e-mail: valtuboblog@gmail.com

Previsioni Meteo Chianciano Terme

Previsioni Meteo Chianciano Terme
Previsioni Meteo Chianciano Terme aggiornate ogni Sabato

Euroservice Solution Italian Real Estate

Euroservice Solution Italian Real Estate
CLICCA BANNER PER SAPERE DI PIU'! ​Euroservice Solutions Italian Real Estate di Oreste Castrini Da oltre 30 anni Agenzia Immobiliare e di Servizi P.zza A. Gramsci 1/F 53042 Chianciano Terme (SI) Tel e Fax +39 0578 20187 Mobile: +39 3355336475 www.euroservicesolutions.it ​mail: info@euroservicesolutions.it Orari di apertura: dal lunedì al venerdì 9.00-13.00; 15-18

lunedì 27 febbraio 2012

Chianciano Terme: Piazza Italia Falsa Partenza!

Fonte la rete
Dopo l’assemblea pubblica in sala Fellini del giugno 2011 dove l’Amministrazione, davanti ad un interessato pubblico, mostrava il progetto per una nuova Piazza Italia ed annunciava l’inizio dei lavori per i primi di ottobre, ecco i primi ritardi dovuti alla stesura del bando con spostamento dell’inizio lavori ai primi di gennaio, poi ulteriormente spostati al 27 gennaio, ma subito interrotti a causa delle nevicate abbondanti.
La previsione per questo PRIMO STRALCIO era che i lavori si concludessero il 30 di giugno, per permettere una certa fruibilità della Piazza durante il periodo estivo, ma adesso dopo tutti questi ritardi mi chiedo e chiedo all’Amministrazione:

E’ ancora possibile concludere il primo stralcio entro  termini previsti?
Il lavoro verrà diviso in due stralci come si sente già dire?
Che Piazza Italia troveranno i turisti quest’anno? 

In attesa di una risposta attendibile da parte dell’Amministrazione, aspetto i vostri commenti.

Saluti,

31 commenti:

Anonimo ha detto...

Trovo assolutamente inopportuni, dato il difficile momento economico che sta attraversando Chianciano, i lavori di ammodernamento di P.zza Italia, anche se, secondo i ben informati obbligatoriamente devono iniziare pena la perdita dello stanziamento relativo. Probabilmente nei panni dell'Amministrazione Comunale avrei optato per altri tipi di stanziamenti più atti al rilancio delle attività produttive. Il paese è al degrado più completo (Alberghi fatiscenti, una vabilità pessima con le strade piene di buche e spaccature dovute aale radici degli alberi che fuoriescono dall'asfalto, ma in compenso si spende in P.zza Italia, e comunque mi pare che andiamo già male prima ancora di iniziare. Anche questa sarà un'altra cattedrale nel deserto come le piscine termali del Sillene? Ci preoccupiamo quindi di ammodernare P.zza Italia sacrificando tutto il resto del paese, lo scenario che apparirà ai turisti (per fortuna pochi)che quest'anno arriveranno a Chianciano sarà di cattivo gusto: un paese deserto, tangibilmente sull'orlo del fallimento, attività commerciali chiuse (tra P.zza Italia e viale Roma si vocifera ne chiudono altre 6 entro la fine di questo Febbraio) in compenso si stà per dare inizio a questi lavori dalla durata incerta e sui risultati per l'economia cittadina tutti da verificare.

Anonimo ha detto...

STAMANI PARTENZA IN TROMBA DEI LAVORI....CON GRANDE SPOLVERO DI MEZZI E VIGLI URBANI !!!
MA...
VOGLIAMO SCOMMETTERE CHE I TURISTI QUEST'ANNO TROVERANNO PIAZZA ITALIA CHIUSA?
INVITEREI I TECNICI E GLI AMMINISTRATORI A VALUTARE BENE I TEMPI PRIMA DI PROCEDERE OLTRE, SIAMO ANCORA IN TEMPO PER EVITARE ULTERIORI DISAGI ALLA CITTADINANZA E AI FUTURI(?) OSPITI...
FACCIAMO COME QUALCHE ANNO FA CHE IL PARCO FUCOLI RIMASE CHIUSO PER TUTTA LA STAGIONE.....
CERCHIAMO DI EVITARE UN' ULTERIORE FIGURA DI M.... !!!!!!

Comune di Chianciano Terme ha detto...

COMUNE DI CHIANCIANO TERME
PROVINCIA DI SIENA

COMUNICATO STAMPA n. 18 del 27 febbraio 2012

Secondo incontro della Task Force per il rilancio di Chianciano Terme

La Regione Toscana conferma la disponibilità, come già inserito nel Piano Regionale di Sviluppo Economico 2011-2015, a sostenere il termale e il congressuale per Chianciano Terme

Chianciano Terme (27 febbraio 2012) – Si è riunito (questa mattina) lunedì 27 febbraio 2012, presso la Sala consiliare del Comune di Chianciano Terme, il gruppo di lavoro della Task Force tecnica per il rilancio di Chianciano Terme. All’incontro, coordinato dalla Regione Toscana, erano presenti l’Assessore alla Cultura, turismo e commercio, Cristina Scaletti, e i dirigenti regionali Paolo Bongini (coordinatore di area della Giunta Regionale per il turismo, commercio e terziario) e Antonino Mario Melara (dirigente della Giunta Regionale per il settore incentivi e investimenti per il turismo, commercio e terziario). Presenti i rappresentanti delle categorie chiancianesi, oltre al Sindaco Gabriella Ferranti, la Giunta comunale e l’Assessore provinciale con delega al Coordinamento politiche per Chianciano Terme, Marco Macchietti. Presenti i presidenti e rappresentanti degli Stabilimenti termali chiasncianesi.

Nell’incontro della Task Force, insediata lo scorso 9 dicembre, a cui prendono parte la Regione Toscana, la Provincia di Siena, il Comune di Chianciano Terme, la Camera di Commercio di Siena e la rete europea NECSTouR (progetto di cui la Toscana è la regione promotrice), che ha l’obiettivo di affrontare le problematiche relative alla grave situazione economica e occupazionale della realtà chiancianese, sono state illustrate le strategie a breve termine da “mettere in campo” per affrontare l’emergenza della crisi termale e turistica di Chianciano Terme.

I punti fondamentali su cui il gruppo tecnico di lavoro sta lavorando partono dalla raccolta e sistematizzazione degli elementi per definire lo “Stato della Crisi” di Chianciano Terme sotto il profilo economico, occupazionale e sociale. Nell’incontro è stata sottolineata la necessità di analizzare i “punti di forza” e i “punti di debolezza” per definire con urgenza un’ipotesi tecnica di interventi urgenti praticabili di breve periodo per “salvare la stagione” e di medio-lungo periodo finalizzati a riposizionare il “Sistema Chianciano”.

(segue)

Comune di Chianciano Terme ha detto...

Il Piano Regionale di Sviluppo Economico (PRSE) 2011-2015 prevede un piano straordinario di investimenti per il settore termale/congressuale per Chianciano Terme ma più volte è stato ribadito che è nel breve periodo che occorre intervenire individuando strumenti a supporto alle imprese in difficoltà, attivando programmi di sviluppo. Tra gli strumenti individuati dalla Regione c’è uno specifico “Progetto Chianciano inserito già nel PRSE 2012-2015”, un “Contratto di Sviluppo Chianciano” con INVITALIA e la volontà di attrarre investimenti esteri, oltre alla Misura regionale 1.5.D. POR - Programma Operativo Regionale. Le priorità sono le piscine termali con la riattivazione dei lavori allo Stabilimento Sillene prevedendo ulteriori risorse regionali, l’incremento delle presenze turistiche attraverso la promozione congressuale. Per incrementare le presenze turistiche a medio termine, secondo i funzionari regionali, è necessario attivare strategie ed interventi per il commercio e la cultura e interventi per i Centri Commerciali Naturali (come prevede il Decreto Dirigenziale della Regione Toscana n.6225 del 23/12/2011) con progetti da presentare a partire dal prossimo 1° aprile 2012. La Camera di Commercio di Siena dovrà definire entro il mese di aprile prossimo le iniziative per il 2012 delle attività del territorio per inserirle in “Vetrina Toscana”, la rete regionale per trovare prodotti alimentari e artigianali della Toscana (i progetti dovranno essere definiti entro aprile 2012). L’Archeofest, il festival dell’archeologia attivato lo scorso anno a Chianciano Terme, sarà inserito nel programma delle “Notti dell’Archeologia” da parte del dipartimento Cultura della Regione Toscana, evento che si svolge nel mese di luglio, per migliorarne la visibilità.

Un piano complesso in un momento difficile della congiuntura nazionale che vede il comparto termale a livello nazione un calo di presenze che si attesta intorno a meno 27/30 per cento, a secondo delle località. La Regione Toscana, nel sottolineare le difficoltà congiunturali ha ribadito è massima l’attenzione per Chianciano Terme, che deve puntare a qualificarsi e ad investire le risorse, che sono sempre più limitate, nei settori congressuale, termale e sportivo, settori fondamentali su cui posizionare finanziamenti.

L’Assessore alle attività produttive del Comune di Chianciano Terme, Sergio Giani, nel conclude l’incontro ha sottolineato l’importanza di fissare già la prossima settimana un nuovo incontro con i responsabili dei settori economici-produttivi di Chianciano Terme.

Anonimo ha detto...

Task fava.......

Anonimo ha detto...

scusate ma task force de che?
ma parlate italiano e siate piu' cocreti e produttivi per il paese....
poche chiacchiere e molti fatti.
Basta spendere centina di migliaia di euro per tecnici,progetti,finanziamenti e CAZZI VARI.
CONCRETEZZA - LAVORO - SERIETA' E POCHE CHIACCHIERE !!!
POCHE RIUNIONI !!!!
CI AVETE ROTTO IL CAZZO CON QUESTE ASSEMBLEE E RIUNIONI

Mazzetti Stefano ha detto...

vabbè, tanto a prenderlo.........ci siamo abituati, letto tutto il COMUNICATO un so se ride.....o piange,
-piazza italia??? come al solito, pasqua è tra 5 settimane, saranno finiti i lavori???, mah.....,
-incentivare investimenti a Chianciano?????ma sti capoccioni che scrivono ste cazzate dove vivono??che oltre che il problema Chianciano c'è il problema burocrazia peggiorato da una gestione uffici forse non proprio professionalmente solerte lo sanno???, l'anno scorso ho presentato un progetto che doveva essere approvato con procedura semplificata, 30 giorni, è passato un anno e piu, ancora non se ne viene fuori.........ma vabbè per me è scontato, i soldi del Mazzetti puzzano e non vogliono che pochi che siano li faccia girare, contaminerebbero troppe persone che non ne hanno bisogno,e con questo andazzo come li attrai investitori che abbiano soldi che non puzzano come i miei????
-ma che si paga tariffe immondizia ,come quote fisse per altre forniture o servizi,calcolate su base annuale quando nel nostro settore lavoriamo meno della metà anno lo sanno???, oltre che avere poi il servizio che non funziona, o quando alta stagione a volte non c'è posto dove buttare immondizia, e certo non scalano le giornate che non passano proprio, o a sufficienza............
-strada delle volpaie all'ultima riunione una mesata di tempo venne detto per la parte macelli,20 giorni dopo qui, ne sono passati 3 mi sembra e ancora niente,e pensà che i capoccioni in comune mi dicevano di coordinare con il comitato lavori da fare in concomitanza con lavori da fare io in modo da fare un lavoro che fosse risolutivo a problemi esistenti.........,
-con la neve abbiamo visto la solerzia con la quale sono intervenuti, qui alla Pietriccia se un fosse stato per i privati un si sarebbe mosso nessuno per 2 giorni, in via ugo foscolo dove abito l'unico rigolo nella neve aperto è stato per 3 giorni quello che ha fatto il mi babbo con il trattore, vai cosi!!!!!!!attraete investitori diversi da quelli che già hanno investito di cui ve ne fregate, mi sembra il modo migliore, trovare altri fessi da fregà.......ma un so mica tutti coglioni!.
-ahhh, poi naturalmente aiuta molto avere politici che a natale fanno chiudere i negozi etc per far stare a casa a festeggiare "GLI OPERAI" concetto bello se non fosse che Chianciano vive di turismo, e i turisti che erano venuti hanno trovato tutto chiuso, col cavolo che ci tornano......queste cose della bella politica di sinistra di Chianciano glie le dicono hai futuri investitori????
ma io booo, vabbè ma almeno scrivono bene in italiano e dicono cazzate in italiano corretto che in considerazione della grammatica bella diventano cose serie e vere da cazzate che erano.....

Anonimo ha detto...

A proposito di Task Force......
E' dal 2003 che nascono progetti e task force (ricordo le piscine, il palacongressi, il centro universitario, il rilancio delle terme). L'unica cosa realizzata veramente è stata la vendita della farmacia, unica azienda di Chianciano con un'utile netto di 50.000 euro l'anno. Siamo stati veramente bravi.
Ora sento odore di elezioni (Sarteano) e si rifanno i tavoli, l'unica cosa certa è che lor signori fanno i tavoli e le famiglie di Chianciano fanno la fame. Una cosa da fare al più presto è quella di togliere quel recinto di Piazza Italia, non si può chiamare cantiere, non c'è neanche il cartello!
Antonio Falcone

grammatico ha detto...

Mazzetti un ti capisco, ce voi dire nel tuo sgrammaticato post?

Mazzetti Stefano ha detto...

per grammatico ha detto...:
-sarebbe lunga e infinita, ma per sintetizzare, leggi il comunicato, come poi quello prima e tutti quelli che invia l'amministrazione , belle parole, bei concetti, ben scritti (non come me,visto che mi dicono di essere un ignorante cerco di dimostrare che è vero...), da sempre ma ora più che mai l'amministrazione come enti,uffici etctec sono intasati dalla risaputa burocrazia assurda peggiorata però dalla poca propensione all'efficienza che sarebbe dovuta, ed alla poca professionalità e competenza di chi si dovrebbe assumere responsabilità di firmare e permettere ciò che la legge permetterebbe,risultato???qualunque iniziativa che un investitore volesse intraprendere è resa sfinente fino a diventare utopica dal meccanismo della volontà politica di avere sotto il proprio controllo gli eventuali investitori, oltretutto cercano di attrarre grossi investimenti??, certo sarebbe positivo, ma perche prima non sfruttare qualcosa che già ci sarebbe?? il problema che è più complicato raccontare cazzate a chi ci batte già la testa, meglio trovarne di nuovi !!!! .il sistema Chianciano è talmente carente in efficienza e concretezza che attrarre investitori è irragionevole nonostante le ottime possibilità che ci sarebbero, considera che puoi comprare appartamenti ,alberghi,negozi, etcetc direttamente in tribunale a prezzi stracciati, ma poi ????vuoi ritrutturare?--2 anni per avere permessi, i costi di gestione fissi maggiori degli incassi......etcetc, e in questa condizione chi è il fesso che tenta?? , mia modesta opinione per chiudere e lasciare spazio ad altri: una task force avrebbe senso solo se prima venisse rottamato tutto il comparto politico responsabile di decenni di deleteria amministrazione, per invogliare c'è bisogno di volti rassicuranti, non di spaventapasseri!.

Anonimo ha detto...

.... e ci risiamo.... con un acume unico nel suo genere la nostra amministrazione ha pensato bene di recintare piazza Italia, appena prima della Pasqua e far si che un gruppo di persone stia distruggendo la stessa con escavatori (cosa sono, dei vandali, dei contestatori "no tav" o degl'operai dato che non ce n'è uno che porti il caschetto di sicurezza e non c'è neppure uno straccio di cartello che informi sul responsabile dei lavori, il responsabile della sicurezza, il committente, l'importo ed i tempi di lavoro). Ora mi domando, oltre ai problemi di sicurezza riscontrati visivamente sul cantiere, che biglietto da visita presenteremo ai pochi ospiti previsti per la Pasqua? Oltre al fatto che sappiamo bene come finiscono questi "lavori", anzi come "NON" finiscono (vedi parcheggio del cantinone, vedi piscine del Sillene e via discorrendo).... qualche centinaio di migliaia di euro buttati al vento quando Chianciano avrebbe bisogno di un rinnovamento strutturale, con meno chiacchiere e più fatti.... ma in fondo i chiancianesi hanno poco da lamentarsi, hanno quello che si meritano..... ogni "tot" anni, nella nostra democrazia, si va alle urne per cambiare o confermare l'Amministrazione dei propri comuni..... se qui a Chianciano non cambia mai nulla e sono sempre gli stessi a fare danni la colpa, in fondo, è dei chiancianesi, ai quali, forse, questo stato di cose, questi sperperi, questa crisi strutturale, evidentemente non dispiace tanto. Un ultimo appunto.... sarà banale, ma i membri della "task force" non devono rispettare il codice della strada? Le auto "blu" (anche se quella dell'assessore Cristina Scaletti era una Volvo grigia con tanto di autista) sono esenti da regole? Non dico tanto del fatto che fosse in divieto di sosta in Piazza Matteotti, con la crisi di parcheggi lo facciamo anche noi residenti, ma l'accesso alla Piazza stessa non è "limitato" ai mezzi di soccorso, ai residenti, ai mezzi di polizia e ai diversamente abili? E infine, è proprio necessario immettersi da Piazza Matteotti in via Casini in senso contrario? Costa tanto fare il giro come tutti i normali cristiani (e anche gli atei)? La casta.................
Adolfo Minniti

Andrea Angeli ha detto...

Il ritardo nell’inizio dei lavori di riqualificazione di Piazza Italia provocherà notevoli disagi alla riapertura della stagione turistica che si sommano ai problemi provocati dalla sistemazione della viabilità voluta dall’Assessore Piccinelli.
La Giunta invece di fare facili proclami su iniziative di rilancio chiarisca i costi che sono stati sostenuti in fase di progettazione per questo intervento e fornisca alla cittadinanza una tempistica definita della realizzazione di questa come delle altre opere pubbliche: il completamento delle piscine termali e la sistemazione del parcheggio di Borgonuovo.
Inoltre nei tratti interessati dalla nuova viabilità erano stati promessi interventi di riqualificazione dell’arredo urbano sui quali poi è calato il silenzio più assoluto.
Molte aziende chiancianesi nel frattempo hanno chiuso ed altre rischiano di fare altrettanto.
Questo atteggiamento di inerzia e di totale chiusura della Giunta non è più accettabile.

Lista Civica Chianciano per la Libertà ha detto...

Scavatori, ruspe ed un esercito tra vigili urbani ed operai affollano la piazza centrale del paese, lasciando attoniti i cittadini e soprattutto i commercianti, seriamente preoccupati per le negative conseguenze che questo enorme cantiere avrà sulla prossima stagione turistica.

Puntuale la protesta del gruppo consiliare d’opposizione Chianciano per la Libertà, che trova assolutamente inopportuni i lavori di ammodernamento della Piazza, dato il difficile momento economico che sta attraversando la cittadina. E parte una protesta di massa che coinvolge sia il gruppo d'opposizione che cittadini e commercianti.

Questa riqualificazione non s'ha da fare. E Chianciano si tappezza di manifesti di protesta.

In allegato al comunicato il manifesto di protesta che verrà affisso venerdi in tutta Chianciano.

Lista Civica Chianciano per la Libertà

Manifesto:
https://docs.google.com/open?id=0Bz24Pxg5M4xjR2hTRWNxQlNRSmFZY3NubUNXVDlRdw

NoTav ha detto...

Mah,
forse con questa protesta porteremo a Chianciano un po' di gente fuori stagione: qualche balckblock della Valdisusa ad offrire solidarietà.
Magari anche qualche titolo di giornale.

Anonimo ha detto...

Da Centritalia

Chianciano: tra le polemiche partono i lavori di riqualificazione di Piazza Italia

Chianciano (29.02.2012) - Attesi da anni nella cittadina termale, sono iniziati i lavori che dovrebbero conferire un nuovo aspetto alla principale piazza chiancianese, Piazza Italia.

All'’interno dell'’esteso cantiere circoscritto da transenne metalliche ad altezza d'’uomo, per il momento, sono al lavoro soprattutto ruspe ed escavatori impegnati a rimuovere lo strato di asfalto che ricopriva la superficie dell'’area. Date certe per il completamento dei lavori non sono state ancora fornite da parte dell’'amministrazione comunale mentre tra la cittadinanza ed alcuni operatori economici iniziano ad affiorare i primi malumori. Il primo a prendere posizione è stato il Consigliere Provinciale di Rifondazione Comunista Antonio Falcone che, a titolo personale come cittadino, ha inviato nelle scorse settimane una lettera aperta al Sindaco e ai capigruppo consiliari del comune nella quale si esprimeva una forte preoccupazione in merito la tempistica di completamento dei lavori paventando possibili disagi e un grave danno d’'immagine per la stazione termale qualora l'’opera non venisse realizzata entro la fine di marzo. Secondo Falcone risulta inoltre paradossale che l'’apertura del cantiere debba avvenire nell’'imminenza dell’'avvio della stagione turistica e non alla chiusura come generalmente è prassi nelle cittadine turistiche e termali in particolare. Usi ed abitudini che - sempre secondo Falcone -– intendono rendere il turista partecipe dell’'opera da realizzare e indurlo a fare ritorno l'’anno successivo. La minoranza consiliare del centro destra “ Chianciano per la Libertà” intanto ha annunciato a breve forti iniziative di protesta sul progetto e ha richiesto alla Giunta “chiarimenti” oltre che sulla tempistica di completamento dei lavori anche in merito i costi sostenuti in fase di progettazione. Dopo le recenti polemiche scaturite dalle dimissioni maturate sia all'’interno della maggioranza (l'’assessore Antonio Altobelli) che nell’'opposizione ( dimissionari da tutte le commissioni consiliari) il clima politico nella cittadina termale appare dunque ancora teso e tra gli addetti ai lavori c'’è chi teme che l'’ammodernamento di Piazza Italia possa rivelarsi l'’ennesima “cattedrale nel deserto” per un paese in crisi che presenta molte attività alberghiere e commerciali a rischio chiusura. Proprio nell’'ottica di ampliare alle forze politiche il dibattito sul rilancio dell’'economia termale il Circolo Socialista Chianciano Terme ha deciso, tramite il proprio Coordinatore Roberto Mannucci, di indire una serie di incontri tematici rivolti ai capigruppi consiliari e a tutti i partiti rappresentativi della realtà cittadina. Il primo incontro previsto per venerdì 2 marzo è stato convocato, non a caso, per dibattere sui lavori di riqualificazione di Piazza Italia e sui possibili interventi a sostegno della promozione turistica.(A.A.)

29 febbraio 2012

Anonimo ha detto...

Mi vergogno dii essere chiancianese perchè sono diventati tutti come i terremotati dell'Irpinia (aspettano il ritorno del messia....). Non hanno capito che il messia c'è già stato e visto come si stanno comportando i cittadini, non penso che verrà a Chianciano Terme.

Chiancianesi SVEGLIATEVI - BASTA LAMENTELE e incominciate a farvi il Culo come dei veri LAVORATORI.

Anonimo ha detto...

Io invece mi VERGOGNO di chi ci ha amministrato e ha disintegrato il paese passato da turistico a terzo mondo.

Anonimo ha detto...

Basta co stè chiacchiere.
Si può essere contrari e io son tra questi,o meno, a come e quando sono iniziati i lavori in questa cazzo di piazza, ma questo un conta più nulla.
I lavori sono cominciati e la strada è tutta spaccata, la tempistica è sbagliata ed esiste anche Babbo Natale, la Befana e la Fatina dei denti, c'è gli stessi che governano da sessant'anni e l'opposizione che si oppone da altrettanti e allora?
O prendete il fucile e fate la rivoluzione o parlate meno e usate il cervello.
Casomai il cittadino medio dovrebbe preoccuparsi e vigilare che i lavori finiscano il prima possibile e che siano fatti a regola d'arte, noo !?
P.S. poi quando andate a votare pensateci bene e un fate come me, che, da quando nè ho diritto, nella scheda elettorale ci scrivo:"Scemo chi legge".

Anonimo ha detto...

anonimo delle 11.59.
è proprio questo il problema, il cervello! dov'è?????
Se poi ci metti l'assoluta mancanza di voglia di lavorare e una quantità di "rabbia" ed "invidia" degli uni contro gli altri che ha sempre contraddistinto la popolazione locale, ecco che dal "cul de sac" in cui ci siamo infilati non se ne esce mai più.
Delle amministrazioni c'è da dire poco, fanno solo lo sporco lavoro che gli viene impartito e lo eseguono bene, dato che contro non ci si mette NESSUNO !
Avwete presente lo spot pubblicitario..... ti piace vincere facile!?

Roby 53 ha detto...

Ma perchè invece di fare chiacchiere inutili e farsi prendere in giro dai soliti "fenomeni" non iniziamo a fare come fecero alcuni anni orsono i produttori di latte del nord o come stanno facendo oggi in Val di Susa per la Tav. Se ci si muovesse sul serio forse verrebbe ripristinata sia la viabilità che tante altre cose. Vorrò vedere alla fine di Marzo quando i lavori in P.zza Italia non saranno terminati ed i commercianti dovranno stare nascosti dietro le transenne che cosa farà il chiacianese. Un saluto

Palabruco ha detto...

Bravo Roby53, concordo in pieno con te! Iniziamo a bloccare piazza Italia e viale della liberta.....io ci sto!

Mazzetti Stefano ha detto...

sono d'accordo con anonimo 01 marzo 2012 11:59, tante chiacchiere di bloccare tutto ora sono in'utili polemiche, oramai è andata, casomai assicurarsi che venga fatto bene, in fretta un si pò di tanto fanno come gli pare..........ma roby ha ragione !!!se si fa casino sul serio magari si sbrigano di piu per quello e ci penseranno prima per qualcosa d'altro, poi tutti dicono ma poi li votano.......chiacchiere,IO CI STO A FA BORDELLO, latte da sparge nel "palazzo" un ce l'ho, ma qualche carrettone di bottino si!!!!!visto che fa crescire le piante..magari gli rinsanisce anche le "zucche",
---cazzate a parte io ci sto!!bordello !!!!!!!!

Roby 53 ha detto...

Caro Palabruco sono felice che sei daccordo con me ma il problema è che in due si fa ben poco, speriamo che per il primo di Aprile ci sia qualcon'altro che la pensa come noi. Un saluto

Palabruco ha detto...

Roby53, magari potremmo fare promotore dell'evento Valtubo o le opposizioni (Angeli & C)....che ne pensi?
....stiamo lanciano un assist micidiale, ora voglio vedere se c'è chi lo prende al volo.

Anonimo ha detto...

valtubo penso voglia stare sopra le parti, il blog e libero e frequentato da un po tutti, e le opposizioni???figurati un conto è fare volantini,un'altra cosa bloccare strade e fare contestazione dura, non lo faranno mai, non possono essere sicuri che si svolgerebbe tutto nell'ottica del "politically-correct", gli è rimasta sul gozzo l'incatenata ai famosi parcheggi........figurati se ci rifanno!!!!

Roby 53 ha detto...

Caro amico Palabruco con il Mazzetti siamo in tre, vuoi vedere che piano piano arriviamo a quattro, non credere che aderiscano all'idea tanti di più. Un saluto

A Mosca! A Mosca! ha detto...

http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/toscana/2012/03/05/visualizza_new.html_127470438.html

Da noi non son venuti i "russi".
Il soggiorno era troppo economico.

Anonimo ha detto...

Da Centritalia online:

Chianciano: il sindaco Ferranti risponde alle proteste del Pdl sui lavori in Piazza Italia

Chianciano Terme (05.03.2012) – A chi critica l’inizio dei lavori in piazza Italia, risponde il Sindaco Gabriella Ferranti. Scavatori, ruspe ed operai affollano la piazza centrale del paese, lasciando attoniti i politici del PDL, preoccupati per le negative conseguenze che questo cantiere avrà sulla prossima stagione turistica.

La protesta parte dal gruppo consiliare d’opposizione Chianciano per la Libertà, che trova inopportuni i lavori di ammodernamento della Piazza, dato il difficile momento economico che sta attraversando la cittadina. “Questa riqualificazione non s'ha da fare”. E Chianciano si tappezzerà di manifesti di protesta.

“Ritengo che questa polemica sia paradossale e strumentale – controbatte il Sindaco Ferranti- la nuova Piazza Italia va a vantaggio di tutti i chiancianesi, indipendentemente dal colore politico. Del resto la crisi delle aziende commerciali non dipende certo dal senso dal senso unico o dai lavori. Si è arrivati dopo un confronto con l’intera collettività all’approvazione condivisa del progetto di riqualificazione della piazza, progetto cofinanziato dalla Fondazione MPS che contribuisce in maniera significativa al rilancio della nostra città. I fondi in questione se il lavoro non fosse partito subito si sarebbero irrimediabilmente perduti. Del resto il Comune ha incontrato tutti i frontisti per decidere con loro le modalità e la tempistica legate ai lavori, ampiamente concordate. Ritengo incomprensibile che qualcuno contesti una grande opera di riqualificazione di cui la nostra città ha bisogno e che fa parte del programma di mandato che la mia Amministrazione sta portando avanti con puntualità. Vedi in tal senso, via Po, viale di Vittorio e tutta la viabilità attigua alla Piazza, come via delle Terme fino all’ingresso della Macerina e viale Baccelli. Come è noto a tutti, i lavori possono essere eseguiti quando le condizioni atmosferiche lo permettono e non è stato il caso dei giorni della straordinaria nevicata di febbraio: l’Azienda costruttrice sta ora lavorando per concludere l’opera nel rispetto dei tempi previsti, cioè 150 giorni dall’inizio dei lavori”.

Anonimo ha detto...

150 gg lavorativi se tutto va bene sono 7 mesi e mezzo...se tutto va bene...

Anonimo ha detto...

IN CONCLUSIONE POSSIAMO CON SICUREZZA AFFERMARE CHE LA PIAZZA PER QUEST'ANNO NON SARA' AGIBILE !!!
ENNESIMA FIGURA DI M...A.. NEI RIGUARDI DI OSPITI E TURISTI....
E SI TIRANO FUORI DISCORSI DI FINANZIAMENTI IN SCADENZA E MALTEMPO... TUTTE BALLE !!!!
NEGLI ANNI 60/70, AL 15 APRILE NON C'ERANO NE SANTI NE MADONNE : A CHIANCIANO I CANTIERI ERANO CHIUSI!!!
O FINITI O NON INIZIATI !!!!
MOLTI DI VOI NON LO SANNO O PERCHE' NON ERANO NATI O NON C'ERANO MA LA REALTA ERA QUELLA....

spazzino bighellone ha detto...

Il sindaco ha ragione a dire che c'è stato un ritardo dovuto alla straordinaria neviata......ma i lavori un dovevano forse partì a novembre?