e-mail: valtuboblog@gmail.com

Previsioni Meteo Chianciano Terme

Previsioni Meteo Chianciano Terme
Previsioni Meteo Chianciano Terme aggiornate ogni Sabato

Euroservice Solution Italian Real Estate

Euroservice Solution Italian Real Estate
CLICCA BANNER PER SAPERE DI PIU'! ​Euroservice Solutions Italian Real Estate di Oreste Castrini Da oltre 30 anni Agenzia Immobiliare e di Servizi P.zza A. Gramsci 1/F 53042 Chianciano Terme (SI) Tel e Fax +39 0578 20187 Mobile: +39 3355336475 www.euroservicesolutions.it ​mail: info@euroservicesolutions.it Orari di apertura: dal lunedì al venerdì 9.00-13.00; 15-18

martedì 22 gennaio 2013

Chianciano Terme Elezioni 2014 ecco il primo Candidato a Sindaco!

Video Election Wars 2014 dal canale valtuboblog su youtube

Ad un anno e mezzo dalla scadenza del mandato per il Sindaco Gabriella Ferranti già si comincia a parlare dei futuri probabili candidati.
Per il PD si fanno i nomi di Marco Rossi e Sergio Giani, mentre per il PDL quello di Gianni Fanti e Andrea Marchetti, altri nomi usciranno da qui alle prossime elezioni.
Le uniche cose certe sono che nessuno parla di una ricandidatura di Gabriella Ferranti, ormai non più credibile e di fatto "commisariata", e che abbiamo il primo nome ufficiale; si tratta di Andrea Marchetti che esce dal PDL e, fondato il gruppo "Punto e a Capo", si candida al ruolo di primo cittadino.
All'interno del post potrete leggere il comunicato di candidatura di Andrea Marchetti.

Cambierà qualcosa questa volta?

Con questo primo nome cominciano a Chianciano Terme e nel blog Valtubo le Guerre Elettorali - Election Wars 2014....

Saluti,

Valtubo



28 commenti:

Andrea Marchetti ha detto...

Visti gli articoli di giornale di questi ultimi giorni, gli interventi sui blog e le voci che si rincorrono senza controllo, ho voluto fare un pò di chiarezza sulla mia posizione, dichiarando, adesso pubblicamente, che sono disponibile ad assumermi anche responsabilità di governo, in un paese così difficile e con tutti i problemi che ha, ma a patto che si RIPARTA DA ZERO, e che credano in me i cittadini. Vi posto il comunicato che uscirà presto nei giornali:
Chianciano Terme: Ad un anno e mezzo alla scadenza del mandato del suo attuale sindaco, Chianciano, è già in fibrillazione per il rinnovo del mandato quasi in scadenza. Già avviate, tra i partiti locali, le consultazioni su quale potrebbe essere il giusto candidato da poter proporre agli amareggiati cittadini, reduci da un’amministrazione che non ha saputo o potuto rispettare gli impegni presi per risanare la preoccupante crisi in cui verte la cittadina. Rimbalzano dunque i nomi, seguiti spesso da frettolose smentite.
Tra i nomi in lizza quello del consigliere d’opposizione Andrea Marchetti, noto commercialista chiancianese, su cui si fanno sempre più insistenti le voci che lo vedrebbero come potenziale candidato a sindaco per il Pdl.
Marchetti così ha deciso di fare chiarezza, rendendo noto a tutti la sua recente uscita dal Pdl, a favore della sua ferma volontà di offrire a Chianciano un impegno civico prima ancora che politico. “Se sarà utile per il paese mi rendo disponibile ad assumere responsabilità di governo a condizione che si riesca a costruire un gruppo di persone con valori morali oltre che intellettuali, che siano davvero disposte a mettersi al servizio della cittadinanza. Sono infatti fiducioso che da un’empasse del genere sia possibile venirne fuori solo con la volontà e l’onestà, lontani dalle pericolose dinamiche della politica, rispondendo unicamente ai bisogni della cittadina. Credo davvero che tutti insieme possiamo riuscire ad elaborare un progetto credibile e soprattutto realizzabile per il rilancio di Chianciano, ma questo dipenderà dal numero di persone che crederanno in questo progetto di rinnovamento. La mia candidatura dipende unicamente da questo”. L’obiettivo di Marchetti è infatti proprio quello di svecchiare una classe dirigente usurata e “vittima” di compromessi politici, riallacciando il rapporto con cittadini, rapporto che già sta tentando di creare con la fondazione di un gruppo, denominato proprio “Punto e a capo” dove qualsiasi libero cittadino di Chianciano potrà essere partecipe di questo progetto, e anzi dovrà interagire attivamente con proposte e consigli. “Stiamo lanciando proprio in questi giorni – prosegue Marchetti - insieme ad amici di comprovata onestà intellettuale, un gruppo denominato “Punto e a capo” che nasce per raccogliere quelle idee che diventeranno poi un programma elettorale partecipato, lontano dal clima della campagna elettorale. Lavoreremo con fermezza e volontà, lontani dalla presunzione, ma animati soprattutto dalla pretesa di rappresentare il nuovo in politica e per farlo dobbiamo partire da una metodologia di lavoro diversa da quella che, purtroppo già conosciamo”.

Anonimo ha detto...

Carissimo Andrea,
accetta da un avversario
un sincero in bocca al lupo.

Nathan Never

Anonimo ha detto...

La Giunta Comunale con deliberazione n. 295 del 19 dicembre 2012,pubblicata all’Albo Pretorio on-line
http://www.mapweb.it/chianciano/pratiche/dett_registri.php?id=5741
decide di dare un sovvenzionamento di €. 168.270,00 proveniente dagli introiti dell’imposta di soggiorno relativi all’anno 2012 alla Provincia di Siena. INCREDIBILE! UN FINANZIAMENTO PROVENIENTE DALLA LOCALE IMPOSTA DI SOGGIORNO CHE VIENE DIROTTATO NELLE CASSE DELLA PROVINCIA.

Ecco il testo della deliberazione:
PREMESSO
1 Che la Legge Regionale n. 42 del 23 marzo 2000 successivamente modificata e
integrata stabilisce che le attività di promozione turistica locale, tese alla “accoglienza,
informazione e diffusione della conoscenza sulle caratteristiche dell’offerta turistica del
territorio comunale” da attuare in ambito nazionale e nel quadro della programmazione
regionale, sono svolte dai Comuni e dalle Province;
2 che il Piano Provinciale Turistico ha l’obiettivo di concertare gli interventi di
competenza degli enti pubblici e privati al fine di conferire maggiore efficacia all’azione
promozionale e di garantire un’immagine unitaria del prodotto turistico;
3 che il programma di mandato dell’Amministrazione Comunale, approvato con
deliberazione del Consiglio Comunale n. 63 del 22.06.2009, individua tra le priorità il
rilancio del termalismo e della destinazione turistica del Comune;
4 che le linee programmatiche di mandato 2009-2014 approvate con deliberazione del
Consiglio Provinciale n. 65 del 27/07/2009 individuano tra le priorità delle azioni del
governo locale il rilancio del termalismo e della destinazione Chianciano Terme;
5 che il Presidente della Provincia di Siena ha attribuito un specifica delega al
“Coordinamento delle politiche per Chianciano Terme” al fine di supportare azioni e
progetti per arginare la crisi che ha investito la città termale, riflesso della congiuntura
economica nazionale e internazionale;
6 che è stato costituito un Comitato di Coordinamento a livello provinciale e un Tavolo
Tecnico con il compito, fra l’altro, di individuare azioni e strumenti idonei a supportare
la città di Chianciano Terme nella delicata attività di riposizionamento nei mercati
nazionali ed esteri;
7 che il Comune di Chianciano Terme ha istituito dall’anno 2012 l’imposta di soggiorno e
il gettito della stessa è destinato a finanziare gli interventi di cui al Decreto Legislativo
23 del 2011;

Anonimo ha detto...

8 che nell’anno 2012 il Panel dell’O.T.D., che è una consulta di esperti proposti dai
portatori di interessi che operano nel settore del turismo alla quale il Comune ha
chiesto il supporto per individuare gli ambiti di destinazione dell’imposta nel primo
anno di applicazione della stessa, ha indicato tra le finalità della destinazione dei
proventi dell’imposta quella rivolta a sostegno degli eventi;
9 Che a tal fine la Giunta Comunale con deliberazione n. 98 in data 27 aprile 2012, nel
dare atto che all’interno del Comune di Chianciano non esiste una struttura tecnica
adeguata per sostenere e gestire le attività legate all’attuazione del calendario degli
eventi ha sottoscritto un protocollo di Intesa con la Provincia di Siena denominato
“Progetto di rilancio e riposizionamento di Chianciano Terme anno 2012” ;
DATO ATTO
1. che permane nel Comune di Chianciano Terme la carenza di una struttura tecnica che
possa gestire direttamente un progetto articolato, destinato all’attuazione di interventi
in ambito turistico, come richiesto e necessario in un Comune che si trova in una
situazione di grave crisi economica;
2. che anche sulla base dell’indirizzo del Panel di Indirizzo l’Amministrazione Comunale
ha deciso di destinare gran parte del gettito dell’imposta introitato nell’anno 2012 al
finanziamento di specifici interventi nel turismo;
3. che a tal fine il Comune di Chianciano Terme ha richiesto alla Provincia di Siena di
collaborare anche per l’anno 2013, nell’attuazione della programmazione individuata
dall’Amministrazione Comunale, utilizzando le risorse incamerate con l’applicazione
dell’imposta dell’anno 2012;
4. che le parti riconoscono al settore del turismo un’importanza rilevante nel quadro delle
politiche di sviluppo economico e condividono che lo stesso assume una valenza
strategica nella costruzione di un sistema capace di rafforzare la competitività e la
capacità attrattiva dell’economia locale;

Anonimo ha detto...

5. che in tale quadro anche l’attivazione di forti sinergie tra il sistema delle autonomie
locali e quelle funzionali rappresenta una delle condizioni di successo delle politiche
territoriali di sviluppo per la crescita del sistema delle imprese;
6. che le parti concordano sulla necessità di procedere, altresì, ad una gestione
coordinata del servizio di Informazione e Accoglienza turistica anche alla luce della
comune intenzione di procedere ad una promozione sul livello nazionale e
internazionale del territorio turistico provinciale che possa produrre una immagine
integrata dell’offerta turistica;
7. che per quanto sopra esposto il Comune di Chianciano Terme con il presente atto di
indirizzo stabilisce di destinare fin da ora e trasferire successivamente nelle forme
previste dal D.Lgs.vo 267/2000, alla Provincia di Siena la somma di € 168.270,00
proveniente dagli introiti dell’imposta di soggiorno relativi all’anno 2012;
8. che con atti successivi disciplinerà in modo dettagliato le competenze dei due enti per
l’attuazione dei singoli progetti e l’approvazione dei piani finanziari;
9. che i progetti verranno attuati nell’anno 2013 e avranno per oggetto:
- sviluppare i punti di accoglienza ed informazione e gli sportelli di conciliazione
per i turisti a livello locale,
- cofinanziare progetti per interventi promozionali del territorio comunale da
realizzare in collaborazione con la Provincia e la Regione,
- realizzare e attuare progetti volti a favorire il soggiorno di giovani, famiglie e
anziani presso le strutture ricettive ubicate nel territorio comunale anche
attraverso l’organizzazione di eventi;
Vista la Legge Regionale Toscana 23 marzo 2000 n. 42 “Testo Unico delle leggi regionali in
materia di Turismo” e successive modificazioni ed integrazioni;
Considerato che la presente deliberazione costituisce atto di indirizzop, pertanto, non sono
richiesti i pareri previsti dall’art. 49 del D. Lgs. 267/2000;
Con voti unanimi:

Anonimo ha detto...

DELIBERA
- di approvare quanto esposto in premessa per quanto riguarda gli interventi nel turismo da
attuare nell’anno 2013 utilizzando il fondo dell’imposta di soggiorno incamerata nell’anno
2012;
- di individuare nella Provincia di Siena l’ente pubblico al quale verrà affidata la
realizzazione dei progetti da attuare negli ambiti in premessa indicati, progetti che
verranno elaborati congiuntamente dai due enti pubblici sulla base degli indirizzi del
Comune di Chianciano Terme;
- di destinare con il presente atto di indirizzo fin da ora e di trasferire successivamente alla
Provincia di Siena la somma di € 168.270,00 proveniente dagli introiti dell’imposta di
soggiorno relativi all’anno 2012;
- di dare atto che la programmazione e il piano economico di ogni singolo intervento, la
definizione delle modalità organizzative ecc. avverrà secondo modelli organizzativi e
forme gestionali previste dal Testo Unico degli Enti Locali (D. Lgs. 267/2000).

MA VI RENDETE CONTO O NO DI QUESTA OPERAZIONE?
INVECE CHE AVERE LE RISORSE A NOSTRA DISPOSIZIONE O MEGLIO AVERE ULTERIORI CONTRIBUTI DALLA PROVINCIA SIAMO NOI A RIMETTERLI NEL BUGLIONE DELLA PROVINCIA.
MA IL COMUNE DI CHIANCIANO TERME O MEGLIO QUESTI AMMINISTRATORI CE L’HANNO O NO UN BRICIOLO DI DIGNITA’?
MA GLI ALTRI COMUNI TURISTICI CHE HANNO RISCOSSO L’IMPOSTA DI SOGGIORNO HANNO ANCH’ESSI VERSATO LA LORO PARTE ALLA PROVINCIA O SE LA GESTISCONO IN PROPRIO?

Anonimo ha detto...

RICORDIAMO IL FARRAGINOSO ED INCONCLUDENTE SISTEMA DI GESTIONE DEL TURISMO INDIVIDUATO DA QUESTA AMMINISTRAZIONE NEL CORSO DI QUESTI ULTIMI ANNI.
1) DELIBERAZIONE CONSIGLIO N. 40 DEL 22.04.2008 – GESTIONE ASSOCIATA DEL TURISMO – Con tale delega si aderiva alla gestione associata delle funzioni in materia di Turismo per i nove Comuni di Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena e Trequanda, delegando tale funzione alla Comunità Montana del Cetona con decorrenza dalla data di sottoscrizione della convenzione con durata di cinque anni decorrenti dalla data di sottoscrizione della convenzione; NON CREDO CHE TALE INIZIATIVA ABBIA SORTITO ALCUN EFFETTO POSITIVO , MA CERTAMENTE UNA SPESA C’E’ STATA.
2) DELIBERAZIONE CONSIGLIO N. 73 DEL 30.09.2008 - DEFINIZIONE DELLE NUOVE LINEE STRATEGICHE DI COMUNICAZIONE DI CHIANCIANO TERME” – PRESENTAZIONE PROGETTO CURATO DALLA APT LOCALE CON A CAPO LA GRAZIA TORELLI.
Vi ricordate gli slogan:
“E’ una festa la vita, viviamola insieme”
“Chianciano multi-città dell’ospitalità”
MA CHE FINE HANNO FATTO I 690.000 EURO IMPEGNATI PER TALE AFFARE? PERCHE’NESSUNO HA MAI FATTO UN RENDICONTO DELLA SPESA? QUALI SOMME SARANNO FINITE DEL PARTITO DEMOCRATICO DI SIENA?
3) DELIBERAZIONE GIUNTA N 332 in data 30.12.2010 “Progetto “Osservatorio turistico di destinazione Chianciano Terme” - Con un finanziamento di euro 80.000,00 concesso dalla Regione Toscana

4) DELIBERAZIONE GIUNTA N.262 del 02/12/2011 - OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE – APPROVAZIONE PROTOCOLLO D’INTESA ED ISTITUZIONE PANEL DI INDIRIZZO
La nuova Giunta Ferranti si innamora della moda imperante tra i mass-media di dare informazioni utilizzando una TERMINOLGIA TECNICA ESTEROFILA in modo da impressionare i cittadini creduloni:

Anonimo ha detto...

“Considerato che il Comune ha individuato gli “stakeholder” (portatori di interesse) locali con i quali condividere una “strategia integrata” sul turismo e fra i quali successivamente individuare una rappresentanza di soggetti per attivare un “Panel di indirizzo” ai fini di definire una “analisi swot” che consenta di focalizzare i punti di forza, di debolezza per elaborare il piano di azione locale e il “report finale”;

DELIBERAZIONE GIUNTA N.184 del 01/08/2012 - OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE – ISTITUZIONE PANEL TECNICO PERMANENTE E NOMINA COMPONENTI
A questo punto la ciliegina finale ecco chi sono i componenti del Panel tecnico:
Preso atto che il finanziamento è destinato alla realizzazione del progetto che si articola su 10 fasi;

Dato atto che la fase 5 prevede l’attivazione del “Panel tecnico permanente” con un referente per ciascuno dei 10 Presidi NECSTouR: trasporti, qualità della vita, qualità del lavoro, destagionalizzazione, patrimonio culturale, patrimonio ambientale, identità, rifiuti, consumi idrici ed energetici;

Evidenziato che nella fase 4 del progetto è stata nominata la Struttura Tecnica Comunale con Decreto Sindacale n. 24 in data 15.05. 2012, ma non è stato nominato il responsabile del comune per l’attività dell’Osservatorio Turistico di Destinazione;

Ritenuto di nominare i seguenti componenti del Panel Tecnico Permanente per i Presidi di seguito indicati:
Morini Anna Lucia – turismo (presidio 4), qualità della vita (presidio 2) e del lavoro (presidio 3). Responsabile del Comune per l’attività dell’OTD,
Paolucci Giulio – cultura (presidio 5) e identità della destinazione (presidio 7),
Fierli Adriano – trasporti (trasporto pubblico) (presidio 1),
Gonnelli Daniela – accessibilità e mobilità (presidio 1),
Ottaviani Anna Maria – ambiente e paesaggio (presidio 6),
Volpini Saraca Danilo – consumi idrici (presidio 8), consumi energetici (presidio 9), raccolta e smalitimento rifiuti (presidio 10)
MA ALLORA ALLA FINE QUESTA GIUNTA COSA MAI POTRA’ RACCONTARE AI CITTADINI DI CHIANCIANO TERME?
DI AVER DATO VITA AD UN PANEL, MA DI NON AVER RACCOLTO UN C…EL!

Anonimo ha detto...

Questa e' una cosa di una gravita' unica.

mazzetti stefano ha detto...

Andrea...., il coraggio di mettersi in gioco insieme all'impegno personale che ne deriva non è da tutti,per questo, anche se conta praticamente niente il mio sincero augurio insieme al rispetto e stima,sono poi curioso di sapere chi fa parte del "gruppo" Punto a capo?????, spero non Guidi che in considerazione che hanno tolto il birillo in piazza a sto giro non avrebbe dove incatenarsi senza sapere perchè........,(rispetto Guidi, ma?????? mi sa che ha fatto perdere un occasione).

-in merito all'ultimo post.....MI VERGOGNO DI ESSERE CHIANCIANESE!!!!!,il commissario prefettizio no perchè metterebbe il naso nei fatti nostri.....E NON CE NE è BISOGNO PERCHE IL SINDACO DICE DI AVERE L'APPOGGIO DI CITTADINA E PARTITO MAGGIORANZA..I COMMISSARI DEL PD INVECE VANNO BENE INSIEME A ASSESSORI ESTERNI PERCHè DELLA PARROCCHIA con gli stessi interessi a negare l'evidenza e coprire i disastri nella speranza che la base si scordi e ipnotizzati dal flauto chiesto in prestito a Berlusconi (unica collaborazione tra pd-pdl) rivotino ancora chi dovendo riaprire la discarica a bisogno di "zombi" da sotterrarci per fare "concio" per far crescere le "piante di cristallo" piantando un bicchiere invece di comprarle vere...........,

SULLA TASSA DI SOGGIORNO......è da ridere, ho già postato indietro documenti.....e mal voluto non è mai troppo.....ad essere maliziosi sembrerebbe la trama di un film dove Siena fa lasciare il sindaco e giunta a sedere comodi in poltrona, aggiungendo facce pulite per accontentare "la base"......in cambio??????? ops!! le nostre tasse a Siena.... in considerazione che noi non siamo capaci a "gestirle"(farle sparire senza lasciare traccia),le diamo a chi ha sfasciato una banca e una fondazione , LORO SANNO COME FARE!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

senti nathan never, avversario di a. marchetti,fiero baluardo del partito unico, etc. etc.. visto che tutto quello ch esuccede non ti sfiora nemmeno,cosa hai da dire in merito all'operato degli illuminati amministratori (?)ben descritto gagli ultimi post?
é solo veleno, sputato fuori con rabbia ceca da persone che non hanno la tua convinzione assoluta della superiorità del partito-pensiero unico?

Anonimo ha detto...

X ANONIMO 23 gennaio 2013 11:06
Mi sfiorano mi sfiorano, ai voglia te se mi sfiorano.
Che non si amministra bene è sotto gli occhi di tutti, la verità, per quanto dolorosa è sempre la verità.
Sulla convinzione assoluta della superiorità del partito-pensiero unico forse non ti hanno detto nulla i miei post precedenti ma ti ricordo che ho fatto la campagna per Renzi e ti lascio immaginare le conseguenze.
Il credere –obbedire – combattere non fa parte del mio pensiero ma mi ricorda qualcosa.
E’ forse il tuo ??

NATHAN NEVER

Movimento ha detto...

Ciò che sta succedendo a Siena direi che era ampiamente previsto e direi nell'immediato molto grave.
Il crollo del sistema mps avrà conseguenze su tutta la provincia e su tutti i comparti, dall'economia, al territorio, alla cultura.
Sta saltando un sistema che per anni è stato spacciato come il simbolo del buon governo pci-pds-ds-pd. Impropriamente direi, ed i fatti recenti, ovvero il buco all'università, al comune, il depauperamento del capitale e quindi del ruolo della fondazione, e quello enorme al mps lo dimostrano. In realtà c'è molto di più, ovvero le clamorose inefficienze delle partecipate che ancora non risultano visibili perché coperte attraverso aumenti tariffari spropositati rispetto al bassissimo livello del servizio reso. Ma alla fine il tappeto si alzerà anche lì, e non sarà un bel vedere. Questo è un sistema che più che sui propri meriti ha fatto il bello ed il cattivo tempo semplicemente perché non c'era in giro nessuna alternativa credibile, ovvero è un sistema che si è retto soprattutto sull'inconsistenza dell'avversario, un avversario che nelle rare volte in cui cercava di dar fastidio o di indagare veniva "tirato dentro" e reso così inoffensivo.
Tra l'altro un sistema tra i più insidiosi perché assistenziale e nepotistico, quindi dotato di un consenso molto più ampio del comprensibile.
Qui noi a Chianciano ci eravamo portati avanti ben prima, e le nostre condizioni sono talmente gravi che non mi permettono di gioire come avrei voluto del crollo del sistema senese.
Eppure questa crisi, i cui effetti purtroppo saranno ben più gravi di quello che possiamo immaginare, qualcosa di positivo porterà, e cioè alcune consapevolezze nuove su cui ricostruire il nostro futuro.
Va detto anche però che chi si ostina a non mettersi in discussione e partecipare in prima persona sarà il primo a cedere. Chi non si espone e continuerà a delegare il proprio futuro sarà il primo ad essere fatto fuori, ed in fondo è giusto anche così.

Movimento2 ha detto...

Ma che cosa insegna questa crisi?
Direi innanzitutto che i partiti sono FINITI. Finiti, stop, non esistono più. Una dimostrazione più lampante di questa non ci poteva essere. Esistono solo le buone o le cattive idee, i buoni o i cattivi comportamenti, la partecipazione o la non partecipazione, ed il modo, ovvero gli strumenti politici e amministrativi con cui queste idee possono concretizzarsi in "buon governo". I partiti, questi partiti, in quanto essenzialmente da decenni luogo esclusivo di gestione del potere, non potranno mai riformarsi. Vivono di interessi personali e compromessi che spingono nei fatti in una direzione contraria all'interesse pubblico.
La destra, il centro e la sinistra nei fatti sono categorie antistoriche, coperture ideologiche a beneficio dei fessi che ci credono e ci hanno creduto per coprire azioni e comportamenti politici e amministrativi che neanche lontanamente rispondono agli ideali con cui si mascherano.
E questo è vero indipendentemente dalla buona fede dei singoli, o di alcuni singoli.
Per questo alle nazionali voterò m5s, perché credo che sia giunto il momento di voltare completamente pagina, e di cominciare a pensare in maniera completamente diversa. Mi rammarico solo che qui a Chianciano non ci siano neanche adesso le condizioni per mettere in piedi un meet-up come si deve, fondato da un gruppo di persone come si deve, che ragionano come si deve. Avrei voluto farlo, ci ho pensato, ma valutando bene mi sono reso conto che tra chi conosco io esistono al massimo due o tre persone con queste caratteristiche. Al massimo si può raccattare un gruppetto di persone dotate di tanta buona volontà, incapaci però di darsi un metodo di lavoro e di avere l'umiltà necessaria per affrontare problematiche di una complessità unica come quelle chiancianesi.
Conosco Andrea, e lo stimo. Non conosco però le persone che lo accompagnano in questa avventura. Spero siano per lui buoni compagni di viaggio e auguro loro tutto il bene possibile. Comunque vada è un tentativo apprezzabile nella giusta direzione. Magari proverò a contattarlo per vedere se posso dare una mano.

X Nathan Never - Pur rispettando il tuo pensiero quell' "ai" senz'acca è come come un cazzotto in un occhio

Anonimo ha detto...

Valerio puoi mettere i nomi della lista "punto e a capo" per favore?

Anonimo ha detto...

Questo è il livello. La gente pensa ai nomi. I nomi non contano un cazzo. Contano le capacità. Il gruppo deve ancora formarsi e si pensa ai nomi. Bah....

mazzetti stefano ha detto...

movimento......., siccome ciò che scrivi è condivisibile ma chi sei ce lo dici o non "pui" (senza o)?-
-scusate il basso livello ma anche io avrei piacere di sapere i nomi.......per appunto capire chi mette le facce e valutare con la "mia ignoranza e basso livello" le loro somme capacità.....poi, e solo dopo saputo..sono pronto anche a "inchinarmi" ma voglio essere sicuro di non essere di fronte ad un "proctologo" e, Andrea che si, stimo e rispetto come persona(pur non avendoci frequentazioni o amicizia particolari),da solo come "dottore" per le cure necessarie certo non fa niente,QUINDI I NOMI SERVONO PER CONTROLLARE NELL'ALBO CHE NON SIANO "PROCTOLOGI"!

Anonimo ha detto...

Chi sono i "saggi" che danno le patenti di comprovata onestà nel gruppo Punto e a capo? Abbiamo il candidato sindaco civico senza primarie e adesso aspettiamo quello della maggioranza forse con le primarie. Era meglio fare, vista la situazione, delle primarie aperte a tutti i cittadini Chiancianesi e vedere chi fosse eletto candidato più degno di fiducia per provare a risollevare questo disgraziato paese.P.S. dal MPS mi sa che non tiriamo più fuori un soldo, grazie!

Anonimo ha detto...

X Movimento2

Si, lo ammetto, in grammatica non sono mai stato una cima.
Mi complimento per il post che ho trovato chiaro, molto interessante e condivisibile per la maggior
parte.
Anche io stimo Andrea che conosco personalmente e spero che nel suo gruppo ci siano persone come lui.
Speriamo bene.

NATHAN NEVER

Damiano Rocchi ha detto...

Salve a tutti,
prendo spunto da alcuni tratti del comunicato stampa dell’amico Andrea, per esprimere ai frequentatori di queste pagine alcune considerazioni e soprattutto per capire se le stesse possano essere ampiamente condivise e/o condivisibili.
Innanzitutto, nell’ottica di perseguire“…una metodologia di lavoro diversa….” condivido il fatto di essersi reso disponibile e quindi presentato in largo anticipo all’opinione pubblica, senza alcuna paura di “bruciarsi” e nemmeno di esporsi alle strumentalizzazioni ed agli attacchi che da ogni parte ed ogni dove gli arriveranno. Eh…. se arriveranno!!. L’importante è che lo abbia fatto in modo consapevole, magari proprio per capire se è in grado di creare attorno a se quel gruppo di persone “…disposte a mettersi al servizio della cittadinanza…”. E su questo, conoscendolo, non nutro dubbi a riguardo, il problema casomai si pone sull’effettiva e reale disponibilità, ma soprattutto capacità di tali persone.
Personalmente credo che “…un gruppo di persone con valori morali oltre che intellettuali…” non sia infatti sufficiente per uscire da questa situazione; le problematiche che attanagliano questa cittadina sono talmente grandi e gravi che richiedono un modo di pensare e persone “come si deve”, dotate assolutamente di competenza e conoscenza, e competenti non ci si nasce, ci si diventa.
Un gruppo che vuole perseguire l’obiettivo di candidarsi a classe dirigente, non può non tenere conto, per ogni tematica con la quale dovrà confrontarsi, di prerogative quali la conoscenza, il metodo, la ricerca e lo studio. Ma servirà anche pazienza e condivisione; tutte caratteristiche quelle elencate che sono convinto, all’interno della nostra comunità potrebbero essere già disponibili. Mi riferisco infatti qui in particolare a tutti quei Chiancianesi (albergatori, commercianti, liberi professionisti, bancari, funzionari, ecc…) che come giustamente ha affermato qualcun altro prima di me, anziché continuare a delegare il proprio futuro, dovrebbero mostrare gratitudine per ciò che Chianciano, direttamente o indirettamente, gli ha “donato” in passato, “restituendo” qualcosa, trovando il tempo ed il coraggio di partecipare in prima persona per creare un fine comune, creando sinergia e mettendo a disposizione le loro conoscenze e la loro "buona volontà".
Sarà quindi si importante il “…numero di persone che crederanno in questo progetto di rinnovamento…”, ma sarà ancora più importante l’umiltà, l’abnegazione, la qualità e la competenza di coloro che di fatto non si limiteranno al consenso ma che si metteranno a disposizione ed accompagneranno (o quantomeno proveranno a farlo) Andrea in questo percorso. Se infatti siamo in questa situazione globale e locale, è anche perché chi si è trovato a gestire la cosa pubblica lo ha fatto, seppur in buona fede, carente in larga parte di tali peculiarità.
Un Comune, per dipendenti e numeri di bilancio, rappresenta l’azienda più grande del territorio di pertinenza e come tale dovrebbe essere gestita, soprattutto in questo momento in cui risorse, mecenati e benefattori non ce ne sono più (vedi “babbo” MPS).
Concludo dicendo che dovremmo essere tutti consapevoli del fatto che alle elezioni del 2014 ci arriveremo con un paese in condizioni a dir poco pietose e chi avrà l’onere (non l’onore) di vincere le elezioni, si troverà davanti non solo un disastro economico, ma un vero e proprio dissesto socio-culturale. A quel punto avere una classe dirigente moralmente ineccepibile e dotata di sola buona volontà sarà assolutamente irrilevante e marginale. Serviranno infatti ottimi medici ed una terapia d’urto che funzioni al primo (ed ultimo) colpo. Fare meglio di quanto è stato fatto sino ad adesso non sarà requisito ne sufficiente ne qualificante e non salverà il malato. Servirà la consapevolezza anziché la presunzione di rappresentare la soluzione. Coscienti che non sarà certamente facile, sarà comunque doveroso provarci.
Damiano Rocchi

Anonimo ha detto...

mi rivolgo principalmente a sig. che nel p.s. ha scritto "mi sa che dal mps non tireremo più fuori un soldo(!?), e anche a molti che non hanno capito bene o fatto finta di non capire(che è anche peggio).secondo te il mps era un ente di beneficenza che distribuiva soldi in forma di finanziamento per il bene dei cittadini, per il progresso ed il benessere di tutti? può darsi trent'anni fa, in cambio del consenso al partito unico. poi le cose sono canbiate,si è fatto in modo che fosse L'UNICO ente benefattore, agente e promotore di ogni cosa da realizzare d'accordo con l'organizzazione suprema che curava ogni aspetto logistico e non. chi ha "curato e "finanziato" la stupenda piazza che oggi ci ritroviamo? i conti qualcuno li controlla? e il palamontepaschi? e tutti i lavori fatti, e non fatti?
e come mai da sempre in questo paese nessuno ha mai potuto investire seriamente in progetti che avrebbero dovuto cambiare la faccia e la natura obsoleta dell'economia prevalente? forse perché c'era un istituto bancario dominato da un partito piovra che lo ha sistematicamente impedito poiché non ne sarebbe stato il controllore e fruitore principale?
condannando tutti alla rovina economica, anche quelli che invece stoltamente ne applaudivano l'operato e magari gioivano se questi veti assuerdi bloccavano qualche odiato "imprenditore" sia locale che straniero.
ancora bisogna leggere di gente che si dispiace che dopo pantalone(lo stato) sia morto anche il "benefattore" mps?
confido (mica tanto, visto lo strano strabismo ) nella magistratura che prima o poi dovrà vedere lo scempio controllato delle aziende pubbliche o semi pubbliche o il fritto misto che sono diventate. la pentola si sta aprendo finalmente! ed anche se ormai è troppo tardi per me e molti altri, vedere tanti malvagi piccoli e piccolissimi opportunisti rendere conto di ciò non ha prezzo!tanto per parafrasare una nota pubblicità.
mi adopererò perché ciò avvenga

Puntoeacapo ha detto...

CHI SIAMO, COSA VOGLIAMO

Il nostro movimento vuole mettersi a confronto diretto con i cittadini, per inaugurare con idee e proposte concrete una stagione di rinnovamento e rilancio per la nostra cittadina.
“Puntoeacapo” intende ripartire da alcune parole d’ordine che rappresentano i capisaldi di una proposta operativa, nel segno del rinnovamento e del rilancio della Politica locale; ripartiamo da Zero, la nostra base di partenza, il nostro modo per dire che siamo pronti e aperti al confronto, un gruppo di persone che provengono da diverse esperienze, uniti dalla consapevolezza che ci sia bisogno di fare cose nuove e che nel nostro paese sia necessario andare oltre l’attuale sistema politico e ripartire da zero. Uno Zero Positivo però, che riparta dalle forze migliori, pronte ad impegnarsi a cambiare le cose. Nessuna forma di antipolitica. Si può elaborare una proposta seria che tenga conto che i partiti non detengono più il monopolio della politica e che è arrivato il momento di includere ciò che fino ad oggi i partiti hanno escluso.
Abbiamo deciso di metterci la faccia in prima persona e di credere in questo progetto perché siamo stanchi d’essere presi in giro ed anche di continuare a sentire ‘parlare’ e ‘parlare’ senza mai nessuno che si mette anche a ‘fare’. Certo chi fa a volte sbaglia, ma certo è meglio ‘fare’ che ‘non fare’ e stare a guardare, subire passivamente per poi criticare e lamentarsi.
Stiamo vivendo una fase di difficoltà economica e sociale e crediamo sia necessario smettere ognuno di farsi i fatti propri e si debba, tutti, rimboccarsi le maniche e partecipare attivamente alle scelte che riguardano il nostro futuro.
Se vogliamo che la città migliori veramente dobbiamo smetterla di delegare ad altri decisioni che sono nostre: dobbiamo decidere noi, cittadini di Chianciano, dove e come fare un parcheggio, un’aiuola o un giardino per i nostri bambini, un percorso ciclo-pedonale, insomma come affrontare e risolvere ogni nostro problema/bisogno. Vogliamo quindi un’Amministrazione Pubblica che sia disposta ad ascoltare e valutare le proposte dei cittadini, e non una che debba seguire le direttive dei “partiti”.
Pensiamo che negli ultimi anni la politica ha diviso ciò che andava unito, ha tolto fiducia dove andava data, ha utilizzato modi prepotenti dove andava proposto dialogo e intelligenza.
Ci vogliamo mettere in gioco perchè crediamo in una politica nuova fuori dai soliti litigi tra partiti e fuori dagli schieramenti. Fuori dalle solite promesse elettorali mai mantenute. Una “politica” con la convinzione che le idee, le buone idee, non hanno e non devono avere colore di parte, ma devono essere solo buone idee e buone pratiche che pongano al centro dell’attività del governo locale come obiettivo primario, il bene di Chianciano e dei suoi abitanti: una politica che ha come obiettivo dell’azione amministrativa le persone, i loro bisogni e le loro necessità.
Vogliamo una città con cuore, anima e cervello in cui tutti devono sentirsi partecipi e coinvolti attraverso un’informazione trasparente ed accessibile. Questo significa che i principi su cui ci basiamo per una limpida gestione di governo devono essere:
- ONESTA’ nel presentare proposte che si possono realizzare e non sogni propedeutici ad avere facili consensi;
- CAPACITA’ E COMPETENZA nell’approfondire ogni problematica si presenti e nel cercare la relativa soluzione;
- TRASPARENZA nell’informare tutti con ogni mezzo (stampa, web e assemblee informative) su ciò che accade all’interno delle ‘stanze di potere’. Informare su quanto ‘bolle in pentola’ e sulle decisione assunte. Siamo consapevoli che attraverso la nostra esperienza ed il nostro contributo e per mezzo dell’aiuto di tutti possiamo arrivare a migliorare la nostra qualità di vita, senza doverci accontentare.
Puntoeacapo....

Anonimo ha detto...

Prima creare un gruppo, uno zoccolo duro, attorno a 5/6 soggetti "importanti" e trainanti, poi, con calma molta calma, si dovrà arrivare alla definizione di una lista rappresentativa e qualitativamente valida. Metodo, ci vuole metodo.

valtubo ha detto...

Ho posto ad Andrea Marchetti una domanda via mail Nel blog mi chiedono i nomi del gruppo "Punto e a Capo" se mi puoi dire qualcosa da pubblicare nel blog, su nomi, programmi o linee guida e chiarisca intenti, o quando fate riunioni per poter partecipare, ti ringrazio!
Ecco mail di risposta:

ciao valerio,
per le linee guida hai già visto, sui nomi credo che fare un elenco delle persone che fino ad oggi hanno partecipato alle varie riunioni (chi + chi –) non abbia senso infatti oggi non siamo una “lista già preconfezionata” da proporre al paese siamo un gruppo di persone che ha cominciato a ragionare per diventare classe dirigente del paese se ce ne saranno le condizioni e soprattutto le condivisioni il gruppo come detto è assolutamente aperto a tutti... anzi credo che senza i “tutti” il gruppo non potrà lavorare come dovrebbe il mio nome è uscito solo in quanto ormai nella bocca di tutti (giornali compresi) e ritenuto in questa prima fase “aggregante” obbiettivo è costruire insieme il programma e il progetto poi verranno i nomi da inserire in lista!!!!!
grazie

Anonimo ha detto...

Per anonimo delle 23.47 se hai notato in fondo al P.S. c'è scritto grazie, intendendo al PD e i suoi sgherri senesi da quattro soldi, che hanno spogliato e massacrato la Provincia per decenni. Ora hanno anche il coraggio di ripresentare il sindaco già preso a calci nel .... una volta e rivincerà di sicuro. Come vedi mi sa che non ci siamo capiti e la stampella che i nostri amministratori aspettavano sempre non ci sarà più. Comunque la si pensi per Chianciano è una ulteriore mazzata.Saluti

Anonimo ha detto...

"Tutti gli iscritti del pd sono invitati a partecipre al forum de la Nazione domani mattina alle 11 per supportare gli amministratori comunali" questo il testo del msm che e' stato mandato a supporto del Sindaco,perche' domani mattina ci sara questa iniziativa pubblica insieme al quotidiano nel quale la Sindaca vuole far credere che va tutto bene,hanno gia' domande e risposte imbeccate. Ma perche' non ci andiamo anche noi a rompergli le uova come ha fatto Beppe Grillo al mps?

valtubo ha detto...

Domani sabato 26 gennaio in Piazza Italia alle ore 11,00 ci sarà un Forum della Nazione con presente un giornalista e fotoreporter, per fare domande al Sindaco di Chianciano, il forum è aperto a tutti.
A quanto ho capito si potrà intervenire facendo domande, io qualche domandina ce l'avrei....voi?

Anonimo ha detto...

Movimento per il sostegno al primo cittadino …
due badanti (forse venuti da Marte -altro mondo - o forse venuti da Siena – questo mondo) per la segreteria politica dimissionaria (COMMISSARI POLITICI TIPO “STASI” )…..
due ulteriori badanti (a volte ritornano …. CERCARE TRA VECCHI SINDACI E VECCHI ASSESSORI) per aggiungersi alla fantasmagorica Giunta Comunale …..
Sindaco abbia il coraggio di lasciare, non si ostini a proseguire un incarico non più sostenibile. La sua ostinazione la porterà ad essere ricordata come il peggior sindaco della storia di Chianciano Terme addirittura peggio del Bolici e del Bombagli.
Compia un gesto di onestà intellettuale e di pudore …… e si dimetta.
Forse il PD in questo modo per eventuali elezioni nel breve periodo potrebbe essere ancora vincitore, contando anche sul fatto che le opposizioni non si sono ancora organizzate. Tramestare ancora un anno in queste condizioni porterà benefici solo alle opposizioni.