e-mail: valtuboblog@gmail.com

Previsioni Meteo Chianciano Terme

Previsioni Meteo Chianciano Terme
Previsioni Meteo Chianciano Terme aggiornate ogni Sabato

Euroservice Solution Italian Real Estate

Euroservice Solution Italian Real Estate
CLICCA BANNER PER SAPERE DI PIU'! ​Euroservice Solutions Italian Real Estate di Oreste Castrini Da oltre 30 anni Agenzia Immobiliare e di Servizi P.zza A. Gramsci 1/F 53042 Chianciano Terme (SI) Tel e Fax +39 0578 20187 Mobile: +39 3355336475 www.euroservicesolutions.it ​mail: info@euroservicesolutions.it Orari di apertura: dal lunedì al venerdì 9.00-13.00; 15-18

lunedì 9 gennaio 2017

Giunta di Chianciano "in gita" elettorale!

Giunta di Chianciano Terme "in gita" a Siena per le elezioni provinciali
Su facebook, nel profilo dell'Assessore Andrea Morganti, è apparsa questa foto con la frase "In gita a Siena ......." 
La "gita" era alla sede della Provincia per votare i Consiglieri Provinciali, sarebbe gradito oltre al simpatico commento se ci facessero sapere almeno quale lista hanno sostenuto, se la lista "Centro sinistra per la Provincia di Siena" del PD o se "La Provincia dei Cittadini - Siena - Liste Civiche", visto che hanno VOTATO AL POSTO NOSTRO, grazie!

Saluti,

Valtubo

84 commenti:

Corriere di Siena ha detto...

Elezioni provinciali, tutti gli eletti

Si è concluso stasera, domenica 8 gennaio,lo spoglio per l'elezione del consiglio provinciale di Siena. Due le liste che erano state presentate: una di centrosinistra (Centro sinistra per la Provincia di Siena) e una riconducibile alle liste civiche (La Provincia dei Cittadini-Siena-Liste civiche). Dei 438 aventi diritto al voto, tra sindaci e consiglieri comunali, si sono presentati alle urne in 290, pari al 66 per cento del corpo elettorale. Rispetto al consiglio provinciale uscente il centrosinistra conquista un consigliere mentre ne perde uno l'opposizione. Nella lista di centrosinistra sono stati eletti: Bruno Valentini (Sindaco di Siena), Giacomo Bassi (Sindaco di San Gimignano), Valeria Agnelli (Sindaco San Quirico d'Orcia), Riccardo Agnoletti (Sindaco di Sinalunga), Raffaella Senesi (Sindaco di Monteriggioni), Emiliano Spanu (Sindaco di Rapolano Terme), Fabiola Parenti (Sindaco di Murlo), Davide Micheli (Consigliere comunale di Monteroni d'Arbia). Per la liste civiche nominato: Fabrizio Fe' (Sindaco di Pienza) e Massimo Bianchini (Consigliere comunale di Siena). Non hanno partecipato al voto gli esponenti del Movimento 5Stelle. Le elezioni si sono tenute domenica 8 gennaio dalle 8 alle 20 nella sede della Provincia in Piazza Duomo.

Damiano Rocchi Assessore Ambiente, Rifiuti, Risorse Idriche, Protezione Civile, Partecipate Comune di Chianciano Terme ha detto...

La società Nuove Acque SpA rende noto che il giorno Martedì 10 gennaio 2017 dalle ore 7.00 alle ore 15.00 effettuerà lavori di manutenzione sull’ Acquedotto del Vivo da parte della Società Acquedotto del Fiora SpA. Per tale motivo potranno verificarsi abbassamenti di pressione e fenomeni di intorbidimento dell’acqua erogata che, per il Comune di Chianciano Terme interesseranno le zone rurali ed i fontanelli pubblici.
La società Nuove Acque comunica che prevede di tornare alla normalità nella giornata di mercoledì 11 gennaio 2017 e si scusa anticipatamente per i disagi che saranno creati all’utenza. Per ulteriori informazioni contattare l’agenzia di Sinalunga telefonicamente 800191919 o consultare il sito www.nuoveaque.it

PD Chianciano Terme ha detto...

Segretario, cosa ci dice dell’incontro previsto per martedì al PD di Chianciano T. ?

E’ una normale riunione che apre, per noi, la stagione politica 2017. E’ un incontro aperto ad iscritti e simpatizzanti e servirà a fare il punto in vista del CC del 12 che ha all’odg l’approvazione del bilancio di previsione e di altre misure che possono incidere nelle tasche di tutti noi.

E’ presto per fare valutazioni?

Certamente sì, anche perché sarebbero valutazioni del tutto personali.

Qual è il vostro rapporto con la maggioranza che regge il Comune?

Nel corso del 2016 abbiamo collaborato a varie iniziative benefiche sotto la supervisione dell’AC, come la spesa sospesa e quelle pro-terremotati, quindi nessuna pregiudiziale da parte nostra. Quando però abbiamo sottolineato, in una nostra intervista di fine anno, alcune problematiche più politiche e di scelte che riguardano il turismo, i costi di alcune manifestazioni ed interventi di manutenzione, ci sono state alcune reazioni scomposte.

In che senso?

Nel senso che non cadremo nella trappola di metterla in rissa (certo verbale) e siccome siamo avvezzi a ben altri sproloqui, il fatto che si risponda alle nostre considerazioni parlando di “farneticazioni” la dice lunga sul grado di confronto e di dialettica che si vuol fare. Non c’è nessuna lesa maestà ma un confronto che per noi è il sale della democrazia. Affermazioni del tipo ”nei precedenti mandati amministrativi NON è stata spesa alcuna risorsa in tale tipologia di manutenzioni” (testuale) oltre che essere palesemente falsa offende l’intelligenza dei cittadini che sanno che nessuno può fare tutto, per vincoli di bilancio, e quindi si dà delle priorità. L’amministrazione precedente ha scelto, tra gli altri, di riqualificare Piazza Italia (senza fioriere), marciapiede e asfaltatura di via Di Vittorio, via Baccelli, viale Umbria, via delle Terme, come l’attuale amministrazione sta lavorando in altre aree della Città. Niente di nuovo sotto il sole. Le manutenzioni sono un atto dovuto che i Cittadini si aspettano. Speriamo, da chiancianesi, che si riesca ad uscire dall’ordinario.
Alcune riflessioni le inizieremo a fare martedì ed i nostri Consiglieri le svilupperanno in vista del Consiglio comunale.

Damiano Rocchi Assessore Ambiente, Rifiuti, Risorse Idriche, Protezione Civile, Partecipate Comune di Chianciano Terme ha detto...

Visto che evidentemente c'è chi fa strumentalmente "orecchi da mercante" e continua imperterrito (non conoscendo nemmeno la distinzione tra interventi strutturali o di manutenzione ordinaria e straordinaria) a mistificare la realtà dei fatti e confondere quindi solo le idee ai cittadini, per rendere maggiormente l'idea di cosa si stia parlando ricordo - tra le tante cose a cui potrei fare riferimento - che grazie al solo risparmio ottenuto dalla chiusura delle vasche della dispendiosissima fontana di Piazza Italia siamo riusciti a recuperare le risorse necessarie per intervenire con interventi di manutenzione straordinaria con rifacimento della pavimentazione sia della passeggiata interna al parco a valle che del percorso pedonale (compreso rifacimento della sottostante fognatura) che da Viale della Libertà congiunge allo stesso parco a valle.
Due situazioni rimaste in condizioni di degrado per moltissimo tempo e che la precedente amministrazione non ha minimamente preso in considerazione, mostrando da un lato scarso senso del decoro e dall'altro soprattutto incapacità nell'ottimizzazione delle gestioni economico-finanziarie ed investimento delle risorse.
Dopo aver già acquistato due automezzi tecnici, in primavera ci sarà consegnato finalmente anche il nuovo scuolabus ed a seguire procederemo con l'acquisto di un'auto elettrica per rinnovare il parco mezzi a servizio dei vigili urbani.
Quindi, senza voler offendere l'intelligenza di nessuno, se queste sono solo alcune delle nostre tante "priorità", mi chiedo e ci chiediamo quali sono state tutte queste priorità negli investimenti che in passato hanno impedito a chi ci ha preceduto di fare - ad esempio - le nostre stesse e necessarie scelte?
Per me/noi la sterile polemica si chiude qui, saranno infatti comunque, come sempre del resto - e lo hanno già dimostrato - i cittadini a valutare nei fatti più che nelle parole, la bontà di un operato amministrativo.

Anonimo ha detto...

Botta e risposta tra compagni.......ma nessuno ci dice se la giunta di Chianciano ha votato per la lista di sinistra o per l'altra!

Andrea Marchetti Sindaco di Chianciano Terme ha detto...

Aperto ufficialmente il cantiere per realizzazione rotatoria all'inizio del viadotto ribussolaia... Insieme si può!!!

Centritalianews.it ha detto...

Chianciano: al via i lavori per la nuova rotatoria al viadotto delle Ribussolaie. Assessore Rocchi, “si tratta di un progetto che abbiamo recuperato noi come giunta e che il Pd aveva bocciato nel 2014″

Cominciati i lavori per realizzare una rotatoria presso il viadotto delle Ribussolaie atteso da anni anche perché proprio in quel punto di incrocio tra varie strade nel corso del tempo si sono verificati parecchi incidenti , alcuni anche molto gravi. Con la nuova amministrazione guidata da Andrea Marchetti è stato recuperato un progetto che è stato portato avanti fino al suo compimento dal consigliere comunale con delega alla viabilità Fabio Nardi. E ora è stato dato il via ai lavori . In proposito l’assessore Damiano Rocchi ha espresso “viva soddisfazione per aver potuto dare avvio ai lavori di realizzazione della rotatoria presso il viadotto delle Ribussolaie con l’attuazione di un progetto recuperato grazie all’ottimo lavoro del consigliere con delega alla viabilità Fabio Nardi . Progetto che il PD aveva bocciato nell’aprile 2014 in sede di consiglio provinciale. Tale rotatoria – ha aggiunto – risulterà di fondamentale importanza per l’incremento della sicurezza stradale su tale porzione di tratto viario della SP 146 interno alla cittadina. Un progetto di cui adesso si andrà a realizzare il primo stralcio funzionale per un importo di 300.000 euro, di cui 150.000 da fondi di bilancio ed i restanti da contributo regionale derivante dalla vittoria di un bando. Ed inoltre, avendo già agli atti il progetto di completamento relativo al secondo stralcio funzionale, gli uffici – ha concluso Rocchi .stanno già lavorando alla predisposizione degli atti per partecipare ad analogo bando 2017”.

Comune di Chianciano Terme ha detto...

Un alternativo brand per Chianciano Terme ‘Il Clan di Giano’

Illustrato oggi pomeriggio (10 gennaio) nella Sala Consiliare un brand alternativo per Chianciano Terme. Presenti i rappresentanti delle associazioni di categoria e del sistema turistico locale. Il progetto, finalizzato all’attuazione di una nuova strategia di marketing, rivolto ad un target più vasto di utenti, per promuovere attraverso distinti e caratterizzati percorsi, le attrattive principali di Chianciano Terme. Il progetto, oltre alla realizzazione di una fontana, che richiami l’acqua come nostra principale identità, all’interno della rotatoria posta in zona Rinascente, contempla l’offerta turistica della cittadina con percorsi culturali, enogastromomici, ludici, termali e di benessere nonché sportivi. La presentazione è affidata a dei personaggi di fantasia il cui nome è legato alla mitologia etrusca e romana, con la finalità di incuriosire e coinvolgere il turista ad intraprendere i percorsi suggeriti; i personaggi sono anche protagonisti di una storia di fantasia che vuole raccontare, attraverso atmosfere magiche e mitologiche, le peculiarità e le caratteristiche della nostra Chianciano Terme. Saranno quindi installati dei totem con i personaggi che indicano i percorsi ed inoltre saranno predisposte delle cartine del paese con individuazione dei centri di interesse turistico. «Di fondamentale importanza – afferma l’Assessore alla cultura, Danila Piccinelli – sarà il coinvolgimento della cittadina e del tessuto economico che potrà utilizzare tale strumento di comunicazione e promozione anche mediante la distribuzione di gadget raffiguranti i personaggi stessi». L’Amministrazione comunale sta valutando anche la possibilità di dare incarico ad una Casa editrice la redazione e stampa della storia di fantasia, dal titolo “Il Clan di Giano”, strumento che insieme ad altre attività di promozione potrà essere veicolo di ulteriore informazione turistica.

Libero Quotidiano ha detto...

Marcegaglia, Caltagirone, il socio di Verdini, De Benedetti e le coop rosse. Tutte le cifre e nomi dei grandi debitori di Mps e delle altre banche

Tra i cattivi pagatori ci sono anche le società della famiglia Fusi, Terme Chianciano, Acea, Netro C, Atac Roma, Alfio Marchini e la famiglia Fusillo

Camera e Senato discuteranno la richiesta che viene dalle opposizioni (M5s a Palazzo Madama e Forza Italia a Montecitorio) di accelerare sull'istituzione di una commissione d'inchiesta che faccia chiarezza sulle crisi bancarie e sulle vicende che hanno portato al salvataggio pubblico di Mps mentre la stessa banca si dice pronta, se le norme lo permettono, a pubblicare la lista dei suoi principali debitori insolventi. Al momento ci sarebbero infatti ostacoli normativi che riguardano tutti gli istituti di credito a dare seguito al suggerimento arrivato dal presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, che già aveva scatenato ampio dibattito. Intanto la direzione risorse umane di Mps, proprio mentre aumenta il pressing per avere la lista dei debitori, ha ricordato ai dipendenti gli obblighi di condotta, legati anche a normative, per garantire uniformità e correttezza nella diffusione di informazioni.

I nomi degli insolventi e le cifre
Se l’istituto di credito e una parte del nostro mondo politico tentenna, la stampa italiana è da tempo alla ricerca di nomi e cifre. Libero e La Verità sono in prima linea in questa caccia all’uomo. E proprio queste testate hanno cominciato a fare i primi nomi eccellenti e le cifre che costoro non avrebbero ai restituito non solo a Mps, ma anche a Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Popolare Etruria, Banca delle Marche e Unicredit. I primi nomi li aveva fatti Libero il 28 dicembre scorso in un articolo firmato Giuliano Zulin. Stando ai dati diffusi dal giornale diretto da Vittorio Feltri, il 70% dei cattivi debitori di Mps non sarebbero commercianti o artigiani, ma grandi gruppi industriali. Tra questi si distinguono la Sorgenia della famiglia De Benedetti e i Marcegaglia. La “prima tessera del Pd” ha chiesto e ottenuto senza mai restituirli 650 milioni di euro. I secondi, lo scorso marzo hanno beneficiato di un nuovo finanziamento da circa 500 milioni nonostante abbiano già debiti per 1,5 miliardi di euro. Nella stessa situazione si trovano altri importanti gruppi industriali del nostro Paese.

Il soldi prestati e mai restituiti
Uno dei casi più significativi si insolvenza è stato quello del gruppo Sansedoni Siena spa, cui Mps, spiega Libero, che proprio grazie ai soldi non restituiti è divenuto “parte correlata” della Mps. La banca ha infatti trasformato il credito vantato, 25.9 milioni, nei confronti della capogruppo nel 21.75 del capitale. La stessa cosa, ha spiegato il giornalista Franco Bechis, è accaduto per le società controllate a valle: Marinella Spa che non ha mai restituito 26,9 milioni. Lo stesso è accaduto con le controllate della Sansedoni: alla Sviluppo e Interventi è stata congelata la cifra di 48.4 milioni di euro. Lo stesso trattamento era stato riservato alle Robinie Spa, diventata proprio per questo proprietà Mps. Altre risorse, 20 milioni di euro, sono state inghiottite dalla fallita NewColle srl. Così è andata anche con gli 11,3 milioni prestati al gruppo Fenice della famiglia Fusi e alle relative controllate come Una spa, quella degli hotel, Euro srl e Il Forte spa. Non si sa neppure che fine faranno i soldi prestati a Menarini, per il quale è in corso un'inchiesta. (segue)

Libero Quotidiano ha detto...

Il settore pubblico non è da meno di quello privato
Il settore pubblico non è da meno di quello privato. A non restituire il maltolto, fra le insolventi ci sono infatti le municipalizzate e società regionali toscane: la Fidi Toscana spa, che lo scorso agosto ha ricevuto un altro prestito da 98 milioni di euro, con Mps già al 27,46% del capitale. Nella lista le Terme di Chianciano, esposte per 10 milioni, e i 4,8 dell'Interporto Toscano A. Vespucci spa. Negli elenchi spuntano anche i nomi delle romane Atac e Metro C. Nei confronti della società di trasporto locale il Montepaschi, che nel 2013 aveva partecipato ad un pool di banche che concessero un finanziamento per oltre 200 milioni, poi rischedulato a 163 milioni, rischia circa 30 milioni. Altri nomi eccellenti li ha fatti La Verità. Colpiscono in particolare i nomi della Tassara di Romain Zalenski (un buco di 200 milioni), il Sole 24 Ore, i costruttori romani Toto, Luigi Zunino.

Ecco le altre banche frodate
La Verità ha anche fatto i nomi degli insolventi delle altre banche in crisi. La Popolare di Vicenza, che ha bruciato dall’oggi al domani ben 6 miliardi e mezzo, si era fidata delle imprese di Alfio Marchini che ai vicentini aveva chiesto 76 milioni di euro. Cinquanta non li ha invece restituiti il gruppo pugliese Fusillo, che ha anche un debito di 120 milioni con la Popolare di Bari. La Degennaro costruttori avrebbe dovuto restituire 27.5 milioni. La Veneto Banca ha, d’altro canto, sbagliato a fidarsi di Antonio Casale, l’immobiliarista bolognese ha incassato 78 milioni. Altri 50 milioni li ha introitati Francesco Bellavista Caltagirone. Somme importanti sono finite nelle tasche dei cementifici Federici e nelle finanziarie dei fratelli Landi (crac Eutelia). La Banca delle Marche piange i soldi versati a Davide De Gennaro (70 milioni), il gruppo costruzioni Lanari (110 milioni), Minardi (130), Ciccolella (80). Il capitolo Unicredit si apre con i nomi di Rcs (54.4 milioni), Alitalia (20), Tassara (119), i costruttori Parnasi (650 milioni di debiti). Il governo Gentiloni ha una bella gatta da pelare.

Anonimo ha detto...

Scusa Tubino ma il sindaco di Chianciano in un intervista prima di natale non diceva che Terme di chianciano era indipendente da MPS ???

Forse intendeva dire che sopra i 10 milioni di euro era indipendente da MPS ??

Spero faccia una retifica immediata di completa disinformazione.

Anonimo ha detto...

Caro Sig. Rocchi ma quale sarebbe questo passo in piu' rispetto a quanto fatto dal PD nelle passate legislature ?

Io rispetto al passato vedo solo tanti negozi chiusi in piu' rispetto al passato, le presenze negli hotel calate rispetto al passato e di livello sicuramente molto inferiore, un parco fucoli abbandonato con erba alta e incuria totale nella gestione comunale, un centro sportivo in degrado che non si sà ancora che fine possa fare, alberghi in decadenza , parchi pieni di sporcizia carte e bottiglie varie, marciapiedi con cacche di cane d'appertutto, sicurezza notturna carente rispetto al passato, vita sociale chiancianese inesistente e sicuramente molto peggio del passato data anche dalla situazione economica generale locale

ecco voi con un trenino, un paese di babbo natale, due scivoli , una pro loco , due aperitivi e due serate per sedicenni , vorreste farci credere che stiamo meglio rispetto al passato ???

Si forse ad alcuni lo fate credere ma certo NON A ME

Anonimo ha detto...

Perfetto, uno a zero e palla al centro! È solo piccola e normale ordinaria amministrazione, niente di più.

Anonimo ha detto...

Ci mancava Giano......E tutto il sui Clan..........

Anonimo ha detto...

Veramente alle varie inaugurazioni di troscia italia eravate in diversi a spellarvi la mani!

Anonimo ha detto...

Forse la gita è durata un pò troppo... �� ����
Un alternativo brand per
Chianciano Terme ''Il Clan di Giano''
http://www.sienafree.it/chianciano-terme/86714-un-alternativo-brand-per-chianciano-terme-il-clan
Ettore

Anonimo ha detto...

Per 10 gennaio 2017 19:57
POSA IL FIASCO e rialzati da terra CHE ALTRIMENTI TI SCAMBIANO PER UN ESCREMENTO !

Anonimo ha detto...

Per il 10 Gennaio 2017 ore 22.35
Per te non si pone il quesito, puoi tranquillamente rimanere in piedi. Maleducato/a!

Anonimo ha detto...

Concordo pienamente con anonimo ore 19,57 perfetta e reale analisi.

Anonimo ha detto...

Ancora un altro brand per Chianciano, sarà il ventesimo, ne abbiamo fatti negli anni in tutti i modi e con tutti i colori possibili immaginabili, dando successo solo a chi ha riscosso per fare il BRAND e la presunta campagna marketing.

Di nuovo ci siamo ricascati in PIENO come se non bastasse le esperienza passate . Ma come criticate il PD per le scelte fate in passato ( come la scleta BRAND ) e voi precisi precisi fate la stessa cosa ???

Quanto sarebbe costato questo BRAND ??? i cittadini sono tenuti a sapere , no ???

Con tutti i soldi spesi per fare brand, analisi, analisi passate sulla morte di chianciano ed il suo perche', progetti vari, sai quanti parchi tematici e ristrutturazioni del centro sportivo sarebbero venute fuori ???

Ma non importa purtroppo siamo in queste mani e Chianciano sarà sempre piu' morta e decrepita

Qui non mancano i soldi e le idee qui manca la concetezza di voler realizzare certe situazioni

Anonimo ha detto...

Qui manca il manico, .capo!

Andrea Marchetti Sindaco di Chianciano Terme ha detto...

Dopo la ricca e partecipata ultima edizione del “Paese di Babbo Natale”, vorrei ringraziare ancora una volta, a nome di questa Amministrazione, per la bellissima dimostrazione di efficienza e di attaccamento al paese, tutti i volontari e il Comitato Direttivo dell’Associazione Pro Loco di Chianciano Terme. Grazie per aver messo i valori della partecipazione e della solidarietà, al centro dell’impegno di questa splendida edizione dell’evento che ormai accompagna i nostri Natali, consentendo l’esaltazione dello spirito della nostra piccola/grande comunità, attraverso l’esternazione di principi e valori (quali lo stare insieme e condividere un obiettivo per il benessere della cittadinanza) capaci di segnare positivamente le coscienze in questa fase storica difficile nella quale anche la partecipazione attiva di tanti cittadini rende ancora più credibili le idee ed i messaggi della nostra esperienza amministrativa. Il più bel ringraziamento e complimento che si possa fare a questi volontari è stato però la partecipazione all’evento, la presenza di tante persone, giunte da luoghi geografici diversi, distanti e non, che hanno consentito di animare turisticamente la nostra Chianciano durante tutte le festività Natalizie. L’amministrazione comunale sta puntando molto sulla destagionalizzazione del turismo, per incrementare le presenze sul nostro territorio anche oltre i mesi primaverili ed estivi e il successo e la partecipazione straordinaria a ‘Il Paese di Babbo Natale” confermano che la direzione intrapresa è giusta. Insieme si può!!

Anonimo ha detto...

Egregio Sindaco, ma Lei dove è stato in questi 2 mesi? Dire che al paese di babbo natale c'è stata la presenza di tante persone mi pare che si possa definire un'affermazione da visionari. Visionari non nel senso che sanno leggere il futuro, ma che si sognano le cose. Cambierei lo slogan in "sognare si può"! Sogna fortemente il Marchetti che con la sua acerrima amministrazione è riuscito a spaccare ulteriormente, cosa che era parecchio difficile, la cittadinanza. Amministrazione che si basa sul principio: o con noi o contro di noi.
Una congrega di figliocci del prete che sostanzialmente con questa edizione del paese di babbo natale contribuisce ad affossare i principi del Natale deviandoli sul mero consumismo e sulla "fiera", per altro con un certo cattivo gusto. Sono stato un paio di volte alla fiera di babbo natale e sostanzialmente mi pare che la desolazione la facesse da padrona, la macchinetta preudo slitta era veramente il peggio.

Anonimo ha detto...

...........insieme si può cosa? Ma che film avete visto? Se quest'anno al grande evento di babbo natale non c'era quasi mai nessuno!
Forse vi siete confusi con quando siete stati a Montepulciano? Comunque , a tal proposito, potete anche rendere noto l'incasso sia di quest'anno che di quelli precedenti. Poi il volontariato, si chiama così perchè è gratis! La pro loco/loro sembra che prenda fior di finanziamenti..........

Anonimo ha detto...

Abbiamo finalmente capito l'obiettivo della Marchetti band, eliminare il turismo estivo per sancire il successo della destagionalizzazione. Sostanzialmente se non c'è nessuno d'estate, 10 clienti d'inverno sono un successone!
Di destagionalizzazione si parlava quando d'estate Chianciano era pieno e si voleva ridurre il periodo di chiusura delle aziende, ora parlare di destagionalizzazione è un non senso, che è solo rimasuglio di politichese vintage.

Anonimo ha detto...

Ma il progetto della rotatoria è stato presentato a qualcuno o reso pubblico in qualche modo? Si sa quali sono le motivazioni della precedente bocciatura del progetto rivendicata da Super Rocchi?

Anonimo ha detto...

Vai è ripartito lo sfigato 4 messaggi in 5 minuti....aspettiamo con ansia la tua candidatura.

Tutti per la ripresa di Chianciano ha detto...

Buonasera Valtubo,

nella edizione del 10 c.m., ho letto, con piacere, dell'iniziativa del sindaco Andrea Marchetti in merito ai lavori di realizzazione della rotonda allo svincolo di Viale della Libertà e che era attesa da anni ed anche dell'avvio del progetto di cui avevo personalmente inviato una bozza a te, alle associazioni di categoria, alla Direzione della Società Terme di Chianciano, alla società Terme di S. Elena con lo scopo di stimolare la classe dirigente a prendere l'iniziativa fare un nuovo Brand ed unirsi per dare vita a una "struttura" indispensabile per veicolare una attività di MARKETING, e che sarà realizzato. Si tratta di qualcosa di molto interessante, che, se sarà ben organizzato, diventerà il motore della ripresa di Chianciano Terme, con lavoro e ritorno economico per tutti i settori imprenditoriali, compresa l'azienda che si occuperà di tale attività le eccellenze ci sono e altre ne verranno. Come dice il proverbio l'unione fa la forza e, se si uniscono le sinergie imprenditoriali si potranno ottenere ottimi risultati come ho indicato nella bozza del progetto " PROGRAMMA PER IL RILANCIO DELL'ECONOMIA DI CHIANCIANO TERME E DEL COMPRENSORIO".

Come semplice cittadino, al Sindaco Andrea Marchetti ed alla giunta vorrei far giungere il mio apprezzamento e un forte plauso, è il momento della concretezza per il percorso iniziato che personalmente ritengo giusto, ed in tale ottica, senza alcun interesse personale, se può servire, sono a disposizione.

Buon lavoro a tutti.


Oreste Castrini
Tutti per la ripresa di Chianciano

corrierepevese.it ha detto...

Delusa da Babbonatale Chianciano ci riprova
Presentato il progetto "Il Clan di Giano"

La presenza di turisti a Chianciano nelle feste di Natale è stata insoddisfacente. Molti hanno attribuito l’insuccesso alla scelta di aver spostato il Paese di Babbonatale nel Parco delle Terme. E’ quello effettivamente un punto di Chianciano ottimale per l’estate, ma non adatto nell’inverno perché forma una sacca di umido poco invogliante. Inoltre per la conformazione della cittadina risulta naturale per i turisti recarsi a Piazza Italia e forse negli altri anni, trovando tutto lì nella piazza, fruivano delle offerte in modo agevole. Qualcuno ha ventilato l’ipotesi che molti turisti provenendo dalle regioni limitrofe, alcune delle quali colpite dal terremoto, abbiano abolito le vacanze per lo stato di calamità dei loro paesi. In effetti questo non può essere motivo della non riuscita delle manifestazioni visto che la vicina Montepulciano, non ha registrato flessioni sulle presenze.

Tuttavia gli amministratori avevano delocalizzato la manifestazione pensando di andare incontro ai turisti fornendo uno spazio più ampio alla manifestazione e più comodi parcheggi. Ma non è stato così. A volte sono anche incomprensibili le alchimie che agevolano o interferiscono negativamente sugli eventi. Altro disguido è stato rappresentato dall’aver svolto due manifestazioni contemporaneamente in due punti di Chianciano. Così mentre al viale Roma c’era la festa del cioccolato, sul viale della libertà c’era una rappresentazione con musica, cavalli, carrozze, organizzata dai negozianti di quella parte di Chianciano. Di conseguenza i già pochi visitatori si sono ulteriormente dimezzati, in quella occasione, con grande rammarico degli operatori che hanno visto vanificare il loro impegno, anche economico per creare interesse e movimento nei pressi dei loro esercizi.

Ora con il nuovo anno, per la precisione il dieci gennaio nella sala consiliare, è stato presentato un nuovo progetto di marketing che possa rilanciare Chianciano dopo questa battuta di arresto delle feste. Si sta provando ad organizzare l’offerta turistica rivolgendosi ad un target più ampio. Si cerca così di riformare il brand Chianciano organizzandolo in una serie diversificata di percorsi che vanno dalla cultura all’enologia, dallo sport al tempo libero: insomma varie iniziative che porteranno i nomi di altrettanti personaggi mitologici della cultura romana ed etrusca. L’intero progetto si chiama: “Il clan di Giano.” Giano nell’antica Roma era la divinità che presiedeva a tutti gli inizi. Ogni inizio andava raccomandato a Giano. E anche l’amministrazione di Chianciano lo fa e noi speriamo che Giano ci aiuti. Poi affinchè rimanga sempre vivo il connubio Chianciano-acqua, alla rotatoria della rinascente, all’inizio di Chianciano venendo da Chiusi, sorgerà una fontana che per l’appunto richiamerà questo prezioso elemento che nell’immaginario dei turisti e nel cuore dei Chiancianesi, costituisce una sorta di identità.

In questi giorni poi è anche partito il cantiere per la realizzazione di una rotatoria dove si intersecano il viale della Libertà e il ponte della Ribussolaia: nei pressi del Credito Cooperativo. Un punto sicuramente pericoloso teatro di innumerevoli incidenti anche mortali. Sicchè la rotatoria pare effettivamente necessaria. ( Chissà, se alla prima “picconata” siano state indirizzate raccomandazioni al dio degli inizi…boh!)

Comunque scherzi a parte e ad onor del vero, senza cadere nella diatriba partitico-politica non si può accusare l’amministrazione di immobilismo e passività. Poi ovviamente ognuno avrà idee diverse su cosa si deve e come si deve fare, ma questo è un altro discorso. Intanto prostriamoci a Giano…e che ce la mandi buona.

Anonimo ha detto...

Ti piacerebbe che fossero scritti sempre dalla stessa persona. Comincia ad aprire la mente e renditi conto di cosa sta sucedendo al Paese.
Certo quattro persone o anche dieci o cinquanta a voi non rappresentano nulla, l'importante per voi è andare avanti con gli sloogan.
Insieme potete, si far finire Chianciano del tutto e nella miseria più totale. Insieme ci state riuscendo! Complimenti.
Continuate pure nelle vostre autocelebrazioni.

Anonimo ha detto...

Ma i dati delle presenze dove li ha presi ?

Anonimo ha detto...

Sindaco ma cosa parla di destagionalizzazione , lei vive a chianciano e rappresenta il nostro comune oppure vive di favole e Giano ???
Vogliamo destagionalizzare la nostra realtà locale quando durante la stagione ( aprile - ottobre ) gli hotels hanno un occupazione media giornaliera del 20-30% e stiamo aperti in inverno per destagionalizzare per una notte ( il sabato ) con presenze economicamente ridicole sul mercato ?
Vogliamo servire le Famiglie si ok va bene, ma sai ch le Famiglie i figli non pagano ormai fino a 12 anni e rompono i coglioni, sporcano e quant'altro....
quindi una famiglia con 4 persone mangiano e vogliono i servizi per 4 ma pagano per 2

Vivetà la realtà o siete immersi nel mondo dei racconti e delle favole ?

Anonimo ha detto...

Adesso ci penserà Giano e tutti i problemi saranno risolti.

Avis Comuanle di Chianciano Terme ha detto...

Con la presente si richiede la diffusione dell'appello della Regione Toscana
sulla gravissima carenza di sangue.


Manca sangue, l'appello dell'assessore Stefania Saccardi.

FIRENZE - Continua la gravissima carenza di sangue, in Toscana come in molte
altre regioni, in particolare per i gruppi 0 positivo, 0 negativo, A
positivo e A negativo. A livello nazionale si assiste a una richiesta da
parte di molte regioni, per un totale di oltre 2.000 unità di sangue.

Avis Comuanle di Chianciano Terme

toto` ha detto...

Ma mi faccia il piacere

Chianciano Riparte e PD di Chianciano ha detto...

La minoranza, ancora una volta, si assume una responsabilità importante e non ostacola il processo di approvazione del bilancio comunale, seppur di fronte ai tempi eccessivamente ristretti in cui sono stati messi a disposizione gli atti, come peraltro dichiarato e accertato anche dallo stesso Revisore dei conti.
Lo consideriamo un “bilancio di normale amministrazione”, non certo di prospettiva e di visione futura per la Città e per la Comunità, senza proposte tangibili per le categorie economiche, innovative e aiuti destinati alla ripresa economica e produttiva del Paese, nel breve e lungo periodo.
Il programma triennale dei lavori pubblici ripropone le stesse opere degli anni passati, modificate o ricontestualizzate in base all'esigenza del momento, senza una strategia solida od un disegno chiaro per il rilancio di Chianciano Terme e, almeno in parte, con finanziamenti ereditati dalle precedenti Amministrazioni oppure, cosa ancora più critica, con una percentuale di oneri di urbanizzazione che, per la metà, vengono utilizzati per far quadrare il bilancio nella parte corrente e non per investimenti.
Preoccupa molto la bassa percentuale di riscossione delle entrate e la forte differenza fra l’importo dei crediti € 4.686.488 e quello dei debiti € 8.358.922, così come preoccupa molto l'elevato volume dei residui attivi, derivante da forti fenomeni d'insolvenza che dovrebbe attivare dei meccanismi prudenziali nella programmazione della spesa corrente.
Prendiamo atto del mantenimento dei livelli dei servizi erogati, considerato che non si ravvisano forti contrazioni, almeno nella previsione anche pluriennale, delle spese nel settore del sociale, delle famiglie, dei giovani e delle categorie in difficoltà.
Importante e impegnativa è la previsione di entrata da recupero di evasione tributaria ( 730.000 euro per i tre anni) che auspichiamo. La preoccupazione è che sia difficilmente realizzabile.
Altrettanto “discutibile” è la previsione di maggiore entrata prevista da parcheggi a pagamento.
Positiva la scelta di riacquisire la gestione diretta della TARI così come l’attività di accertamento tributario e riscossione. Tale impegno deve pero’ indurre l’Amministrazione Comunale ad un costante e continuo monitoraggio – come sollecitato anche dal Revisore – perchè si possano davvero realizzare tali entrate, evitando di spendere prima di incassare, facendo affidamento sulle previsioni.
E’ questo un bilancio, come lo sono oggi i bilanci degli enti locali, che si sostiene sulla fiscalità locale e che, seppur non puo’ essere aumentata come previsto dalla legge, è la base per poter continuare ad erogare servizi alla comunità; sarebbe però auspicabile che le entrate c.d. vincolate rimanessero destinate alla realizzazione di progettualità con effetto leva sul mercato locale e, preferibilmente, anche in sinergia con i territori circostanti.

Solo normale amministrazione. Chianciano Riparte ed il PD bocciano il bilancio.

MAZZETTI STEFANO ha detto...

il bilancio è tema complicato e pareri senza conoscere bene e leggere inopportuno darli.
Ma in generale:
1)-se ci sono circa 4 milioni non riscossi, è perche famiglie e aziende non pagano quei soldi, di questi parte di furbi, ma parte di impossibilitati che è grave e difficile soluzione per famiglie,peggio ancora per aziende, che, quelle impossibilitate,unico modo per riscuoterle è attivare pignoramenti e similari, ma se uno non li ha, poi l'amministrazione, come riscuote se anche c'è pignoramento?? il tribunale è pieno di invenduti che scendono a ogni incanto e nessuno li compra anche a 2 spiccioli, perche le strutture costano tantissimo e sono carenti di manutenzioni e ristrutturazioni, costosissime causa la valanga di obblighi imposti.
2)recupero da evasione????? qui c'è da sbellicassi dalle risate, NON PERCHE NON SIA GIUSTO, e a me non cambia niente perchè fino ad ora ho pagato tutto(ma non ce la faccio più), e ben contento sarei sia per equità che per giustizia che per contrastare la concorrenza sleale, ma come sopra......parte di furbi, parte di impossibilitati causa mancati incassi, e ben diverso è il pretendere la regola "tutti devono pagare" mentre imperativo per i furbi, deleterio per impossibilitati, e oltre che impossibilitati, iniqui gli importi non calcolati sugli incassi, ma su parametri generalizzati, superfici,presunzioni, etc etc...
3)ben venga servizio diretto su tari, ma se non cambiano criteri di calcolo,a poco serve buona volontà e controllo diretto
- le difficoltà sono innegabili, gli appunti del pd, senza offesa, tendono a farmi innervosire....ANZI MI FANNO PROPRIO GIRA I COGLIONI!!, non perchè non condivisibili gli appunti fatti, ma perchè chi amministra ora lo fa dopo un 60ennio di sinistra, molti dei problemi attuali derivano da politiche passate, non è questo una giustificazione per l'attuale amministrazione, MA NEMMENO UNA DISCOLPA PER IL PD E SINISTRA SUL PASSATO!!, sembra quasi che l'attuale sinistra esiste da 2 anni.....incolpevole di qualunque cosa successa prima.....bene..evidenzio però che se cosi, a 2 anni si va all'asilo,poi a scuola a imparare,solo dopo a fare altre cose.
-un brand richiede dietro un organizzazione per dare i servizi che quel brand lascia intendere, come anche ogni evento, una organizzazione migliore, anzi....una organizzazione e collaborazione ora inesistente, tra i vari settori,ass.,etc, sicuramente migliorerebbe le potenzialità e darebbe un calendario spendibile in promozione, il contrapporsi strumentalmente, e il "con me o contro di me" peggiora potenzialità a tutti.......e mi sembra purtroppo stia accadendo...
-ho chiesto udienza al duca del fosso dei roti, il marchese delle ribussolaie, e il regnante del feudo delle volpaie...,mi dicono che intanto hanno chiuso i ponti levatoi in attesa di vedè se i nuovi sbarcati nelle coste dell'astrone, il"clandelgiano" sono amici o nemici, speriamo bene!!!!!!

Anonimo ha detto...

Ma delle piscine comunali si sa niente?
Si sa quando verrà assegnato il nuovo appalto?
Si sa se dovremo portare i nostri figli in piscina a Montepulciano stazione (!!!) ancora per qualche altro anno?

Anonimo ha detto...

La maggior entrata dai parcheggi a pagamento presuppone che vengano più turisti. Molto difficile visto cosa viene offerto loro. Un'altra entrata sibillina è prevista dalle multe, altro modo per allontanare quei pochi turisti o clienti dei pochi negozi apperti.Si è avuto il coraggio di assumere ancora degli ausiliari del traffico solo per fare multe. Qualche giardiniere o semplice adetto alle pulizie di strade e marciapiedi no è? Assurdo. Il vigile è, dovrebbe, essere sinonimo di educazione e gentileza. Non uno sceriffo dell'a.c. La prima persona istituzionale che si incontra entrando in una cittadina ed il più significativo biglietto da visita. Da noi servono solo per fare cassa! Insieme potete, si, affossare ancora di più l'economia del paese. Pensate pure alle rotonde, a Giano, alle fontane e magari al nuovo babbo natale. Nel frattempo hanno chiuso almeno quindici attività commerciali ed altre stanno per farlo. È sempre colpa degli altri, o sará ora di tirar fuori quel pò di onestà intellettuale che ogni tanto decantate?

Gli fa na sega la pioggia all'omo ragno ha detto...

Io sono molto fiduciosa invece, secondo me Giano potrà risollevare l'economia del paese.
Ottima idea....insieme si può!

Anonimo ha detto...

Sicuramente con Giano si può, tornare nell'era mitologica e poi all'età della pietra, vai così, insieme si può....speriamo nel prossimo babbo natale, perchè non lo anticipate ancora un pò e lo fate a ferragosto?

Anonimo ha detto...

In effetlti si sentiva proprio la mancanza di altri vigili. Forza l'unione dei comuni cosî ne bastano la metà.

Anonimo ha detto...

Volevo segnalare l'articolo di oggi sul corriere di siena ... finalmeno una brava giornalista segnala il problema dei profughi che girano a piedi ed in bici senza luci di notte con il rischio di essere travolti e mettere in disgrazia colui che senza colpe la sfortuna di metterli sotto.... vediamo che fanno le istituzioni ora... se poi dovesse capitare non meravigliamoci se ci sono i pirati della strada.....

Anonimo ha detto...

Il problema dei profughie e non tutti lo sono, non è solo come girano per le strade, se a piedi o in bicicletta.
È anche quello che fanno tutto il giorno e tutta la notte!

Anonimo ha detto...

Non basta la crisi in Italia ci mancavano i cosidetti profughi...
Gli Italiani si sono fatta la frusta per il proprio culo, tra qualche annetto ci mangeranno vivi,come puoi gestire certi numeri di persone di cultura religione usi e costumi tanto diversi dai nostri, chi sono questi geni dell'integrazione che lo pensano :in un secolo e mezzo si può affermare tranquillamente che NON abbiamo integrato tante regioni del sud Italia e questi geniacci ci dicono che integreremo milioni di negretti e negroni ( mi dispiace ma non sono nè ipocrita nè politicamente corretto da chiamarli "diversamente bianchi") tutti maschi, tutti giovani, tutti fancazzisti...
Poveri Noi

Anonimo ha detto...

Mentre a Montecatini Terme organizzano tre prime serate ( sabato su rai uno in prima serata )con personaggi di spicco a livello di spettacolo per il lancio della stagione 2017, noi a chianciano spendiamo le poche risorse a disposizione e nessun aggancio utile istituzionale per promuovere veramente la propria cittadina e ci accontentiamo del DELIRIOOOOOO con le serate di Fronteddu e Torrusio che organizzano spettacoli per diciotenni del nostro territorio.
Dai ragazzi insieme si puo' portare allo sfascio un paese

Anonimo ha detto...

Di vigili urbani ne occorrerebbe uno in ogni strada visto la facilità con cui vengono ignorate le norme del codice stradale.
Quanto alla nuova fontana mi pare che quella esistente basti e avanzi, non si sentiva affatto il bisogno di un'altra

OSSERVATORE CHIANCIANESE ha detto...

E'sotto gli occhi di tutti come il numero dei negozi chiusi ed in vendita /affitto rappresenti un elemento non solo di tristezza ma anche di abbandono con cui si presenta Chianciano a chi ci arriva o ci soggiorna.Se a questo si aggiungono ormai gli innumerevoli alberghi chiusi con facciate distrutte,con erba incolta,insegne in preda alla ruggine e spaccate,il quadro assume i connotati di una città fantasma. Non si può disconoscere che questa amministrazione si stia impegnando in qualche modo ad inventare eventi,attrazioni,ed altro per dare qualche segnale di vitalità residua,ma mi domando.tutto questo sta portando qualche risultato?Considerato che le Terme oramai vanno per conto proprio,che il MPS naviga a vista,che la regione se ne vuole lavare le mani,non sarebbe utile prendere qualche provvedimento,analizzare qualche strategia alternativa?Non so,si potrebbe pensare a creare un isola commerciale con le strutture esistenti,favorendo un loro restayling ed ampliamento con quelle chiuse,multare i proprietari di strutture alberghiere chiuse ed indecorose obbligandoli al decoro o a consorziarsi per un abbattimento che favoriscaverde o strutture recettive diverse per dimensioni,servizi,verde? E' vero dove si trovano le risorse?Forse però se si iniziasse a pensarci,con un progetto definitivo che dia un volto concreto a ciò che ci aspettiamo da questo paese,credo che potrebbero esistere anche società o privati o fondi di investimento anche stranieri che potrebbero quanto meno prenderlo in considerazione.Forse rimarra' un tentativo vano ma almeno ci avremmo provato e non avremmo il rimorso di aver assistito inermi alla morte di questo paese!!!!

Anonimo ha detto...

Scadeva oggi il bando piscine dopo la proroga?

Anonimo ha detto...

Si parliamo di piscine.....mi risulta che i bambini delle scuole, dopo la chiusura delle piscine comunali, vengano portati a fare i corsi alle Theia.

Ma vi rendete conto?

Anonimo ha detto...

Lascia perde che Montecatini va parecchio peggio di noi

ChianGIANO ha detto...

Il progetto di GIANO porta i primi effetti positivi dando un po' di lavoro ad una ditta locale che per la modica cifra di 33.062 realizzerà la fontana all'ingresso di ChianGiano ed i personaggi della favola.

niente male!!!

http://www.comuneweb.it/egov/ChiancianoTerme/Albo-Pretorio/elencoAlbo/pubblicazione.2017.17.2017-01-09.html

Anonimo ha detto...

Oggi sono andato al bar, Il barista mi ha chiesto: "Che brand oggi? "

Anonimo ha detto...

Per il traffico ed il lavoro che c'è a Chianciano, di vigili urbani ne bastano due! Per i controlli ed eventuali reati ci sono carabinieri e polizia che svolgono il loro impegno in modo eccellente. Al vigile non serve nemmeno la pistola. Dovrebbe dare informazioni e con gentilezza aiutare il turista ad orientarsi nel territorio, far attraversare i bimbi e gli anziani sulle stricie .ecapo! Insieme potreste anche farlo!

Anonimo ha detto...

Intanto, ha chiuso anche l'emporio cinese a via di vittorio... mai vista chianciano tanto deserta! unico punto di incontro è la coop.

Anonimo ha detto...

Sicuramente molto meno del"brand "vivi Chianciano costato 450,000,00 €. e che non ha portato assolutamente NULLA!!! Almeno questo è simpatico.... e non è il SOLITO come avrá sicuramente risposto oggi al barista l'anonimo delle 20,45!!!!

Damiano Rocchi Assessore Ambiente, Rifiuti, Risorse Idriche, Protezione Civile, Partecipate Comune di Chianciano Terme ha detto...

Alla domanda se ci sono state offerte per la gara che assegnava l'affidamento lavori e gestione del Centro Polisportivo Comunale questa la risposta dell'Assessore Damiano Rocchi:

"Si. Come prevedibile c'è offerta del soggetto che ha promosso il Project Financing. Ora dovrà riunirsi commissione per valutare correttezza dei documenti di gara. Se andrà tutto per il verso giusto come ci auguriamo, a breve arriveremo all'affidamento pluriennale al concessionario che si occuperà di ampliamento, ristrutturazione e gestione."

Anonimo ha detto...

Per la cronaca hanno chiuso, tre bar, un ristorante, cinque negozi alla Rinascente, tre in Viale Roma oltre al bar che ormai è chiuso da due anni, il barbiere, i cinesi ed altri tre negozi in V. G. di Vittorio, altri quattro verso S.Elena, alberghi che vanno all'asta e forse ancora più preoccupante, molte case private sono all'asta. Forse al posto del clan di Giano, della fontana, della rotonda, di altri vigili e anche di babbo natale, visto l'ultimo deludente villaggio, tutte queste risorse economiche era meglio investirle in una promozione seria per tutto il Paese ed affidata a persone competenti ed esperte in materia! Forse...oppure a qualcuno conviene così?

Anonimo ha detto...

credo proprio NON ci fossero dubbi sull'offerta, cosa c'è da stupirsi?
si, arriverà l'affidamento ma anche 100.000 euro annui di costi per il comune.
per quanti anni ... ?
se poi, come non è difficile ipotizzare, si andrà incontro a difficoltà economico-finanziarie di gestione, cosa succede?
Mala tempora currunt sed peiora parantur - Stiamo vivendo tempi non buoni, ma si preparano tempi peggiori !!!

MAZZETTI STEFANO ha detto...

credo anche io che la priorità sarebbe promozione, ma perchè sia efficace e non un boomerang, andrebbe promosso quello che con certezza da servizi vari affidabili e continuati, e senza costruttiva collaborazione tra le aziende, poco puo fare amministrazione, se non dare il la a "fare".....onestamente, fermo restando che tanto non mi piace, ma non si puo dire che non stimolano e tentano varie strade...... forse è un errore??? meglio meno fatte meglio??, ok puo darsi....ma in quanti hanno proposto cose diverse? o modifiche alle fatte? .....piacciano o no, NESSUNO PUO NEGARE CHE SIANO ,LA PA, APERTI A RICEVERE E ASCOLTARE CHIUNQUE....., quindi ok lamentarsi, lecito, e dato lo stato attuale non solo comprensibile ma purtroppo siccome vero, giusto!!, ma aspettarsi che qualcun altro risolva i problemi è poco fattibile .....gli altri siamo noi!|!! purtoppo penso che non saranno le citate le uniche a chiudere, e peggio ancora, alcune che rimarranno aperte continuando a far debiti....molto complicato, ma senza una coordinazione trasversale che filtri il meno peggio dal "veleno per Chianciano" andra sempre peggio, a scapito di chi alla meno peggio cerca di essere corretto e rispettare al meglio possibile pagamenti dovuti, però siamo tutti boni a indicare cosa "l'altro" fa male.....ma non c'è verso di verificare cosa e come meglio aiutandosi si possa tentare.......

Anonimo ha detto...

Stefano, da tempi non sospetti dico e ripeto che non è questa la strada!
La promozione di cosa?
Ma poi anche con la promozione, se il PIL che si riduce = no soldi per turismo.
Come dici tu, i debiti crescono e non solo a Chianciano.
L'ho detto e lo ripeto ne rimarranno 10/15 di alberghi e forse già ci siamo.
La pisciana: una stupidaggine il project finacing .
Ti ripeto la strada è esattamente opposta all'attuale e ti garantisco che la giunta non solo non ha voglia di ascoltare ma neanche la capacità di comprende fino in fondo un diverso progetto di sviluppo sociale, economico e demografico.
Basta dire che la fusione con Chiusi sarebbe un passo importante, nell'ottica di un più grande ed ampio progetto di sviluppo cittadino, per ritrovarsi le critiche di Sindaco, Giunta e nostalgici chiancianesi che affossano l'unico vero possibile primo punto di ripartenza che, invece, se ben strutturato in un complesso di azioni ed iniziative coordinate, può in gran parte risollevare tutta l'area di chiusi e chianciano.
Inutile dire che l'amministrazione è aperta a suggerimenti, non è così, anzi.

Anonimo ha detto...

Saranno anche aperti,ma poi fanno come gli pare e con chi gli pare. Sembravano i geni venuti dallo spazio, sapevano benissimo dove andavano e cosa trovavano, alcuni erano già nelle stanze dei bottoni o li vicino da anni, al dunque si dare sempre e soltanto la colpa a chi c'era prima, i loro cugini di partito, del resto! Domanda, ma la proloco/loro così com'è ha portato qualcosa di buono a Chianciano? Ha promosso in qualche modo il Paese? I suoi vertici dureranno in eterno o prima o poi ci sarà un assemblea pubblica, dove oltre ad illustrare il loro operato servirà anche per nuove e corrette elezioni?

Anonimo ha detto...

Povero Osservatore anche stavolta hai scritto cose interessanti ma sembra che nesuno le consideri nemmeno gli amministratori.Fai come me,ho detto basta e mi diverto a leggere il nulla che tanto piace e tanto muove. Qualcuno per fare dispetto alla moglie

Anonimo ha detto...

La situazione é ormai in profonda affossamento, giri per chianciano sembra di essere in un paese socialmente ed economicamente fantasma, respiri solo tanta malinconia e senso di depressione totale.
Caro stefano l'amministrazione comunale ha ricevuto tante offerte ed idee ma non solo sono incompetenti e inapropriati ma sono anche molto presuntuosi e la loro idea ed il loro pensiero non solo non va rivisto ma nemmeno puoi criticarlo, poiche' se lo fai sei il classico disfattista chiancianese che non gli va bene mai niente ed allora facciano come vogliono e piu' che altro si tolgano presto dalle palle....

ChianGIANO ha detto...

Grave errore dell'AC, nel fantastico progetto di GIANO ha inserito moltissimi animaletti ma ha dimenticato proprio il più affine......il faGIANO :D

Poi, se proprio vogliamo dirla tutta, io ci avrei inserito anche il cignale perchè da un po' di tempo è molto diffuso nel nostro comune.

faGiano ha detto...

Da chi è composto il Clan di Giano, nella delibera si legge
- b) l’inserimento di 11 personaggi fantastici che identificano, in modo stimolante ed accattivante per una utenza giovane, il territorio e le sue peculiarità. I personaggi sono legati al mondo animale e agli stessi sono stati attribuiti originali nomi propri delle divinità o entità venerate e conosciute dalla popolazione etrusca che ha abitato le nostre zone, come testimoniano i reperti custoditi nel Museo Civico Archeologico. I personaggi sono usati per identificare, per attinenza, i luoghi da rappresentare; - l’invenzione e la relativa stampa della storia “Il Clan di Giano” che da’ spessore e vita ai personaggi fantastici sopra richiamati e di seguito descritti:
1) il Pavone, rappresenta gli stabilimenti termali, Nome attribuito : GIANO Dio italico bifronte, dio degli inizi , ha la particolarità di vedere il passato e prevedere il futuro , è l’essenza dell’acqua e della terra
2) Ia Volpe, rappresenta il cambiamento Nome attribuito: MANIA Dea della follia e del cambiamento delle stagioni
3) la Tartaruga, rappresenta gli impianti sportivi Nome attribuito: HERCLE il Dio etrusco Hercle, figlio di Uni e Tinia e venerato con l'appellativo di apa (padre), equivale al semidio greco Eracle (figlio di Zeus e di Alcmena) ed all'Ercole latino. simbolo di forza - le 7 fatiche di Ercole -
4) il Maialino, rappresenta i Percorsi del Gusto Nome attribuito: FUFLUNS Dio Bacco dio del vino e delle feste
5) il Riccio, rappresenta il Centro Storico Nome attribuito: TAITLE assimilabile alla figura mitologica greca di Dedalo, era un artigiano d'ingegno multiforme raffigurato con tenaglie e martello
6) il Gufo, rappresenta i Musei e i Percorsi Culturali Nome attribuito: TAGETE personaggio leggendario che civilizzò gli etruschi -un bambino con la sapienza di un anziano Fonte :
7) il Piccione, è il capostazione del Trenino Chianciano Nome attribuito: TURMS messaggero degli dei corrispondente a Mercurio
8) il Cerbiatto, rappresenta i Parchi Gioco e attrazioni Comunali Nome attribuito: UNI corrispondente a Hera–Giunone. Le sue funzioni principali consistevano nella protezione delle nascite e delle città, in quest'ultima funzione essa aveva gli appellativi di "Regina" o di "Sospita".
9) lo Scoiattolo, rappresenta l’Indiana Park Nome attribuito: USIL divinità solare corrispondente al dio greco Helios e al dio romano Sol Invictus.
10) il Bruco, rappresenta Il Parco Fucoli Nome attribuito: SELVANS Dio della vegetazione delle foreste
11) il Coniglio, rappresenta lo Skate Park Nome attribuito: APLU Dio del tuono e del fulmine -

Anonimo ha detto...

E allora ( ChianGiano delle 18,10) cosa volevi dire? La delibera possiamo vederla tutti....

Anonimo ha detto...

Ma chi le legge tutte ste bag-Gian-ate? E chi ci perde tempo? Grafica degli anni 80 spot verboso speriamo porti gente e poi ci manca dentro babbo natale dunque non serve.

canguasto ha detto...

promozione turistica: va saputa fare
Ripropongo quanto già scritto perché mi pare interessante.


Formare per promuovere l'offerta turistica.
L'esempio virtuoso di #inLombard1a.

L'offerta turistica è una roba che va saputa fare, e per farlo bisogna anche studiare. Meglio se un'intera regione fa sistema e insegna a farlo.
Mi sembra che dalla Lombardia ci sia da imparare... specialmente se la materia prima non ci manca.
Oppure vogliamo andare avanti in ordine sparso, magari facendoci la guerra a vicenda con le conseguenze che possiamo vedere?
Regione, albergatori, operatori di settore: avete sentito?


Al via il progetto di formazione turistica #inLombard1a
Roma, 13 dic (Prima Pagina News) Al Belvedere Jannacci di Palazzo Pirelli ieri lunedì 12 dicembre alle 16.30 è stato lanciato “#inLombard1a” il progetto dedicato alla formazione degli operatori turistici in materia di promozione, attrattività, digitalizzazione condotto da Explora, la DMO di Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e Camera di Commercio di Milano. #inLombard1a è un progetto B2B indirizzato agli operatori del settore come albergatori, fornitori di servizi, punti informativi e agenzie di promozione turistica locale che vuole formare, in un modo non convenzionale e innovativo, con strumenti di base concreti su modalità di accoglienza turistica e digitalizzazione, per operare al meglio nel settore tutti insieme. Il progetto rientra nel ruolo e nelle attività di destination management della DMO e rientra nelle iniziative dell’Anno del turismo Lombardo. Si chiama #inLombard1a con il numero ”1” al posto della “i”, per dichiarare l’intento e l’obiettivo del progetto: lavorare tutti insieme, imparando, confrontandosi e utilizzando gli strumenti di Explora e Regione Lombardia al meglio, per ambire a diventare la prima regione turistica d’Italia. Il progetto si traduce in un roadshow di 9 tappe sul territorio: il lancio a Milano, 8 tappe sul territorio da gennaio a maggio che toccheranno Pavia-Cremona-Mantova-Lodi, Brescia-Iseo-Franciacorta, Lecco-Como-Monza Brianza, Varese, Bergamo-Valli, Sondrio, Garda Lombardia, e la gran chiusura a fine dell’anno del turismo Lombardo sempre a Milano e vedrà il coinvolgimento di oltre 1500 persone. Durante gli eventi sul territorio vi saranno 3 momenti chiave: la FASE DI WORKSHOP di circa 2h30 minuti dove vi saranno panel, laboratori formativi e lezioni in aula ognuna di massimo 45 minuti ciascuna per toccare oltre 10 temi. La FASE DI “SHOW” dove prenderanno voce casi di successo internazionali e locali e dove vi sarà modo di dare visibilità e conoscenza alle best practice oltre che informare delle iniziative di inLombardia per la filiera. E per finire la FASE PR libera dove ospiti e formatori potranno confrontarsi vis-à-vis su tematiche più specifiche, scambiarsi idee e suggestioni. (segue)

LANCIO DEL PROGETTO DI FORMAZIONE #INLOMBARD1A

Anonimo ha detto...

ChianGiano è veramente l'ultima, speriamo, trovata inutile e demagogica tanto per dire bastafà. Il vero Chianciano non esiste più da tempo, è stato gestito per anni da sinistri senza idee per il futuro, adagiati su quello che veniva come manna dal cielo, la mutua, non hanno avuto la capacità con tantissimo tempo per farlo, di affrontera il cambiamento. Il tendone ai Fucoli, troscia Italia, i ritardi per le Theia, la Sensoriali piccole ed ubicate nel posto sbagliato, doveva essere un polo unico del benessere al Sillene, il parcheggio fatto due volte per lasciarlo poi come era, sensi unici fatti e disfatti nel giro di pochi mesi. Nessuna lungimiranza. Una proloco nata come è nata, ed al servizio di pochi. Una nuova a.c. Che si riduce alle casine per l'acqua, la pista per lo Skate, chiamiala pista...l'aiuola per la sgambatura, ed altro dei cani, quattro buche nelle strade rattoppate, ora faranno la rontonda peccato che non c'è il mare, arriveranno i dissuasori per la velocità, ma se a Chianciano non ci viene e non ci passa più nessuno! Piccola semplice ed ordinaria amministrazione, sembrava che avrebbero rivoltato il paese, forse a questo punto è il Paese che si sta rivoltando, o molto più probabile gli viene solo da rivoltare! Magari fosse, sarebbe meglio, da ri-votare!!!

Anonimo ha detto...

Rivotare subito tanto al marchetti non gli sembra l'ora di cavassi dai coglioni e tornare a fare cio' che faceva prima...

Anonimo ha detto...

Ora vi è venuto in mente il brand della banda bastafà qualcosa e fassi vedre attivi.
Avete realizzato un brand spendendo migliaia di euro per promuovere un paese per le famiglie ?
E quali sarebbero questi servizi per le famiglie che dedica il paese ?
Non ci siamo, io vi ho votato e mi avete inculato ma il mio voto non lo rivedete.

Anonimo ha detto...

Ore 7.57
Non troppo breve, ne conciso, ma diretto e veritiero, il bastafá è il verbo assoluto dell'attuale A.C. i risultati non contano, l'importante è un pò di vetrina, ma c'è il rischio che alla fine si rompano ivetri, altre cose si sono rotte già da tempo. Speriamo in un pò di Gi-ano!

Anonimo ha detto...

Un brand si usa per portare in giro un nome, dare un messaggio immediato e di facile comprensione, di sicuro deve essere moderno ed attraente.
Quello appena formulato secondo me non rispecchia questi principi.
Penso che l' AC si sia ispirata ad un particolare tipo di brand il family brand che forse vuole essere più emozionale che commerciale.
Quello scelto è di cattivo gusto e sembra più il nome del gruppo d'animazione del villagio turistico piuttosto che il nome del villagio stesso.
Se proprio si doveva ripetere questo percorso avrei optato per cose più banali ma sicuramente più attuali e dirette tipo: chianciano funny, chianciano friendly, join chianciano, visit chianciano, chianciano is tuscany, you and chianciano, chianciano for family etc.
Mi farebbe piacere sapere chi sono gli operatori che sono stati coinvolti per delineare una scelta di mercato ed il target a cui rivolgersi.
Non mi vorrei trovare ad una fiera internazionale del turismo a fare promozione accompagnato da gudget a forma di orsetti, magliette e portachiavi raffiguranti il clan di giano e depliant che raccontano cosa rappresentano questi animaletti..provate ad immaginare la difficoltà di vendere il prodotto chianciano confezionato in questo modo. Sono assolutamente contrario.
Ettore

Anonimo ha detto...

Scusate perche' a Chianciano c'e' un prodotto da vendere??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????Mi sono perso qualcosa???????????????????????????????Aiutatemi...............................................................

Anonimo ha detto...

Di sicuro il prodotto è scadente ma in questo posto ancora qualcuno ci vivive

Damiano Rocchi Assessore Ambiente, Rifiuti, Risorse Idriche, Protezione Civile, Partecipate Comune di Chianciano Terme ha detto...

La sicurezza dei (nostri) bambini e ragazzi rappresenta sicuramente e sempre una priorità ed a seguito dell'evento sismico che stamani ha colpito l'Italia centrale, informo che confrontandoci, valutando e riflettendo con i nostri tecnici, come amministrazione Comunale di Chianciano Terme abbiamo ritenuto che chiudere in via precauzionale le scuole per un evento sismico - seppur di medio/alta magnitudo - distante oltre 100 km dai nostri territori e soprattutto senza aver causato alcuna criticità degna di nota, avrebbe rischiato di creare un allarmismo eccessivo sulla vulnerabilità sismica dei nostri plessi scolastici.
Sono comunque già stati eseguiti - come sempre in tali casi - da parte dei tecnici ed in via del tutto cautelativa i dovuti sopralluoghi sulle strutture scolastiche e, come prevedibile, non sono state riscontrati danni o particolari criticità.

Anonimo ha detto...

Ma chi è il genio che ha studiato la viabilità del mercato con chiusura davanti alla hooppe?????
gli diamo il premio "ingegnIere" stradale dell'anno?
mai vista una cosa così......!

Anonimo ha detto...

Invece alle scuole in paese li hanno radunati tutti primaria, infanzia e medie in palestra. Vorrei sapere se questo locale è stato individuato come luogo sicuro o era già stato controllato in seguito all evacuazione e poi li hanno radunati in palestra per fare gli ulteriori controlli all istituto.

ChianGIANO ha detto...

Hai ragione Ettore, sarebbe interessante sapere chi è il professionista che ha elaborato il progetto di GiANO......sarebbe interessante sapere sapere se hanno incaricato qualcuno esperto nel settore o lo hanno ideato un paio di assessori al bar!!!

Anonimo ha detto...

Un paio di assessori al bar. Avevi dei dubbi?

ChianGIANO ha detto...

La Piccinelli vi spiega in cosa consiste in Clan di Giano

Buona visione

https://www.youtube.com/watch?v=fWJzxyk1xCY

mazzetti stefano ha detto...

stasera alle 21 alla cripta, confronto su clan di giano.......... chi curioso, basta venga, io vado, mi interessa capire.......

ChianGIANO ha detto...

Mazzetti, forse avranno invitato te.....a noi non ha detto niente nessuno!!!