e-mail: valtuboblog@gmail.com

Previsioni Meteo Chianciano Terme

Previsioni Meteo Chianciano Terme
Previsioni Meteo Chianciano Terme aggiornate ogni Sabato

Euroservice Solution Italian Real Estate

Euroservice Solution Italian Real Estate
CLICCA BANNER PER SAPERE DI PIU'! ​Euroservice Solutions Italian Real Estate di Oreste Castrini Da oltre 30 anni Agenzia Immobiliare e di Servizi P.zza A. Gramsci 1/F 53042 Chianciano Terme (SI) Tel e Fax +39 0578 20187 Mobile: +39 3355336475 www.euroservicesolutions.it ​mail: info@euroservicesolutions.it Orari di apertura: dal lunedì al venerdì 9.00-13.00; 15-18

giovedì 14 gennaio 2016

Chianciano il Bel Paese dimenticato....

Chianciano Paese

Ecco nel video delle belle immagini del Centro Storico di Chianciano Terme girate da un drone. (per i video riprese di Enzo (pilota) Diego & Simone (Tecnici) e Daniel (Montaggio))

Video canale valtuboblog su youtube

Una bella occasione per ammirarlo, ma anche per riflettere su come sia così poco valorizzato nelle sue potenzialità, si pensi ai ritardi sulle infrastrutture, ad esempio i parcheggi del Cantinone e di San Giovanni. 
Tutto ciò ha causato la perdita di residenti e visitatori e conseguente crollo del valore immobiliare, sia ad uso residenziale che commerciale. 
Si percepisce un degrado diffuso ed i servizi resi non sono adeguati, speriamo che si possa recuperare al più presto questo ritardo per poter allineare Chianciano paese ad altri centri storici circostanti, molto più funzionali e curati.

Saluti,

Valtubo

Video di Chianciano vista in tutta la sua estensione dal Castagnolo:

Video canale valtuboblog su youtube

45 commenti:

Jessie Carfora ha detto...

Infatti,il bel paese è dimenticato.Quest'anno il Natale da qua non è passato,niente canti dei bambini,niente mercatini,poche luminarie accese grazie alla volontà di pochi.Chi la fa sempre piu' da padrone sono i piccioni,per i quali non si riesce a trovare una soluzione e contro i quali si "lava" solo con l'acqua e solo in alcuni punti,quindi l'odore che resta dopo è piu' nauseante degli escrementi stessi:a proposito di questo ho già segnalato che se si puliscono i vicoli "in cima",i liquami arrivano in fondo depositandosi davanti alle nostre case.E' un problema che ho già segnalato a chi di dovere,ma non ho visto miglioramenti.In compenso si pagano un sacco di tasse ed i parcheggi per i residenti sono praticamente inesistenti .Autorizzo a pubblicare questo intervento sul blog.La mia non è una critica politica,perchè qui siamo caduti dalla padella nella brace,è una triste constatazione su come viene maltrattato il centro storico di un paese che invece è come se volesse dimenticare le sue origini.Buona giornata.

Anonimo ha detto...

caro Valerio

mi permetto di darti un consiglio:
se non metti il dito nella piaga il tuo blog non interessa a nessuno. La materia ce l'hai in abbondanza. il tuo ruolo è molto importante. Vuoi che tutto cambi perché non cambi niente ?

Anonimo ha detto...

Parliamo dei fantomatici parcheggi alle carbonaie, Porta S.Giovanni, sembra che addirittura ai tempi del Sindaco Paccagnini si sia fatto dei progetti di massima. Poi in tanti ne hanno parlato ma non si e'mai saputo niente di preciso.......... Sono fattibili? Quanto potrebbe essere il costo ? La Sovraintendenza darebbe parere favorevole? L'attuale amministrazione ha studiato la cosa ?
KEATON

Il Sole 24 ORE ha detto...

L’Oroscopo del Turismo, dal rischio terrore a come tornare a investire: che 2016 sarà?

Pubblichiamo un post di Raffaello Zanini, fondatore del portale Planethotel.net. Laureato in urbanistica, assiste gli investitori del settore turistico alberghiero con studi di fattibilità, consulenza ai progettisti, selezione di opportunità. Ha curato il volume “Hotel design” –

GIUBILEO, PETROLIO, LUSSO E… ISIS: L’OROSCOPO DEL TURISMO 2016

ARIETE – Molti Ariete già nell’ultimo anno hanno cambiato vita e ambiente, chi ha intrapreso nuovi lavori l’anno scorso ora può finalmente trarne benefici in termini di guadagno. Più che dagli astri la spinta viene dal petrolio a basso prezzo, che è un fatto molto positivo per il turismo mondiale (e naturalmente per i conti delle compagnie aeree). Poter volare a tariffe convenienti avrà effetti positivi soprattutto per i viaggi dall’estremo oriente all’Europa, meno per le tratte Milano-Reggio Calabria (non se ne abbiano a male i bronzi di Riace). Molti europei approfitteranno dei biglietti a buon prezzo per visitare Paesi lontani (Cina, Thailandia, Australia, Nuova Zelanda, Vietnam). Forte impulso all’outgoing di lusso.

TORO – Dopo l’accenno di ripresa del 2015, e soprattutto gli anni di ristrettezze finanziarie, il 2016 porta più risorse e meno spese. Restano le preoccupazioni relative ai mutui ma anche questi problemi potrebbero essere superati. Questo è un anno importante per chi vuole concludere affari. Resta il timore per il terrorismo Daesh, qualcuno lo chiama organizzazione terroristica sedicente Stato Islamico, che è la variabile determinante. Se in Italia si dovesse verificare, inopinatamente, quel che è successo in Tunisia e a Hurghada, in Egitto, il rischio di crollo per il nostro settore turistico sarebbe da mettere in conto.

Il lavoro di prevenzione e di intelligence diventa risolutivo. Il turismo italiano, in particolare quello di lusso, potrà trarre vantaggio da un’immagine di sicurezza, peraltro reale, che i nativi del Toro sanno trasmettere ai nostri mercati potenziali.

GEMELLI – Il 2016 parte con qualche incertezza economica in più. È ora di capire cosa fare: se un’attività non funziona occorre decidere se venderla oppure se bisogna pensare a diversificare gli affari. La crisi economica non è ancora superata, così il mercato interno è ancora in salita. È probabile che la paura del terrorismo porti gli italiani a restare in Italia per le vacanze estive, e questo è un bene. Avremo un eccesso di domanda concentrata in poche settimane e di un’offerta inadeguata per qualità, che darà risultati economici ancora a macchia di leopardo. Il Bonus Fiscale voluto da Franceschini per sistemare le strutture è un’opportunità da non perdere, soprattutto per gli hotel destinati agli stranieri. Gli italiani aumentano la presenza in case di vacanza e B&B ( nel nostro Sud, ma anche in Francia e Spagna).

CANCRO – Marte in buon aspetto già a gennaio 2016, premia subito! Chi ha rinnovato l’hotel negli ultimi due anni ha un rapido successo, da luglio gli astri volgono al meglio per gli amici del Cancro. Stringete alleanze, portate avanti progetti entro la metà dell’anno, principalmente in area dollaro. Il 2016 è anno elettorale in America, tradizionalmente l’americano tende a non fare viaggi di lungo raggio. Inoltre l’Europa e l’Italia per gli americani sono troppo vicine alle zone di guerra: il timore per il rischio attentati o di guerra nella zona sud del Mediterraneo può ridurre la propensione al viaggio in Italia. Questo prevedono le stelle, speriamo di essere smentiti. (segue)

Il Sole 24 ORE ha detto...

LEONE – Sarà un anno importante per definire il prodotto turistico e per tornare a vincere (o uscire definitivamente dal mercato). Per i nati sulla sponda adriatica il 2016 è l’anno dei turisti tedeschi, che amano moltissimo le nostre spiagge. Per riuscire a farli tornare serve però un ritorno all’autentica ospitalità italiana, fatta di buon cibo e grande accoglienza. Lo Stato pensi ad attrarli con una riduzione del prezzo della benzina e della birra (entrambe pesantemente gravate da tasse) e gli albergatori siano attenti alla qualità dei servizi e a non aumentare troppo le tariffe come è successo a Milano in occasione di EXPO!

VERGINE – Per i nativi del segno continua il transito di Giove, che aiuta tutti quelli che devono cercare di recuperare anche nell’ambito del lavoro. Le destinazioni termali trarranno un nuovo impulso dalla crescente consapevolezza di salute e benessere soprattutto dei cittadini dell’Est Europa. Polacchi, Cechi, e Russi inizieranno a visitare Montecatini, Chianciano e Salsomaggiore, scoprendone la bellezza e straordinarie doti terapeutiche delle acque termali. Lo sviluppo di una specifica azione promozionale di ENIT e delle Regioni in tal senso, che si sommi agli effetti positivi delle recenti norme europee in tema di gratuità delle cure all’interno della UE, avrà ottime ricadute su destinazioni che per troppi anni sono state sottovalutate.

BILANCIA – Pianificate le vendite entro primavera ed avrete successo nella seconda parte dell’anno. Se siete a Roma, promuovete il Giubileo, che è partito sottotono e non sembra avrà un boom. Papa Francesco è molto pratico, e non ha istituito il Giubileo per attrarre pellegrini paganti a Roma. Questo accadeva ai tempi di Papa Leone X. Roma comunque ha una grande capacità di accogliere, con una forte diversificazione dell’offerta. Le popolazioni con maggiore propensione a visitare l’Italia e Roma nell’Anno Santo sono anche quelle in maggiore crisi economica (come il Brasile). L’effetto, quindi, sarà limitato.

SCORPIONE – Un buon successo si profila all’orizzonte, a conferma di un 2015 in crescita. Continuerà il trend della scoperta delle destinazioni di lusso da parte di un pubblico internazionale, sia per le vacanze che per eventi come le nozze. La Puglia è sicuramente una delle destinazioni privilegiate.

Il lusso in Italia viene offerto sempre più da compagnie alberghiere straniere, quelle più note sono statunitensi o orientali. Resta un segmento in crescita. Il fattore sicurezza è essenziale. Accanto al turismo di lusso c’è il turismo per shopping. Dati recenti mostrano come nel 2015 siano cresciute più la Germania e la Francia che l’Italia. Segnale di perdita di competitività a parte del nostro Paese. Le isole saranno privilegiate dai turisti amanti del lusso. (segue)

Il Sole 24 ORE ha detto...

SAGITTARIO – I primi sei mesi dell’anno saranno combattuti, è probabile che vi possiate trovare a risolvere problemi economici che altri hanno determinato nella vostra vita. Le formichine che hanno qualche disponibilità economica, possono investirla per ampliare la propria attività. Il mercato immobiliare ha ancora valori molto bassi, per cui è vantaggioso aumentare l’offerta in modo da migliorare le vostre economie di scala. Contrariamente a quanto dice chi non ha studiato economia “piccolo è bello” non è affatto vero. Se la vostra location è richiesta è meglio avere una struttura un po’ più grande contenendo i costi generali e di vendita.

CAPRICORNO – Nei primi mesi del 2016 si potrebbero realizzare grandi – progetti. Gli imprenditori avranno modo di lanciarsi anche in settori mai esplorati. Per allungare la stagione concentriamoci sui baby boomer sia europei che americani: negli USA si stima che rappresentino circa un quarto della popolazione totale. Come noto in Europa sono percentualmente di più.

Inoltre hanno una disponibilità economica oramai consolidata. Molti di loro lavorano ancora, o se sono in pensione hanno molto tempo libero e reddito per fare vacanza. La Sicilia in particolare può trarre molto vantaggio da questa nicchia di mercato. Nel Regno Unito (ad esempio) un 70enne oggi ha una speranza di vita media fino a 84 anni. Molti baby boomer sono donne, ancora giovanili, forse attive, e qualora vedove, hanno ereditato dalla famiglia e dai mariti una ricchezza sufficiente a permettergli di fare del turismo di lusso senza preoccupazione.

ACQUARIO – Dopo gli anni passati a contenere le spese è ora di investire in modo più razionale. Verificate sui siti di valutazione degli hotel cosa dicono i clienti della vostra struttura e intervenite. Per chi vuole migliorare il proprio albergo gli strumenti ci sono tutti, sia come Tax Credit che come finanziamenti. I vostri competitori sono in Spagna, Francia, Croazia, Grecia. In quelle regioni vi sono molte strutture nuove o rinnovate, con prezzi molto competitivi. Se non date un prodotto migliore il passaparola negativo affosserà definitivamente la vostra attività.

PESCI – Se ci sono stati problemi economici in famiglia o discussioni, i primi sei mesi porteranno qualche complicazione, ma in estate la situazione migliorerà. Concentratevi sul mercato russo, sebbene il rublo sia ancora debole. Molti compatrioti di Putin hanno capacità economiche denominate in franchi svizzeri e non ne risentono. Nel corso dell’anno la situazione comunque migliorerà e i problemi sulla sponda nord dell’Africa, in Egitto e Turchia avranno effetti positivi per la nostra economia se solo sarete pronti a approfittarne.

Per tutti i miei migliori auguri di Buon Anno: Italy Is Sexy.

Anonimo ha detto...

Ma che c...o si è fumato l'astrologo se pure laureato in aria fritta ?
Me pari er mago Otelma.

Anonimo ha detto...

Allora eri te con il Dronero sopra casa mia....la prossima volta gli tiro con il fucile e poi ti vengo a cerca .

Anonimo ha detto...

Valorizzare il centro storico non serve ad attirare i turisti, magari farebbe meglio il comune ad illuminare meglio le varie strade che sono quasi al buio e piazza Italia dove i lampioni sono spenti da una settimana

Alberto Lupo ha detto...

Si accusa sempre il blog di alimentare la polemica con post faziosi e non costruttivi. Insomma le celeberrime chiacchiere da bar; mi dovranno poi spiegare dove si svolgano dibattiti costruttivi e intelligenti in quel di Chianciano. Se però Valtubo pone l’accento, come in questo caso, su una situazione di degrado, un problema concreto ecco che gli habitué del blog come d’incanto evaporano. I pasdaran di punto e a capo si eclissano, i trombati prendono il volo, i “proloco” e i “controloco” abbandonano la pugna, il cerchiobottista illetterato viene assalito dal “ blocco dello scrittore”, i detrattori del blog si inabissano, gli amministratori latitano, i grillini non pervenuti. Insomma tutto il caravanserraglio che alimenta abitualmente il blog si dedica ad altro. Nessuno risponde ad esempio al commento di una residente del paese che si firma e che denuncia problemi concreti. Forse conviene rivalutare le chiacchiere da bar perché oltre quelle c’è ben poco.

OSSERVATORE CHIANCIANESE ha detto...

Hai ragione Alberto Lupo! Mi inserisco tra quelli che disertano il blog un pò per sconforto per l'inadeguatezza della mia preparazione ad affrontare dispute che sono più ideologiche e/o di bottega ma anche perchè alle stesse sento di non dare alcun contributo.Più volte ho cercato di affrontare quelli che a mio vedere risultano essere i veri problemi di Chianciano ma il non aver ricevuto confronto e opinioni ma ha confinato nel ruolo di semplice lettore.Ho provato più volte ad evidenziare la lontananza dai problemi di Chianciano degli Albergatori e della loro Associazione,delle Terme guidate da una Amministrazione più interessata ai soli bilanci che non alle programmazioni del futuro , alla occupazione dei dipendenti,al contributo per risollevare Chianciano con Convegni e ricerca scientifica. Ho rivolto appelli alla Amministrazione Comunale per lo spettacolo indecoroso che le strutture alberghiere chiuse,le saracinesche abbassate,le strade e marciapiedi offrono. Solo raramente qualcuno ha dato evidenza alle mie parole ,non sono presuntuoso da pensare che qualcuno doveva Prendermi In Considerazione,ma ho avuto la consapevolezza della inutilità delle mie parole e dei miei pensieri.queste sono le motivazioni dei miei silenzi.Sappi però che ho apprezzato molto il tuo appello

mazzetti-stefano ha detto...

centro storico........bella questione....., sono cresciuto girando in lungo e largo tutti i vicoli, ora come ora, vado quando sono obbligato ad andare , onore a chi gestisce la parte commerciale oramai ridotta all'osso,.....se valuto l'emozione personale, mi dispiace vederlo vuoto e lasciato a se stesso, se valuto potenzialità di attrazione turistica, con poco o modesto investimento nulla, renderlo funzionale a attrattivo costerebbe un unormità di soldi,e solo dopo, quando fosse animato da turisti e in parte piccola locali, ci potrebbe essere una attrazione commerciale a investirci per aprire attività, la vedo dura...................., se ci sono fondi è opportuno spenderli li???mhhh, sicuramente altrove avrebbero potenzialità maggiori, e lo dico abitando fuori da ovunque viene investito qualcosa o elargito servizi che paghiamo ma non abbiamo, quindi parlo in generale e non a discapito di nessuno se non me e tutti quelli che non abitano "nei centri"

Anonimo ha detto...

condivido in toto LE osservazioni DI OSSERVATORE CHIANCIANESE.

NON è LA PRIMA VOLTA CHE gli addetti ai lavori non rispondono Alle proposte presenti sul blog . l'IDEA DEL CONVEGNO NAZIONALE SULLA CRITICITA' DELLE ACQUE TERMALI E' UN TOCCASANA PER LA NOSTRA ECONOMIA. IL PROBLEMA CERTO METTERA' a nudo le responsabilità di chi pur sapendo non ha mai affrontato il problema, mA CI metterebbe nella condizione di trarne ogni beneficio possibile per la risonanza mediatica che l’evento avrà a livello nazionale, dimostrando SPICCATA SENSIBILITA' PER LA SALVAGUARDIA DELLE RISORSE nel rispetto delle generazioni future che potranno anch’esse usufruire di questa importante risorsa economica. IL PROBLEMA DELLA CRITICITA’ DELLE ACQUE TERMALI NON E’ SOLO LOCALE, MA NAZIONALE : SI EMUNGE DI Più E PIOVE DI MENO !!!!!! ANCHE I RAGAZZI PICCINI LO SANNO!
Per il lettori DEL BLOG, NON RISPONDERE A questioni serie, HA UN SOLO SIGNIFICATO ! e questo vale sia per l’amministrazione che per le opposizioni. Dimostrate che mi sono sbagliato e la cittadinanza vi ringrazierà. Non ci si può nascondere per sempre dietro un dito. Quando le osservazioni sono serie non importa se il commento non porta la firma.

fischi per fiaschi ha detto...

il post di valtubo non mi sembra che parli di chissà quale attrazione turistica debba diventare il paese "vecchio". Si parla, cito espressamente il post, di:"...perdita di residenti e visitatori e conseguente crollo del valore immobiliare, sia ad uso residenziale che commerciale...". A me sembra che qui si parli di servizi essenziali per i residenti (decoro, pulizia, posti auto) e di ripristinare una minima funzionalità commerciale. Ciò che si chiede è il minimo della decenza, l'attrattività per i turisti è ben lungi dall'essere richiesta. Qui siamo ancora a "Caro Babbo".

Anonimo ha detto...

Ma venisse in mente a qualcuno che il paese è abbandonato perché non si è mai pensato ai residenti!!
I residenti sono sempre di meno e molti, di quei pochi che restano, un vedono l'ora di andare via.
L'unica cosa che certe menti eccelse hanno partorito in questi anni è quella cagata scomoda e quasi inutile del parcheggio al cantinone.
Poi tutti a di che gli dispiace che il paese sia ridotto così, ma ce ne fosse uno di quelli che chiacchierano che ci abita.
Magari fosse un dormitorio, non è manco più quello.
Altro che turisti !!!
Fate campà dignitosamente almeno chi ci abita, ripulite il sudicio e fate rispettare le regole di civile convivenza, così non spendete manco soldi pubblici.
Ah, dimenticavo, grazie per la tari, che ha valorizzato ancor di più gli immobili del centro storico.

Anonimo ha detto...

Al presidente associazione albergatori chianciano DANIELE BERBETTI,

dato che si lamenta (giustamente) tanto, darebbe fastidio alla categoria che lei rappresenta un Convegno nazionale sulla criticità delle risorse termali a Chianciano ?
• lo stesso discorso vale per Linda Pallecchi , sia come dirigente FDI, sia come titolare agenzia immobiliare !!
• lo stesso discorso vale per M5S che due anni fa ha detto: “ noi siamo pronti a proporre un tavolo di lavoro con l’amministrazione comunale dal quale far scaturire una serie di azioni volte alla tutela evolutiva delle risorse idrico termali”. Stiamo ancora aspettando !!! De Angelis chiama le acque termali “volano della nostra economia”…………
• Valerio, anche tu potresti trarne beneficio !
Spesso e volentieri i commenti non vengono raccolti dai destinatari, per fortuna c’è chi le legge
(tutti i concittadini che non si occupano di politica)

Anonimo ha detto...

AAAA cerco e trovo


Sono disponibili gia' da una decina di giorni curva castagneti ex canile spazio sx venendo da Chianciano monitor Tv anni settanta con tubo catodico e set di gomme semi vecchie. Chi e' interessatto si ferma e prende tutto Aggratisse

Valdinievoleoggi.it ha detto...

Per le Terme toscane sarà creata una società pubblica ad hoc: è quanto è emerso da un convegno

Che la Regione abbia deciso di uscire dalle sue società partecipate (e tra queste anche le Terme di Montecatini) entro il 2017 è ormai cosa nota e stabilita anche nel Documento economico e di finanza regionale appena approvato. Ma da un convegno alle Terme di Casciana emergono anche alcuni dettagli sulla modalità, forniti nell'occasione dal consigliere regionale del Pd Antonio Mazzeo. Secondo l'esponente politico di maggioranza sarà creata una società pubblica che sarà chiamata a gestire il patrimonio immobiliare delle Terme di Montecatini, Chianciano e Casciana.

Anonimo ha detto...

all' anonimo delle 9,37

hai ragione su de angelis,

predica in un modo e razzola in un altro . Ha fatto pure un'interrogazione all' amm.ne sullo stesso tema.

ENRICO L. ha detto...

Marchetti, De Angelis, Rocchi, Pallecchi, E. Grillo etc. quando lo ritengono opportuno utilizzano il blog come canale di informazione , quando poi invece vengono sollecitati DA ARGOMENTI SERI non rispondono. E’ democrazia ?
E pensare che Marchetti in campagna elettorale aveva detto che era pronto all’ascolto, con TUTTI..

Anonimo ha detto...

Per ENRICO L. ha detto...

Guarda che il blog non è un mezzo ufficiale di comunicazione dell' amministrazione comunale o dell' opposizione .
Se hai da dire qualcosa puoi andare in comune e parlare con chi vuoi tu ...io l'ho fatto e ti assicuro che ho trovato persone disponibilissime al dialogo e al confronto .

ENRICO L. ha detto...

per anonimo 14,15
ti sbagli,
l'amministrazione usa il blog come mezzo di comunicazione, basta andare alla ricerca delle comunicazioni rilasciate. Pertanto sarebbe opportuno che quando il cittadino vuole informare l'amministrazione e nel contempo farlo sapere a TUTTI, sarebbe il caso quando le interrogazioni sono serie e riguardano TUTTI, che l'amministrazione risponda.

Anonimo ha detto...

per anonimo 14,15

vorrei aggiungere che Rocchi spesso e volentieri usa il blog per rispondere alle problematiche evidenziate nel blog. Il blog è diventato un tramite comodo per comunicare con i cittadini. Ringraziamo per questo Valerio.

enrico l ha detto...

per anonimo 14,15
vorrei aggiungere, quando il problema è personale è giusto risolvere il problema andando in comune, ma quando il problema è collettivo è giusto rendere partecipi gli altri e utilizzare il blog per dare risonanza ad un problema che riguarda tutti.

Daniele Barbetti Presidente Associacione Albergatori Chianciano Federalberghi ha detto...

Egr. Sig. Anonimo/Gen.le Sig.ra Anonima,

In merito al suo commento:
Al presidente associazione albergatori chianciano DANIELE BERBETTI,
dato che si lamenta (giustamente) tanto, darebbe fastidio alla categoria che lei rappresenta un Convegno nazionale sulla criticità delle risorse termali a Chianciano ?

La sua proposta non solo non reca alcun fastidio, ma al contrario credo sia una ottima idea che merita di essere approfondita, non solo,rispetto a Chianciano ma in generale rispetto ad un uso consapevole della risorsa. Se lo ritiene utile può fissare un incontro con me chiamando alla Segreteria dell'Associazione Albergatori allo 0578659326.

Colgo l'occasione per esprimere la contrarietà dell'Associazione in merito alla scelta fatta a suo tempo dalla Regione di trasferire ai Comuni le competenze in merito alla ricerca, coltivazione e captazione delle acque termali. I bacini di ricarica delle acque termali si sviluppano su territori estesi, sempre superiori come estensione a quello di un singolo comune. Inevitabile quindi il rischio che le scelte eventualmente adottate da un particolare Comune possano causare danni a sorgenti già in uso presso altri comuni, se questi afferiscono allo stesso bacino di ricarica. Le misure di prevenzione di questo rischio previste dal norma regionale appaiono alquanto debolì ad oggi, per questo auspichiamo da tempo che la regione riveda la norma o quantomeno potenzi il proprio potere in materia di controllo e sfruttamento sostenibile della risorsa termale.

Cordiali saluti,

Daniele Barbetti
Presidente
Associazione Albergatori Chianciano Terme

Anonimo ha detto...

Per Daniele Barbetti, in risposta al suo commento su Valtubo

.

Sono molto sensibile alle problematiche che coinvolgono il settore che Lei rappresenta. Ho pensato pertanto che un Convegno Nazionale sulla criticità delle risorse termali potesse avere una forte risonanza mediatica e un toccasana per le strutture ricettive e non solo. Del resto come lei saprà il problema relativo alla criticità delle risorse termali è un problema che coinvolge non solo la Toscana ma tutte le Regioni. Le motivazioni sono ormai ben note: si è in presenza di un cambiamento climatico epocale nel quale la piovosità si sta progressivamente riducendo, con un crescente accumulo di un deficit che impatta sulla disponibilità di risorse idriche; oltre ciò, contestualmente, si assiste a lunghi periodi dell’anno nei quali le temperature medie sono sempre più elevate.
La criticità di cui sopra e particolarmente nel nostro territorio, è ampiamente trattata nella relazione di geologia del dott Geologo Palazzi Marcello a supporto del piano strutturale 2013.
Sono molti i documenti, anche datati nel tempo, che dimostrano che la criticità delle risorse termali nel nostro bacino idrotermale era in essere fin dagli anni Sessanta.
Per sua conoscenza le funzioni amministrative di cui lei fa riferimento, la Regione le ha attribuite ai Comuni nel 2008, dal 1994 al 2008 le funzioni amministrative in materia di ricerca, coltivazione ed utilizzazione delle acque minerali, di sorgente e termali, erano di competenza della Regione.
Pertanto…….

Anonimo ha detto...

per DANIELE B. ASS.NE ALBERG

IDEA INTERESSANTE IL CONVEGNO NAZIONALE, SAREBBE UNA BELLA BOCCATA DI OSSIGENO PER TUTTO IL SETTORE.
DEL RESTO COSA ABBIAMO DA PERDERE, IL PROBLEMA ESISTE E L'INTERVENTO AVREBBE IL FINE DI SALVAGUARDARE LA RISORSA IDRICA TERMALE ANCHE IN FUTURO PENSANDO AI NOSTRI FIGLI.

giovanni ha detto...

Questione termale:

Come si fa a non dare importanza al fatto che se piove un litro di acqua non puoi prelevarne un litro e mezzo. Ciò determina uno sfruttamento non sostenibile a scapito, come a detto l’anonimo delle 10,53, delle future generazioni che non potranno usufruire della risorsa così come stiamo facendo noi. Se lo sfruttamento non è sostenibile ha avuto senso l’intervento della Regione spendendo milioni di soldi pubblici ? Che esiste un abbassamento della falda termale è provato e certificato.

Anonimo ha detto...

Chianciano Terme, nuovo defibrillatore presso la palestra del polo scolastico di via Dante

Grazie al progetto "Chianciano Terme città Cardioprotetta" promosso da Croce Verde
A Chianciano Terme già presenti cinque defibrillatori installati in aree pubbliche

Un gesto di grande generosità consentirà di avere a disposizione un altro preziosissimo strumento salvavita all'interno di una struttura pubblica. Sulla scia del progetto "Chianciano Terme città Cardioprotetta", promosso da Croce Verde, condiviso e sostenuto dall'Amministrazione Comunale e da Banca Cras, grazie al quale all'interno della cittadina termale sono da pochi mesi installati in area pubblica cinque defibrillatori, una coppia di concittadini chiancianesi ha donato un nuovo DAE (Defibrillatore Automatico Esterno) che sarà installato presso la palestra del polo scolastico di Via Dante, dove, oltre all'attività scolastica, nelle ore pomeridiane e serali viene svolta regolare attività sportiva con la scuola calcio, volley, taekwondo e tennis-tavolo.

"Ringraziamo i concittadini Carla Conti e Dino Casagni, che con questo splendido gesto oltre a generosità hanno mostrato un grande senso civico e di solidarietà - afferma l'assessore Damiano Rocchi che si è occupato del progetto - comunico che come fatto per il defibrillatore di proprietà delle società sportive messo a servizio dell'area sportiva 'Castagnolo', l'A.C. si occuperà di fornitura ed installazione dell'armadietto climatizzato per l'alloggiamento del DAE, ma soprattutto ricordo quanto rivesta importanza sul tema sia la sensibilizzazione dei cittadini, delle categorie economiche e della società civile di Chianciano Terme, sia la partecipazione a corsi di formazione per soccorritori laici sull'uso di un defibrillatore semiautomatico".

Centritalianews.com ha detto...

Chianciano: Barbetti ,presidente Federalberghi, “la stazione per l’ alta velocità a Chiusi spalancherebbe per il nostro territorio mercati come Napoli, Milano o Venezia”

Archiviato il 2015 il Presidente della Federalbergji di Chianciano Terme Daniele Barbetti indica, in una intervista, quali potrebbero essere i canali sui quali impostare la strategia per il rilancio della cittadina termale.

D. Presidente Daniele Barbetti, chiuso con segnali di ripresa il 2015, lei ha avuto modo di sottolineare che la sinergia auspicata dagli albergatori sta dando i suoi frutti. L’iniziativa del paese di babbo Natale ha funzionato: hotels pieni, ristoranti e bar soddisfatti, tariffe alte e Capodanno col botto. Per il 2016, dunque la strada è tracciata?

R.L’obiettivo minimo di qualunque strada che decideremo di percorrere deve condurci il più rapidamente possibile a ritornare ad un milione di pernottamenti. Dovremo essere bravi a saper unire a questo obbiettivo una politica dei prezzi adeguata, che permetta una remunerazione per le imprese, poiché senza marginalità non possono essere attivati nuovi investimenti sulle strutture ricettive. E se vogliamo mantenerci competitivi dobbiamo immaginare di creare le condizioni per gli investimenti in tutto il sistema dell’accoglienza, quindi strutture ricettive-terme-decoro urbano e strutture commerciali”.

D.Polemica sui dati turistici: il Pd ha criticato i dati turistici relative alle presenze su Chianciano Terme, addebitandoli alla presenza dei profughi negli hotels, contati al pari di turisti. Cosa ne pensa?

R.” Non è mai stata abitudine dell’Associazione Albergatori entrare nel merito della dialettica politica e non ho intenzione di cambiare questa sana tradizione. Sul merito della questione mi limito ad una osservazione di buon senso, e cioè che l’Osservatorio Turistico Provinciale può facilmente chiarire la questione ,se interpellato, così da permetterci di poter affrontare il tema con la serietà che merita”.

D.Continua la discesa dei prezzi degli hotels all’asta (le aste sono in aumento del 25 per cento a livello nazionale) e il problema degli alberghi chiusi è centrale nel piano strutturale. In che direzione stanno andando le normative comunali? L’associazione albergatori che cosa ha proposto al Comune per risolvere questa problematica?

R.”Il problema dei valori immobiliari è drammatico, anche perché oramai è evidente che non c’è più alcuna correlazione tra rendita catastale attribuita all’immobile e il reale valore immobiliare sul mercato. Il peso fiscale dell’IMU su questi immobili che hanno una natura sostanzialmente strumentale è diventato insostenibile, poiché con la sua introduzione da parte del Governo Monti è stato incrementato in maniera arbitraria il moltiplicatore da applicarsi alla rendita per la determinazione dell’imposta, così che adesso abbiamo il risultato paradossale di un moltiplicatore maggiorato su una rendita reale inesistente.Non possiamo illuderci che esista una via facile e semplice per risolvere un problema così complesso come quello degli immobili dismessi a Chianciano Terme. Da tempo abbiamo instaurato un approfondito confronto sia con le varie amministrazioni comunali che con i tecnici incaricati per la redazione del piano strutturale e del piano operativo, sul tema della rigenerazione urbana. In particolare riteniamo che il problema potrebbe trovare una sua possibile soluzione nel medio-lungo periodo se venisse avviato dalla regione toscana un progetto sperimentale pilota di perequazione urbanistica su scala regionale. Ma questo è un orizzonte tutto da esplorare ancora, e gli strumenti disponibili su scala locale purtroppo possono creare le condizioni per attenuare il problema, ma non per risolverlo”. (segue)

Centritalianews.com ha detto...

D.Mentre la Regione sembra decisa a smarcarsi da Terme Immobiliare, la Regione stessa sostiene investimenti importanti quali l’ampliamento delle Piscine Theia. Insomma come dice anche il suo presidente Bernabò Bocca, è determinante per il turismo investire nelle infrastrutture. Le Terme di Chianciano potenziano la loro offerta wellness per le famiglie alle piscine Theia, il paese di Babbo Natale era una offerta per famiglie. Il turismo termale si interseca ormai con l’offerta per bambini e nuclei familiari…un modello turistico “differente” che merita un progetto ad hoc a livello ministeriale….

R.”Io credo che il tema delle Città Termali meriti un progetto speciale a livello ministeriale. Un progetto che riguardi sia l’investimento nelle strutture che nella promozione, in particolare verso il mercato nazionale che è e resta il nostro mercato di riferimento per il turismo individuale. Chianciano Terme e le Terme di Chianciano rappresentano , pur con tutte le difficoltà esistenti, un modello di riferimento virtuoso rispetto alle altre città termali ex-eagat. La scelta di privatizzare seppure in maniera atipica , la gestione delle Terme è a tutto oggi una decisione senza la quale nè il Salone Sensoriale nè le Piscine Theia avrebbero mai trovato compimento. Sfido oggi ad immaginare un futuro per la nostra città senza queste due infrastrutture. Ma accontentarsi dei risultati fin qui raggiunti non basta, per questo auspichiamo al più presto che riprendano gli investimenti programmati, in primis con il completamente delle piscine Theia e successivamente, con un progetto di decisa riqualificazione sia del Parco Acquasanta che del Parco Fucoli. Per questo ci aspettiamo dalla Regione una risposta di una serietà adeguata all’importanza sociale ed economica che le Terme rivestono per il nostro territorio”.

D.A proposito di infrastrutture merita un discorso a parte la stazione di Chiusi, alta velocità o no e il collegamento della Stazione a Chianciano coi pullman, il che rappresenta da sempre una nota dolente.

R.”La mobilità rappresenta un fattore di competitività determinante per le destinazioni turistiche, e noi non siamo eccezione in questo. Gli autobus per Chiusi sono stati potenzianti di recente, e questa è una nota positiva. Il tema cruciale è però quello dell’accessibilità del territorio tramite collegamento al servizio Alta Velocità presso la stazione di Chiusi, che spalancherebbe per il nostro territorio mercati come Napoli, Milano o Venezia, oggi troppo distanti per generare flussi sostanziali nei weekend. Questa è una sfida che il territorio non può permettersi di perdere, poiché non riguarda solo il campanile di Chiusi, ma tutti i campanili della Valdichiana e dell’Etruria. Per alcuni aspetti è una battaglia anche contro la nostra difficoltà a fare sistema come territorio, non crede?”.

Anonimo ha detto...

Almeno come primo impatto mi pare interessante la proposta di una gestione immobiliare unica, tra Casciana, Montecatini e Chianciano. Se a questo progetto, squisitamente patrimoniale, si aggiungesse una strategia congiunta fra i tre comuni e la ASL, finalizzata a valorizzare le specificità delle singole risorse idriche, trasformando le gestioni privatistiche in presidi sanitari, si potrebbe ritornare a parlare seriamente sia di termalismo che di città termali. Fermo restando che come giustamente affermato dal Dott. Barbetti, la decisione di dare ai comuni la competenza sulla ricerca, coltivazione e captazione delle acque termali è stato un grosso errore. L'Italia è un paese strano, 20 anni fa, le regione pensava di trasferire tutto ai comuni, oggi si accorge che occorre centralizzare e cerca di avere una visione più generalizzata. Allora fummo anche noi contrari a questa scelta anche se avere ragione non serve a nulla. Speriamo che qualcuno "illuminato" riveda il tutto e la falda ritorni sotto una competenza unica, altrimenti da una parte si tutela, da un'altra si trivella per sfruttare il calore e dall'altra si spalmano i fanghi da depurazione per far "crescere" il granoturco. Alla fine trovare la verità diventa un enigma che solo i professoroni fiorentini, possono sciogliere! Antonio Falcone

Anonimo ha detto...

per Falcone e Barbetti
se i comuni non sono in grado di gestire la coltivazione, la ricerca, la disciplina delle acque minerali , di sorgente e termali non lo è neppure la Regione. Dal 1994 al 2008 (fino a giugno), le funzioni amministrative erano di spettanza della Regione. LE ATTIVITA’ TERMALI SONO DISCIPLINATE DA UN DECRETO REGIO DEL 1919.!!!!!!!! E DI ACQUA NE E’ PASSATA SOTTO I PONTI :
in cento anni le cose sono molto cambiate. ….. Enrico Rossi, lo sa, lo ha detto pubblicamente….
Forse gli occorrono altri cento anni (1919-2019)

Anonimo ha detto...

Plauso al Comune per la fornitura ed installazione degli armadietti climatizzati per l'alloggiamento dei DAE,sia per quello donato alla palestra del polo scolastico di via Dante dai concittadini Carla Conti e Dino Casagni,sia per quello della società sportiva Virtus.La sensibilizzazione dei cittadini, delle categorie economiche e delle associazioni Chiancianesi verso le iniziative volte alla crescita sociale e civica è estremamente importante per lo sviluppo e il progresso della comunità del nostro paese.Anche la associazione La Campana si è mossa in questa ottica quando ha deciso di donare un DAE alla società sportiva e si augura che altre società di cui è ricco il nostro comune sposino questi valori e si muovano nella stessa direzione.
Giovanni Fanti

Roberto Gagliardi Museo d'Arte di Chianciano ha detto...

Chianciano ha scelto giovani capaci e i risultati si cominciano a vedere

L’Italia in generale ha bisogno di rinnovamento

In Italia si ostacola a tal punto l’iniziativa privata che si mette non solo l’imprenditore, ma anche la gente in generale in condizione di non poter migliorare la propria situazione sia economica che intellettuale a causa di un sistema politico consolidato nei decenni che ha creato un mostro burocratico enorme, costoso e paralizzante. Un meccanismo che si difende con la continua creazione di nuove norme, regole, cavilli non solo inutili ma dannosi.

La creazione di nuovi posti di lavoro e lo stesso mantenimento degli occupati diventa molto difficile a causa del costo proibitivo non del salario o dello stipendio degli addetti, ma da quello dei contributi, tasse ed altri costi che vengono imposti al datore di lavoro, che sfortunatamente non vanno a beneficio del lavoratore, ma servono a mantenere lo status quo.

La sistematica distribuzione di risorse, attinte dalla tassazione diretta e indiretta ricavate dal reddito del cittadino e’ semplicemente distratta da una classe politica di poche persone valide e oneste, molte disgraziaramente, corrotte e inette. La politica dovrebbe servire la collettivita’ non essere servita e non avere enormi vantaggi economici. Il dissenso continua ad aumentare in quanto la gente non si riconosce piu’ nel politico, vede e giudica i cattivi maestri, i manipolatori e coloro che continuano ad annunciare migliorie, cambiamenti, che in effetti rimangono vane promesse.

Il bene comune viene sostituito dal bene personale che viene ottenuto grazie a ingiustizie, posizioni dominanti ottenute in modo spregiudicato. Questi privilegi danneggiano la collettivita’ in quanto coloro che hanno capacita’ e talento vengono messi in disparte ed e’ palese che cambiamenti metterebbero a rischio i mediocri, gli incapaci, a scapito di un equilibrio raggiunto grazie al compromesso.

I giovani dopo anni di studio e sacrifici si sentono emarginati, inutili. Si fanno delle domande sul loro futuro, su cio’ che lo Stato dovrebbe offrire a ragazzi che veramente potrebbero cambiare l’Italia, ma che al contrario sono totalmente isolati dal mondo del lavoro.

Gli anziani dopo decenni di lavoro, una vita di sacrifici, una vita al servizio del Paese, un Paese che hanno contribuito a creare e migliorare, trascorrono gli ultimi anni della loro vita in ristrettezze economiche a volte al limite dell’indigenza.

In Italia parte dell’establishement non ha solamente distrutto l’economia di una nazione che avrebbe potuto essere, grazie sopratutto alla genialita’ e bravura del suo popolo, un esempio per il mondo ma ha distrutto l’entusiasmo, la voglia di fare, di migliorare.

Troppi steccati creati per incompetenza, per malafede, per mantenere ingiustificati privilegi, hanno intaccato il profilo intellettuale dei giovani, scardinato il sogno di colui che vorrebbe rischiare, il pensiero degli anziani che dovrebbe ritornare indietro e gioire delle belle cose che ha vissuto negli anni, mentre invece deve pensare a cosa deve fare domani per trovare i soldi per pagare la bolletta della luce.

Roberto Gagliardi
Museo d'Arte di Chianciano

Anonimo ha detto...

Fanti i defribillatori (2!!!) l'ha pagati l'ATS...la Virtus c'entra (ma) poco...informati!

Giovanni Fanti ha detto...

Caro 12.39 La Campana ha donato un defibrillatore alla Virtus,pagandolo coi suoi soldi,c'è stato il momento della consegna ufficiale alla presidente Anna Duchini al campo sportivo il 15/11/2015, ripreso e messo in onda da una tv locale e alla presenza sulle tribune di virtussini e soci della associazione del Centro Storico. Il 23 novembre c'è stato un articolo su Centritalia News e altre testate.Siamo sul calendarietto Virtus fra gli sponsor e anche sulle maglie.Non vado oltre,ribadisco solo che ci è sembrato un bel gesto verso una associazione che da molti anni cura i nostri ragazzi ed è amata da tutti i Chiancianesi.
P.S. io non sono informato ma te sei di Chianciano? Se non basta e mi dai la tua mail e ti mando le foto della cerimonia.

066enzo ha detto...

Anonimo Anonimo ha detto...
Allora eri te con il Dronero sopra casa mia....la prossima volta gli tiro con il fucile e poi ti vengo a cerca .

16 gennaio 2016 17:26

ma per me su vuoi sai dove sto di casa;NON PROBLEMA io se non piove ci sono sabato pomeriggio basta che ti firmi perchè penso sia da codardo scrivere senza FIRMARSI
Palmieri Vincenzo

Lega Nord Siena ha detto...

Ospedale Nottola: Vescovi e Casucci (Lega Nord),”il punto nascita è salvo solo se incrementeranno i parti”

«Le dichiarazioni dell’Assessore Stefania Saccardi gettano un’ombra sul futuro del punto nascita di Nottola.» Lo dichiara il capogruppo della Lega Nord Manuel Vescovi e componente della commissione sanità. La vicenda era stata al centro di un dibattito in consiglio regionale dove aveva visto l’approvazione all’unanimità di una mozione presentata in commissione sanità e nella quale si richiedeva un impegno della Regione per il potenziamento del punto nascita di Nottola, anche per far fronte alle esigenze delle famiglie umbre dei paesi al confine con la Toscana a seguito della riorganizzazione del sistema sanitario umbro e della conseguente chiusura del punto nascita del vicino ospedale di Castiglion del Lago. «Limitandosi al semplice monitoraggio e precisando che possa essere un’eventualità, la risposta dell’Assessore non da alcuna certezza sul futuro del punto nascita di Nottola e anzi – aggiunge Vescovi – evidenzia un dato ancor più preoccupante rappresentato dal totale di nascite, che anche nel 2015 è lontano dagli standard richiesti dal Ministero. Il picco massimo di nascite è stato fatto registrare nel 2011 con 673 nascite, contro le 630 dello scorso anno a fronte di una richiesta del Ministero di 1000 parti. Forse i democratici ed i grillini pensano di risolvere la bassa natalità introducendo la possibilità dell’utero in affitto per le coppie omosessuali? Le linee guida scaturite nel 2010 dalla Conferenza Stato Regioni hanno fissato in almeno 1000 il numero di parti minimo per giustificare il mantenimento dei punti nascita”. Per il consigliere regionale della Lega Marco Casucci (nella foto)“siamo preoccupati per il futuro di questa importante realtà perché purtroppo i dati evidenziano che siamo lontani dai numeri necessari per garantire il mantenimento del punto nascita, nonostante il Patto Territoriale del 2012 avesse previsto un programma che avrebbe dovuto incrementare sensibilmente il numero delle nascite. Presenteremo un’interrogazione urgente per chiedere all’Assessore Saccardi quali siano stati i risultati conseguiti dal Patto Territoriale del 2012 ed in contemporanea stiamo lavorando ad una proposta di legge che vada nella direzione di incentivare la natalità delle famiglie italiane attraverso bonus specifici.»

Comune di Chianciano Terme ha detto...

Convocazione Consiglio Comunale

Convocazione Consiglio Comunale per giovedì 28 gennaio 2016 – ore 21,00 - prima convocazione – sala consiliare.


Nel giorno e nell’orario indicato in oggetto è convocato il Consiglio Comunale per discutere il seguente

Ordine del Giorno


1. Approvazione verbali della seduta del 29 dicembre 2015;

2. Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale – Approvazione;

3. Regolamento per l’assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (E.R.P.) - Approvazione;

4. Centro Polisportivo Comunale – Presentazione intervento ai sensi del comma 19 ex art. 153 del D.lgs. n. 163/2006 – Dichiarazione di pubblica utilità;

5. Variante al P.R.G. relativa all’ area Parco Fucoli – Art. 83 Norme Tecniche di Attuazione ai sensi dell’art. 238 comma 2 L.R. n. 65/14. – Approvazione art. 19 L.R. 65/2014;.

6. Mozione del Gruppo Consiliare Chianciano Riparte su regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani;

7. Ordine del giorno: “Preoccupazioni per le fusioni obbligatorie dei Comuni” (presentata dal Sindaco).


Il Sindaco
Andrea Marchetti

Regione Toscana ha detto...

Regione Toscana
In vendita gli immobili Asl inutilizzati


Il valore del patrimonio di proprietà delle Aziende sanitarie che la Regione intende vendere ha un importo complessivo che sfiora 560 milioni di euro

Sette immobili quasi tutti a Firenze per un totale di circa 150 milioni di euro, più ingente il valore del patrimonio di proprietà delle Aziende sanitarie, il cui importo complessivo sfiora i 560 milioni di euro, è questo l’ammontare delle strutture che la Regione Toscana intende vendere.
L'annuncio arriva al termine della riunione della giunta dal presidente Enrico Rossi, che spiega in questo modo la ricognizione richiesta agli uffici regionali sul vasto patrimonio immobiliare di cui le Aziende sanitarie e la Regione stessa dispongono in ogni provincia della Toscana.
Per quanto riguarda la Valdichiana senese le strutture che verrebbero vendute sono gli immobili della ex Asl 7 di Siena: l'ex ospedale di Chianciano Terme con il relativo terreno e il complesso dell'ex presidio ospedaliero di Torrita di Siena.
Invece per la Valdichiana aretina in vendita andrebbe l'ex RSA di Castiglion Fiorentino e l'ex ospedale psichiatrico di viale Cittadini ad e il centro diurno disabili villa Chianini in via Masaccio ad Arezzo.
"E' nostra intenzione procedere ad una chiamata per verificare se c'è interesse ad acquistare l'ampio patrimonio immobiliare inutilizzato di cui disponiamo. Stiamo parlando di un valore di 500 milioni di euro per la parte sanitaria e di 150 milioni per quella di proprietà della Regione. Non ci guida l'esigenza di ripianare un bilancio che è in pareggio, ma il buon senso del buon padre di famiglia che decide di alienare i beni inutilizzati e in qualche caso degradati. Utilizzeremo l'eventuale ricavato per investire nella sanità, nell'assetto idrogeologico, in opere pubbliche, in cultura".
"Non sarà facile – ha aggiunto il presidente – alienare tutto questo patrimonio, ma iniziamo un percorso che ci consentirà di raggiungere due obiettivi: aumentare gli investimenti e far si che questo patrimonio non vada perduto e non si deteriori come in alcuni casi è già accaduto".

Asl 7 Siena ha detto...

Asl 7 Siena

“Gli immobili ex ospedale di Chianciano Terme e presidio di Torrita di Siena, di proprietà della ex Usl7 di Siena, sono attualmente le sedi dei rispettivi distretti socio sanitari e, nello specifico Torrita, anche sede zonale del Dipartimento di Prevenzione. La valutazione aziendale presa di mantenere questi servizi negli immobili suddetti, è suffragata dal fatto che non esistono altre sedi disponibili per un eventuale trasferimento degli stessi. Da qui la decisione di non alienare i due immobili, decisione che sarà oggetto di condivisione con gli organi regionali”.

Luca ha detto...

Adesso che anche la seconda edizione del Paese di Babbo Natale è andata in archivio siamo ritornati nel deserto più completo.

Qualcuno sa quali sono state le presenze per l'edizione 2015?
Si parlava di un obbiettivo di 30.000 persone, è stato raggiunto? E' stato superato?

Anonimo ha detto...

Ma la preoccupazione è quella di perdere la poltrona?
Magari si arrivasse alla fusione obbligatoria dei comuni. meno poltrone, meno sprechi!!!!!

Anonimo ha detto...

Personalmente, penso che anche qui si sia perso di vista il "problema" Centro Storico. Non è solo l'amministrazione che si dimentica di noi .... forse lo sono in primis i chiancianesi. Non è vero che ci vorrebbero chissà quali grandi investimenti per renderlo attrattivo ai turisti, soprattutto coppie che vengono per le sensoriali e gli stranieri. Basterebbe un minimo di arredo che abbia un senso e non delle giungle selvagge, un ordine e pulizia....a tanta gente piace molto di più che la parte nuova per il semplice fatto che chi vive in città si ritrova in un mondo diverso. Poi che a parte dei bellissimi scorci non ci sia un'attrattiva commerciale purtroppo è vero. Non è vero che molti residenti vogliono andar via, ci sono molte coppie giovani che da qui non si sposterebbero mai. Qui viviamo veramente in una situazione paesana nel senso buono del termine. I rapporti umani non sono certo come quelli di un condominio. Qui ci conosciamo più o meno tutti. Stranieri hanno comprato o affittato case. Basta piangersi addosso io trovo che qui ci siano delle grandi potenzialità...ma io chi sono..
NESSUNO