese e la parte economica produttiva e con un apertura da parte dell comune ad essere meno burocratico, e intaprendere strade diverse senza battere sempre contro gli amministratori tanto loro di piu non possono e diciamola tutta dove sono tutti sti fondi per stravolgere in breve un comune quindi signori alziamoci le maniche tutti a lavorare e rimettersi sul mercato perche babbo natale non passa in italia e sopratutto da ste parti

V. ha detto...

salve a tutti,

per l' anonimo delle 15,21

avevi bisogno dell' 80 enne ( finiti questi chianciano rimane deserta!!)
per capire la storia di chianciano in 5 minuti ?
Riguardo alla tua morale, non sono d' accordo, quì ci sono dei politici che hanno promesso il Vero miracolo a chianciano (guidi è stato deriso E SCREDITATO in tutti i modi) sostenendo che la cultura e la professionalità sarebbero state la chiave di volta per far risorgere chianciano altro che guidi….(poveri illusi!!)
quindi sono questi i soggetti che si devono rimboccare le maniche per primi,
a da finì sta storia che dice

"COMPAGNO TE LAVORA CHE IO MAGNO"

o si lavora tutti, ( i politicanti in prima fila) oppure si aspetta BABBO NATALE come dici tu -

Troppo facile pretendere i meriti quando gli altri lavorano..
Come detto tante volte,
i dirigenti non ci servono...
ed invece qui tutti sono o si sentono tali.....

ci volevano e ci vogliono persone con le palle che le facciano vedere con i fatti e non con le solite parole, parole, parole.

....disse un noto manager:

APPREZZEREMO GLI SFORZI MA PREMIEREMO I RISULTATI...

(mi auguro che chi ha votato ferranti capisca il senso della frase!! e magari di tutto il post)

ciao

alla prox.

Anonimo ha detto...

Scusate se mi ripeto in questo commento, ma e' l'unica cosa in cui credo. Quello che fa' la differenza di un luogo, e' la creativita' dei commercianti/impreditori e la loro capacita' di fare forza comune,iniziative idee, nuovi servizi, e nuovi prodotti,valorizzazione delle peculiarita' del territorio.Questo dovrebbe partire soprattutto dagli imprenditori, non si puo' aspettare sempre che le cose accadano.Progettualita' e' quello che manca a Chianciano Terme,in tutte le categorie dalla politica per prima ,al commercio.Quello che sicuramente non e' mai mancato e' la capacita' di lamentarsi,e di addossare le colpe ad altri dei propri fallimenti.a presto

Franco Albanesi ha detto...

SARA' UNA BELLA SERATA, ARRIVANO GIA' CHIAMATE E ADESIONI ALLA CENA DEL 26, VI RICORDO IL TEL. 335-6234406, POTREBBE ESSERE VERAMENTE UNA DELLE PRIME PITRE PER IL FUTURO DI CHIANCIANO, TRA L'ALTRO IERI HO AVUTO LA SODDISFAZZIONE DI INCONTRARE L'ANONIMO DI VALTUBO E HO CAPITO, MA NE ERO SICURO, CHE CONOSCENDOCI UN PO' TUTTI DI PERSONA LE COSE E LE CONSIDERAZIONI TRA DI NOI , CAMBIANO DI PARECCHIO. QUINDI, SPERO ACCETTIATE IN MOLTI QUESTO INVITO, SARETE MIEI GRADITI OSPITI E QUANDO CONTRACCAMBIERETE IO SARO' SEMPRE PRESENTE, X STEFANO, INVITA PURE TUTTI I TUOI AMICI DI CHIANCIANO.

CIAO STEFANO E VALTUBO, PERCHE' NON PREPARIAMO UNA SORTA DI ORDINE DEL GIORNO DI COSE DA DISCUTERE E AFFRONTARE, DURANTE LA CENA DEL 26 LUGLIO??? COSA NE DITE AMICI BLOGGER O CITTADINI CHE SEGUITE QUESTI BLOG???? GLI AMICI DEI PIRATI E ALTRI CHE CI LEGGONO COSA NE PENSANO???? POTETE INTERVENIRE??? MI CHIAMATE AL TEL. 335.6234406???? BUONA GIORNATA A TUTTI.

INVITIAMO ALLA CENA LE MISS, CHE HANNO GIA' ADERITO AL CONCORSO? NON SONO TANTE E LA COLPA E' DI MORR2006, MA SONO BONINE......

folgoredgl190 ha detto...

sagge parole caro anonimo delle 12,39, sagge parole.....parole....parole....
Scusate ma ogni tanto ci sta beneanche un provocazione. E intanto il tempo se ne va. stefano lo cicero

Anonimo ha detto...

Caro fraco, gli argomenti e le riflessioni sono talmente tanti e ampi, che l'idea di predisporre un ordine del giorno mi pare francamente prematura. E' la seconda volta che ci incontreremo, sempre che riusciremo a farlo, e dobbiamo ancora conoscerci meglio. Dico di andare a braccio con i ragionamenti e qualcosa accadra'. non trovi? Ritengo pero' che prima di tutto la cosa che vada discussa è: come smuovere gli "immobili", non intesi compe cespiti, ma come persone che ancora sono ferme o titubanti. Fino a che gli amministratori di chianciano, la sua opposizione e tutte le forze della societa' civile cittadina non inizieranno ad "urlare" e far sentire dunque la loro protesta le cose non si muoveranno. ciao slc

Anonimo ha detto...

Caro Damiano,
rispetto alle domande che poni
se vuoi posso risponderti che dall'opposizione ho contribuito all'accreditamento di due importanti progetti scentifici
per le terme e che dalla maggioranza ho dovuto approvare il Bingo nonostante non ero daccordo. Ho ereditato la privatizzazione dell'acqua dall'Amministrazione precedente e qualcuno in questa campagna elettorale mi ha accusato di averla privatizzata io.
Sai la politica è difficile soprattutto perchè le cose che si dicono e si fanno spesso vengono distolte quanto passano da bocca a bocca, gli atti cmq rimangono e sono fortunatamente consultabili.
Ma non è questo che conta (se vuoi in separata sede ti faccio un dettaglio più specifico delle responsabilità personali) e poi
Quanto partecipi ad amministrare e noi lo abbiamo fatto dal 1991 al 2003 (tu ricordi solo me vice-sindaco) ti prendi oneri ed onori e non è neanche giusto dire: io ero bravo e gli altri no, anzi io mi prendo anche le responsabilità dei consiglieri del PRC che c'erano prima, se questo può servire.
Il problema però è un altro e non dipende dalla capacità di ognuno di noi o dall'entusiasmo e l'intelligenza che mettiamo nel ruolo che si ricopre. Fra l'altro penso che le persone che dedicano il suo tempo a fare il consigliere o l'Assessore l'ho fanno sempre con l'intenzione di far bene ed oggi sono sempre di meno quelli che si espongono. Come ben sai io non ho mai accusato nessuno
personalmente: sostengo che il progetto del PD che dal 2003 (insieme ai verdi allora)ha impedito la realizzazione del Palacongressi a Mezzo Miglio
è stato un errore.
Il fatto che del Piano Industriale delle Terme che doveva (e non ha fatto)recepire le linee di privatizzazione delle terme nel 2002 (anch'io le ho votate nonostante sostenevo che l'unica cosa da fare era l'Azienda Speciale) non è stato realizzato niente, conferma l'errore della stragia politica. Nei cinque anni di opposizione che abbiamo fatto, non siamo riusciti a comprendere se si trattava di errore strategico o di scelta vera e propria. Questo potrebbe essere un nostro limite. L'immobilità del PD con l'avallo implicito del PdL hanno portato Chianciano in una situazione "imbarazzante" e stranamente le due liste civiche a loro ispirate (avevano quasi lo stesso programma) hanno avuto il 92,5 % dei voti degli elettori. Per cui dovremmo essere salvi. Oggi non c'è neanche Rifondazione a disturbare, quindi le cose dovrebbero andare meglio per forza. Anzi, ti dirò che è giusto che Rifondazione non sia in Consiglio comunale: paga la colpa di non essere riuscita a coinvolgere i cittadini sulle questioni denunciate e sulle battaglie portate avanti in questi 5 anni.
La vera realtà politica, secondo me è un'altra e la riassumo nell'indebolimento della politica rispetto alla burocrazia ed ai poteri forti.
Io ho fatto delle proposte e sono convinte che siano le uniche praticabili in questo momento critico. Ma posso anche sbagliarmi. Mi piacerebbe discutere con gli altri del blog, per verificare se ci sono altre strade. Partendo dalla consapevolezza e dalla question time che il problema è capire se Chianciano deve e può restare una città termale oppure deve e/o può essere qualcos'altro, e se come dici tu mettendoci insieme casinò, golf, parchi giochi ecc... (di cui ancora non si conoscono progetti ma solo intenzioni) si può mantenere la caratteristica termale lo stesso rinnovandone solo l'appeal turistico.

DiErre74 ha detto...

Caro Antonio, innanzitutto ti ringrazio per il tuo commento in risposta alle mie considerazioni ed ai quesiti da me postoti. Non nego che, indipendentemente dall’area politica che puoi o meno rappresentare, da ottimo politico quale ti ritengo non mi aspettavo indubbiamente risposte poi così diverse da quelle che hai fornito……, comunque apprezzo veramente molto la tua presenza su queste pagine e sicuramente avremo modo anche di persona di chiarire alcuni punti su cui abbiamo visioni e/o opinioni diverse. Posso comunque confermarti che anche secondo me fare dietrologia politica ormai non serve più a niente ed a nessuno, se non per capire dove si è sbagliato e quindi a non ricommettere gli stessi errori. Su una cosa hai senz’altro ragione: la politica si è indebolita rispetto alla burocrazia ed ai poteri forti, ma soprattutto si è molto allontanata dai cittadini, ed è da qui che a mio avviso dovremmo tutti ripartire. Al prossimo commento, un saluto e buon fine settimana.
Damiano Rocchi

Attenti alle Strisce ha detto...

Franco ma la Ferrugginosa l'hai invitata alla cena del 26????

gabriellaforever ha detto...

Cosa fare???
Gabriella continua così che sei fortissima e ti sei circondata delle persone giuste.

GinoBartali glietuttodarifare ha detto...

Antonio Dice: “La vera realtà politica, secondo me è un'altra e la riassumo nell'indebolimento della politica rispetto alla burocrazia ed ai poteri forti.”
Damiano ripete: “Su una cosa hai senz’altro ragione: la politica si è indebolita rispetto alla burocrazia ed ai poteri forti, ma soprattutto si è molto allontanata dai cittadini,”
Ma che c… volete dì co ste frasi?
Volete dì che la politica che finora ha fatto il buono ed cattivo tempo, ora è sottoposta alla burocrazia che ha creato la stessa politica? Ed i poteri forti quali sono? La mafia o la camorra ? o le banche che poi sò la stessa cosa della mafia e della camorra?
Ma il potere alle banche gliel'ha dato la politica.
Lo stesso vale per il potere che alla burocrazia gliel'ha dato la politica o meglio è la politica che crea la burocrazia per dominare i cittadini.
Ergo come si fa a dire che la politica si è indebolita rispetto alla burocrazia?
Poi dice Damiano: “si è molto allontanata dai cittadini”
A me risulta che la politica è stata vicina ai cittadini solo al momento del voto … poi basta … Chiuso … Fine delle trasmissioni.

Anonimo ha detto...

rispondendo ad anonimo senza offesa e giusto che rifondazione non ce e non ci sia come d altronde a livello nazionale perche quando si e dentro cert tipi di partiti bisogna sentirsi nell sangue l ideologia la convinzione di un certo tipo di pensiero ma molto chiaramente essendo noi italiani non stupidi e vedendo bertinotti pretendere una poltrona (bella e comoda)per fare quello che fanno tutti i politici penso che la spiegazione sia superflua ritornate in mezzo alla gente chissa forse un giorno

DiErre74 ha detto...

Caro GinoBartaliglietuttodarifare, ti voglio rispondere sinteticamente (vista anche l’ora..) al secondo punto, sul primo magari ritornerò volentieri in modo esaustivo più avanti. È proprio come affermi tu, la politica dei politicanti si ricorda dei cittadini quasi esclusivamente al momento del voto, mentre quella in cui vorrei credere io è quella che la si può fare spontaneamente e genuinamente tutti i giorni, confrontandosi così come lo stiamo facendo noi su queste pagine. A presto.

Anonimo ha detto...

o bartali, ma col tuo intervento invece te che volevi di? mi sà che alla fine dite tutti la stessa cosa, o no?

Fabrizio Giugnoli ha detto...

"Fare qualcosa" è una frase che circola da anni nel paese, e che in qualche modo da la misura della necessità di interventi urgenti.
Ma, anche in base al modo in cui si sono mosse le precedenti amministrazioni, un modo affannoso e scoordinato che non è che abbia prodotto chissà quali risultati, io interpreto a modo mio il "fare qualcosa".
Quindi a mio parere le prorità sono soprattutto domande a cui dare urgente risposta.
Insomma, si costruisce partendo dalle fondamenta.
Ovviamente il piano strutturale farò il suo corso, ma il paese ha bisogno di risposte POLITICHE da subito senza dover rimanere sospeso (a caro prezzo) nel limbo di per certi versi incomprensibili iter burocratici.

Quindi

1) Rendere pubblica da subito (prima possibile) l'idea che questa amministrazione ha della Chianciano che sarà.

2) Determinare (e rendere pubblico) il progetto economico su cui puntare negli anni a venire, quale nuovo tipo di prodotto turistico etc.

3) Dire con chiarezza di quanti posti letto, di quanti alberghi, di che categoria, di quali strutture ricettive e/o di servizio abbiamo bisogno per riqualificare la nostra offerta.

4) Fare chiarezza su quali saranno le strutture che rimarranno necessariamente fuori da tale riqualificazione

5) Definire da subito "una via di uscita" che permetta da una parte ai proprietari di permettersi "il lusso" di chiudere e dall'altra indichi le modalità di riconversione dei volumi

6) Decidere da subito quanti di questi volumi dovranno rimanere all'interno dell'offerta turistica riconvertiti in nuove strutture ricettive più consone ai tempi

7) Decidere da subito le aree e come procedere nel caso si presenti un imprenditore che vuole "costruire" nel turismo a Chianciano (ubicazione, modalità procedurali, agevolazioni etc.)

8) Intervenire con urgenza con un progetto complessivo su ciò che già abbiamo e caratterizza la nostra attuale offerta turistica (Terme, Parchi, Territorio, Cultura, Storia etc.).

9)Riprogettare il tutto con in allegato un adeguato piano industriale adeguato che indichi con chiarezza dove è più logico ubicare gli attuali e nuovi servizi, cosa fare dei fucoli, cosa vendere all'acquasanta, se c'è la necessità della partecipazione di un soggetto privato, cosa fare per migliorare l'offerta e portare ENTRO BREVE almeno a pareggio i bilanci etc..

10) Definire da subito almeno le priorità degli interventi urbanistici di riqualificazione del paese

11) Definire da subito quali sono gli interventi necessari per migliorare la promozione attuale e quella futura.

12) Ridefinire la figura e il ruolo dei manager e/o amministratori pubblici o di nomina pubblica. All'interno di un progetto del genere c'è bisogno di unire qualità morali, conoscenza del paese e della sua realtà economica, ma anche e soprattutto di competenze elevate e specifiche.

13) Lavorare sulle sinergie possibili, a tutti i livelli. Tutti questi progetti, tutte queste idee necessitano di una condivisione massima.

Solo solo idee, tra l'altro buttate giù in fretta, e senz'altro discutibili, ma di certo conoscere la strada oggi più che mai coincide con il conoscere il destino della propria attività, del futuro professionale proprio e dei propri figli.
Conoscere è democrazia perché da la possibilità ai singoli cittadini di decidere in prima persona su come muoversi verso il proprio futuro, un futuro possibilmente migliore, qui o altrove.
Non mi sembra poco.

Anonimo ha detto...

Vorrei fare i complimenti a Fabrizio Giugnoli unica persona che ha descritto tutte le problematiche di Chianciano con estrema chiarezza e competenza

south force

Anonimo ha detto...

Beh, direi che il buon intervento di fabrizio giugnoli merita oltre che un'attenzione particolare, anche una risposta immediata in termini politici. Giugnoli riassume in circa 10 punti quelle che sono le principali richieste della citta' che coincidono con le priorita' da avviare con decisa urgenza. Bene, atteso che gli Organi preposti sembrano un po' troppo addormentati o distratti da altre problematiche, con quali mezzi e attraverso quali veicoli si dovrebbero secondo voi far ridestare dal sonno che dura ormai da quasi vent'anni? ciao a tutti stefano lo cicero

Nostradamus ha detto...

Chianciano Paese con il parcheggio di Borgonuovo è alle prese

Nella prossima primavera doveva avere la conclusione

Ma il tempo passa e aumentano tempi e spese

Cosi forse i nostri figli parcheggeranno al Cantinone

folgore dgl 190 ha detto...

In riferimento ad un commento apparso ieri sul blog di francoalbanesi, a firma "brutochiancianese", commenti oggi giustamente rimosso dal responsabile del blog, pur considerando la motivazione che ha spinto l'auotre del commento, devo prendere le assolute distanze dallo stesso, ritenendolo per alcune sue parti, denigratorio ed offensivo delle persone in riferimento. Invito per il futuro l'autore del commento eliminato, ad attenersi scrupolosamente alle rigide regole di correttezza trasparenza e veridicita' che contraddistinguono il blog in questione. Noi mai abbiamo condiviso, alimentato o provocato situazioni o fatti contenenti offese alle persone, come giammai riportato commenti falsi e diffamatori. stefano lo cicero

spazzino bighellone ha detto...

Prendo spunto da nostradamus:

Scusate la mia curiosità, ma i lavori al Cantinone sono ripartiti o sono sempre fermi? E se sono ripartiti, in che maniera? Se non erro, l'attuale sindaco in campagna elettorale aveva promesso (in caso di una sua vittoria) di rivedere il progetto ed eventualmente modificarlo. Da quanto mi risulta niente è stato fatto in proposito, anzi mi sembra che i lavori vadano a rilento creando inevitabili ulteriori malcontenti e disagi agli abitanti del Borgonuovo.
Non male direi...

Andrea Angeli ha detto...

Spazzino bighellone e Nostradamus con concordo con le vostre perplessità. Da diverse settimane i lavori per la realizzazione del nuovo parcheggio multipiano del Borgo Nuovo sono fermi per motivazioni sconosciute. A tal riguardo questa mattina ho presentato un interrogazione in qualità di consigliere in comune.
Il testo dell’interrogazione l’ho inviato a Valtubo e potete visionarlo anche a questo indirizzo:
http://giovaniperchianciano.blogspot.com/2009/07/parcheggi-borgo-nuovo-tutto-tace.html

folgore dgl 190 ha detto...

Scusi Angeli, lei che eì persona corretta e molto attenta, che ne dice di trovare il sistema informare preventivamente i cittadini di chianciano terme sul calendario dei consigli comunali, nonche' sul risultato di tali consigli in riferimento alle singole presenze dei vari consiglieri e assessori, sia della maggioranza che della opposizione, cosi' come per le delibere, le interrogazioni ecc. ecc. cordialita' stefano lo cicero

Andrea Angeli ha detto...

Egregio Sig. Lo Cicero,
innanzitutto concordo con lei sull’importanza di dare adeguata pubblicità all’attività amministrativa e in tal senso la invito a vedere le interrogazioni e gli odg che ho già presentato e che saranno in discussione al prossimo Consiglio Comunale:

http://giovaniperchianciano.blogspot.com/2009/07/digitalizzazione-della-documentazione.html

http://giovaniperchianciano.blogspot.com/2009/07/riprese-audio-video-dei-consigli.html

http://giovaniperchianciano.blogspot.com/2009/07/interrogazione-inerente-il-periodico.html

Inoltre, sempre per rimanere in tema, questa mattina mi sono recato in comune e ho chiesto delucidazioni al Segretario Comunale circa la possibilità, a termini di legge, di pubblicare sul nostro blog, www.giovaniperchianciano.blogspot.com/ le delibere della giunta e del consiglio nonché gli odg dei consigli. Dato che a quanto sembra non esistono impedimenti normativi, nei prossimi giorni dopo averne dato comunicazione al Sindaco provvederemo ad inserire la relativa documentazione online.
Infine mi è stato assicurato che tra qualche mese, non appena sarà operante il nuovo sito web del comune, sarà possibile accedere a questa documentazione in maniera completa anche su quel portale.
Cordiali Saluti

Andrea Angeli

alcuni bloggers delusi ha detto...

Di certo scrivere sul blog non è un obbligo, ed è vero che se uno deve scrive tanto per scrive è meglio che stia zitto,……va bene che ora siamo in estate e molti sono in vacanza, ma la totale ed istantanea uscita di scena, guarda caso dopo le elezioni, dei vari onda lunga, dago56, W il Cassero, grazieobama, andrea94, per non citare quelle di Marco Rossi e Paolo Piccinelli, è veramente strana!
Qui sembra della serie che…raggiunto lo scopo, non c’è più niente da dire, va tutto bene! Qualunque cosa la maggioranza decida o pensi di programmare, non c’è niente da dire! Semmai si tornerà a dì qualcosa tra 4 anni…., ma via!
In effetti, a scusante di tutto ciò, c'è anche l'assenza comunicativa da parte del “Palazzo” che dopo la vittoria non dirama più notizie ne nel bene, ne nel male (e questo è sempre un male...), ma i problemi di Chianciano rimangono, anzi peggiorano!
Ce ne sarebbe quindi da discutere, da suggerire, da stimolare...
Cari “desaparecidos”, se non è così, diteci almeno perché non dialogate più con noi! Non ci sono argomenti interessanti? Lanciateli voi! A me pare che di argomenti da trattare ce ne siano molti e che Valtubo sia sempre disponibile a suggerimenti, quindi…
Oppure che ne so', pensate che il dibattito sia troppo “terra-terra”? Aumentatela voi la qualità, no?
Si attendono vostre notizie…

Anonimo ha detto...

Caro Angeli, mi complimento con lei, era ora che qualcuno comprendesse l'importanza di certi atti. Sono personalmente convinto che dopo tanto fatica ci stiamo sempre di piu' avvicinando verso quella nuova era di trasparenza e "politica partecipativa", da tutti fortemente voluta. cordialita' stefano lo cicero
NB lEI E' FORMALMENTE INVITATO ALLA CENA DI SABATO 26 ALL'ADMIRAL PALACE, LA PREGO DI INTERVENIRE, PERSONE COME LEI FANNO LA DIFFERENZA.

folgore dgl 190 ha detto...

Condivido pienamente l'ottomo commento di " alcuni bloggers delusi", sara' forse la stagione balneare, sara' forse che dopo le elezioni torna la calma piatta, ma non erano certo queste le aspettative dei bloggers durante la campagna elettorale. Il peggio non e' alle spalle di nessuno, il peggio e' putroppo presente ancora in tutta la sua tragicita'. "Allarme cittadini"..... e' la prima strofa della Marsigliese! e allora??? dove sono finite tutte le speranze e le idee di radicale cambiamento ? cordialita' slc

Andrea Angeli ha detto...

Egregio Sig. Lo Cicero,
la ringrazio per i complimenti che fanno sempre piacere!
Tuttavia ma non credo di meritare tutti questi elogi.
Io faccio solamente ciò che sento di fare per il mio paese, fino a quando potrò, con ONESTA' e PASSIONE e questo credo che la stragrande maggioranza dei chiancianesi, al di là della rispettiva visione politica, lo riconoscano (TRANNE QUALCUNO DI MIA CONOSCENZA … !!!!)
Sono molto onorato e la ringrazio, inoltre, per il suo invito formale alla cena del 26 ma purtroppo non credo potrò esservi presente in quanto domenica sarò fuori Chianciano.
Cordiali Saluti

Andrea Angeli

DAGO 56 ha detto...

Un saluto a tutti i blogger che continuamente mi chiamano in causa e si lamentano della mia assenza.
Vi ringrazio di cuore e assicuro che appena posso leggo sempre con attenzione tutti gli interventi.
La mia assenza è dovuta a due specifiche motivazioni, la prima al poco tempo che il mio lavoro mi lascia e l’altro che vedo molta più competenza e capacità nei bloggher attuali in quanto ammetto che mi appassionava di più la parte politica.
Anche a me mancano molto alcuni bloggher (per esempio Talia).
Grazie per quanto state facendo per Chianciano.
Alla prossima.

Andrea Angeli ha detto...

L'interrogazione sui parcheggi del Borgo Nuovo presentata ieri mattina in comune e l'articolo sul corriere di Siena di oggi sembrano aver sortito qualche effetto; infatti secondo quanto mi hanno riferito, questa mattina la ditta appaltatrice avrebbe riiniziato a lavorare nel cantiere.
Sarà vero? Solo una finta?
Vedremo!
Comunque in attesa di una risposta all'interrogazione da parte dell'amministrazione continuiamo a vigilare.

http://giovaniperchianciano.blogspot.com/2009/07/qualcosa-si-muove.html

Anonimo ha detto...

Dago56 se c'hai tanto lavoro meglio per te, strano però che proprio in tempi elettorali il lavoro latitava e avevi più tempo per scrive! Non è invece ce hai smesso per paura di doverti esporre su temi specifici tipo Pereta? Sai a pensare male a volte ci si chiappa!

ambaradà ha detto...

Cari amici blogger delusi, io sono certamente deluso quanto voi, ma non tanto per la mancanza nel blog di alcuni desaparecidos come dite voi, ma per il silenzio assordante della nuova amministrazione. Certo sono strane le assenze di blogger che prima delle elezioni scrivevano un giorno sì e quell’altro pure, ma il calo fisiologico e “balneare” può starci; io stesso ho ridotto un po’ la mia presenza, ma nonostante il lavoro che fortunatamente adesso mi impegna molto di più che nel periodo invernale, seguo costantemente e leggo e come dite voi, scrive tanto per dire qualche str…ata, non è il caso. Mi auguro in ogni modo che gli altri tornino a scrivere e dire ciò che pensano, avremo tutti da guadagnarci dal confronto.
Quello che però mi inquieta e non poco è la totale mancanza di comunicazione da parte dell’amministrazione, mi chiedo: ma un comunicato stampa in un mese l’hanno fatto?
Ce lo vorranno dì quello che vogliono fare, oppure bisogna rileggersi un’altra volta il compitino scritto nel programma elettorale e letto anche al primo consiglio? Pensano che basti quello?
Tanto per dinne qualcuna, in giro si vocifera che:
- per il piano strutturale i tempi si allungano perché c’è da ridà tutti gli incarichi ai tecnici e intanto il tempo passa…..
- che il progetto di piazza italia, che trovato l’accordo con i privati sembrava dovesse partì a ottobre ora non và più bene e non garba più a nessuno e allora via, si riparte da capo e intanto il tempo passa….
- che al cantinone si sono fermati i lavori perché dopo tutto il can can fatto, come minimo si deve rivedè un po’ il progetto, e intanto il tempo passa…..
- che il progetto dei parcheggi sotto la coop, anche quello non và più bene e forse sarà il caso di rimetteci le mani, e intanto il tempo passa….
Allora, che si fa? Avete deciso? O vi serve un po’ di tempo? Noi intanto si aspetta che il tempo passi….

STUPEFATTAAAAAAAAA ha detto...

sono veramente veramente stupita...be questo è l'effetto che mi fa il Sig. Albanisi and company, ora ci mettiamo ad elogiare il consigliere Angeli a dire che è bravo e che la Ferrugginosa è cattiva...mi scusi ma se non ricordo male lei era quello che quando la ferrugginosa (Ferranti)che ora definisce come la solita amministrazione distruttiva, ha vinto, lei era fuori a FESTEGGIARE e la sera era INSIEME A LEI a Tele Idea, le ricordo che gente come Angeli in lista c'era da marzo, le cui competenze, 2 lauree con 110 e lode in Scienze dell'Amministrazione e Scienze Politiche, encomio di publicazione che viene dato una ogni "morte di Papa", presidente di vari circoli, erano reperibili e consiltabili per tutti e come ne sono venuta a conoscenza io poteva farlo benissimo anche lei...BASTAVA SOLO INFORMARSI...ora dirgli bravo dopo aver fatto perdere la sua coalizazione con la lista "civetta" mi sembra un comportamento incomprensibile...LACRIME DI COCCODRILLO CHE PRIMA SBRANA LA VITTIMA E POI PIANGE...

Giovanni Lacchè Media Sport Event ha detto...

Ho parlato con Giovanni Lacchè di Media Sport Event la società che cura il ritiro di alcuni prestigiosi club di calcio,e che con Franco Albanesi ha fatto venire L’Udinese Calcio a Chianciano Terme.
Gli ho chiesto come si sono trovati a Chianciano ha risposto: “la squadra si è trovata molto bene e il trattamento in albergo (Admiral Palace ndr) è stato molto buono” poi ho chiesto perché sono andati ad allenarsi a Montepulciano risp: “perché il Sindaco e l’Amministrazione non hanno dato l’assenso all’utilizzo del campo di Chianciano” , ho anche chiesto se a livello strutturale Chianciano poteva andare bene o se mancava qualcosa per poter tornare nei prossimi anni risp: “il campo di Chianciano ha un manto buono e poteva andare bene, manca eventualmente, soltanto la pista di atletica, ma serviva solo per alcuni carichi della squadra, è mancato solo l’assenso dell’Amministrazione”.
Voglio ringraziare il Sig. Giovanni Lacchè Media Sport Event per la dichiarazione e spero nei prossimi anni l’Udinese o altre squadre di calcio di Serie A possano venire in ritiro da noi.

Anonimo ha detto...

Di idee ne leggo veramente tante,e piu' o meno valide,ma la prima cosa da affrontare per bloccare il declino di Chianciano nessuno la detta.La cosa da fare nell'immediato, e' di unire (DICO UNIRE)tutte le proprie forze degli imprenditori insieme alle ass. di categoria, comune,provincia regione,ed affrontare seriamente la parola crisi,quando oramai da mesi non vengono piu' pagate tasse contributi rate dei mutui,e' inutile rimandare il problema.A Chianciano c'e' vergogna di esporre i problemi economici delle aziende e di dire una volta per tutte che Chianciano Terme e' veramente finita.Non ci sono piu' lavori, non ci sono piu' clienti,e non vengono piu' dati servizi di qualita, i nostri ragazzi fuggono.Ma guardiamoci un po' intorno a noi, dobbiamo solo che vergognarci,nonostante la crisi il mondo gira,solo che a Chianciano girano solo le palle.Cominciamo a sbattere i pugni sui tavoli( per alcuni nel muso) ed a pretendere cio' che ci e' dovuto oramai da anni,lasciamo stare la politica tanto non siamo capaci, siamo nati per il turismo.(e lo si e' fatto male anche quello). Coraggio pero'ci vuole un matto che cominci......
a presto A

folgore dgl 190 ha detto...

GENTILE STUPEFATTAAAAAAA, MI PERMETTO DI RISPONDERE PER FRANCO ALBANESI, ATTUALMENTE IMPOSSIBILITATO POICHE' ALL'ESTERO PER MOTIVI DI LAVORO. PRELIMINARMENTE RILEVO CHE LEI CONFONDE, FORSE SCIENTEMENTE, LA DURA BATTAGLIA PRE- ELETTORALE CON LA LOGICA ( O MEGLIO DIRE ILLOGICA)POLITICA. DOVREBBE SAPERE CHE LE DUE COSE SONO DIAMETRALMENTE OPPOSTE, COME LE FAMOSE, O FAMIGERATE, "CONVERGENZE PARALLELE". IN SUB ORDINE MI DEVE PERMETTERE DI INVITARLA PER IL FUTURO A NON APOSTROFARE IL NUOVO SINDACO COME LA "FERRUGGINOSA", SARA' PURE UN VEZZO DI QUALCUNO, MA E' UNA VERA E PROPRIA CADUTA DI STILE, OLTRE CHE DI RISPETTO VERSO LA FERRANTI. PER QUANTO ATTIENE POI IL CONSIGLIERE ANDREA ANGELI, NON PARE PROPRIO ALLO SCRIVENTE CHE ALCUNO DELLA COSI DETTA "COMPANY", COME LEI LA DEFINISCE, NE TANTO MENO FRANCO ALBANESI, ABBIA MAI PROFERITO OFFESE O BIASIMI NEI SUOI CONFRONTI; DIVERSAMENTE MOLTE MANIFESTAZIONI DI STIMA E AMMIRAZIONE SONO STATE PROFERITE NEI RIGUARDI DEL DOTTOR ANGELI IN PIU' DI QUALCHE OCCASIONE, ANCHE DIRETTAMENTE DA FRANCO ALBANESI. IL DOTTOR ANGELI, SE LO RITIENE, POTRA' CONFERMARE TALI VERITIERE CIRCOSTANZE. PER CIO' CHE ATTIENE POI LA CAUSA DELLA SCONFITTA DELLA LISTA GUIDI, DA LEI ATTRIBUITA A FRANCO ALBANESI, RITENGO CHE SIA ORMAI UNA STORIA ABBONDANTEMENTE SUPERATA, MA CI TENGO A RIBADIRE CHE LA RAGIONE FONDAMENTALE DI TALE SCONFITTA, E' SOLO ED ESCLUSIVAMENTE ATTRIBUIBILE A QUEI COMPONENTI DELLA LISTA CHE DI FATTO HANNO IMPOSTO UN VETO ASSOLUTO SULLE CANDIDATYRE DI ALBANESI E A. ROSSI, ALL'INTERNO DELLA LISTA GUIDI. CIO' E' STATO ESSENZIALMENTE DOVUTO A UNA SCIOCCA PRESUNZIONE E ANCOR PIU' STUPIDA SUPPONENZA,OLTRE CHE AD UNA OTTUSA MENTALITA' POLITICA. f. aLBANESI E A. ROSSI, PROFONDAMENTE UMILIATI DA QUESTO ASSURDO VETO, HANNO BEN PENSATO, E NESSUNO POTEVA IMPEDIRGLIELO, DI FONDARE UNA LISTA PROPRIA, UN CARTELLO TRASVERSALE RISPETTO ALLE ALTRE LISTE. LA DUREZZA DELLA CAMPAGNA ELETTORALE HA POI CONSIGLIATO SIA ROSSI CHE ALBANESI, A NON PATTEGGIARE VERSO LA LISTA CHE LI AVEVA DI FATTO BOICOTTATI. AL PIACERE DI RILEGGERLA QUANTO PRIMA. CORDIALITA' A TUTTI. STEFANO LO CICERO

folgoredgl190 ha detto...

caro anonimo delle 19.22, parole sante dal tuo commento. Noi e' piu' di tre anni che propviamo e riproviamo a fare quello che tu dici; cio' nonostante i risultati fino ad oggi sono sotto gli occhi di tutti. Secondo te da cosa dipende questo apparente fallimento da noi riscontratofino ad oggi. Cordialita stefano lo cicero

DAGO 56 ha detto...

Caro anonimo 21 luglio 2009 23.26, vedo che non hai letto o più precisamente non vuoi capire (perché chiaramente prevenuto) la frase “vedo molta più competenza e capacità nei bloggher attuali in quanto ammetto che mi appassionava di più la parte politica” .
Spero che ripeterla serva a qualcosa.
Su PERETA è un tuo sacrosanto diritto di pensare tutto quello che vuoi, ma in ragione di cosa????
Tutto questo mi ricorda una canzone di tanti anni fa che potrei parafrasare così:
Se scrivi, ti tirano le pietre, se non scrivi, ti tirano le pietre.
Ti saluto anche perché credo di aver capito chi sei e mi conosci molto bene.
Un salutone e alla prossima.

troppa ghianda ha detto...

L’argomento del post parla chiaro: “Cosa fare?”, questa è la frase giusta per Chianciano nel 2009, cioè se non proprio reinventarsi, ristrutturarsi parecchio.
Non voglio fare interventi politici, non li so’ fare e li lascio volentieri a chi ne mastica più di me, ma solo alcune riflessioni sul cambiamento del turismo e della nostra offerta negli anni e sulla possibilità di rianimare la situazione.
Ho letto in un precedente commento i ricordi di un medico ottantenne riportati da un blogger, legati al periodo d’oro della nostra Stazione Termale, ecco, Chianciano sembra diventata una strana macchina del tempo in cui tutti vivono di ricordi (turisti e chiancianesi) ma dove non sembra esserci interesse ad un revival dei tempi che furono, dove gli ottantenni tornano trentenni e i trentenni diventano ottantenni.
Oggi il turismo in genere è radicalmente cambiato, sono cambiati i trasporti, le possibilità economiche, le abitudini, paradossalmente dovremmo avere più turisti adesso che in passato, ma paghiamo principalmente la concorrenza ed i nostri standard di accoglienza e di offerta, drammaticamente calati.
Voglio essere più preciso.
Il danno secondo me, più che dall’abolizione del congedo straordinario del S.S.N. all’inizio degli anni ‘90, è stato fatto con la politica “ribassista” iniziata una decina di anni prima, con i gruppi dei comuni, i quali venivano ospitati non solo in bassa stagione, ma anche d’agosto (ricordiamo le famose “ciabatte” in ogni dove).
Ora, non volendo mancare di rispetto a nessuno, si capisce che la clientela “buona”, che lasciava vagoni di soldi a tutti, abituata a certi standard di trattamento, allo “struscio” in Piazza Italia, alla sfilata di moda della sera, ai locali notturni, sia facilmente andata in conflitto con persone (onestissime e dignitosissime, per carità) magari mai uscite da casa, che apparecchiavano i tavoli al parco coi thermos e i panini, o che mangiavano al tavolo accanto in albergo togliendosi le scarpe ecc., provocando il progressivo abbandono della frequentazione di Chianciano da parte di quella clientela, diciamo così, alta.
Paghiamo ancora quella dissennata politica e adesso dobbiamo ricostruire un’immagine, che certamente ha bisogno in primis di strutture, alberghi, negozi, locali e personale all’altezza e che sia supportata da un testimonial “famoso” come veicolo pubblicitario.
-segue-

troppa ghianda ha detto...

I tempi sono ristretti, si sono persi troppi anni ad accontentare il potere politico di turno (in fondo sempre il solito) che ha prodotto solo immobilismo, ma secondo me possiamo farcela, anche perché fortunatamente siamo ubicati in un contesto unico al mondo (non oso pensare cosa sarebbe stata Chianciano se fosse stata in altra zona…) che può aiutarci, con i bellissimi dintorni, lo charme della Toscana, le città d’arte, il paesaggio, la cucina e, importantissima, la logistica di strade e ferrovie.
Nell’immediato sarebbe importante formare meglio il personale dei servizi pubblici e privati (alberghi, negozi, ristoranti) e con questo voglio dire Vigili Urbani che sappiano una base di inglese e che sappiano dare informazioni di base sulla città (non solo indicare una strada), personale delle Terme meno scontroso, preparato nelle lingue e nella professionalità (motivato e non scocciato), albergatori e negozianti aggiornati, che finalmente inizino a ragionare con un’unica testa senza farsi la guerra (ragazzi, ci sono 3 centri commerciali naturali…) e convincendosi del fatto che se viene gente, il lavoro ce n’è per tutti.
Poi ci vorrebbe un piano di manutenzione del patrimonio comunale (strade, marciapiedi, illuminazione, arredo urbano), perché non c’è Cliente che non si lamenti delle buche, dei marciapiedi sconnessi, delle aiuole desolanti, della scarsa illuminazione, ecc.
Stimolare poi, da parte dell’amministrazione (con il contributo fattivo dei proprietari dei fondi, un po’ meno esosi), l’apertura di nuovi locali e attività, per creare un’offerta commerciale più variegata.
Un aspetto importante è poi quello legato agli spettacoli ed all’intrattenimento, e qui c’è veramente da fare, dal momento che la “stagione” del Bruco, a parte qualche congresso (che semmai è di intralcio al Cliente), non offre quasi nulla e di livello basso.
Anche i privati hanno le loro colpe: è mai possibile vedere una scritta “affittasi” grossa come una casa sul Garden in Pazza Italia, quando quella struttura potrebbe essere il Teatro per spettacoli, cabaret, operette, concerti (è una sala da quasi 900 posti) nonché cinema in estate (i turisti che stanno a Chianciano non vanno di certo a Querce al Pino la sera…).
Purtroppo quel cartello, in quel luogo così simbolico, le serrande abbassate, i parcheggi vuoti e la poca gente in giro, fanno male.
Diamoci una mossa perché non vorrei che quella scritta fosse messa all’inizio del paese…”affittasi Chianciano Terme”.

Anonimo ha detto...

Si parla tanto di turismo sportivo, di personaggi o squadre importanti per rilanciare l’immagine di Chianciano e se ho letto bene le dichiarazioni del sig. Lacchè qualcosa non torna.
Sono andato ad informarmi ed ho visto che questo personaggio è un agente UEFA, è il presidente di una società che organizza i ritiri estivi e le amichevoli di molte squadre di serie A ed anche dell’Udinese in questi giorni a Chianciano solo per dormire e a Montepulciano per allenarsi in forma ufficiale, per disputare le partite e quindi per attirare la gente.
Ora, a quanto detto da sig. Lacchè a parte la mancanza della pista di atletica utilizzata solo per alcuni esercizi di carico, sarebbe andato bene anche l’impianto di Chianciano, ma pare che l’Amministrazione non lo abbia concesso.
Se così fosse sarebbe un vero passo falso ed una occasione persa.
Io queste persone tipo Lacchè me le terrei strette e farei di tutto per progettare un accordo con una società di serie A per il ritiro estivo, almeno per qualche anno consecutivo.
Parallelamente, su consiglio delle squadre stesse, aggiornare gli impianti per renderli ancora più adeguati.
Ma chi ci deve pensare a tenere questi contatti e a sviluppare questi progetti?

Anonimo ha detto...

Dago56, potrai avere ragione su molte cose, ma su una sbagli di sicuro: sò chi sei è vero, ma non ho mai avuto modo di parlare direttamente con te! E quindi non ti conosco bene, anche se abbiamo amici in comune, che anche loro lamentano la tua assenza. Ciao

Anonimo ha detto...

risposta per anonimo 22 luglio 2009 23.00: l'assessore allo sport! claudio rossi prima, paolo piccinelli ora.....

Anonimo ha detto...

dice bene stupefattaaaaaaaaaaaaa caro sig locicero e albanesi fate il bello e cattivo tempo cercate la ferranti e dite che manco vi hanno chiamato dopo che l avete fatti vincere (questo e da vedere)poi siete super incaz....con guidi perche non vi hanno fatto entrare in lista e cmq strizzate l occhio per cercare accordi poi volete fare udc ma fatemi capire una cosa sola chi siete che appartenza avete di che partito siete quale sono le vostre ideologie politiche ho siete a destra ho sinistra ho centro ho volete mangiare in tutte le minestre il primo che vi accetta andate basta che si magna gia ci sono stati questi tipi di politici ora credo signori e signori che si torni a fare politica seria non usiamo questo mezzo per giocare grazie

DiErre74 ha detto...

Carissimo Dago56, io stesso ero a conoscenza della volontà di intervento (che condivido sia chiaro!) di “alcuni blogger delusi” i quali hanno lamentato, tra le altre, anche la tua assenza tra le pagine di questo blog. Dopo aver letto le tue istintive risposte mi è venuta la voglia di scriverti, questo proprio perché io stesso, quando abbiamo avuto recentemente occasione di parlarci, ti ho più volte invitato a tornare a “dire la tua” ed anche se so bene, in quanto lo hai sempre affermato, che ti affascina molto di più la politica da salotto televisivo (tipo annozero, ballarò, per intenderci...), conoscendoti ti dico che comunque, per l’interesse e l’amore che provi per questa cittadina, per la sensibilità che hai come me del resto su alcune tematiche come quelle dell’ambiente e dell’energia, per la conoscenza di molti dei problemi che affliggono Chianciano e per la competenza in materia urbanistica formata con il tuo lavoro, tanto per fare degli esempi, sarebbe veramente un peccato questa tua sorta di uscita di scena. Il dibattito perderebbe,a mio avviso ed alla pari di tutti gli altri, un contributo comunque utile alla causa. È ovvio poi che come tutti anche te hai i tuoi punti deboli e qui, dove siamo tutti pronti a colpire e che più o meno siamo stati un po’ tutti colpiti, rischi di trovare come suol dire“pane per i tuoi denti” , ma se stai attento a non cadere nelle provocazioni, sono convinto che hai tutti i mezzi, simpatia e semplicità in primis, per uscire a testa alta da ogni situazione. Quindi mi raccomando, se hai un po’ di tempo e voglia, non demordere, noi siamo qua! Un sincero saluto. Damiano Rocchi

Anonimo ha detto...

troppo semplice la risposta scontata io credo che lei sia un gran imprenditore ma credo senza ombra di dubbio che la politica si faccia in altro modo questo era il senso gli imprenditori devono far funzionare le loro imprese prima e i politici devono far far funzionare la cosa publica propio perche in italia troppi imprenditori si buttano in politica deve far pensare che qualcosa non va ma non solo qui intendiamoci e non mi dite che berlusconi e un imprenditore (e un caso a parte e come maradona ne nasce uno ogni 100 anni)quindi facciamo fare ad ognuno il suo mestiere chi non lo sa fare va a casa qiunque sia polito ho imprenditore solo cosi forse ne usciremo un giorno ma chissa.....

Anonimo ha detto...

non conosco mencacci sig albanesi io faccio un discorso in linea generale cerchi di comprendere poi per quanto riguarda il fatto che lei ha delle opinioni e le vuole dire ci mancherebbe altro (tra l'altro alcune condivisibili)ma facciamolo fare a chi e preposto altrimenti si fa confusione in un paese cosi piccolo tutti vogliono fare i politici ma ci rendiamo conto 4 liste 60 candidati piu quelli dietro le quinte per far camminare un comune di 6000 anime e in una citta che ci vuole un esrcito di politici e quindi non voglio entrare nei particolari delle controversie sulle liste per far vincere ho perdere qualcuno perche non sono a conoscenza di cio chi parla e un semplice cittadino che se permette vuole dire la sua senza essere per questo non credibile ho fantasioso e un opinione di un cittadino d'italia

Anonimo ha detto...

Albergatori, confronto sulla crisi
Mercoledì 22 Luglio 2009 08:19 amministratore .Un mercato che, negli ultimi dieci anni, è cambiato radicalmente, mettendo in crisi gli imprenditori che non sono riusciti ad adattarsi ai nuovi tempi; un rapporto con le banche che non lascia più spazio alle aperture di credito degli «anni d’oro».
La crisi che investe gli stabilimenti del bacino euganeo presenta molte facce e gli albergatori ne sono consapevoli. Che continui a tirare una brutta aria è cosa nota. «Per oltre trent’anni questo è stato un turismo sovvenzionato - esordisce Aldo Buja, giovane esponente di una generazione storica dell’imprenditoria aponense - le cure venivano rimborsate dalle casse mutue tedesche e francesi e dal servizio sanitario italiano. I francesi hanno chiuso i rubinetti, i tedeschi li aprono a singhiozzo e la sanità italiana è ora di competenza delle Regioni che procedono in ordine sparso. Il nostro è diventato un mercato misto che non può più basarsi sulla sola fangoterapia. Non sto dicendo di chiudere i reparti cure, ma va offerto anche altro: il wellness e il fitness per chi trascorre da noi solo il fine-settimana, per esempio. C’è chi si è attrezzato per le nuove sfide e chi no». Di capitale importanza, poi, il rapporto con le banche. Recentemente, il Banco popolare di Verona ha annunciato la creazione di due nuovi prodotti finanziari per venire incontro alle esigenze del settore. Una mossa vincente? Appare scettico Enzo Baretella, ex presidente del Consorzio di promozione e gestore del Des Bains di Montegrotto: «Non mi pare una grande novità. Tutte le banche presentano offerte del genere. La verità è che gli istituti di credito guardano ai bilanci delle aziende; se sono sani, ti vengono incontro, altrimenti non si accollano rischi ulteriori, vista anche la crisi economica generale. Semmai bisognerebbe seguire l’esempio statunitense, in cui anche un’impresa in difficoltà riceve aiuto se presenta un efficace piano di rilancio. Ma questo da noi ancora non accade».
E forse neppure negli Usa, visti i devastanti effetti della crisi economica.
Eppure, in panorama così negativo, c’è chi investe massicciamente, come la Blue Hotel di Roma che ha acquisito i quattro hotel del complesso di Galzignano e avrebbe staccato un assegno di 22 milioni di euro per l’Orologio. «La trovo una notizia positiva - sottolinea ancora Buja - è un gruppo serio. Se ha deciso di sbarcare alle Terme, può rappresentare un’iniezione di fiducia». Della partita sono anche i commercianti. «L’aria è pesante - dichiara il presidente dell’Ascom, Michele Ghiraldo - più che di prospettive, parlerei di speranze, ma tutto il sistema è bloccato».
vogliamo insomma capire che aria tira in giro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

....Flash News
..
.Copyright © 2009 Abano|Montegrotto24ore.it. Tutti i diritti riservati.

Anonimo ha detto...

sig albanesi in non conosco questi fatti ai quale lei da un bel chiaro e preciso riferimento ai fatti e alle persone se cosi e fa benissimo a farsi rispettare e dar battaglia ma chianciano in tutto questo non centra nulla lei si riferisce a fatti e persone ben precise le quali a questo punto e chiaro ed evidente che diano delle risposte e si assumono le loro responsabilita e rispettino chi come lei e tanti altri anno investito soldoni notte (hom messo un po di post su fiuggi montecatini e abano per far capire che aria tira al di la del bivio di chiusi chianciano terme)

Anonimo ha detto...

capisco e comprendo a questo punto non mi resta che pensare che tutto si possa risolvere con un buon finale ma conoscendo un po la situazione credo che molti vogliono probabilmente che tutto resti immobile per salvaguardare ognuno il suo orticello che dio ce la mandi buona altrimenti faremo le tende non solo lei e si salvi chi puo notte albanesi

Anonimo ha detto...

fuori dalla crisi? Albertin: "Sì, con innovazione e squadra tra pubblico e privato"
Mercoledì 15 Luglio 2009 07:12 amministratore .La crisi finanziaria che sta coinvolgendo il mondo si è trasformata in una crisi economica e sociale, che colpisce pesantemente anche le imprese del comparto turistico termale con un calo delle presenze e delle prenotazioni. L’auspicio è che nella seconda parte dell’anno si possa vedere già una sensibile ripresa. In questo scenario, la domanda che ci si pone è come e se possono cambiare i rapporti tra Pubblico e Privato, con quali i ruoli e quali possono essere le azioni da mettere in atto.
“Da tempo la nostra Associazione – spiega Giuseppe Albertin Presidente dell'Associazione Albergatori Termali - è passata dalla denuncia all’azione e lo testimoniano le tante iniziative in corso. E ho in mente il Piano Industriale triennale, con obiettivi, azioni, budget e modalità di reperimento delle risorse, un documento che rappresenta soprattutto una assunzione di responsabilità verso le imprese e verso il territorio. Un costante investimento nella ricerca e nell’innovazione del nostro prodotto fangoterapico, attraverso un progetto triennale da un milione e mezzo di euro, tra risorse pubbliche e private. Per la promozione e la commercializzazione del territorio è in fase di realizzazione un progetto triennale da tre milioni di euro, tra risorse pubbliche e private, che consentirà di guardare al futuro con più fiducia. L’impegno per la commercializzazione del territorio continua anche attraverso il portale AbanoMontegrottosì, che ha già fatturato 1,2 milioni di euro nel primo anno di vita, con ricavi medi per iscritto di circa 20.000 euro. Progettazione di sinergie tra Associazioni di categoria di riferimento: Ascom, Confindustria, Federterme”
Il vice presidente della Camera di Commercio di Padova con delega al turismo Fernando Zilio, ha esortato a “creare un percorso comune, cercando di fare squadra. Dovremmo fare un progetto comune a Consorzi, Atp, Camera di Commercio, Associazioni di categoria. Se funziona il termale, funziona il commercio, l'artigianato, l'agricoltura, ecc.”.
A rappresentare la Provincia di Padova c'era il consigliere Davide Faggion che ha ribadito l'importanza nel programma di interventi, per la neo eletta Presidente Barbara Degani, del turismo padovano. E ha poi sottolineato: “Il nostro compito è quello di svecchiare l'immagine del nostro territorio. Dobbiamo creare grandi eventi per farci conoscere, ma anche piccoli eventi per l'intrattenimento di chi ha già scelto le nostre località riservati.

Anonimo ha detto...

hotel Orologio rinasce con 7 stelle: le terme ad Abano rialzano la testa
Venerdì 03 Luglio 2009 07:19 amministratore .Sarà di ventidue milioni di euro il costo dell'operazione nuovo hotel Orologio, che potrebbe diventare il primo 7 stelle della zona termale. La società romana "Blu Hotel" sembra intenzionata a fare le cose in grande per lo storico hotel Orologio, dopo aver già acquistato i quattro alberghi che costituiscono le terme di Galzignano. Enpam, l’Ente previdenziale proprietario dell’immobile è pronto a concludere l’affare. Che la società romana faccia sul serio, lo rivelano anche i contatti assunti nelle scorse settimane con l’amministrazione comunale di Abano. Dopo l’acquisto saranno effettuati ingenti investimenti per la ristrutturazione, nei prossimi mesi sul tavolo del sindaco arriveranno i dettagli dell’operazione di rilancio.

Anonimo ha detto...

hotel Orologio a 7 stelle? A Chianciano manco il cinturino o cignulino come direbbe qualcuno

Talia ha detto...

Personalmente condivido l'analisi di troppaghianda circa il cambiamento del "modo di fare vancanza" che ha penalizzato Chianciano in maniera decisiva e forse addirittura più rilevante dell'abolizione del congedo da parte del S.S.N.
Certo la mancanza di strategie che andavano quanto meno pianificate in periodi di vacche grasse (e qui entra in gioco la lungimiranza imprenditoriale che dalle nostre parti è mancata) ha giocato il suo ruolo.
Chianciano era totalmente sganciata allora dal "prodotto toscana" perchè era, non solo autosufficiente, ma addirittura trainante, in parte, per il circondario.
Il risultato è che ora, al livello nazionale, è raro trovare persone informate circa la collocazione geografica (strategica) di Chianciano.
In poche parole, nessuno sa che siamo in toscana, che siamo a due passi da...bla bla bla.
Anche questa mancata comunicazione commerciale, a mio parere gioca un ruolo determinante nella crisi.
Infine, devo ammettere che, sull'onda emotiva dei risultati elettorali non ho, personalmente, dato il giusto peso a quanto Gost(h)o faceva presente circa il piano strutturale.
Come al solito, Gost(h)o aveva ragione nel sollevare, pragmaticamente, la questione.
Un saluto a tutti.

folgoredgl190 ha detto...

Mentre il Senato a Roma discute, Sagunto viene espugnata! slc

folgoredgl190 ha detto...

Ma insomma e' mai possibile che anche voi siate d'accordo sui tempi indicati dal sindaco Ferranti e relativi all'adozione del piano strutturale, tempi stabiliti in quasi tre anniiiiii!!! Ma ci si rende conto che in tre anni Chianciano terme sara' ridotta in cenere?? Ma si vuole o no fare del tutto per accellerare al massimo igli estenuanti tempi di un sistema superburocratico che di fatto ingessato l'intero Paese Italia. stefano lo cicero

Franco Albanesi ha detto...

LOCICERO,SERGIO PARENTI, COVARELLI EX. PRES. PISA, ALBANESI, ON. LOCALE, SINDACO GALZINIANO, TRAMITE INTERMEDIA DI CONSORTE EX. UNIPOL, IN UN TAVOLO CON I TEDESCHI E GLI SPAGNOLI CHE TRATTAVANO I 4 HOTELS PIU' TERME ,PIU' GOLF ECC. DI GALZINIANO, OPPURE ALBANESI, LOCICERO , BOMBAGLI A ROMA, CON IL FONDO DI BENI STABILI.....QUESTE SONO LE COSE, DA RACCONTARE AI NIPOTI, MA BISOGNA CREARE UN TESSUTO CREDIBILE, DALLA POLITICA, AGLI IMPRENDITORI, DALLE ASSOCIAZIONI E A TUTTI QUEI SOGGETTI CON INTERESSI A CHIANCIANO....MA DI COSA VOGLIAMO PARLARE PER IL FUTURO, O UN OTTUSO TECNICO METTE I BASTONI TRA LE RUOTE E BLOCCA TUTTO....DOVE VOGLIAMO ANDARE...QUI SI PARLA E CI SI SIEDE A QUEI TAVOLI E NON DITE CHE SIAMO DEI MEGALOMANI O CHE AVETE RAGIONE VOI, PERCHE' E' EVIDENTISSIMO IL CONTRARIO.

Franco Albanesi ha detto...

voi direte, ma come ti siedi a quei tavoli e non porti a casa niente? non e' cosi, perche' per un sette stelle a abano terme parlano di 22.000.000 di euro, io ne avevo previsti 15 o 16 all'admiral e le denunce degli amici, colleghi, albergatori e un attento tecnico me ne hanno fatti spendere 20.000.000, e stanno facendo di tutto per non fare ultimare i lavori dei 2.5oo metri della sala CONGRESSI sotto l'admiral , che darebbe lavoro a mezza chianciano!!! perche' non vi chiedete i motivi??? avete capito cosa ho detto??? vi rendete conto del potenziale e del lavoro per le persone e gli incassi diretti o indiretti di una simile struttura???? e c'e' chi parla di palacongressi, non so da quanti anni, e quanti soldi souttanati???? 30.000.000 di euro tra 5 o 6 anni , contro un milione subito, con lo stesso risultato????? svegliatevi , ragazzi , svegliatevi......franco albanesi

Franco Albanesi ha detto...

E FACCIO ANCHE FATICA A PAGARE LE RATE DEI MUTUI..... E LE BANCHE???? PAZIENZA IO I SOLDI ME LI SPUTTANASSI.... O LI USASSI IN STRUTTURE PERSONALI E SENZA SPAZZI PER ALTRI, MA STIAMO PARLANDO DI UNA SALA CONGRESSI PER TUTTA CHIANCIANO, CHE LA SI POTREBBE ANCHE GESTIRE TUTTI ASSIEME... QUINDI??? QUI GATTA CI COVA E LE BANCHE, NONCHE QUELLE ISTITUZIONALI, CHE SONO BENE INFORMATE, HANNO UNA RESPONSABILITA' ENORME E PERSONALMENTE MA SPERO NON DA SOLO ESIGERO' RISPOSTE CONCRETE E LE ESIGERO' AL PIU' PRESTO. RIPETO PARLIAMO DELLA VERA SALA CONGRESSI DI CHIANCIANO , DA QUI SI POTREBBE RIPARTIRE E FANNO TUTTI FINTA DI NON SAPERE E NON VEDERE. NON FATEMI PARLARE DELL'AMMINISTRAZIONE, MA DOVE VIVONO, MA COSA VOGLIONO???? QUESTO E' UN REGALO COME QUELLO DELL'UDINESE E TUTTI ABBIAMO VISTO COSA SONO CAPACI DI FARE. NON E' ORA DI DIRE BASTA!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Dai Franco, raccontaci le verità!

stefano ha detto...

Cari ragazzi la situazione di Chianciano e' molto difficile ma se si chiacchiera e non si fa' niente la morte si avvicina.Io dico:
1) Obbligare i negozi almeno a tenere le luci accese e le serrande tirate su almeno fino alle 23 (qui sembra un paesino sperduto tutto chiuso e buio).
2)Chiudere la sera Piazza Italia al traffico e fare qualche spettacolo e /o musica dal vivo in piazza.
3) Usare il Viale della Macerina per fare un giorno alla settimana un mercatino (non si lamentino i negozianti perche' porta lavoro anche a a loro).
4)Abbiamo il Parco Fucoli usiamolo almeno tre volte alla settimana dopo cena con musica ,balli e intrattenimento.
5)Finire le piscine termali al piu' presto usando trasparenza e non intrallazzi vari.
6)Credere in questo paese e nel rilancio senza frignare e basta.
7) Impegno (vero) e collaborazione del Comune con gli imprenditori che fanno una fatica terribile per andare avanti.
8) Non mettere i bastoni fra le ruote a chi investe soldi in questo paese ma anzi stendergli un tappeto rosso.
9)Smettere di difendere il proprio orticello bisogna lavorare INSIEME,siamo toscani e quindi individualisti ma dobbiamo sforzarci lavorare Uniti per il bene comune.
Saluti STEFANO

Franco Albanesi ha detto...

rispondo all'anonimo su VALTUBO delle 16.23, mi chiedi di dirti la vertita'??? piu' di cosi', cosa devo dirti, anche quando vado in bagno??? adesso cerca te' la verita' e il perche' di una simile vergogna e ci lamentiamo che siamo in crisi e tutti parliamo di mille idee e mille progetti.....abbiamo sotto il culo, almeno io, una soluzione, un punto di partenza essenziale e stiamo qui a punzecchiarci o a piangere.... lo dico a te anonimo e a tutti quelli che ci leggono, qui gatta ci cova.....ti spetto il 26 sera alla cena, mio ospite, all'admiral. ciao

Franco Albanesi ha detto...

qui o la smettiamo solo di parlare, parlare, parlare.....mi sembra una canzone di MINA, siamo tutti professori sui blog, ma sembra che poi abbiamo paura ad incontrarci e vedere se dietro tutte queste chiacchere c'e' anche un po' di sostanza. quale migliore occasione della cena incontro , che si terra' il 26 luglio all'admiral, se non si creeranno le condizioni, in quella serata, io credo che ogni uno di noi, invece che fare il bello a parole o scritti, dovra' fare un bel , mea culpa......quindi incontriamoci con il chiaro intento di individuare delle date e mangiare si mangia dopo, e buttare le basi di confronto e lavoro sul futuro di CHIANCIANO. QUINDI la serata sara' importante, morr2006 ci spieghera' perche il progetto CHIANCIANO FUTURA non e' completo e perche' non va avanti il concorso MISS, MA QUESTE SONO PATACCATE.......

Gigi la Trottola ha detto...

Questa mattina la ditta appaltatrice ha nuovamente aperto il cantiere del cantinone e iniziato a trivellare la terra. Che vogliamo fare signor Sindaco andare avanti spediti infischiandosene delle richieste dei cittadini?
In campagna elettorale aveva promesso che avrebbe quanto meno rivisto il progetto. Perché non ci parla delle sue intenzioni in merito?
Oh forse anche lei è in vacanza ?… A me questa nuova amministrazione sembra molto “balneare”.

Anonimo ha detto...

NEI MOMENTI DIFFICILI VINCE L'INNOVAZIONE.

DAGO 56 ha detto...

X DiErre 74
Grazie per la non meritata considerazione e ringrazio anche tutti gli amici che sul blog e per strada continuano a dirmi di
tornare a riscrivere più frequentemente, ma ripeto che ritengo gli interventi degli attuali blogger
molto più competenti, per esempio i tredici punti di Fabrizio Giugnoli sono un ottima base da cui partire o quantomeno una traccia importante.
Potrei solo dare un contributo sull’urbanistica ma onestamente, a fronte del problema turismo, credo
che passi in secondo piano, anche se ritengo l’edilizia (la buona edilizia) una, e ripeto una, componente importante di quelle leve che aiuterebbero l’economia Chiancianese.
Capisco che per ragioni di lavoro continuano molti (guarda caso anonimi) a stuzzicarmi, abbinandomi al vituperato comparto “PERETA” ma non è assolutamente un mio punto debole, tutt’altro, tu sai che ne ho costituito perfino una associazione specifica.
X VALTUBO
Leggo sul Corriere di Siena che a Monteriggioni la locale sezione del PD ha messo in rete i video dei consigli comunali, praticamente ha realizzato l’idea che avevi lanciato con il PIRATA.
Speriamo che sia il comune stesso a darci questa prova di grande trasparenza.
X TALIA
Bentornata, mi mancavi un sacco con la tua saggezza e la non minore graffiante ironia.
Un saluto a tutti

Anonimo ha detto...

X Dago 56. il suo commento relativamente agli aspetti urbanistici di chianciano non mi pare che possa essere sottovalutato. Io sono tra quelli, insieme ad Albanesi, che da anni va dicendo che la vera rinascita della citta' passa preliminarmente attreverso un suo nuovo city model, ovvero una nuova idea di multicitta'. Il turismo va destagionalizzato ed innalzato come target; chianciano e' ormai purtroppo un posto dove si vive in un costesto generale troppo vetusto e ci vuole un generale vento di rinnovamento. cordialmente stefano lo cicero

canguasto ha detto...

«Purtroppo quel cartello, ... quella scritta fosse messa all’inizio del paese…”affittasi Chianciano Terme”.
22 luglio 2009 22.32»
Ma lo sai Troppaghianda che era un po' che ci pensavo?
Ma perché 'sto paese non lo affttiamo.
Ecco, io c'avrei un'idea.
La butto lì perché mi pare valida.
C'è il Signor Stato Centrale che sta cercando spazi.
Propone considerevoli misure "compensative".
Sì, vabbè, dice che ci farà una centrale nucleare.
Figuratevi un po'.
Ma ve l'immmaginate.
Fra vent'anni, quando sarà finita, nessuno la vorrà accendere perché l'uranio costerà più del gpl e intanto avremo ridato un po' di fiato al paese.
Con la centrale ci faremo un bel monumento che verranno a visitare da tutto il mondo.
Guardate che non è una "grillata": è imprenditoria un po' audace.
Dai, si fa?
Pensate come ci resteranno a di gatto a Montecatini e a Sirmione.

PS: se avete qualche variante migliorativa... ben venga.
Un saluto.

Anonimo ha detto...

In questo blog si fà a chi la dice piu' grossa...
secondo me state sparando troppe cavolate e alla fine perde di credibilità e non ci viene piu' nessuno a scrivere a parte il Sig. Lo Cicero e il sig. Albanesi.

Sparatele meno grosse e siate piu' concreti. Mille idee, mille progetti e "0" risultati.

Bravi. tutti uguali: rossi, bianchi e gialli

truth ha detto...

Sarebbe opportuno passare dalle parole ai fatti.
Cari Collitorti.

Anonimo ha detto...

Prendo atto che ormai le parole hanno fatto il suo tempo... e c'e' in giro un'area diversa, bisogna passare ai fatti. Noi siamo due anni che diciamo di agire .... e intanto il tempo se ne va'. Allora bisogna adesso dare forza e legalita' allo strumento che puo' dare voce alla concretezza. Mi era parso di capire che il mezzo deputato ad agire fosse stato indicato in una nuova Associazione. Bene, allora fiato alle trombe, per quanto ci riguarda noi abbiamo chiare le nostre idee. stefano lo cicero.
Dimenticavo: ci siamo fatti parte diligente richiedendo, per adesso, due colloqui distinti: il primo a Andrea Manciulli nella sua veste di attuale segretario del PD toscano, il quale il prossimo 28 luglio, non si sa dove, la notizia e' su repubblica di oggi, un nuovo piano di rilancio per l'economia Toscana. Mah staremo a vedere e a sentire!!!! Il secondo con l'attuale Presidente della Provincia di Siena. Le lettere sono partite oggi, e presto partira' si gracoalbanesiblog un nuovo post" SOS TOSCANA. PAROLE...PAROLE...PAROLE... CI VEDREMO NUMEROSI DOMANI SERA ALL'aDMIRAL PALACE DI CHIANCIANO. STEFANO LO CICERO

Anonimo ha detto...

bravi questi ultimi due post, parole vere.Tutte chiacchere, alcune persone serie di idee le hanno scritte ma l'arrogante chiancianese anche se oramai e' alla fine, non accetta niente da nessuno.E poi ste quattro scribacchini so' venuti sui coglioni,alla fine fanno chiude anche il blog.ACCIUGHE

GinoBartali gliètuttodarifare ha detto...

Ma possibile mai che solo i bloggers si debbano porre i problemi dell’economia di Chianciano Terme? Ma dove sono finiti i politici? Che sta facendo il Sindaco? Che stanno facendo gli Assessori? Che sta facendo Guidi e la sua Lista Chianciano per la libertà? Che stanno facendo le Terme? Che stanno facendo l’Associazione Albergatori e le varie Associazione dei Commercianti?
Che stanno facendo le Banche e soprattutto il Monte dei Paschi? Che sta facendo il nuovo Assessore Provinciale delegato ai problemi di Chianciano Terme Marco Macchietti?
Che cosa sta facendo l’APT di Chianciano Terme dopo la fantastica campagna pubblicitaria di 450.000 Euro, con la quale ha insegnato che Chianciano Terme non si chiama più così, ma si chiama:

CHIAN

CIANO

TERME ?????

Meno male che la campagna si è conclusa con l’invio a tutti i partecipanti al Forum di 5 giornate all’Acquasanta con un preziosissimo papiro di partecipazione che la gente potrà così custodire tra i propri ricordi degli ultimi barlumi di vita di Chianciano.
Allora io vi propongo una cosa.
Ricordate il famoso film Quinto Potere? quando l’anchorman Howard Beale magistralmente interpretato da Peter Finch, grida ai telespettatori:
SONO INCAZZATO NERO E TUTTO QUESTO NON LO ACCETTERÒ PIÙ!
Allora annunciamo in diretta il suicidio collettivo di Chianciano a questi signori che comandano questo Enti e che pertanto ne sono i responsabili chiedendo loro cosa stanno facendo e gridando loro:
SONO INCAZZATO NERO E TUTTO QUESTO NON LO ACCETTERÒ PIÙ!
Questi sono gli indirizzi:
Sindaco Prof.ssa Gabriella Ferranti
Telefono: 0578.6521 Fax:0578.31607
E-mail: sindaco@comune.chianciano-terme.siena.it
Assessori:
Vice Sindaco Claudio Rossi Telefono: 0578.6521 Fax:0578.31607
Avv. Nicoletta Bianchi Telefono: 0578 6521 Fax:0578/31607
Dr. Sergio Giani Telefono: 0578 6521 Fax:0578 31607
Dott. Antonio Altobelli Telefono: 0578/6521 Fax:0578/31607
Paolo Piccinelli Telefono: 0578 652220 Fax:0578 31607
Dr. Fabrizio Sanchini Telefono: 0578/6521 Fax:0578/31607
Lista Chianciano per la libertà
Dr. Andrea Angeli Gruppo PDL Viale della Libertà, 32 53042 Chianciano Terme Telefono e Fax: +39 0578 31468 Cellulare +39 3494218251 E-mail: and.angeli@gmail.com
Terme di Chianciano Spa - Via delle Rose 12 53042 Chianciano Terme Centralino +039 057968111
fax 057860622 ufficiostampa@termechianciano.it
Associazione Albergatori – Via Sabatini Centralino 0578 659311 Fax 0578659350
Confesercenti Via delle Rose, 3 Tel.0578/62420 - Fax 0578/60780 E-mail: chianciano@confesercenti.siena.it
Associazione Commercianti – Confcommercio Viale Della Liberta',335
53042 Chianciano Terme Tel.: (+39) 057861333 Web: www.confcommercio.siena.it
BANCA CRAS Credito Cooperativo Chianciano Terme-Sovicille - Sede e direzione generale: 53018 Sovicille (SI) - Via del Crocino, 2 - Tel. 0577.397.111 Fax 0577.314.471
Monte dei Paschi di Siena - Piazza Salimbeni, 3 - 53100 Siena Tel: 0577.294111
Email: info@banca.mps.it
Assessore provinciale Marco Macchietti - Telefono: 0577 241290
Fax: 0577 241932
e-mail: marco.macchietti@provincia.siena.it

Ma perché tutti i responsabili di questi Enti non si incontrano per discutere i problemi economici che attanagliano la nostra Chianciano Terme? Come si fa a rimanere inermi così? Sappiamo benissimo che i problemi sono gravissimi e la loro soluzione sarà difficilissima.
Siamo ormai in coma così profondo che non ne occorre più parlare? Ma la politica al momento del voto ha fatto un sacco di promesse ed ora? Il Sindaco e la Giunta sono così occupati ad inseguire i loro personali sogni che non sentono la necessità di farsi sentire dai cittadini? Il loro silenzio è così tragico che sembra addirittura assordante!!!

spazzino bighellone ha detto...

Ho fatto una visitina al sito internet ed al blog della Prof. Ferranti, dal giorno della sua vittoria delle elezioni, il nuovo sindaco è sparito anche da li.
Che fine avrà fatto?

Andrea Angeli ha detto...

Caro GinoBartali gliètuttodarifare,
concordo con la tua inquietudine, anche io, l’On. Guidi e gli altri stiamo attendendo determinate risposte e interventi da parte dell’amministrazione!
Fino ad oggi ho presentato in comune 3 interrogazioni e 3 OdG in discussione nel prossimo consiglio comunale, che non mi dilungo qui a enunciare perché ne ho già dato notizia in questo blog e che, inoltre, sono visionabili sul nostro blog: http://giovaniperchianciano.blogspot.com/ . Se hai un momento di tempo libero puoi andare a dargli un’occhiata ….
Per il resto anche io auspico che il Sindaco e la Giunta aprano al più presto un tavolo di confronto con l’opposizione per discutere sulle tematiche più importanti e cruciali per le sorti della nostra cittadina. Se così sarà certamente noi non ci tireremo indietro avanzando le nostre proposte e programmi.
Un saluto

Anonimo ha detto...

Aritonfa col mercatino in viale roma! Che cervelli ci sono a chianciano, Albanesi e C. hanno ragione!!

Anonimo ha detto...

Caro Valtubo leggo con piacere gli scambi di opinioni che si intrecciano sui tuoi post, con meno piacere quanto riportato sulla stampa locale.
Anche affezionati e vecchi clienti danno un amaro contributo con le loro asserzioni alla presa di coscienza del declino oramai inarrestabile cui la ns. cittadina si è avviata.
E non ci sono di conforto gli atteggiamenti di chi dovrebbe in qualche modo provvedere ad invertire tale tendenza.
Gli albergatori si rubano le ultime briciole di clientela inserendo gratuitamente nei già miserevoli prezzi acqua, vino, caffe (ma che vino offrono? l'acqua è di rubinetto?)correndo a ribasso nel prezzo di soggiorno(almeno 1,00 € in meno dell'albergo accanto), vendendo talvolta la propria azienda con scorrette informazioni (vedi elenco alberghi aderenti alla convenzione INPS-TERME: Villa Luca - President - Ave - Martini distano metri 700 dal Sillene?) o con requisiti che non posseggono (Palestre, Centri benessere autorizzati?).
Ma chi verifica tutto questo?
A chi compete la tutela degli aderenti alla categoria?
Mencarelli? Michelangeli? I Guardiani delle Acque?
Così non si trovano i soldi per ristrutturare e si dovranno cedere le proprie aziende.
Non pensano i furbetti che potrebbero essere vendute a persone o società a rischio con cui poi domani si dovranno confrontare? Che ne pensano di questo le ns. agenzie locali che organizzano convegni, congressi a quattro lire per gli albergatori (ma non per loro).
Ma il Sindaco dice che renderà più accogliente la cittadina! ma con quali strategie? Con commercianti che pur lavorando solo sei mesi l'anno? In quei mesi non tengono non dico aperti ma nemmeno illuminate le vetrine dei propri negozzi? (già devono nascondere i prezzi alla concorrenza). Oppure con illuminazione nascosta tra gli alberi che consente di camminare sui marciapiedi o attraverso la strada solo alle talpe.
Con camion che raccolgono l'immodizia porta a porta sempre più rumorosi. Bisogna svegliare presto i nostri clienti che diamine! poi questi si sono anche dotati di macchine infernali chiassose che già di primo mattino allontanano gli aghi dei pini dai marciapiedi che poi altri operatori ecologici confezionano mucchietti e che poi un camion raccoglierà (chi se ne frega dell'inquinamento acustico).
Si lamentano i clienti che a Chianciano non si fa niente per passare il tempo! Non è vero! L'APT invia informazioni agli alberghi per e-mail (chi le legge?). Forse sarebbe allora meglio stampare un foglio che riepiloghi mensilmente cosa c'è giorno per giorno come una volta si faceva con i films. Già! Una volta c'era anche il cinema.

DeaEris ha detto...

Caro Gino Bartali, come dici tu 'gli è tutto da rifare'. Vorrei solo ricordare a tutti una cosa veramente importante: un paese è costituito non solo da chi lo governa ma soprattutto dai suoi cittadini!!!!...personalmente penso che per Chianciano ci sia solo una cosa da fare....' scegliere il colore dei fiori per la tomba!!!!, ma sono ottimista, spero possa essere una fenice, ma per diventarlo i suoi cittadini si devono far sentire veramente e non solo nel Blog, dato che sono loro il suo cuore.... a questo punto credo che non siano incazzati abbastanza!!!!

folgoredgl190 ha detto...

Un intervento veramente straordinario quello di Gino Bartali.... Ee poi l'idea di provocare mediante l'annuncio del suicidio di massa e' geniale! La notizia se diffusa bene attraverso le agenzie di stampa nazionali avrebbe un effetto prorompente. Tutto sta a concordare i modi , i tempi ed i metodi per divulgare la notizia. Veramente geniale Gino bartali spero che questa sera potremo conoscerti, Chianciano a bisogno di gente come te! saluti a tutti stefano lo cicero

Uomo Ombra ha detto...

Il problema caro Gino è che qui ci sono tante ASSOCIAZIONI, ma non c'è partecipazione, mi spiego meglio, l'Amministrazione è talmente abituata a "decidere" (quello che gli dice il PD) senza sentire nessuno, ma soltanto a convocare le associazioni per comunicare quello che hanno già deciso di fare.
Questo lusso non se lo possono più permettere, perchè la situazione è così grave che la gente si rivolterebbe, forse sono coscienti della cosa e questo gli sta causando un "impasse" e non sanno che pesci prendere, dunque silenzio e assenza totale!
Come siamo messi!!!!

Meditate gente, meditate!

LUCA FE ha detto...

Ciao a tutti. Rieccomi.
Una assenza "balneare" la mia, ma non solo.
Leggevo dalle vacanze il blog e non avevo nulla da dire. Non perchè manchino gli argomenti, le idee, i motivi.
Ma perché ho l'impressione che, superato lo scoglio elettorale, si sia tornati al mugugno, alla depressione strisciante. Come se il vanificarsi delle speranze taumaturgiche nel nuovo della politica avesse spento ulteriormente lo spirito dei miei concittadini. Ora io non sono il Candido di Voltaire che crede di vivere nel migliore dei mondi possibili, ma neppure penso di arrendermi e lasciare che tutto vada come altri vogliono vada.
Chiarisco, non credo che la Politica, le Istituzioni possano risolvere i problemi di Chianciano. Al più possono crearne le condizioni. La ripresa può dipendere solo da noi. Dagli imprenditori locali. Le Istituzioni dovranno operare la scelta della "cornice" entro la quale gli imprenditori dovranno operare, impedendo le speculazioni immobiliari (Chiaro Franco e Stefano, ma non solo loro?), gli scempi urbanistici stile Monticchiello (Chiaro Stefano e gli amministratori di Pienza?), favorendo la nascita di imprese che operino virtuosamente un rinnovamento (mi viene in mente il Bar Le Fonti, come esempio...) al fine di offrire una Chianciano rinnovata a quella clientela che gli operatori, alberghi ed agenzie, sapranno reperire. Ponendo un limite ai lacciuoli amministrativi (vedi la faccenda dei pacchetti turistici...) che complicano la vita delle imprese.
Chianciano è una città termale. Nessuno vuole trasformarla in una Formentera delle colline toscane, movida scatenata e tutti a letto all'alba, ma dare modo a chi ci crede di creare locali più "vivaci" mi sembra doveroso. Come doveroso dovrebbe sembrare a tutti,commercianti per primi, mantenere accese le luci dei negozi fino a tarda notte (le 00.01 di mattina?!?).
Come per esempio favorire la presenza di artisti di strada, almeno da luglio a settembre, in centro. Perché non serve avere i Pink Floyd ai Fucoli tutte le settimane, ma qualche piccola azione a basso costo aiuterebbe! E queste non son cose che debbano fare per forza "Il Comune" o "Le Terme", essendo azioni che costano davvero poco si potrebbero effettuare con il concorso di pochi commercianti, o di piccole associazioni di quartiere. Con gran ritorno, perchè una volta creata la ripetitività dell'evento, "il venerdì sera a Chianciano ci so' i Mimi e i Mangiafuoco" , dai paesi vicini la gente verrebbe apposta.
Come per esempio creare mercatini serali, ai quali potessero esporre anche i negozianti della stessa zona che lo desiderassero?!?
Dando un motivo in più ai clienti, vecchi e nuovi, per fare due passi in centro. Magari chiudendolo al traffico veicolare, quel centro!
Come capita altrove. Ovunque.
Con gran felicità di turisti e negozianti.

Poca Lana ha detto...

Guardiano delle Acque ma che ti sei fumato??
A parte il fatto che a Chianciano non viene più manco Nilla Pizzi... poi giusto te ci potresti andà a vedé quei rinco dei Pink Floyd!!
Chianciano c'ha bisogno di una bella svegliata!!!

folgoredgl190 ha detto...

Siamo alle solite, come si riaffaccia la voglia di cambiamento arriva il solito Certosino massimalista che vuole a tutti i costi far ribiombare nel tanto meglio - tanto peggio quei pochi ardimentosi non allineiati, con i paleontologi della "politica Italiana"
Io sinceramente, a parte qualche raro e virtuoso esempio da stimare e seguire, vedo solo demeriti nella cosidetta " classe imprenditoriale" chiancianese. con tutto il rispetto, i risultati ottenuti da questi imprenditori sono un vero disastro e quello che e' sotto gli occhi di tutti ne e' riprova. Se dovessi dire chi ha piu' colpe tra la gestione politica degli ultimi 20 anni e la classe imprenditoriale locale, veramente non saprei da dove cominciare. E tu caro Fe hai anche il coraggio di apostrofare me e franco come degli speculatori immobiliari! Roba da Santa Inquisizione; Ma ti sei guardato intorno? Le brutture indicibili di questa citta' sono state realizzate anche grazie a quelli come te; Non solo non avete fatto nulla per evitare un vero disastro archietettonico, ma avete contribuito alla distruzione dell'economia locale, e credi a me ce l'avete messa tutta. Dovresti almeno avere il buon senso di tacere. Dici, esattamente come altri superstiti di un coro ormai stonato, che il Borgo di Monticchiello da me realizzato e' uno scempio e vivi in un posto che poco o niente ha salvato della sua tradizione architettonica. Cambia musica caro Fe', il tuo modo di essere cosi' arcaico ti fa apparire patetico. Piuttosto visto che ti definisci un imprenditore fai qualcosa di apprezzabile per la tua citta', invece di blaterare come un veccio palentologo della politica che ha ingessato l'italia per 10 anni. Cordialita' stefano lo cicero

LUCA FE ha detto...

PocaLana,capisco sia faticoso perchè è più lungo della didascalia delle foto della Gazzetta dello Sport (gli articoli tanto tu non li leggi vero?), ma non ci hai capito, per usare un'espressione che ti sarà comprensibile, una beata sega! Rileggitelo, bischero, il mio post, che dice proprio l'opposto! Quanto al "fumarsi qualcosa"....lascio ai lettori il giudizio su chi dovrebbe moderare il proprio rapporto con gli stupefacenti.

moralizzatore ha detto...

Bentornato Luca, le tue idee anche se insufficienti per ripartire, potrebbero essere interessanti però il nostro paese aspetta un segnale importante da parte dell'amministrazione tutta.
Tu che sei vicino a loro, sai che fine hanno fatto? Sono tutti in ferie oppure stanno lavorando in silenzio per il tanto sbandierato rilancio di Chianciano?

Guardianodelfiasco ha detto...

Sig. Fé Luca perchè stasera ste belle idee non vai a illustrarle alla cena di albanesi??

IL SAGGIO ADOLF ha detto...

Franco ma co' tutti 'sti invitati a cena qualche osso a me nun me lo poi lascià??!!
Che vita da cani....

Anonimo ha detto...

Albanesi ma non ci racconti nulla della cena?
Siamo curiosi, vogliamo sapere chi è venuto dei politici locali e che è successo...

valtubo ha detto...

Vorrei ringraziare Franco Albanesi per l'ospitalità nella serata di ieri, e tutti gli ospiti per la pazienza nell'ascoltare il dibattitto anche acceso, ma sicuramente utile, che si è venuto a creare.
Nella speranza di aver portato cmq nuove idee e prospettive per Chianciano.

Saluti,

Valtubo

stefano ha detto...

Ottima serata un grazie al Sig.Albanesi per l'accoglienza e l'ospitalita'.Di imprenditori cosi ce ne vorrebbero molti a Chianciano.

Saluti Stefano

Andrea Angeli ha detto...

Sabato mattina alcuni abitanti del Borgonuovo hanno depositato in comune una lettera aperta indirizzata al Sindaco Ferranti.
La lettera contiene un accalorato appello al Primo Cittadino di Chianciano affinché chiarisca in maniera definitiva ai cittadini quale linea politica la nuova giunta intende adottare in merito al progetto per la realizzazione dei parcheggi del Borgonuovo.
Nella nuova lettera si tornano a sollevare giustificate perplessità circa l’opportunità e la convenienza di realizzare un parcheggio in un’area disagiata e di non facile accesso come quella del “Cantinone” e timori circa possibili problematiche per la sicurezza strutturale dell’area a causa del’ingresso di mezzi pesanti utilizzati nel cantiere che stanno creando cedimenti e infiltrazioni d’acqua in alcuni fondi.
Una problematica quella del piano della sicurezza che era stata riconosciuta dallo stesso sindaco Bombagli in un incontro con il comitato del Borgonuovo pochi giorni prima delle elezioni ed a cui aveva partecipato la stessa Prof. Ferranti.
A dispetto di tutto ciò questa mattina i mezzi pesanti sono nuovamente entrati nel borgo ed hanno scaricato grandi armature circolari che presumibilmente verranno utilizzate per la gettata dei pilasti di cemento armato.
Facendo seguito all’interrogazione già presentata i precedenza e cogliendo il malessere reale e percepibile palesato da questi cittadini non posso che unirmi al loro appello chiedendo al Sindaco Ferranti una immediata presa di posizione che spieghi quali azioni intende portare avanti e fornisca le adeguate risposte ai cittadini costretti a vivere in una condizione di profondo disagio giunto quasi all’esasperazione.

Andrea Angeli
Consigliere Comunale Gruppo PdL - Chianciano per la Libertà

PS a questo link è visionabile la lettera:
http://giovaniperchianciano.blogspot.com/2009/07/anche-i-cittadini-chiedono-risposte-sul.html

Anonimo ha detto...

Anche io, vorrei unirmi ai ringraziamenti a Franco Albanesi per l'ospitalità e per l'ottima serata grazie al quale ho avuto l'occasione di conoscere persone nuove con cui confrontarmi e scambiare quattro chiacchiere.
Saluti
Andrea

Andrea Angeli ha detto...

L’interrogazione presentata sui parcheggi del Borgonuovo un primo anche seppur minimo risultato l’ha sortito …. Il Sindaco Ferranti nel corso dell’intervista rilasciata ieri pomeriggio a Teleidea ha finalmente chiarito la sua posizione e quella della Giunta: avanti tutta con i lavori!
Ha aggiunto inoltre che le problematiche tecniche per la realizzazione dei parcheggi non sono di competenza della Giunta e che a questo sono preposti gli appositi uffici, aggiungendo inoltre che a suo avviso tali problematiche sono ormai superate.
Al Sindaco vorrei invece ribadire che qualora vi siano delle problematiche tecniche nella realizzazione dei lavori e se queste portano ad un prolungamento dei tempi di realizzazione dell’opera e ad un aumento dei costi, la questione deve essere discussa in primis dalla Giunta e poi affrontata anche con il coinvolgimento della collettività e dell’opposizione.
Purtroppo la lettera sottoscritta dai cittadini evidenzia che molte delle perplessità che erano state evidenziate fin dall’inizio permangono e non posso essere semplicemente sottovalutate o minimizzate.
Come affermato anche in Consiglio Comunale spero che la nuova amministrazione assuma quantomeno un atteggiamento più aperto e disponibile ad ascoltare ed accogliere le istanze che provengono dal tessuto sociale chiancianese e che eviti con un approccio errato, di arroccarsi, come la passata giunta Bombagli, su posizioni di isolamento politico e burocratico che certamente non aiutano ad affrontare e risolvere i problemi di Chianciano.

Andrea Angeli
Consigliere Comunale Gruppo P.d.L. - Chianciano per la Libertà

folgore ha detto...

Siamo allo stallo assoluto ed il serio rischio piu' prossimo e' assistere al precipitare della situazione da un momento all'altro. La maggior parte degli imprenditori, oramai in grave difficolta', sono abbandonati a se stessi e cercano di sopravvivere come meglio possono o credono. La conseguenza e' l'assoluta anarchia gestionale. Ma come biasimarli in un momento in cui nel profondo tunnel non si vede un minimo spiraglio di luce? In assenza quasi totale di reazioni serie e doverose, si assiste giorno per giorno allo sfascio totale di un tessuto economico costruito con anni di duro lavoro. E io continuo a chiedermi e vi chiedo, ma come e' possibile che il malcontento e la rabbia generale non possa trovare un canale comune che dia coraggio, forza e voce ad un'intera comunita'. Certo non mi aspetto che questa forza nasca dal basso: chi vive di solo salario o stipendio ha gia' tanti problemi quotidiani da risolvere, ma rimango basito e sconcertato davanti all'indifferenza e alla rassegnazioni di classi sociali che da sempre hanno fatto sentire con forza la loro voce. Si deve ricercare il massimo comune divisore e passare all'azione. SI DEVONO ABBANDONARE DEFINITIVAMENTE LE DIVISIONI E LE FRAMMENTAZIONI DOVUTE ALLE BIECHE LOGICHE POLITICHE, A VANTAGGIO DELL'UNIONE E DEL CONSENSO SUI PROGRAMMI E SULLE IDEE CHE ALLA LUNGA HANNO SEMPRE VINTO SU TUTTO IL RESTO! UN SALUTO A TUTTI DA STEFANO LO CICERO

il mago ha detto...

Proposta per Chianciano, V.M.18 anni.
Premesso che, chi comanda oggi a Chianciano può ormai permettersi di tutto e di più, infatti, anche se a qualcuno gli bruciassero o gli radessero al suolo la casa, costui li rivoterebbe sempre e comunque.
E visto che ognuno pensa al suo piccolo orticello, tanto prima o poi, se si continua così, gli spianano anche quello (notare lo stile poetico). E visto ancora che, se qualcuno prova ad alzare la voce viene preso per scemo da tutti.
Bene, a seguito di tutto ciò, affermo, diventiamo tutti intellettuali di sinistra, magari laureati con CEPU 110 e lode e facciamo proposte innovative per il bene di Chianciano.
Io, personalmente, propongo di costruire tante case (W i palazzinari) per affittarle gratis e dare lavoro a delinquenti e nullafacenti vari,meglio se extracomunitari, così si favorisce l'integrazione tra i popoli e si ripulisce Siena e tutto il resto dell'intercomunale, creando a Chianciano la "città dell'accoglienza", importante, però, escludere gli italiani, perchè sennò è razzismo.
Utilissimo sarebbe anche costruire una moschea, al posto della chiesa di San Giovanni, tanto, a messa, non ci va più nessuno.
Altro momento fondamentale per l'economia sarebbe la creazione di un quartiere a luci rosse nel Centro Storico, aperto 24h. su 24, tipo Amsterdam, altro che quelle cagate di mercatini.
Sempre nel centro storico, per favorire il centro commerciale naturale, istituzione di un Mc. Drive, ovvero, poter fare gli acquisti direttamente dall'auto senza nemmeno scendere, o meglio, arrivi, ti prendi il cappuccino, la pasta e le sigarette, paghi e alla fine ti cavi dai co....ni, il tutto sempre con la macchina sotto il culo, meglio se un SUV (hai lo sconto).
Per Piazza Italia, propongo l'ampliamento di quella meravigliosa vasca da bagno e di abbellirla con rospi e ranocchie autoctone, cosicchè si mangiano le fastidiose zanzare (questa si che è politica dei verdi)e sullo sfondo al posto del cinema Garden, due palle di cristallo infrangibile dove fare un centro recupero per annoiati e disadattati che si sono rotti ,appunto, le p.lle.
Un'altra idea utile ed innovativa sarebbe quella di finire di demolire quel poco che rimane di aree verdi adibite a giochi per bambini e trasformarle in zone attrezzate per il consumo libero di alcolici e cannabis, compreso ai minorenni,con due risultati: far guadagnare chi glie li vende, ma soprattutto per fare schifo ai bigotti che si scandalizzano.
E poi parcheggi multipiani a iosa con sopra terrazzine multiuso
( giardini pensili tipo Babilonia, eliporto etc. etc.), palazzi dei congressi a forma di culo ( per il primo gay pride a Chianciano) e così via.
A parte gli scherzi, cari Chiancianesi delusi, se non si esce da questo torpore e si mette su un pò di casino, siamo del gatto.
Altro che governo di sinistra, a chi ancora ci crede, consiglio, usate la mano sinistra, si, ma per farvi una s..a, forse proverete nuove sensazioni, non fate male a nessuno e non diventate ciechi, garantisco, meglio che andare a votare.
P.S. W l'ironia e se qualcuno si offende, allora vuoi vedere che in fondo è tutto vero !?

ciak, si gira... ha detto...

Bravo Mago,
che ironia e ironia, tu hai solo accentuato un pochino quella che già è realtà!!!
Oh! una volta ai neri vu-cumprà che venivano a vendere, i vigili li impacchettavano e mandavano via, ora chianciano è diventata tappa fissa, che schifo!!!
Ma del resto loro poverini come fanno.......vanno aiutati.....
E a noi chi ci aiuta??

folgore ha detto...

Mago, sei un grande, il tuo senso ironico e' ammirabile e tutti, dico tutti, dovrebbero prendere esempio dal tuo modo di fare satira. Scherzando scherzando Pulcinella diceva sempre la verita, e alla fine della fiera la tua verita e' devastante, autentica e prorompente. Piu' tosto, sapete qual'e' stato l'unico momento in cui Pulcinella ha detto la verita'? Beh, provate ad immaginarlo e' facile. Ragazzi, dobbiamo cambiare il nostro sistema di dibattito: la prossima volta niente cene, ma un serio incontro tecnico, preceduto da un ordine del giorno i cui punti, non tantissimi seno' e' la fine, saranno opportunamente richiesti e scelti da tutti noi! stefano lo cicero

ciak, si gira... ha detto...

1 punto (ed unico) all' o.d.g. cosa fare per cambiare la classe dirigente chiancianese che dimostra ampliamente la sua totale inadeguatezza nel risolvere i problemi del paese.

(cosa scontata dall' inizio ma solo ora chi dubitava ci sta sbattendo il muso)


Saluti a tutti....

e buon caldo !!!

folgore ha detto...

Per ciak si gira. Bene inseriremo il punto da te indicato nel prossimo ODG. Pur rinendo pero' che l'argomento indicato, gia' da solo basterebbe per discutere una serata, dobbiamo approfittare dell'occasione per dibattere almeno altri tre punti, che nelle linee generali potrebbero essere:
1)costituzione dello strumento attraverso il quale essere legittimati ad operare come movimento non politico;
2)accordo programmatico su 12 punti,relativi alle lineee generali di intervento da avviare per raggiungere gli scopi: 6 punti relativi ad obiettivi a breve termine; altri 6 punti quali altrettanti obiettivi a medio e lungo raggio; 3) qualificazione delle azioni da avviare, finalizzate al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Mi aspetto vostri suggerimenti, idee e integrazioni. cordialmente stefano lo cicero

Anonimo ha detto...

Ma non capisco una cosa... tutti in vacanza sono i blogger chiancianesi??
Eppure mi sembra che di argomenti ce ne siano sul piatto, parcheggi Borgonuovo, piano strutturale....
Dierre74, Luca Fè, Dago56, ecc dite la vostra!
...oppure vi fa comodo stare zitti eh???

ciak, si gira... ha detto...

Ho visto solo ora lo slide del degrado a chianciano, è vergognoso per quello che si vede, ma soprattutto vedere che chi dovrebbe controllare e provvedere al ripristino non esiste!!!
Se qualcuno dal comune la regione o la provincia vede lo slide e legge questo post, è pregato di adoperarsi immediatamente per togliere tutto quello schifo, se siamo così in crisi che dal comune in poi non avete i soldini per comprare quanto serve, fatecelo sapere, credo che noi tutti blogger saremo lieti di regalarvi 10 euro a testa per farvi fare il vostro lavoro...

Non ci resta che dire come al solito, era meglio quando era peggio... sicuramente ai vecchi tempi il giorno dopo le scritte sarebbero sparite!!!

ma la professoressa queste cose le vede oppure è intenta a preparare le valige .... qualcuno dei suoi amici la porti a conoscienza del fatto, chissà se avremo il piacere di avere un buon ricordo di lei (che abbia fatto qualcosa di buono)
prima che ci lasci per sempre !!!!
ho sentito questa voce in giro, è vera?

Ps: folgore, grazie della presa d' atto, sono convinto che vuoi mettere troppa carne al fuoco, 2-3 punti al max. altrimenti la gente si frigge il cervello prima del tempo e fatica a starvi dietro..

DiErre74 ha detto...

Mi ero ripromesso di tornare a scrivere principalmente su tematiche confinate e sulle quali le mie conoscenze e/o la mia formazione sono più approfondite, così da contribuire in modo migliore al dibattito, ma la lettura di alcuni commenti postati sia su questo blog che su quello di Albanesi, mi hanno indotto ad alcune riflessioni che voglio condividere con tutti voi.
La prima relativamente alla tanto contesta assenza, definita “quasi balneare” di questa nuova amministrazione. Badate bene, io non sono qui a farne una strenua difesa, quanto voi a distanza di due mesi dall’insediamento lamento una certa assenza, quantomeno in termini di comunicazione, e l’ho già fatto presente più volte all’assessore delegato. Anche se è vero che di fatto questa nuova amministrazione è politicamente la prosecuzione della precedente, è altrettanto vero che, Sindaco a parte, anche alcuni assessorati (nelle persone e nelle deleghe) sono cambiati, e quindi credo che sia più che plausibile una certa presa di conoscenza da parte di questi dello “stato dell’arte”, cosa che non può di certo avvenire, e sfido chiunque a dimostrare il contrario, in tempi ristrettissimi.
È senz’altro vero che a Chianciano stiamo attraversando ormai da troppo tempo una lampante gravissima situazione economica la cui gestione si presenta difficilissima, e pertanto è altrettanto lecito aspettarsi da parte di tutti, cittadini ed operatori economici, risposte o segnali programmatici in tempi brevi, ma credo che non saranno certo questi due/tre mesi (che ripeto, a mio avviso persi non saranno) a cambiare in modo radicale una situazione che è stagnante da tempi molto più lunghi. Se abbiamo pensato anche per un solo attimo che una nuova amministrazione, qualunque essa potesse essere, questa avrebbe avuto la bacchetta magica per risolvere in un “pluf” molti dei problemi che attanagliano la nostra cittadina, abbiamo sbagliato di grosso, ma molto di grosso.
Quindi per adesso, almeno per quanto mi riguarda, credo che se c’è qualcosa da contestare questo può essere esclusivamente la mancanza di comunicazione, questa intesa soprattutto come divulgazione degli intenti programmatici, così da creare una democratica partecipazione e perché no, se ce ne fosse veramente l’opportunità, diffondere un po’ di fiducia nel prossimo futuro.
Passando ad altro, e quindi riferendomi nel particolare al “movimento” di cui ad oggi si fanno principali alfieri il pragmatico ed astuto Stefano ed il combattivo e provocatorio Franco, concordo con molto di ciò che afferma “melani3” nei suoi commenti, in primis perché, come ho più volte ripetuto, anche se giustamente un “comitato” non deve essere timbrato politicamente e/o partiticamente, c’è comunque grande necessità di trovare il modo di riavvicinare la politica ai cittadini, e quindi sarà di basilare importanza la ricerca di qualunque forma di democratica partecipazione e tale ricetta, se ben cucinata, potrebbe essere molto utile in tale direzione.
In seconda battuta mi trovo a condividere con “melani3” anche su quanto concerne l’aspetto inerente gli attori in gioco e la qualità degli stessi; saranno di fondamentale importanza quindi sia tutte le categorie che si siederanno ai tanto richiamati “tavoli”, ma soprattutto la loro volontà di fare squadra e la qualità/professionalità di ogni singolo componente. Un saluto a tutti voi, alla prossima.

P.S. Un saluto particolare anche a quei blogger i cui commenti è molto che in queste pagine non leggo (onda lunga, W il Cassero, V. max 75, Luca Fè,….), che fine avete fatto? Capisco che ognuno di noi ha i propri impegni da cui è sempre più difficile sfuggire, ma che adesso siano sopraggiunti di nuovi e tutti assieme? Anche il vostro contributo è importante, non dimenticatelo!

Polmone Destro ha detto...

Caro Dr74 nessuno si aspettava dopo due mesi che si risolvessero i problemi di Chianciano Terme, ma da un’ Amministrazione, che si è insediata dopo una campagna elettorale accesa come quella che abbiamo vissuto quest’anno, mi aspettavo comunque un inizio con delle idee già studiate in precedenza e presentate ai cittadini dicendo “facciamo questo e quest’altro, i tempi saranno questi o quest’altri, questo lo faremo li……etc” cioè idee, comunicazione e un progetto!
Invece ci troviamo nel silenzio più assoluto, la sensazione che non sanno cosa e come fare, l’inesistenza di un progetto, ma solo un andare avanti a testa bassa e senza ascoltare nessuno, su ciò che ha fatto l’amministrazione precedente e sempre senza alcun contatto con associazioni e cittadini.
Non è un buon inizio e non da una bella idea, io sono per il centrodestra ma ormai ha vinto il centrosinistra, quindi dico semplicemente aiutiamo questa Amministrazione, perché nel bene o nel male è la mia, ma dico all’Amministrazione PERMETTETECI DI AIUTARVI, se non avete idee se avete bisogno di sostegno su qualche progetto, COMUNICATE, ACCETTATE SUGGERIMENTI, non andate di testa vostra, occhi sbarrati, orecchie tappate e abbiamo deciso cosi tutti zitti, come hanno fatto altri prima di voi, perché stavolta non ve la faremo passare liscia, vigileremo e se non fate le cose per bene e non ci farete partecipare, vi creeremo quella protesta popolare che a Chianciano non abbiamo mai vista, ma della quale si sente sempre di più il bisogno, quindi lavorate, comunicate e FATECI PARTECIPARE.

GRAZIE!

folgore ha detto...

Giusto ciak si gira, trovo giusta la tua considerazione, tre punti al massimo e due ore di discussione propedeutiche ad un accordo di massima. Il resto della "carne" lo metteremo d parte per quando gli invitati saranno molti di piu'. Cordialita' a tutti slc

folgore ha detto...

Per DiErre74 e Polmone Destro.
Trovo molto sensato il commento di Polmone destro quando dice che indipendentemente dalle proprie idee politiche, questa Amministrazione deve essere aiutata e sostenuta, a condizione pero' che la stessa Amministrazione apra i suoi programmi alla cittadinanza, permettendo cosi l'avvio di quella politica partecipativa di cui tutti si riempiono solo la bocca. Secondariamente mi permetto pero' di insistere su un fatto, secondo me molto sottovalutato. Lo statuto Comunale di Chianciano terme, ovvero la sua Carta dei diritti e dei doveri, gia' prevede queste forme di apertura da parte del comune, e' ovvio pero' che tali forme di partecipazione politica all'amministrazione comunale, devono aesere adottati attraverso forme associative ben legittimate, viceversa sarebbe il caos. Ma allora, se questa possibilita' esiste gia' da tempo, Vi assicuro che e' cosi' basta leggere lo statuto comunale, perche' mai fino ad oggi la comunita' Chiancianese non si e' dotata di questi validissimi strumenti? Dunque, accertato cio', perche' non costituire da subito questo validissimo ed efficace strumento di verifica, partecipazione e persuasione politica? cordialita' slc

spazzino bighellone ha detto...

Scusate, ma la Prof. Ferranti in campagna elettorale, non invitava a votare per lei perchè avrebbe iniziato a lavorare per Chianciano da subito, dal giorno dopo le elezioni? Qua sono passati due mesi, ma non c'è un ben che minimo segnale di vita da parte della nuova giunta.
E' vero che per fare delle grandi opere ci vuole del tempo, ma per ripartire bisogna iniziare dalle cose più piccole (e meno costose).
Se ci vuole tutto questo tempo per comprare un secchio di vernice per togliere le scritte dai muri, una scopa per raccogliere le foglie, un decespugliatore per tagliare l'erba più alta, un sacchetto di asfalto per tappare un po di buche (transitare per via Di Vittorio è diventato quasi come passare su una maggese), allora si...siamo davvero messi male!!!

DiErre74 ha detto...

1/2 Caro anonimo del 29/07 ore 22.00, singolare però il tuo invito! Tu non ti esprimi e con altezzosità chiedi a me cosa ne penso del parcheggio di Borgonuovo o del Piano Strutturale, argomenti su cui tra l’latro avrò scritto come minimo una ventina di commenti….! Bah, in questo modo a me sembra solo provocazione, ma dimmi un po’, a cosa pensi possa servire? Comunque se provocazione voleva essere non raccolgo e voglio accontentarti, almeno sul parcheggio del “Cantinone”, argomento meno fumoso (almeno per adesso voglio augurarmi) del Piano Strutturale.
Potrei dirti che pur apprezzando sinceramente molto l’energia, l’impegno e la volontà del consigliere di opposizione Andrea Angeli (il Devil che fu e saluto…), e con il dovuto rispetto verso le lamentele denunciate dai cittadini, che comunque non tutte sono soggettivamente condivise, come detto anche ai tempi dell’apertura del cantiere, trovo che su tale vicenda si sia discusso e si continui a discutere sin troppo, ma soprattutto in modo meramente demagogico e strumentale.
Visto che in campagna elettorale la Prof.ssa Ferranti si è espressa in merito ad una possibile rivisitazione della soluzione progettuale approvata, senz’altro è corretto che lei stessa chiarisca ai cittadini, ed una volta per tutte, quale sia linea politica che questa nuova amministrazione intende adottare in merito al progetto, ma di contro è l’ora di farla finita con strumentalizzazioni politiche facenti leva su scontati disagi dei cittadini, strumentalizzazioni che entrano addirittura, ed il più delle volte sbagliando di grosso, nel merito tecnico dell’esecuzione dei lavori. E se lo dico, essendo tra l’altro un ingegnere che si occupa perlopiù di strutture, lo faccio con cognizione di causa, non certo perché debba difendere l’operato della committenza, del progettista o della ditta esecutrice i lavori. Credo quindi che se è giusto augurarsi e sperare che questa nuova amministrazione assuma un atteggiamento il più aperto e disponibile possibile ad ascoltare ed accogliere le istanze che provengono dal tessuto sociale chiancianese, sarebbe altrettanto giusto da parte dei cittadini fare in modo che si eviti inutile dietrologia, e nel caso del Cantinone augurarsi che tali lavori procedano, magari rivedendo anche il progetto perché no, in modo celere, così da limitare al massimo i disagi dei residenti, dei commercianti e dei ahimè pochi turisti che sono ancora attratti dal nostro centro storico. (segue)

DiErre74 ha detto...

2/2 Poi se vuoi sapere ciò che ne penso del progetto in se stesso, anche se farei molto prima ad invitarti a rileggere quanto ampiamente da me espresso nel commento che trovi sul post del centro storico, ti posso comunque ribadire che se da una parte ho trovato e tuttora trovo scorretto fare una mera valutazione economica in termini di costi per singolo posto auto, in quanto credo che si debba ragionare in termini di rapporto, tra investimento e beneficio ottenuto da tutti gli interventi previsti dall’investimento stesso, d’altro canto trovo importante capire se tale intervento è nato dalla necessità di dare una risposta in termini di parcheggi per gli utenti ed i residenti del centro storico oppure dall’esigenza di riqualificare tale area. Perché se nel primo caso è più che ovvia la risposta, nel secondo caso possono essere considerate democraticamente legittime tutte quelle osservazioni soggettive inerenti il progetto stesso, le sue funzioni e la sua qualità.
Personalmente avrei ritenuto senz’altro molto più necessario intervenire nella direzione di un potenziamento sostanziale della capacità del parcheggio attuale (anche forse a discapito, se non possibile tecnicamente, della qualità architettonica) e concedendomi di dare una sommaria valutazione su quanto previsto dal progetto, mi soffermerei soprattutto sulla realizzazione della terrazza prevista a copertura del parcheggio. Il nostro centro storico è caratterizzato tra le molte cose (di cui assai sconosciute ai più) anche da due significative piazze, ovvero P.za Matteotti e Piazzolina dei Soldati, piazze queste che seppur utilizzate ad oggi come squallidi parcheggi, hanno sicuramente una valenza storica ed architettonica, ma sono soprattutto identitarie, in quanto rappresentative del nostro passato. Allora, proprio in base a questo, quello che io mi chiedo è se, la realizzazione di tale nuova moderna e/o contemporanea piazza o terrazza belvedere (tra l’altro sul lato forse meno panoramico del nostro vecchio paese), abbia una reale valenza funzionale e se può o meno apportare un valore aggiunto al nostro centro storico.
Quindi per concludere, per quanto mi riguarda sarei più che favorevole alla realizzazione dei due piani di parcheggio previsti senza però la realizzazione della copertura del secondo livello, risparmiando tra l’altro dei soldini, che chissà non potrebbero essere dirottati nel capitolo di spesa inerente la progettazione dell’utilissimo e necessario parcheggio di P.ta S. Giovanni. Sperando di averti dato le risposte che chiedevi, ti saluto.
Damiano Rocchi.

stefano ha detto...

Scusate ma per i turisti che ci sono adesso e che vengono quest'estate????Li portiamo al dibattito su Chianciano??? Un po' di rispetto per questi clienti per favore.....vetrine aperte almeno,qualche spettacolo al parco,
qualche manifestazione non possiamo trattare la gente cosi'.
Poi ben vengano i dibattiti e le probabili o possibili soluzioni.La stagione e' avviata almeno salviamola e non possiamo permetterci di trattare i clienti cosi'.

Pe favore.Grazie
Stefano

Anonimo ha detto...

Sul parcheggio Borgonuovo.
Il Sindaco Gabrielle ferranti ha rilasciato l'altra srea un'intervista a Teleidea ed ha spiegato in "politichese" che i lavori andranno avanti come da progetto, cercando di minimizzare i disagi per i cittadini.
Tradotto in termini capibili ha detto che il partito ha deciso di portare avanti comunque e contro tutte le opinioni avverse il progetto, non potendo sputtanare la precedente Giunta Bombagli (di cui 3 assessori sono tuttora in carica) e che i cittadini dovranno sopportare tutti i disagi relativi che di fatto non potranno essere minimizzati perchè tra l'altro faranno transitare anche i camion superiori al limite imposto.
Tra l'altro i residenti di Borgonuovo hanno fatto un esposto alla Procura la quale ha iniziato le indagini per i danni eventualmente causati agli edifici ed alle cantine sotterranee.

senti un pò... ha detto...

Il dato.....
chianciano è vuota.......di clienti...ma soprattutto dei personaggi che l' hanno resa così.
Giustamente loro ora sono al mare e noi poveri illusi quì ad aspettare che qualcuno ci porti sollievo economico.....
Giustamente i generali sono in vacanza e la truppa in prima linea.
Vi sembra giusto????
Ma chi C...O li ha mandati su questi pantofolai???? Ma è giusto che siamo amministrati da simili persone???

E' proprio vero:

compagno te lavora che io magno!!!

il mago ha detto...

Caro Stefano hai perfettamente ragione, si fanno tanti bei discorsi e si dicono anche stupidaggini, come fa anche il sottoscritto, ma il problema è complesso e secondo me andrebbe affrontato con senso pratico, coesione sociale e rispetto per chi ci porta i soldi, che come tu stesso puoi constatare, a Chianciano, sono tutti completamente assenti.
Innanzitutto gli spettacoli di un certo livello costano soldi e chi ce li mette?
Non certo il comune e/o le banche, spesso, impegnati a finanziare progetti non solo completamente inutili, ma anche dannosi per la comunità.
Come saprai a Chianciano ci sono una miriade di piccole associazioni, nate per nobili motivi, per carità, ma ognuna separata dall’altra, spesso anche in competizione tra di loro e senza un progetto finalizzato a creare qualcosa di un certo livello per il nostro paese.
Basta vedere alcuni esempi di cosa si organizza a Chianciano: sfagiolata (sai che puzza dopo), mercatini vari (a S. Albino li fanno meglio), festa dell’Unità o come cacchio ora si chiama (pici con la nana e trippa ad Agosto) etc. etc.
Il problema è che nessuno si chiede mai quale potrebbe essere il cliente tipo da coltivare per Chianciano anche per il futuro, che non è più, né il fan sfegatato di Nilla Pizzi od Orietta Berti (con tutto il rispetto e ben vengano), ne il vent’enne o giù di lì, come potrebbe essere a Rimini.
Per capirci ancora meglio, se organizzi feste tipo rave party, per qualche giorno hai molti giovani in giro ( ed anche questi ben vengano), ma poi i clienti veri, quelli da rispettare e considerare, che ti fanno la stagione, con questo modo di fare,scappano via e se ne guardano anche bene dal ritornare ancora.
Cosa fare allora?
Creare almeno una pro- loco che si rispetti, al di fuori della politica e degli interessi di parte e poi le cose da fare sono infinite, dalle più banali alle più complesse, importante è creare una tradizione duratura e condivisa e che sia fatta propria dalla maggioranza dei cittadini.
Per esempio concorsi ippici, anche e soprattutto di dilettanti (costa meno l’organizzazione e l’interesse è lo stesso), fuochi d’artificio, o ancora, ve li ricordate i giochi della cuccagna alla Madonna della Rosa?
Mi raccontano, io non ero ancora nato, che nel primo dopo guerra a Chianciano esisteva una bellissima festa in costume detta “dell’uva”, con sfilata di carri e personaggi, non inferiore a nessuna delle feste rispolverate ad oggi nei comuni limitrofi.
Ma lo sapete che a Chianciano e dintorni esistono gruppi teatrali con attori bravissimi e divertentissimi che non hanno nemmeno una sede per potersi esercitare?
Perché non coinvolgerli, si dà loro lavoro e si creano cultura e spettacolo.
L’aria, i posti, il mangiare ed il bere, la storia, ce la invidiano in tutto il mondo, ma possibile che dobbiamo buttare solo soldi in cazzate colossali, che distruggono ambiente, paesaggio, cultura , luoghi storici e che nessuno faccia o dica nulla?
In ultimo un’idea per riderci su, ma anche per dire qualcosa, forse poco seria, ma che può colpire nel segno.
Propongo, se i blogger sono d’accordo e non si prendono troppo sul serio, un referendum sul tema “miglior cagata per Chianciano 2009”, cioè, qual è secondo voi il progetto più inutile e dannoso realizzato in questo ultimo anno nel nostro paese.
Al termine della votazione, premierei il realizzatore/i della suddetta bestialità con: a) un encomio pubblico sul Blog; b) un attestato di merito in autentica e preziosa carta igienica 4 veli; c) un viaggio premio, andata e ritorno, a piedi ( meglio se a calci in culo), al
“ museo della cacca” situato all’interno del parco di Oltremare di Riccione.
Personalmente voto come miglior cagata dell’anno: “il parcheggio Borgo Nuovo”!!!
A voi la prossima.

spazzino bighellone ha detto...

Riguardo al parchegggio Borgonuovo, vorrei sapere cosa ne pensa l'associazione da poco costituita del centro commerciale naturale del centro storico.
Negli ultimi giorni di campagna elettorale, in un intervista all'ex vice sindaco Sanchini fu detto che non tutti i residenti erano contrari al pargheggio di Borgonuovo, anzi c'erano anche dei cittadini che li esortava ad andare avanti, tra cui l'associazione del centro commerciale naturale del centro storico.
Ora io mi domando: ma sono davvero tutti d'accordo? se così non è (ne sono sicuro) perchè non iniziamo a far saltare il banco, uscendo allo scoperto con comunicati stampa, manifestazioni e proteste? In fondo, le associazioni servono anche a questo...o no?

Anonimo ha detto...

Ma dove so' l'idee a Chianciano l'unica cosa da fare e' aspettare..... ottobre e' vicino cosi metteremo fine a questo strazio.

ciak, si gira... ha detto...

salve,
andando per ordine il premio, per il passato al bruco, per il presente al parcheggio per il futuro al palazzo dei congressi.
(prego fatevi un rapidissimo calcolo dei milioni di euro sputtanati i primi due sono certi il terzo sarà futuro)

rispondo per i mercatini, che s. albino sia meglio dei nostri è da DIMOSTRARE.... se chi li tira in ballo è contro, il problema è il suo ! a chi proponeva di farne 1 a settimana alla macerina, dico che ci vada lui li a perdere un giorno di lavoro a settimana.

(parlo così dato che io ci campo con questa attività quindi credo di avere voce in capitolo più di chi apre bocca e gli dà fiato)

posso assicurarvi che sia l' organizzazione che la tipologia di merci offerta nei mercatini chiancianesi non ha nulla da invidiare a quelli fatti sulla costa attualmente, eccezion fatta per la presenza delle persone, a chianciano facciamo ridere ..... se volete vedere le potenzialità di un vero mercatino siete tutti invitati questa domenica a marina di grosseto corso italia.....

per chi si lamenta del fatto che quì si fanno solo parole, ok va bene ma noi poveri illusi altro non possiamo fare, chi dovrebbe fare qualcosa attualmente è in ferie, fregandosene di chianciano e di chi ci stà.

A chi vorrebbe portare i giovani a chianciano, ma ieri sera ha visto su canale 5 quello che attualmente la riviera romagnola stà offrendo per fare il pieno di presenze??? noi come possiamo minimamente illuderci di poter competere??? che il mandiamo da pignatta in piazza ?? unica attrattiva a chianciano in questo momento..
ma dai stiamo con i piedi in terra, dobbiamo incazzarci sul serio con chi di dovere, dato che non vuole spendere nemmeno i soldi per qualche secchio di vernice e coprire lo schifo che è sui muri..
Questo è il primo danno d' immagine che l' attuale giunta stà regalandoci.
Quindi propongo cominciamo a fare TUTTI QUADRATO su QUESTO argomento che mi sembra realissimo e se volessero di rapidissima soluzione.

Vi rendete conto.... se non sanno organizzarsi per comprare 1-2 secchi di vernice, come cavolo possono organizzare manifestazioni e quant' altro necessita chianciano in questo momento.

Ah.... riguardo i concerti....,
c' è qualcuno che mi spiega come mai a maggio (dico maggio) hanno fatto zelig, masini,e i nomadi e ad agosto nulla??
Tali personaggi mica saranno venuti quì a fare le prove a gratissss prima di partire per l' estate??? come al solito mistero chiancianese...

Anonimo ha detto...

Siamo proprio alla frutta

Anonimo ha detto...

Ciao DiErre74, volevo dirti che ho letto alcuni tuoi commenti sia su valtubo che sul blog di Franco Albanesi, condivido abbastanza i tuoi pensieri perchè pur di farti portabandiera degli ideali in cui credi, sei moderatamente e democraticamente aperto ed interessato anche agli altri punti di vista. E questo è un grande pregio.

Andrea Angeli ha detto...

Caro Dierre74,
innanzitutto un caro saluto anche a te.
Sai bene che ho sempre apprezzato la moderatezza e la pertinenza dei tuoi interventi, tuttavia sbagli nel dire che sul Cantinone, almeno per il mio conto, ci siano state strumentalizzazioni.
Come detto già in un’altra occasione io voglio portare avanti il mio lavoro in consiglio, con onestà e con passione, fino a quando potrò, occupandomi delle tematiche che ritengo più importanti e meritevoli di attenzione.
Sulla questione dei parcheggi del Borgonuovo in particolare ho deciso di muovermi in maniera certamente decisa, sempre con la piena condivisione degli altri consiglieri del gruppo, non perché avessi in mente di fare demagogia contro la nuova amministrazione né tantomeno perché volessi ingraziarmi il favore dei cittadini che vivono nel borgo (non l’ho fatto in campagna elettorale quale senso avrebbe farlo adesso?).
Ho deciso di agire semplicemente perché ritengo che sia compito di una buona opposizione denunciare mancanze, ritardi e valutazioni errate di una amministrazione che come quella attuale non brilla certo di attivismo.
A me e a molti altri questo progetto non è mai piaciuto perché lo ritengo inutile e uno spreco di denaro pubblico in ragione dell’utilità ricavata. Tutto ciò l’ho scritto e detto in campagna elettorale pur senza tanti proclami.
Ma al di là di quelle che possono essere diverse valutazioni dei pro ei contro, la mia interrogazione e gli interventi sulla stampa hanno avuto quantomeno il merito di smuovere una giunta che quasi a due mesi di distanza dall’insediamento pare non avesse ancora una linea politica definita al riguardo.
Adesso, a quanto pare, il Sindaco Ferranti e la sua Giunta hanno le idee chiare su cosa fare. Purtroppo io e credo anche molti cittadini del centro storico (concordo perfettamente con te spazzino bighellone!) non condividiamo la scelta di proseguire sulla linea dell’intransigenza che nega ogni possibile rivisitazione del progetto. Di converso credo che forse sia stata la stessa Prof. Ferranti a utilizzare a proprio vantaggio la situazione in campagna elettorale con false promesse di modifiche al progetto pochi giorni prima delle elezioni.
Comunque questi sono i fatti e le decisioni pare siano state prese. Spero solamente, per il bene del mio paese, che le mie opinioni siano quelle errate e che come dice qualcuno il nuovo parcheggio diventi il centro della vita sociale e culturale di Chianciano. Per il resto io e gli altri consiglieri di opposizione rimarremo qui a fare il nostro compito valutando eventuali ritardi e controllando il regolare prosieguo dei lavori. Ai posteri l’ardua sentenza!
Una buona serata

DiErre74 ha detto...

Ciao Andrea, nel mio commento era mia intenzione sia quella di esprimere (pur non trovandomi sulla tua stessa sponda…) il mio apprezzamento per il giusto impegno che stai mettendo nel tuo lavoro di consigliere, ma anche quella di evidenziare le strumentalizzazioni che sul parcheggio del Cantinone ci sono state e tuttora ci sono; nel farlo con molta probabilità mi sono male espresso o forse ho generalizzato troppo e per questo non ho alcun problema a chiederti venia, ma non lo nego anche un po’ di comprensione. Sei un ragazzo “chiancianese” in gamba, sveglio ed intelligente per non negare che di strumentalizzazioni e demagogia in tal caso se ne sono fatte tante, forse troppe, sembra quasi che il “problema” fondamentale di Chianciano Terme sia il parcheggio di Via Borgo Nuovo! Senza presunzione alcuna ho ragione di credere che io stesso possa essere dai più condiviso se dico che, ripeto pur rispettando alcune delle perplessità e difficoltà incontrate dai residenti, sarebbe stato, e tuttora sarebbe molto più importante indirizzare, molta di tale politica energia verso la risoluzione di questioni di importanza ben più rilevante per il futuro della nostra cittadina. Non torno nuovamente sul merito del progetto perché mi sembra che io stesso mi sono più volte chiaramente espresso, sorvolo volutamente sulle valutazioni fatte e/o decisioni prese dagli amministratori (con alcuni dei quali, per dovere di cronaca, sappi mi sono più volte criticamente confrontato con la speranza di dare un contributo positivo) poiché altrimenti rischierei, come suol dire, “di predicare bene e razzolare male” e quindi chiudo questo intervento salutandoti ed esprimendoti di nuovo tutto il mio rispetto per l’impegno che stai mettendo augurandomi che questo rimanga costante per tutta la durata del percorso amministrativo. Sono infatti più che convinto che una seria, costante e costruttiva opposizione possa essere un bene ed uno stimolo per chi è chiamato a governare, soprattutto in condizioni difficili come quelle in cui noi ci troviamo. Buon fine settimana. A presto
Damiano Rocchi

Anonimo ha detto...

complimenti ciack si gira ai perfettamente ragione ma sai non tutti guardano la televisone, magari so nelle ville al mare fregandosene di te e di me e sti 4 poveri commercianti rimasti. ai visto bene quello che fanno in giro dove si inventano tutto e di piu per far arrivare gente qui e solo un blaterare progetti, futuro, forse sara meglio che cominciamo a metterci in testa e non solo noi che chianciano sara un piccolo ed anonimo paese della prov di siena che campera solo con 4 stipendiati ,vigili, carabinieri ,e amministrazione che pensano solo a fare 4 multe a quei 4 malcapitati turisti che non torneranno neanche se li paghi ma chi sa come andra a finire ai posteri ardua sentenza

stefano ha detto...

Ciao Mago condivido quello che dici pro' possibile che solo qui a Chianciano non possiamo realizzare qualcosa unendoci e incontrandoci.Va' bene siamo toscani e individualisti ma la situazione e' grave o sbaglio???

saluti Stefano

ciak, si gira... ha detto...

altro danno d' immagine,
la fontana di piazza italia.....
sono giorni che è morta, signori che facciamo la volete mettere in funzione o fate prima a riempirla di tufo e metterci 4 piante grasse così non dovete neanche annaffiarle::....

Ancora una volta ......
vergognatevi....

Mi domando, avete fatto di tutto per essere eletti, ora che ci siete ma volete fare qualcosa di tangibile per questo cronicario???
ma infondo infondo una coscienza l' avete ??? o il partito ve l' ha cancellata!!

Anonimo ha detto...

Sparo due cavolate anche io se ne dicono tante...Chianciano Terme citta' del benessere e turismo bene, iniziamo con grande parcheggio sotterraneo ben servito da mezzi tipo taxi pulman ecologici ecc. Nel pacchetto offerta benessere inserire uno skipas per muoversi liberamente a tutte le ore nella citta'.Perche' no nei mesi invernali abbinarlo con una convenzione con amiata impianti.Noleggii di scoter e vetture elettriche,biciclette,organizzare escursioni nei nostri meravigliosi sentieri.In ogni angolo si dovrebbe ricordare che siamo nella citta' del benessere.Valorizzare e rinnovare il modo di offrire alcuni tipi di cura da abbinare assieme a terme sensoriali e piscina termale.In alternativa alla nostra ottima cucina abbinare diete particolari,adatte a sportivi.Cercando di attirare clientela giovane probabilmente si ringiovanirebbe noi e anche quei pochi clienti che ancora ci danno fiducia.Tutto questo e tanto altro ancora, pubblicizzato e venduto da gente capace.Ora la sparo grossa, pensate se tutto il terreno comunale diventasse un campo da golf con Chianciano nel centro.Allora avrebbe senso abbattare i vecchi alberghi.Peccato che qui e' tutto difficile.AAA

spazzino bighellone ha detto...

OOOHHHH, noi Chiancianesi siamo sempre a lamentarci che nella nostra città non viene mai organizzato nulla.....cazzate!!!
Dal 6 al 16 Agosto ci sarà l'evento dell'anno, la mitica, insostituibile, immancabile, la tanto attesa FESTA DELL'UNITA'.
Meno male che qualcuno fa qualche cosa x noi!!!

moralizzatore ha detto...

Buon giorno a tutti, prendendo spunto dal sondaggio lanciato da "il mago", vorrei esprimere la mia preferenza: la "miglior cagata dell'anno 2009" è sicuramente il parcheggio Borgonuovo, sia per la valanga di soldi spesi che per gli enormi disagi (secondo me, siamo solo all'inizio) per gli abitanti del centro storico.
Se invece volessimo analizzare la "miglior cagata del secolo", senza dubbio metterei al primo posto il bruco per i milioni di euro inutilmente spesi e per aver "violentato" un parco bellissimo come quello dei Fucoli.
Non avevamo certamente bisogno di costruire un'enorme ed orrenda serra al posto dello spledido teatro all'aperto dei Fucoli.
Ma non è possibile fare una petizione per far ripristinare il parco allo stato originale e far pagare i lavori a chi ha ideato e voluto tale scempio?

Via il Palabruco dai Fucoli!

folgore ha detto...

ciao valtubo, a mio modesto parere i negativi risultati dell'istant pool sul gradimento espresso dalle persone sulla "politica di guidi" andavano commentati. Ricordo a tutti che il sondaggio riflette questi voti:
Ottima 5%- Buona 15%- Sufficiente 8%- Insufficiente 8%- mediocre 34%-non so 0. Il blog e' un mero mezzo di informazione e tutti i suoi risultati dovrebbero poter essere commentati. Cordialita' stefano lo cicero

folgore ha detto...

UN SENTITO RINGRAZIAMENTO A VALERIO; GRAZIE AL SUO ESTENUANTE LAVORO C LA CITTADINA DI CHIANCIANO TERME PUO' CONTARE SU UNO SPAZIO INFORMATIVO LIBERO E DEMOCRATICO. INIZIATIVE COME LA SUA ANDREBBERO INCORAGGIATE E SOSTENUTE ANCHE DAL COMUNE STESSO. GRAZIE VALERIO

Rossella Donati ha detto...

Seguo dall’inizio Valtubo ma, fino ad adesso, non essendo giovane e pratica di computer, non riuscivo a partecipare alle denuncie.
Seguendo le varie proteste ho sempre apprezzato il comune intento, che definirei amoroso e straziante, che unisce tutte le voci. Proteste che sottointendono il desiderio di poter rivedere la nostra cittadina risorgere agli antichi splendori.
Tutti sanno che questi saranno difficili da ripetere ma, da vecchia Chiancianese, ricordo con quante energie i Sindaci, le Amministrazioni, le Associazioni paesane allora esistenti si prodigassero per il futuro economico del paese.
Futuro che conveniva a tutti perche il benessere non ha colore. E’ nella natura umana aspirare, con il lavoro, a condizioni economiche migliori: guadagni di più, spendi di più, investi di più, paghi stipendi migliori, assumi più persone per periodi sempre più lunghi, paghi più tasse.
Ricordo le lotte di Chianciano per avere l’uscita della autostrada del Sole qui, perché i pastai di Perugia la volevano là. Viaggi a Roma, un onorevole di Chiusi che caldeggiava la cosa, poi la conquista! All’epoca sembrò il raggiungimento del passaggio a Nord Ovest.
Qualche anno prima era nato il Premio Chianciano che in poco tempo era già sui quotidiani nazionali paragonato al premio Strega: Loren, Gassman tanti grandi nomi che davano lustro a ”Chianciano …fegato sano” . Chi ci si dedicava? Chiancianesi di buon senso, non intralciati da fedi politiche, uniti fermamente alla ricerca di quella futura ricchezza.
POI?

Rossella Donati
segue parte 2

Rossella Donati ha detto...

parte 2

L’appiattimento, il populismo sterile.
Premio Chianciano? No…ma discussioni su edizioni letterarie e valutazioni culturali……No a un vincente, No allo spettacolo… l’Italia incomincia a scordarci.
Le Terme? Un susseguirsi di direttori incementati.
I Chiancianesi invecchiano e chi, dopo anni di lavoro dipendente, mattone su mattone si era fatto la pensioncina, molla per l’età…figli in banca o lontani…..e…..ARRIVANO I NUOVI IMPRENDITORI!!!
Questi si che sono imprenditori!!!
Comprano, demoliscono, ricostruiscono e i primi clienti che ricevono sono orde di ragazzini a 16.000 Lire in FB. Amministratori in solluchero! Questi sono imprenditori! Non tutti ristrutturano, altri decidono di trasformarli in appartamenti. Amministratori lingua a terra, occhi umidi…Bucalossi…siamo qui !!
Intanto il lavoro incomincia a soffrire: a chi più a chi meno, ma non si dice ..va sempre tutto bene..e poi si sa non tutti gli anni sono uguali passerà…si ma sono già 3,4 o 5 anni…ma via passerà..E arriva un NUOVO SBARCO DI IMPRENDITORI!!! Ma attenti c’è evoluzione come nel Padrino fra Marlon Brando e Al Pacino! Questi fottono tutti dal mobiliere all’idraulico al macellaio, sono”scientifici”.
E si attestano sui 16 euro FB. Se lo fanno loro lo possiamo far tutti e… il paese crolla.

.
PRIVATIZZAZIONE? Vive un momento magico poi manolonga delle banche o manolonga della politica o due manolonghe che si lavano il viso e anche la schiena e poi ci strangolano, fatto sta che si stabilisce la normalizzazione.
CHE E’ ??
L’ho sempre equiparata alla stabilizzazione che il medico del 118 fa sul paziente in condizioni critiche: E’ stabilizzato? Bene! Si può portare a Siena, a Nottola o a Tunisi. C’è tempo per pensare che cosa fare.
I tubi che lo nutrono sono i mutui e interessi sui mutui e ratei dei mutui pagati con gli scoperti di conto gravati da interessi. Le fasce che amorosamente lo trattengono gli ricordano chi deve votare alle politiche alle amministrative o ai Consigli d’Amministrazione di interesse locale:
Ricorda che i tubi ti nutrono…nutrono…nutrono…delega …delega…delega…
E ALLORA MIEI CARI AMICI, MIEI CARI ANONIMO, POLMONE, CIAK E TUTTI GLI ALTRI..CHE SI FA?

CI SI VESTE DA MATTI ?

SI CONTINUA A COLLOQUIARE CIVILMENTE?

SI TIENE DURO PER FAR CAPIRE CHE IL PAESE NON E’ UN BLOCCO IN VENDITA?

SI CONTINUA A DENUNCIARE I POCHI SVAGHI DEI CLIENTI. LE BUCHE NELL’ASFALTO, L’ILLUMINAZIONE PUBBLICA, LA TIA , BOLLETTE DELL’ACQUA CHE SEMBRANO PAZZE MA CHE NON LO SONO?

LA NOSTRA DISPERAZIONE E’ L’INDICE DI SUCCESSO DI UN PROGRAMMA MAI PUBBLICATO “SCIENTIFICO” NATURALMENTE.

Rossella Donati

folgore ha detto...

Per la signora Donati. Il suo commento e' appassionante; secondo il suo racconto tutto sarebbe ed e' premeditato, ovvero esisterebbe un sorta di "mano nera" che agendo nel tempo del tutto indisturbata, vuole mettere le mani sull'intera citta', magari con il tacito consenso della politica e di quella nomenclatura che perde tempo e fa perdere tanto denaro e molteplici opportunita' alla cittadina. Tutto puo' essere, ma la riflessione sorge spontanea: i chiancianesi fieri e battaglieri, come lei li definisce, che fine hanno fatto? Anche loro forse sono tutti sul libro paga di questa misteriosa carboneria che vuole solo arricchirsi alle spalle degli altri? Lei si definisce "vecchia Chiancianese", ma le battaglie che i gruppi di lavoro, a volte in pieno disaccordo tra loro, stanno nel bene o nel male, portando avanti, non sono ad esclusivo onere o vantaggio delle generazioni giovani, tutti devono partecipare.Lei per esmpio, con la sua esperienza e la conoscenza dei fatti potrebbe dare moltissimo alle cause. L'aspettiamo questa sera alle 21.30 all'Admiral palace di chianciano. Stefano lo cicero

TUTTI A SANPATRIGNANO ha detto...

Non ne faccio il nome, ma sto parlando della più importante azienda chiancianese, quella ad uso pubblico, quella che dovrebbe "attrarre" il turista.
Spero che chiuda a breve.
Troppo drastico?
Allora diciamo spero che fallisca entro due giorni!
Vergogna!
Vergogna per come è gestita. Vergogna per il malcontento e i disservizi che crea.
Vergogna per gli interessi privati che ci imperversano ora più che mai.
Vergogna perche son tutti raccomandati, e specialmente tutti e specialmente oggi come ieri e come sempre.
Vergogna perché per giunta fanno finta di fare le selezioni.
Vergogna perché alla fine tutti sono incompetenti e quei pochi che potrebbero in questa situazione si guardano bene dall'esporsi e fare di più, che poi prenderebbero anche dei bischeri.
Vergogna perché le selezioni finte le fa l'amica di...ma i soldi li prende veri.
Vergogna perché i sindacato sono conniventi, la politica è connivente, gli albergatori sono conniventi, siena è connivente, firenze è connivente, tutti sono complici e conniventi.
Vergogna perché "per legge" si va avanti per anzianità, e già questa è una bestialità, ma poi non è vero perché si va avanti solo con le superspinte occulte.
Vergogna per la russia...
Ma fatemi il piacere che qui non ci vengono manco i pensionati dell'mps che ci da i soldi e stanno a cinquanta chilometri! Ma che vuoi russare!
Vergogna perché non c'è l'ombra di un piano industriale e/o di riassetto, mai stato!..e a che serve?
Vergogna perché per fare qualcosa si è fatto poco, ma male e però rigorosamente senza capo né coda, che sennò si vedeva la differenza con quelli di prima e non stava bene.
Vergogna perché si è mischiato l'asino coi poponi.
Vergogna perché si continua a vendere non si bene che e comunque l'importante è che sia invendibile e costoso e abbia bisogno di tanto personale...
Si, si, giù con il personale e le assunzioni, che c'ho un amico che è due anni che mi rompe perché riesca a far infilare la sua figliola che non la vole più nessuno e lì invece dice che ci si diverte (in tutti i sensi...) e un buco dove infilarla si trova sempre(!).
Vergogna perché se fosse un ristorante sarebbe ben strano perché ti servirebbero la colazione con la cena, con il risultato immangiabile che è davanti agli occhi di tutti.
Vergogna perché all'ingresso bisogna chiedere per far pagare, che in questa confusione non si capisce e non si può capire da subito cosa uno vuole.
Vergogna per gli orari inevitabilmente assurdi.
Vergogna perché si va avanti con regole borboniche prive di ogni logica.
Vergogna perché poi le regole (sbagliate) non valgono per tutti e alla fine c'è sempre il solito furbino, magari albergatore.
Vergogna perché alla fine i soldi ce li mettiamo noi, di dritto o di rovescio, ce li abbiamo sempre messi noi
Vergogna perché i soci siamo noi, tutti noi, io compreso, e se questo è il risultato qualche colpa la dovrò avere anche io e quindi me ne vergogno in prima persona.
E così spero che chiuda a breve.
Che fallisca no, non lo spero.
Che fallisca è una certezza.
Basta attendere, ed io fiducioso attendo.
Chi è onesto sa che un'azienda del genere doveva essere morta e seppellita da anni.
Spero che chiuda entro due giorni, prima di ferragosto, perché almeno così tutti noi prenderemo atto.
Come un drogato che solo quando collassa si rende conto di dove è arrivato e alla fine va in comunità.
Solo lì qualcuno, non tutti, ne esce.

folgore ha detto...

Per San Patrignano, tutto quello che hai scritto e' la pura e semplice realta' dei fatti, ma sono decenni che va avanti cosi'; la vergogna da sola non riuscira' cambiare le cose, ci vuole l'impegno personale, ovvero lavoro fatica e anche qualche problema personale da mettere nel conto. Ma secondo te perche' la maggior parte della gente, pur conoscendo la reale situazione non reagisce, eh?? stefano lo cicero

SAN PATRIGNANO ha detto...

Semplice! Perché molti chiancianesi non hanno compreso che gli interessi del paese sono diversi e contrapposti rispetto a quelli dei molti che ci campano e ci intrallazzano, oggi come ieri, spero non domani (domani non in senso figurato).
Nel post successivo ho visto che altri si interessano di quello che ormai è uno "scandalo al sole", come quei vecchietti che ballano alle sei del pomeriggio allo scoppio a mò di balera di periferia o dopolavoro ferroviario.
Tra un pò arriva un'altra dose da tre milioni, ma tanto questi si farebbero anche un miliardo e non andrebbero mai in overdose...
Se poi, singoli a parte, ci metti tutte le associazioni e tutti coloro che gravitano intorno che da sempre provvedono a calmierare ed anestetizzare chi prova ad alzare un attimo la voce, ecco che il tutto diventa assai normale...
Ovviamente a volte, quando capita, quando serve, mica sempre, ciò avviene in cambio di qualche piccolo (omissis) del tutto ed esclusivamente personale, che magari si risolve con il trovare il posto in piccionaia, almeno per qualche mese, ma anche per sempre, al bamboccione di turno...
Saluti disintossicati

Anonimo ha detto...

Il ragionamento, pur comprensibile, risulta populista e l'analisi, se me lo concedi, e' superficiale. Cerco di spiegare. Quello che e' venuto meno nella citta' di Chianciano e' la necessaria contrapposizione delle lobbies, ovvero la clase borghese, allo strapotere meramente politico indicato dalla classe operaia, dai dipendenti in genere e dai pensionati. Negli ultimi 20 anni alcune di queste lobbies, associate nelle diverse e variegate associazioni locali, non hanno potuto , o peggio ancora voluto......, stimorale ed aggedire la politica, cosi' da ottenere il raggiungimento di obiettivi generale di categoria e non certo personali come e' successo. Da che mondo e mondo il vero potere e' quello economico finanziario, in grado come' do condizionare anche la piu' agguerrita organizzazione politica. Di fatto se le cosi stanno come stanno a chianciano, le principali responsabilita', qualunque cosa si dica, sono attribuibile dunque alla classe imprenditoriale, incapace di progettare e di realizzare. stefano lo cicero

Grandi Innovazioni! ha detto...

Nella "nuovissima" via degli oleandri dal vaso in plasticone nero è prevista anche la distesa, in occasione de "La grande festa di Chianciano Terme" e per coprire le buche, di un tappeto verde (green carpet, ma non era rosso?), ma siccome è un avanzo, probabilmente del campo di calcetto in sintetico, è troppo corto, vedremo se arriveranno ad una fantastica ed effervescente soluzione!

Anonimo ha detto...

kaiser sose
(La volontà della maggioranza non può pretendere il possesso della verità assoluta, poiché tale verità non esiste. Il principio di libertà impedisce di riconoscere una sola verità: ognuno ha la propria verità, ed anche la propria anarchia. In società, tuttavia, la libertà non può essere assoluta, ma deve essere limitata dal principio della solidarietà e dell'amore verso gli altri. E.M.)


ah ah ah aaaaaaaaaaaaaaa ora ho capito, non avevo mai letto val tubo, solo un mio amico mi aveva detto madonnina guarda che scrive sta gente ma come si fa, o cose tipo:- mha io non ci credo, ma questi sono completamente usciti di testa!
e allora visto che vivo a chianciano mi sono detto ma leggiamo un po' questo blog che fa tanto schifo e che è di tale ignoranza da far tremare mutande e burattini.
o cristo ma è stupendo, vedere che per strada girano tante menti acute e vogliose di fare, tante persone con il senso dell'umorismo e senso civico, persone che cambieranno chianciano (è per forza lo scrivono sul blog di chianciano)persone che parlano di argomenti importanti come degrado, droga, extracomunitari accolti troppo bene, a noi chi ci aiuta, bravo albanesi, angeli intelligente farai la differenza, ehi amicone perchè non torni a scrivere sul blog ci mancano i tuoi commenti coloriti, io si che sono cazzuto, il mio nome in codice in rete è adolfo perchè sono una persona intelligente, vorrei chianciano come rimini ora devo solo risolvere il problema acqua salata a kilolitri e cosa fantastica mettiamo della aree videosorvegliate a chianciano.
ora è lampante che molte delle menti che si sciolgono sulle tastiere chiancianesi sono solo sogni infranti di sgherri con la camicia nera, quaquaraquà che hanno bisogno del branco per sentirsi più sicuri di fronte alla paura di un'esistenza a guinzaglio e museruola, è chiaro che qualche rafaniello color arancio con la camicia stirata e il distintivo di qualche partituccio italianino prova a controbattere e creare scompiglio o discussione in modi che la mente umana si offende a leggere, ma, cosa proprio palese è il modo con cui il chiancianotto medio, ad oggi tecnologizzato di pc riesce comunque parlare e sparlottare della propria indifferenza e apatia nei confronti dell'altro e del proprio spazio, praticamente è passato tutto dalle chiacchere da bar, inutili e morenti a fine giornata, alla rete, e giù a pigiare tastiere nei momenti di tranquillità per vedere se riesco a sentirmi più di qualcun'altro.
non ho conclusione ne frasone fatte e strafatte ne soluzioni c'è solo il pensiero utopico che la vostra bocca e le vostre dita si comincino a muovere soltanto dopo che il vostro cervello abbia fatto molta più esperienza sociale socievole con i problemi che ci sono in generale nella nostra italietta.
Smettete di scrivere o di parlottare male di questo o di quello e se fate le foto al degrado (aaaaaaaahhahahahahhahhahahhahhahahhahhahahhahahhahahhahahahahahhahahhahahahahahahhahahahahhahhahaahahahha cristo che comico il fotografo) cercate di mascherare il pensiero della parola degrado con, che ne so': un po' di sudicio, oppure, mira qui oggi non son passati gli spazzini, oppure prendete la macchina fotografica e uscendo da chianciano imboccate l'autostrada e ve ne andate un' po' in giro a vedere il degrado quello vero no du' cartine in terra e ti amo scritto da due 14enni che magari ci credono o due mattoncini usciti dalla colletta, e tanto che ci siete fotografi del degrado, vendete la macchina fotografica e usate i soldi per qualcosa di più utile a voi tipo farvi una trombatina invece di fare le foto...(sempre che vi riesca), dopodichè credo che non vedrete più....

Anonimo ha detto...

Finalmente uno testo brillante, ovviamente scritto da "un non chiancianese".

nico79 ha detto...

parole tsnte parole......fiumi di parole che scorrono davanti a noi ma sappiamo noi pescarle con la nostra rete? Siamo noi dei pescatori? Sappiamo ributtare i pesci nel fiume una volta pescati o li mangiamo e basta? Capite ciò che dico? Abbiamo davanti un persona che muore, sappiamo guardarla negli occhi o sappiamo voltare solo lo sguardo da un'altra parte? Aabbiamo la forza di amarla anche se non la conosciamo fino in fondo, anche se non sappiamo quello che ha fatto per noi e sappiamo versare una lacrima per lei? Sento, ascolto e leggo ma non vedo......mai nessuno che alza un dito per Lei, quale potrà essere mai la sua colpa? La verita è che non conta vincere o perdere ma combattere per Lei per dimostrare che siamo vivi....la nostra terra ci ama, amiamola anche lei, siamo i suoi figli non diventiamo i suoi boia...ho provato tante volte ad aiutarla ma nessuno mai mi ha aiutato a farlo insieme, sono un figlio di questa terra come voi ve lo chiedo per favore amiamo nostra madre, laviamo le nostre colpe e diamo nuova linfa a chi ci ha cresciuto ed amato senza volere mai nulla in cambio se non l'interesse a guardarla.....
lottiamo!!!
nicola bettollini

Anonimo ha detto...

udite gente udite...........la regione toscana è pronta ad aiutarci per lo stato di crisi
ma il sig. picccinelli e il sig giani non sono d'accordo. forse pensano che sia proclamato lo stato di crisi per il comune. non hanno ancora capito che lo stato di crisi è per le aziende.
mandiamoli a casa presto sti sapientoni.